La Nato entra di nuovo nel conflitto libico, a fianco dei Fratelli musulmani

La NATO ha dichiarato apertamente il sostegno al governo dei terroristi dell’organizzazione dei Fratelli Musulmani lo riferisce il 15 maggio 2020 il quotidiano  Greek City Times. La notizia è riportata anche da altre pubblicazioni (vedi qui, qui quiqui , qui,qui).  Il titolo originale dell’articolo di Greek City Times è “NATO head announces support for Libya’s Muslim Brotherhood who aim to steal Greece’s maritime space”.
Riporto il testo dell’articolo qui di seguito, tradotto in italiano:

[su_divider divider_color=”#2d0dc8″]

Il capo della NATO annuncia il sostegno ai Fratelli musulmani della Libia che mirano a rubare lo spazio marittimo della Grecia

La NATO è pronta a sostenere il governo dei Fratelli Musulmani in Libia guidato da Fayez al-Sarraj, ha detto giovedì il capo della NATO Jens Stoltenberg in un’intervista al quotidiano italiano La Repubblica [del 13 maggio].

“In Libia esiste un embargo sulle armi che deve essere rispettato da tutte le parti“, ha affermato Stoltenberg. “Tuttavia, ciò non significa mettere sullo stesso piano le forze guidate da Haftar e dal governo di Fayez al-Sarraj, l’unico riconosciuto dalle Nazioni Unite.”

Per questo motivo, la NATO è pronta a dare il suo sostegno al governo di Tripoli”, ha detto.

Il governo dei Fratelli Musulmani di Accordo Nazionale (GNA) è stato fondato nel 2015 con un accordo politico guidato dalle Nazioni Unite e aveva un mandato di due anni, che è scaduto nel 2017.

Sarraj, che ha il sostegno diretto della Turchia e il sostegno di molte organizzazioni jihadiste in Libia, è stato [ nuovamente] attaccato dall’esercito nazionale libico guidato dal maresciallo di campo Khalifa Belqasim Haftar da aprile 2019.

carta

Haftar, un filo-ellenista, ha il sostegno di molti attori internazionali come Egitto, Emirati Arabi Uniti, Arabia Saudita, Grecia e Francia, nonché l’organizzazione paramilitare del Gruppo Wagner in Russia.

Da allora ha liberato la maggior parte della popolazione dal dominio dei Fratelli Musulmani, nonostante il fatto che la Turchia abbia inviato migliaia di terroristi siriani, compresi ex combattenti dell’ISIS, in Libia per difendere il governo dei Fratelli Musulmani.

Lindsey Snell, una giornalista americana (che è stata rapita dall’organizzazione terroristica Al-Nusra sostenuta dalla Turchia in Siria ma è fuggita in Turchia per essere arrestata dai soldati turchi, poco dopo aver attraversato il confine e incarcerata per due mesi con l’accusa di essere un agente della CIA), ha creato un nuovo video in cui racconta “attraverso interviste le esperienze dei siriani che sono andati in Libia”.

lybia 1

Il video offre clip di terroristi siriani che stanno combattendo in Libia contro l’esercito nazionale libico con la promessa che sarebbero stati pagati $ 2000- $ 2500 dalla Turchia (qui il  VIDEO ).

Tuttavia, l’ammissione più sorprendente è quella di  un terrorista in cui in un video da vedere  dice “Abbiamo Turchia, Qatar e Stati Uniti con noi. Siamo la NATO , quindi ogni paese è con noi “.

La Libia prima che fosse distrutta dalla NATO nel 2011 era il paese più prospero di tutta l’Africa e il suo leader di lunga data Muammar Gheddafi stava intraprendendo progetti per liberare il continente dall’egemonia occidentale e dal neo-colonialismo.

lybia 9

Ora, proprio mentre la Libia è sul punto di liberarsi ancora una volta per tutte dall’egemonia occidentale e turca, Stoltenberg sta ancora una volta confermando le intenzioni della NATO che la manterrà debole e frammentata.

Resta da vedere come l’intera NATO reagirà all’annuncio di Stoltenberg considerando che gli stati membri Francia e Grecia si oppongono con veemenza a Sarraj. Turchia e Italia stanno assumendo un ruolo di primo piano nella difesa dei Fratelli Musulmani in Libia.

Tuttavia, poiché l’economia turca continua a schiantarsi, con la lira che ha recentemente raggiunto il suo punto più basso rispetto al dollaro USA e tre grandi banche ad alto rischio di collasso , è improbabile che possa continuare a sostenere i Fratelli Musulmani in Libia per molto più tempo.

Proprio come la NATO ha sostenuto le forze jihadiste e terroristiche in Siria, ora sta supportando le forze jihadiste e terroristiche in Libia che annunciano apertamente e felicemente “siamo la NATO”.

Ma ricordiamo ai nostri lettori che il GNA e la Turchia hanno anche firmato un accordo marittimo per cui viene spartito lo spazio marittimo della Grecia tra di loro.
In modo così efficacemente chiaro, Stoltenberg ha annunciato che la NATO sostiene un governo dei Fratelli musulmani che ha firmato un accordo con la Turchia per sottrarre lo spazio marittimo di un altro membro della NATO.

Secondo la Carta delle Nazioni Unite sulla Carta del Mare, è così che lo spazio marittimo del Mediterraneo orientale dovrebbe essere diviso. Non sorprende che la Turchia sia solo uno dei 15 paesi in tutto il mondo a non firmare la Carta delle Nazioni Unite.

Detto ancor più apertamente, perché la NATO sta cospirando con i Fratelli Musulmani contro la Grecia?

[su_divider divider_color=”#2d0dc8″]

fonte:https://greekcitytimes.com/2020/05/15/nato-head-announces-support-for-libyas-muslim-brotherhood-who-aim-to-steal-greeces-maritime-space/

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.