La lobby israeliana, al centro della vendita di petrolio in Iraq e Siria

I curdi sono molto legati ad Israele e sottrarre risorse ai vicini che hanno una buona amicizia con l’Iran è l’obiettivo. Questa amicizia ha fatto sì che anche gli USA – che hanno già le mani in pasta – facessero un piccolo sforzo per far rimanere un proprio asset in Siria. In questo caso lo scopo è quello di non restituire i pozzi di petrolio al popolo siriano. . Quindi fare i propri interessi vuol dire anche depredare un paese vicino.
Aggiorniamo i nostri vocabolari.

@vietatoparlare
[su_divider]

KIRKUK, IRAQ – “Vogliamo portare a casa i nostri soldati. Ma abbiamo lasciato i soldati perché stiamo mantenendo il petrolio “, ha dichiarato il presidente Trump il 3 novembre, prima di aggiungere:” Mi piace il petrolio. Stiamo mantenendo il petrolio.”

Sebbene avesse promesso un ritiro delle truppe statunitensi dalla loro occupazione illegale in Siria, Trump con la sua schietta ammissione ha scioccato molti quando ha detto che le truppe americane venivano lasciate in Siria per impedire alle risorse petrolifere siriane di essere sfruttate dal governo siriano. La presenza USA  quindi permane per far rimanere il petrolio nelle mani di una qualunque forza che gli Stati Uniti ritenessero opportuno controllare: in questo caso, questa forza è la milizia a maggioranza curda appoggiata dagli USA conosciuta come Syrian Democratic Forces (SDF).

Sebbene Trump stesso abbia ricevuto tutto il merito – e il disprezzo – per questa controversa nuova politica, ciò che è stato lasciato fuori dalla copertura mediatica è il fatto che i protagonisti della lobby pro-Israele negli Stati Uniti hanno svolto un ruolo importante nella creazione del piano di vendita del petrolio siriano allo stato di Israele. Mentre i recenti sviluppi nel conflitto siriano potrebbero aver impedito a un simile piano di diventare realtà, esso offre comunque un esempio lampante del ruolo nascosto spesso svolto dalla lobby pro-Israele impegnate negli Stati Uniti a indirizzare la politica estera stipulando accordi a porte chiuse con importanti attori regionali.

In effetti, il ruolo guida della lobby israeliana negli Stati Uniti ha facilitato la vendita di petrolio siriano a Israele. Questo non è un episodio isolato dato che, solo pochi anni fa, altri individui collegati agli stessi gruppi di pressione pro-Israele e neoconservatori sionisti hanno manipolato entrambi , sia la politica americana che il governo regionale curdo dell’Iraq (KRG) al fine di consentire la vendita del petrolio iracheno a Israele senza l’approvazione del governo iracheno. Questi progetti –  non diversamente da quelli che continuano a svolgersi in Siria – erano al servizio degli sforzi neoconservatori e sionisti di lunga data per balcanizzare l’Iraq rafforzando il KRG e indebolendo Baghdad.

Dopo l’occupazione del Governatorato di Ninive in Iraq da parte dell’ISIS (giugno 2014-ottobre 2015), il governo regionale del Kurdistan (KRG) ha approfittato della ritirata dell’esercito iracheno e, nel caos, ha si è impadronito illegalmente di Kirkuk il 12 giugno. sostenuto sia dagli Stati Uniti che da Israele e, in seguito, dalla coalizione guidata dagli Stati Uniti contro l’ISIS. Con questa mossa è sotto controllo del KRG, non solo del gasdotto di esportazione iracheno al porto turco di Ceyhan, ma anche ai più grandi giacimenti petroliferi iracheni.

Israele ha importato enormi quantità di petrolio dai curdi durante questo periodo, il tutto senza il consenso di Baghdad. Israele era anche il principale acquirente  del petrolio venduto dall’ISIS, che utilizzava Kirkuk controllata dai curdi per vendere petrolio nelle aree dell’Iraq e della Siria sotto il proprio controllo. Per fare ciò nei territori dell’Iraq controllati dall’ISIS, il petrolio è stato inviato prima nella città curda di Zakho vicino al confine con la Turchia e poi in Turchia, ingannevolmente etichettato come petrolio originario del Kurdistan iracheno. L’ISIS non ha fatto nulla per ostacolare le esportazioni di petrolio del KRG, anche se avrebbero potuto facilmente dare per scontato che il gasdotto di esportazione Kirkuk-Ceyhan attraversasse aree che l’ISIS aveva occupato per anni.

