Deir Ezzor: la prima messa nella chiesa ortodossa siriaca

chiesa Santa Maria Vergine- Deir Ezzor - Ayham Al Mohammad / AFP Photo

La chiesa ortodossa siriaca di Chiesa di Maria Vergine nella città di Deir al-Zour in Siria orientale è stata riaperta dopo lunghi anni di interruzione. Seppure  vuota delle icone sradicate dall’ISIS e con i segni evidenti della guerra con pietre, strisce di filo metallico, carte e resti di missili erano sparpagliati sul pavimento gli organizzatori hanno messo un tavolino invece dell’altare danneggiato e lo hanno coperto con un drappo bianco, inoltre hanno sostituito i sedili di legno con sedie verdi di plastica.

La Messa – la prima dopo la liberazione di Deir Ezzor –  è stata celebrata il 4 febbraio dal Patriarca  Ignazio Efrem II, capo della Chiesa siriaca ortodossa di Antiochia e in presenza di circa due dozzine di cristiani che sono tornati in città. Alla cerimonia hanno anche presenziato  religiosi musulmani.

Ai primi di novembre, l’intera città di Deir al – Zour  è stata liberata dopo la cacciata della organizzazione «Daesh» da quartieri orientali , che la controllava dal 2014.

La Messa non si celebrava più dall’ estate del 2012, anno in cui le fazioni dell’ opposizione e dei ribelli islamici hanno preso il controllo dia gran parte provincia e della  città di Deir al-Zour, prima del subentro dell’ISIS.

Il Patriarca Ignazio Efrem II durante la preghiera ha detto  “pregare di nuovo per Cristo” nella chiesa semi-distrutta “è per i nostri cuori una sensazione  indescrivibile, ed è un messaggio di speranza  per la gente della città per tornare e ricostruire”.

I cristiani a Deir Ezzor prima del conflitto del 2011 erano tremila e la speranza è che lentamente, tornino.

Shadi Touma, 31 anni, cristiano, ha scelto di rimanere in città nonostante i combattimenti negli anni passati e nonostante il costante pericolo e i quartieri  divisi  tra quelli  controllati dai jihadisti e altri che erano sempre rimasti sotto il controllo delle forze governative.

Touma ha detto ad AFP che “le difficili condizioni vissute da Deir al – Zour subite dalle famiglie cristiane hanno ci hanno indotto a lasciare Deir al – Zour, ma è stato forte dentro di me il desiderio di rimanere in questa città“, sottolineando che “la convivenza sarà ancora possibile a Deir al – Zour, e che il cristianesimo esisterà ancora”.

Gli effetti delle battaglie sono ancora visibili nella città di Deir al-Zour, le case e gli edifici distrutti e le forniture elettriche sono intermittenti e l’acqua non potabile.

Tuttavia, un altro cristiano Sally Kassar (40 anni) ha detto ad AFP che “la preghiera per me è come una nuova vita” e gli ha concesso  “ la volontà di tornare a Deir al – Zour e accettare di assumere le difficili condizioni  presenti e partecipare alla ricostruzione” .

fonti : AFP, the national.ae, alaraby.co.uk, jordantimes.com, ndtv.com

 

 

Exit mobile version