La maggioranza degli americani è per mantenere il trattato INF

Un nuovo sondaggio trova ampio sostegno pubblico per il mantenimento del Trattato sulle Forze Nucleari Intermedio (INF) che Trump sta uccidendo :

Pubblicità

Due terzi degli intervistati si oppongono all’abbandono del trattato e preferiscono invece perseguire la diplomazia per risolvere la disputa sul rispetto da parte dei russi, secondo il sondaggio, condotto dal Programma di consulenza pubblica presso l’Università del Maryland in collaborazione con il Centro dell’Università per Studi internazionali e di sicurezza. Il Centro per l’integrità pubblica ha fornito consulenza per il sondaggio.

Anche la maggior parte dei colleghi repubblicani di Trump che sono stati intervistati – il 55% – ha dichiarato di opporsi al ritiro dall’INF, tra cui più della metà (51%) degli elettori di Trump auto-descritti. Tra i democratici, il 77% degli intervistati ha dichiarato di preferire l’adesione al trattato.

Le scoperte del sondaggio chiariscono che la decisione di Trump di uscire dal trattato non ha un sostegno popolare e dimostra ancora una volta che esiste un ampio sostegno pubblico per gli accordi sul controllo degli armamenti. Anche tra i repubblicani e gli elettori di Trump, più intervistati hanno preferito aderire al trattato nonostante le violazioni russe. Questo è un settore in cui vi è un accordo generale tra i professionisti della politica pubblica e quelli di politica estera. La stragrande maggioranza degli esperti di controllo degli armamenti non sostiene il ritiro dal trattato e sostiene che non c’è nulla da guadagnare nel farlo.

Il trattato INF è uno dei trattati di controllo degli armamenti di maggior successomai negoziato e la sua demolizione non fa nulla per rendere più sicuri gli Stati Uniti e i nostri alleati. Rinunciare al trattato è una mossa pericolosa e destabilizzante che mina le basi di tutto il controllo degli armamenti USA-Russia, e apre la strada per far scadere il Nuovo START senza alcun tentativo di mantenerlo in vita.

L’abbandono del trattato INF è stata un’ambizione da tempo sostenuta per i ribelli repubblicani che non hanno mai visto un accordo sul controllo degli armamenti che non volevano opporre o distruggere. Il consigliere per la sicurezza nazionale John Bolton è il peggiore di loro. Dan Spinelli lo nota nel suo recente articolo sul trattato:

È Bolton che molti osservatori considerano il cervello dietro questa mossa, data la sua storica opposizione ai trattati sul controllo degli armamenti di qualsiasi tipo. “John Bolton è un serial killer per il controllo delle armi”, ha detto a Mother Jones Joe Cirincione, presidente del fondo Plowshares, una fondazione che difende la proliferazione nucleare. “Crede nell’approccio della forza bruta alle relazioni strategiche”.

Una volta che il trattato INF sarà scomparso, Bolton avrà svolto un ruolo significativo nel distruggere o minare quattro importanti accordi sul controllo degli armamenti e sulla non proliferazione negli ultimi vent’anni, e uccidere il Nuovo START ne farà cinque. Ogni volta che prevalgono i punti di vista controversi di Bolton, gli interessi degli Stati Uniti e degli alleati hanno sofferto e il mondo è diventato più pericoloso e instabile di quanto fosse prima.

Survey: Two-Thirds of Americans Want to Keep the INF Treaty