La petroliera Adrian Darya 1 è destinata in Siria

La petroliera Adrian Darya 1 è destinata in Siria 2

Continua la storia infinita della petroliera Adrian Darya 1, che dopo essere stata sequestrata, è stata recentemente rilasciata a Gibilterra ed ora prosegue alla volta della Siria.

Il 4 luglio, le autorità di Gibilterra hanno sequestrato la petroliera iraniana Grace 1. Battente bandiera panamense, la Grace 1 era sospettata che stesse consegnando petrolio iraniano in Siria in violazione del regime di sanzioni imposto dagli Stati Uniti. Conseguentemente, l‘Iran si è ripetutamente opposto alla detenzione e l’ha definita un atto di pirateria.

Dopo varie diatribe legali il 15 agosto Gibilterra ha liberato la nave iraniana ed essa poté lasciare lasciò le acque dello stretto. L’Organizzazione dei porti e delle spedizioni dell’Iran ha riferito che la nave cisterna ha successivamente cambiato il suo nome da Grace 1 a Adrian Darya 1 e che sarebbe andata  in uno dei porti del Mediterraneo.

Shiptracker.live, un localizzatore di navi online, ha indicato in un primo tempo il porto turco di Iskenderun come il porto di destinazione della nave. Fino al 29 agosto, la nave cisterna si spostava ad est nelle acque del Mar Mediterraneo verso la costa turca. Ma giovedì pomeriggio, la nave, trovandosi in acque internazionali tra la Turchia e Cipro, ha girato a ovest e, dopo aver percorso circa 200 km, è andata a sud e ha iniziato a girare a sud-est.

A questo punto il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu ha dichiarato a Oslo che la petroliera iraniana si sta dirigendo verso il Libano e non verso i porti turchi.
Asua volta, il Libano si è affrettato a negare che la nave cisterna dirigesse verso uno dei suoi porti : il ministro libanese dell’Energia e delle risorse idriche Neda al-Bustani ha dichiarato che la parte libanese non ha ricevuto alcuna richiesta da nessuna nave cisterna straniera di fare scalo nei porti marittimi di Beirut o Tripoli ed ha aggiunto che il Ministero dell’Energia non compra petrolio greggio all’estero dal momento che il Libano non ha raffinerie.

La versione più plausibile sulla destinazione della Adrian Darya 1 probabilmente è fornita dal quotidiano Daily Star secondo la quale la destinazione più probabile della petroliera iraniana è il porto siriano di Banias, che si trova a 200 km da Iskenderun. Questa città ha una raffineria di petrolio. Secondo la pubblicazione, la nave si trova probabilmente al largo delle coste della Siria e trasferirà il suo petrolio su diverse navi cisterna più piccole che provvederanno consegna al porto siriano.

Sabato, il segretario di Stato americano Michael Pompeo ha scritto sul suo account Twitter che:

“Il ministro degli Esteri Zarif ha assicurato al Regno Unito che la petroliera del Corpo della Guardia rivoluzionaria islamica Adrian Darya 1 non andrà in Siria. Abbiamo informazioni credibili che l’autocisterna si sta dirigendo verso Tartus, in Siria. Spero che cambi rotta. È stato un grosso errore fidarsi di Zarif. “

A sua volta, il ministro degli Esteri iraniano Mohammad Javad Zarif ha dichiarato:

“Venderemo petrolio a qualsiasi acquirente. I grugniti del segretario di Stato americano Michael Pompeo non saranno in grado di fermare l’Iran in questa direzione. Washington sta attualmente minacciando Teheran non permettendole di vendere petrolio agli acquirenti tradizionali “.

Allo stesso tempo, gli Stati Uniti hanno aggiunto sia la nave cisterna Adrian Darya 1 che il capitano  della nave nave – il cittadino indiano Achilesh Kumar – ai propri elenchi di sanzioni. Il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha dichiarato che la petroliera trasporta 2,1 milioni di barili di petrolio iraniano, “dei cui proventi delle vendite beneficiano le forze speciali di Al-Quds del Corpo della Guardia rivoluzionaria islamica. Le sanzioni sono state imposte come parte di un decreto esecutivo volto a combattere il terrorismo e coloro che sostengono il terrorismo o le attività terroristiche. Navi come Adrian Darya 1 consentono alle forze dell’IRGC al-Quds di trasportare grandi quantità di petrolio, che stanno cercando di nascondere e vendere illegalmente per finanziare le attività ostili del regime e promuovere il terrorismo. Chiunque supporti Adrian Daria 1 corre il rischio di essere sanzionato. “

L’arrivo di una nave cisterna in Siria contribuirà ad alleviare la crisi del carburante nel paese: sebbene, in generale, la situazione nel paese sia migliorata rispetto alla primavera, le autorità hanno trovato modi di consegne via terra sia attraverso il confine iracheno che di acquisti attraverso il Libano, ma al momento le navi cisterna – erano e rimangono il modo più efficace per fornire carburante alla Siria.

È vero, c’è una sfumatura.

Sebbene la pratica globale preveda la fornitura, prima di tutto, di petrolio greggio, gli uomini d’affari siriani chiedono la fornitura di prodotti petroliferi finiti, in particolare benzina e gasolio. Naturalmente, il prezzo della benzina trasformerà l’oro, ma il problema è che le raffinerie siriane non sono in grado di far fronte al volume di petrolio che deve essere raffinato. Altrimenti, la vendita di petrolio greggio, che Stroytransgaz produce vicino a Palmyra [OAO Stroytransgaz è una società di russa che opera nel settore dell’industria petrolifera e del gas. La società è stata fondata nel 1990. Originariamente era una consociata di Gazprom]   sarebbe stato effettuato da lungo tempo – ma la maggior parte delle infrastrutture della regione petrolifera e del gas è stata distrutta e non è stata possibile ripristinarla dall’oggi al domani.

Quindi per l’Iran, la situazione con la petroliera è anche vantaggiosa: le autorità della repubblica islamica mostrano che non si preoccupano dell’opinione della comunità mondiale, così non temono le conseguenze della  loro perseveranza nell’aiutare fraternamente il popolo siriano. L’arrivo del petrolio nel porto siriano di Banjas   è una  piccola vittoria politica. Innanzitutto, agli occhi della popolazione siriana e iraniana.  Naturalmente è comunque certo che il greggio siriano recherà un reale beneficio nell’eludere le sanzioni e violare la volontà dell’egemonia deGli USA.

https://zen.yandex.ru/media/rybar/tanker-shredingera-5d6b92bffc69ab00aeeb8569

Domenica sera, la nave cisterna Adrian Darya 1 si trovava a 90 chilometri dalla costa siriana, in direzione del canale di Suez.

Qui la situazione ha due soluzioni:

1. L’Iran non si accontenterà della vittoria locale già raggiunta sulla Gran Bretagna, ed è riuscita a far liberare la petroliera e spedirla  a Banias per mostrare la foglia di fico a Washington.
2. L’Iran sarà soddisfatto della vittoria locale sulla Gran Bretagna e questa volta – alla luce della visita del ministro degli Esteri iraniano Zarif in Francia  – non aumenterà la posta, e forse accetterà negoziati tra Trump e Rouhan.

 

Source link

Exit mobile version