La nuova base russa di Qamishli (Siria) rappresenta un elemento di equilibrio nella regione

Secondo un articolo pubblicato il 16 novembre su Arab News – un quotidiano in lingua inglese pubblicato in Arabia Saudita (il cui pubblico di riferimento sono in genere uomini d’affari, dirigenti e diplomatici) –  la recente installazione di una base russa a Qamishli (Siria) indica che la Russia intende restare in Siria per aumentare la sua influenza in zona. Tuttavia la presenza dell’esercito russo non può essere inteso come una prova muscolare nei confronti degli Stati Uniti bensì di equilibrio, di deterrenza e di pacificazione. Infatti è plausibile che ci sia stato un accordo tra Putin ed Erdogan affinché quella zona resti al di fuori delle rivendicazioni turche e passi direttamente sotto responsabilità siriana (cui la Russia si fa garante nei confronti di Ankara).

@vietato parlare

La nuova base della Russia a Qamishli è un messaggio. Ma per chi?

ANKARA: Il significato strategico della nuova base russa nella città nord-orientale di Qamishli in Siria non è ancora chiaro. Come è la domanda se sia inteso come un messaggio da Mosca ad Ankara.

La Russia ha già basi in Crimea, Armenia, Tartus e Khmeimim. Questa nuova base – in un’area popolata da curdi sul fianco meridionale della Turchia – significa che la Russia ha ora un anello di basi attorno alla Turchia.

Oytun Orhan, coordinatore degli studi sulla Siria presso il think tank ORSAM con sede ad Ankara, ha affermato che la mossa della Russia è significativa sia per Ankara che per Washington, essa avviene meno di un mese dopo il brusco ritiro delle forze statunitensi da alcune parti della Siria.

La base di Qamishli era stata precedentemente utilizzata dalle truppe americane fino al mese scorso, quando la Turchia ha lanciato la sua incursione di due settimane nel nord della Siria.

“Con questa nuova base, la Russia fa un passo avanti verso il fianco orientale della Siria. La zona in cui si trova Qamishli è molto strategica in termini geografici “, ha detto Orhan, spiegando che è vicino ai giacimenti di petrolio e gas e alla principale via di transito tra Iraq e Siria.

La Russia ha recentemente definito la mossa dell’America per proteggere i giacimenti petroliferi siriani “banditismo” e il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha dichiarato che le forze siriane devono riprendere il controllo dei giacimenti petroliferi del paese.

Secondo quanto riferito, la Russia utilizzerà la nuova base, situata all’interno di un aeroporto civile, per ospitare elicotteri militari. La difesa sarà fornita da sistemi missilistici terra-aria, elicotteri e artiglieria. Sarà utile anche come base logistica per far muovere e proteggere il personale di polizia militare che lavora al confine tra Turchia e Siria.

Secondo Orhan, la Russia la base di Qamishli rappresenta una dichiarazione di intenti che colmerà il vuoto di potere creato dal ritiro delle forze statunitensi e consoliderà la sua presenza sul fianco orientale. “E sarà un messaggio dato a Turchia e Stati Uniti, mediante il controllo dello spazio aereo nella regione”.

Ci sono due modi per Ankara di vedere l’ultima mossa della Russia: come una minaccia al suo dominio regionale o come un vantaggio per i suoi tentativi di estromettere la milizia curda dell’YPG, che la Turchia considera un gruppo terroristico.

Se la mossa di Mosca finisce per proteggere l’YPG, intenzionalmente o meno, allora inevitabilmente irriterà Ankara.

“Questa mossa (significa) che Qamishli non è un obiettivo legittimo per Ankara, e questo potrebbe essere un problema per la Turchia”, ha detto Orhan. “D’altra parte, fintanto che il governo siriano e la Russia sono presenti in questa località, potrebbe anche essere un’opportunità per indebolire YPG. Tutto dipende dalle preferenze di Mosca. ”

Navvar Saban, analista militare dell’Omran Center for Strategic Studies di Istanbul, ha affermato che se la mossa è intesa semplicemente come una prova di forza da parte di Mosca, il pubblico previsto non è Washington.

“Questa base non può essere letta come una sfida per gli Stati Uniti”, ha detto ad Arab News. Infatti “gli americani non hanno alcuna intenzione di schierare le loro forze nelle città. Le loro basi sono sempre situate nei sobborghi. I russi che hanno un equipaggiamento militare in quella zona sufficiente ad impensierirli, non causeranno loro alcun problema. ”

Secondo Saban, la base sarà probabilmente utilizzata per facilitare le pattuglie congiunte russo-turche nell’area, iniziate nel nord-est della Siria il 1 novembre.

“Nonostante alcune affermazioni, non credo che questo che alla Russia interessi il pieno controllo dell’area, perché i russi non ne hanno bisogno, ha detto Saban. “È ovvio che quest’area è gestita da specifici accordi internazionali e non riguarda il potere di alcuni paesi”.

Analizzando la mossa da una prospettiva russa, il Dr. Kerim Has, un analista con sede a Mosca delle relazioni russo-turche, ha affermato di ritenere che la decisione di Mosca di istituire una base di elicotteri a Qamishli sembra avere obiettivi a lungo termine in termini di influenza della Russia nella Regione.

“In primo luogo, la base di Qamishli significherà molto probabilmente che ci sarà una seconda base aerea russa permanente in Siria nel prossimo futuro, poiché la città ha una posizione strategicamente importante così vicino a Turchia e Iraq. La Russia può trarre vantaggio dall’osservare non solo lo spazio aereo siriano ma turco e iracheno “, ha detto ad Arab News.

Ha anche notato che i militari russi hanno iniziato a operare fuori da Hmeimim nel 2015, mentre l’accordo con Damasco per utilizzare l’aeroporto di Hmeimim come base militare permanente è arrivato circa 18 mesi dopo. Si prevede che una situazione analoga accadrà per Qamishli.

Secondo Has, l’acquisizione da parte della Russia della base potrebbe anche rispecchiare il suo crescente impegno nella questione curda.

“Non è un caso che Qamishli sia stato escluso dalle aree di pattuglie terrestri turco-russe congiunte lungo il confine tra Siria e Turchia nell’accordo di Sochi tra i presidenti Erdogan e Putin”, ha detto. “Un’emergente base aerea russa a Qamishli mirerebbe sicuramente e soprattutto a prevenire un possibile scontro militare non solo tra le forze turche e YPG, ma anche tra quelle turche e siriane”.

Parlando ai giornalisti in Brasile dopo il vertice BRICS di giovedì, Putin ha sottolineato l’interesse della Russia per risolvere i problemi nella provincia siriana di Idlib, nonché lungo la sponda orientale dell’Eufrate e nella zona sud-orientale di Al-Tanf.

Arab News

link source:https://www.arabnews.com/%20Node%20/%201584731%20/%20Medio%20Oriente