Col senno di poi, e in seguito alle rivelazioni di Wikileaks e alle nuove informazioni sullo sfondo degli attori rilevanti, è stato rivelato che gran parte delle manovre segrete svolte dietro le quinte che hanno permesso questo scenario, hanno coinvolto intimamente la potente lobby pro-Israele negli Stati Uniti. Ora,  lo scenario simile che si sta svolgendo in Siria rivelano come gli sforzi della lobby israeliana degli Stati Uniti per manipolare la politica estera degli Stati Uniti è riuscita a spostare il flusso di idrocarburi a beneficio di Israele. Questo ‘modus’ operandi è quindi un modello di comportamento, non un incidente isolato.

 

“Keep the oil” per Israele

Dopo i recenti cambiamenti nell’amministrazione Trump nella sua politica in Siria, le truppe statunitensi sono rimaste in modo controverso in Siria per ” mantenere il petrolio “. Successivamente  i funzionari militari statunitensi hanno affermato [come per mettere una foglia di fico NDR Vietato Parlare] che farlo era “un sottoinsieme della missione contro l’ISIS”. Il segretario alla Difesa Mark Esper ha successivamente affermato che un altro fattore alla base dell’insistenza degli Stati Uniti nella protezione dei giacimenti petroliferi siriani era di impedire l’estrazione e la successiva vendita di petrolio siriano da parte del governo siriano o della Russia.

Un giocatore chiave, ma spesso trascurato, dietro la spinta per impedire un completo ritiro delle truppe statunitensi in Siria al fine di “mantenere il petrolio” è stato l’attuale ambasciatore degli Stati Uniti in Turchia, David Satterfield. Satterfield era precedentemente assistente del segretario di Stato per gli affari del Vicino Oriente, dove ha esercitato una grande influenza sulla politica americana in Iraq e in Siria e ha lavorato a stretto contatto con Brett McGurk, ex viceministro aggiunto per l’Iraq e l’Iran e successivamente inviato presidenziale speciale per la coalizione “anti-ISIS” guidata dagli Stati Uniti. 

Nel corso della sua lunga carriera diplomatica, Satterfield è stato conosciuto dal governo degli Stati Uniti come una risorsa di intelligence israeliana integrata nel Dipartimento di Stato degli Stati Uniti. In effetti, Satterfield è stato nominato come uno dei principali attori in quello che ora è noto come lo scandalo dello spionaggio AIPAC, noto anche come lo scandalo dello spionaggio di Lawrence Franklin, anche se stranamente non è mai stato accusato del suo ruolo dopo l’intervento dei suoi superiori presso il Dipartimento di Stato nel Amministrazione di George W. Bush.

AP 19127775320378 edited1 1024x6681
Secretary of State Mike Pompeo, right walks with Acting Assistant Secretary for Near Eastern Affairs at the State Department David Satterfield, left, and Charge D’affaires at the U.S. Embassy in Baghdad Joey Hood upon arrival in Baghdad, on Tuesday, May 7, 2019. (Mandel Ngan/Pool Photo via AP)

David Satterfield, a sinistra, arriva a Baghdad con il segretario di Stato Mike Pompeo, a destra, e Joey Hood, 7 maggio 2019. Mandel Ngan | AP

Nel 2005, i pubblici ministeri federali hanno dichiarato a un funzionario del governo degli Stati Uniti di aver trasmesso illegalmente informazioni classificate a Steve Rosen, che lavorava per l’AIPAC, che poi ha trasmesso tali informazioni al governo israeliano. Quelle informazioni classificate includevano l’intelligence sull’Iran e la natura della condivisione dell’intelligence USA-Israele. I successivi resoconti dei media del New York Times e di altri sbocchi hanno rivelato che questo funzionario del governo non era altro che David Satterfield, che era allora vice segretario aggiunto aggiunto per gli affari del Vicino Oriente.

Le accuse contro Rosen, così come il suo co-cospiratore e collega Keith Weissman, dipendente dell’AIPAC, sono state ritirate nel 2009 e nessuna accusa è stata addebitata a Satterfield dopo che i funzionari del Dipartimento di Stato dichiararono scioccamente che Satterfield aveva “agito nell’ambito della sua autorità” nel divulgare informazioni classificate a un lavoro individuale per far avanzare gli interessi di un governo straniero. Richard Armitage, un alleato neoconservatore con una lunga storia di legami con le operazioni segrete della CIA in Medio Oriente e altrove, da allora ha affermato di essere stato uno dei principali difensori di Satterfield nelle conversazioni con l’FBI durante questo periodo in cui era vice segretario di Stato.

