La menzogna, figlia dell’ineducazione, arriva fino al rapimento dei bambini – La mobilitazione di alcuni parlamentari

«C’è un plagio operato dalla mentalità dominante; un plagio che innesta la sua menzogna sull’ineducazione, e quest’ultima tanto più si dilata quanto più retrocede l’influsso della Chiesa. Ciò coincide con l’assenza di ragioni, con l’oscurarsi della coscienza, con la sua restrizione. Su questa restrizione poi la società sviluppa il suo potere … L’interesse del potere è duplice: prima di tutto, distruggendo questa primordiale unità-compagnia dell’uomo che è la famiglia, il potere riesce ad avere davanti a sé un uomo isolato: l’uomo solo è senza forza, è privo del senso del destino, privo del senso della sua ultima responsabilità: e si piega facilmente al dettato delle convenienze … Così l’uomo resta un pezzo di materia, un cittadino anonimo.

La famiglia è attaccata per far sì che l’uomo sia più solo, e non abbia tradizioni in modo che non veicoli responsabilmente qualcosa che possa esser scomodo per il potere o che non nasca dal potere. La seconda ragione, più profonda, è questa: che distruggendo la famiglia si attacca l’ultimo e più forte baluardo che resiste naturalmente alla concezione culturale che il potere introduce, di cui il potere è funzione: vale a dire, intendere la realtà atomisticamente, materialisticamente, una realtà in cui il bene sia l’istinto o il piacere, o meglio ancora il calcolo» (don Luigi Giussani)

I settori in cui questo avviene è ampio: i media, la scuola, le direttive che arrivano da ‘gruppi di lavoro europei in cui è pressante una attività lobbistica di pochi ma potenti potentati ideologici, le direttive dell’Onu  ed infine, anche lo stato italiano con le sue istituzioni territoriali:

In proposito sull’ultimo inaudito fatto di cronaca che ha visto sottrarre minori a coppie ( con stratagemmi criminali), per essere affidate a coppie Lgbt, leggo da Fatti Sentire;

La Verità del 4 luglio segnala un caso in cui sembra lampante il collegamento tra i diversi attori che hanno operato per distruggere la famiglia: 
proprio come sostenuto in Parlamento dal Senatore Balboni (FdI), dall’On. Bignami (FI) e dalla Lega al Comune di Modena.

Emergono fatti sempre più inquietanti attorno al sistema di potere che ha promosso il rapimento di bambini da parte dei Servizi Sociali, per consegnarli agli orchi LGBT, grazie alla protezione di alcune amministrazioni comunali: ad esempio quello segnalato dal quotidiano La Verità, nella fotografia qui accanto.

Ma il silenzio di gran parte dei mass-media è quasi omertoso.
Tuttavia, il centro-destra unito è mobilitato in difesa di mamme, papà e bambini:
– al Senato: il Sen. ferrarese Alberto Balboni di Fratelli d’Italia;
– alla Camera: l’On. bolognese Galeazzo Bignami di Forza Italia;
– nei Comuni: la consigliere modenese Luigia Santoro e il gruppo compatto della Lega per Salvini.

Grazie a questi interventi, il Ministro dell’Interno Matteo Salvini ha promesso una Commissione d’Inchiesta, mentre su richiesta dell’On. reggiana Benedetta Fiorini (Forza Italia), il Ministro della Giustizia ha inviato degli ispettori al Tribunale dei minori di Bologna. La notizia qui: https://www.ilrestodelcarlino.it/reggio-emilia/cronaca/affidi-illeciti-salvini-1.4678419

Ma vediamone le linee essenziali dei tre interventi summenzionati.

Senato. Il sen. Balboni ha presentato un’interrogazione al Ministro per la Giustizia e quello della Famiglia dove si chiede, tra l’altro, di “conoscere il numero dei bambini affidati a persone single e a coppie omosessuali e quali motivazioni abbiano portato a preferire tale scelta rispetto a quella prioritariamente indicata dalla legge, cioè l’affidamento a famiglie con figli“.
Si può leggere qui: https://www.fratelli-italia.it/2019/07/04/affidi-illeciti-senatori-fdi-interrogazione-a-bonafede-e-fontana-su-inchiesta-angeli-e-demoni/

Camera. Esplosivo e coraggioso intervento dell’On. Bignami che in Parlamento ha osato dire quel che nessuno dice: “In Emilia-Romagna è in atto un’aggressione sistematica nei confronti dell’istituto della Famiglia“, il tutto davanti allo sguardo sbalordito e terrorizzato dell’On. Scalfarotto.
Lo si può vedere qui: https://youtu.be/OcAeVtOAlvk

Comune di Modena. Accurata l’interrogazione depositata dalla Consigliere Santoro (LN) alla Giunta del Partito Democratico. Può servire come modello per tutti i Comuni della Regione. La potete scaricare da qui: http://www.fattisentire.org/db/20190701_Interrogazione_Lega_Modena_Santoro.pdf

E’ compito di ogni papà e mamma continuare a fare pressione, scrivere ai quotidiani, sensibilizzare gli uomini dei partiti, usare ogni mezzo di comunicazione e social.
Operiamo affinché si continui a scavare e parlare di quanto accade nella regione rossa, così da rompere il muro del silanzio dei mass-media di regime.

FattiSentire.org
5/7/2019