L’altro funzionario governativo nominato nell’accusa, l’ex funzionario del Pentagono Lawrence Franklin, non è stato così fortunato ed è stato accusato ai sensi dell’Espionage Act nel 2006. Satterfield, invece di essere censurato per il suo ruolo nel trasferire informazioni sensibili a un governo straniero, è stato successivamente promosso nel 2006 fungerà da coordinatore per l’Iraq e consigliere senior dell’allora segretario di Stato Condoleezza Rice.

Oltre alla sua storia di perdite di informazioni classificate all’AIPAC, Satterfield ha anche una relazione di lunga data con il Washington Institute for Near East Policy, un controverso scorporo dell’AIPAC noto anche con il suo acronimo WINEP. Il sito Web di WINEP ha a lungo elencato Satterfield come uno dei suoi esperti e Satterfield ha parlato a numerosi eventi e forum sulle politiche WINEP, anche dopo che il suo coinvolgimento con lo scandalo AIPAC è diventato di dominio pubblico. Tuttavia, nonostante i suoi legami di lunga data e controversi con la lobby pro-Israele degli Stati Uniti, l’attuale relazione di Satterfield con alcuni elementi di quella lobby, come la Sionist Organization of America (ZOA), è complicata al massimo.

Mentre il ruolo di Satterfield in un altro rovesciamento di un promesso ritiro delle truppe statunitensi dalla Siria è sfuggito in gran parte al controllo dei media, un altro individuo con legami profondi con la lobby israeliana e i gruppi “ribelli” siriani è stato ignorato dai media, nonostante il suo ruolo fuori misura in approfittando di questa nuova politica americana a beneficio di Israele.

 

La lobby israeliana degli Stati Uniti assicura l’accordo con i curdi

All’inizio di quest’anno, ben prima che la nuova politica siriana di Trump di “mantenere il petrolio” prendesse forma ufficialmente, un altro individuo con legami profondi con la lobby israeliana degli Stati Uniti ha ottenuto un accordo redditizio con i gruppi curdi appoggiati dagli USA in Siria. Un documento ufficiale rilasciato all’inizio di quest’anno dal Syrian Democratic Council (DSC), il braccio politico della maggioranza curda e le forze siriane democratiche sostenute dagli USA (SDF), una società con sede nel New Jersey, fondata e gestita da un doppio cittadino americano-israeliano Mordechai “Motti” Kahana, ricevette il controllo del petrolio nel territorio detenuto dalla DSC.

Secondo il documento, la DSC ha accettato formalmente l’offerta della società Kahana – Global Development Corporation (GDC) – di rappresentare la DSC in tutte le questioni relative alla vendita di petrolio estratto nel territorio che controlla e concede a GDC “il diritto di esplorare e sviluppare petrolio che si trova nelle aree che governiamo “.

Global Development Corporation Kurdish Oil1

L’accettazione formale da parte della DSC dell’offerta della Global Development Corporation di sviluppare giacimenti petroliferi siriani. Fonte | Al-Akhbar

Il documento afferma inoltre che la quantità di petrolio prodotta in seguito nelle aree controllate dalla DSC era di 125.000 barili al giorno e che prevedevano che ciò sarebbe aumentato a 400.000 barili al giorno e che questo petrolio è considerato un bene estero sotto il controllo degli Stati Uniti Stati del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti.

Dopo che il documento è stato reso pubblico dall’outlet libanese Al-Akhbar , la DSC ha affermato che si trattava di un falso, anche se Kahana aveva confermato separatamente il suo contenuto e condiviso la stessa lettera al Los Angeles Times fino a poche settimane fa. Kahana in precedenza aveva tentato di distanziarsi dallo sforzo e aveva detto al quotidiano israeliano Israel Hayom a luglio di aver fatto un’offerta alla DSC come mezzo per impedire al “regime di Assad” della Siria di ottenere entrate dalla vendita di petrolio siriano.

I curdi attualmente detengono 11 pozzi petroliferi in un’area controllata dalle forze democratiche [siriane]. La stragrande maggioranza del petrolio siriano si trova in quella zona. Non voglio che questo petrolio raggiunga l’Iran o il regime di Assad. “

All’epoca, Kahana dichiarò anche che “nel momento in cui l’amministrazione Trump dà la sua approvazione, possiamo iniziare a esportare questo petrolio a prezzi equi”.

Dato che Kahana ha apertamente confermato di rappresentare l’attività petrolifera della DSC poco dopo l’adozione da parte di Trump della controversa “politica di mantenimento del petrolio”, sembra plausibile che Kahana abbia ora ricevuto l’approvazione necessaria per la sua compagnia per esportare il petrolio per conto del SDC. Numerosi resoconti dei media hanno ipotizzato che, se gli sforzi di Kahana andranno avanti senza ostacoli, il petrolio siriano sarà venduto a Israele.

Tuttavia, considerando l’avversione della Turchia a impegnarsi in qualsiasi attività che possa avvantaggiare il PKK-SDF – ci sono notevoli ostacoli ai piani di Kahana. Mentre la SDF – insieme all’assistenza delle truppe statunitensi – controlla ancora diversi giacimenti petroliferi in Siria, gli esperti affermano che possono solo realisticamente vendere il petrolio al governo siriano. Nemmeno i curdi iracheni sono candidati, considerando il fermo controllo di Baghdad sul confine Iraq-Siria e lo stato indebolito del KRG dopo la sua fallita offerta di indipendenza alla fine del 2017.

Indipendentemente da ciò, il coinvolgimento di Kahana in questa vicenda è significativo per alcune ragioni. In primo luogo, Kahana è stata un attore chiave nella promozione e nel finanziamento di gruppi radicali in Siria ed è stata persino sorpresa ad assumere i cosiddetti “ribelli” per rapire ebrei siriani e portarli in Israele contro la loro volontà. Fu Kahana, per esempio, a finanziare e orchestrare l’ormai famigerato viaggio del defunto senatore John McCain in Siria, dove incontrò i “ribelli” siriani tra cui Khalid al-Hamad – un ribelle “moderato” che ottenne notorietà dopo un video di lui che mangiava il cuore di un soldato dell’esercito siriano è diventato virale online . McCain aveva anche ammesso di aver incontrato i membri dell’ISIS, anche se non è chiaro se lo avesse fatto in questo viaggio o in un altro viaggio in Siria.

Inoltre, Kahana è stata anche la mente dietro la polemica “Cesare”, in base alla quale un siriano che usa lo pseudonimo di “Cesare” è stato portato negli Stati Uniti da Kahana e ha continuato a fare rivendicazioni sulla tortura e altri crimini presumibilmente commessi dal governo guidato da Assad Siria, affermazioni che sono state successivamente screditate da analisti indipendenti. Fu anche molto coinvolto nei falliti sforzi di Israele per stabilire una “zona sicura” nel sud della Siria come mezzo per espandere segretamente il territorio di Israele dalle alture del Golan occupate e verso Quneitra.

In particolare, Kahana ha profondi legami – non solo con gli sforzi per rovesciare il governo siriano – ma anche con la lobby israeliana degli Stati Uniti, incluso il Washington Institute for Near East Policy (WINEP) in cui Satterfield è un esperto. Ad esempio, Kahana è stata un attore chiave in un simposio del 2013 organizzato da WINEP insieme a gruppi di opposizione siriani intimamente coinvolti nell’arma dei cosiddetti “ribelli”. Uno degli altri partecipanti al simposio insieme a Kahana era Mouaz Moustafa, direttore del “Syrian Emergency Task Force” che ha aiutato Kahana a portare McCain in Siria nel 2013. Moustafa è stata elencata come esperta WINEP sul sito web dell’organizzazione ma è stata successivamente misteriosamente cancellata.

Kahana è anche intimamente coinvolta con il Israeli American Council (IAC), un’organizzazione di lobby pro-Israele, come membro del team della sua conferenza nazionale. Lo IAC è stato co-fondato ed è presieduto da Adam Milstein , un criminale multimilionario e condannato che è anche membro dei consigli di amministrazione di AIPAC, StandWithUs, Birthright e altre importanti organizzazioni di lobby pro-Israele. Uno dei principali donatori della IAC è Sheldon Adelson, che è anche il principale donatore del presidente Trump e dell’intero partito repubblicano.

Sebbene le macchinazioni di Kahana e Satterfield per guidare la politica degli Stati Uniti al fine di manipolare il flusso degli idrocarburi della Siria a beneficio di Israele potrebbero sembrare scioccanti per alcuni, questa stessa tattica di lobbisti filo-israeliani che usano i curdi per vendere illegalmente petrolio di un paese a Israele era sviluppato qualche anno prima, non in Siria, ma in Iraq. In particolare, le persone responsabili di quella politica in Iraq condividevano connessioni con molte delle stesse organizzazioni di lobby pro-israeliane di Satterfield e Kahana, suggerendo che i loro recenti sforzi in Siria non sono un evento isolato, ma uno schema.

La guerra contro l’ISIS è una guerra per il petrolio

In una e-mail del 15 giugno 2014, James Franklin Jeffrey (ex ambasciatore in Iraq e Turchia e attuale rappresentante speciale degli Stati Uniti per la Siria) ha rivelato a Stephen Hadley, un ex consigliere amministrativo di George Bush che lavorava all’Istituto di pace degli Stati Uniti finanziato dal governo , il suo intento di consigliare il KRG al fine di sostenere la produzione di petrolio di Kirkuk. Il piano, come lo descrisse Jeffery, era quello di fornire petrolio alla provincia del Kurdistan e consentire l’esportazione di petrolio attraverso Kirkuk-Ceyhan in Israele, rubando all’Iraq il suo petrolio e rafforzando la regione curda del paese insieme all’offerta di autonomia del governo regionale.

Jeffrey, le cui opinioni da falco sull’Iran e sulla Siria sono ben note , ha affermato che Brett McGurk, il principale negoziatore degli Stati Uniti tra Baghdad e il KRG, fungeva da collegamento con il KRG. McGurk, che aveva prestato servizio in varie funzioni in Iraq sia sotto Bush che con Obama, serviva anche vice segretario di stato aggiunto per l’Iraq e l’Iran. Un anno dopo, sarebbe stato nominato inviato presidenziale speciale per la coalizione “anti-ISIS” guidata dagli Stati Uniti e, come accennato in precedenza, ha lavorato a stretto contatto con David Satterfield.

AP 110408126784 edited1
U.S. Ambassador to Iraq James Jeffrey shakes hands with Kurdish Regional Government President Massoud Barzani after Barzani held a one-on-one meeting with Defense Secretary Robert Gates, Friday, April 8, 2011, at the airport in Irbil, (AP Photo/Chip Somodevilla, Pool)

 

James Jeffrey, a sinistra, incontra il presidente del governo regionale curdo Massoud Barzani, 8 aprile 2011, in un aeroporto di Irbil, in Iraq. Chip Somodevilla | AP

Jeffrey era quindi un privato cittadino non attualmente impiegato dal governo ed è stato utilizzato come canale non governativo nel perseguimento dei piani descritti nelle e-mail trapelate pubblicate da WikiLeaks. Le attività dietro le quinte di Jeffrey per quanto riguarda le esportazioni di petrolio del KRG sono state fatte clandestinamente, soprattutto perché è stato poi impiegato da un braccio di spicco della lobby pro-Israele degli Stati Uniti.

Al momento dell’email, Jeffrey era un illustre collega (2013-2018) al WINEP. Come accennato in precedenza, WINEP è un think-tank di politica estera pro-Israele che sposa opinioni neoconservative ed è stato creato nel 1985 da ricercatori che avevano lasciato in fretta l’AIPAC per sfuggire alle indagini contro l’organizzazione che erano collegate ad alcuni dei suoi membri che conducevano spionaggio per conto di Israele. L’AIPAC, la American Israeli Public Affairs Committee, è la più grande organizzazione lobbista israeliana registrata negli Stati Uniti (anche se la registrazione ai sensi della Foreign Agents Registration Act sarebbe più adatta) e, oltre all’incidente del 1985 che ha portato alla creazione di WINEP, ha avuto membri accusati di spionaggio contro gli Stati Uniti per conto di Israele.

Il lancio di WINEP è stato finanziato dall’ex presidente della Federazione ebraica di Los Angeles, Barbara Weinberg, che è il presidente fondatore e il presidente costante Emerita. Soprannominato “Barbi”, è la moglie del defunto Lawrence Weinberg che fu presidente dell’AIPAC dal 1976 al 1981 e che JJ Goldberg, autore del libro Jewish Power del 1997 , definì uno dei pochi individui che hanno essenzialmente dominato l’AIPAC indipendentemente della sua leadership eletta. Co-fondatore accanto a Weinberg era Martin Indyk. Indyk, ambasciatore degli Stati Uniti in Israele (1995-1997) e segretario di Stato aggiunto per gli affari del Vicino Oriente (1997-1999), ha guidato i tempi di ricerca dell’AIPAC che hanno costituito il WINEP per sfuggire alle suddette indagini.

WINEP ha storicamente ricevuto finanziamenti da donatori che donano a cause di particolare interesse per il sionismo e Israele. Tra i suoi fiduciari vi sono nomi estremamente importanti nel sionismo politico e finanziatori di altre organizzazioni di lobby israeliane, come Charles, Edgar Bronfman e Chernicks . La sua appartenenza rimane dominata da individui che hanno trascorso la loro carriera a promuovere gli interessi israeliani negli Stati Uniti

WINEP è diventato più noto, e probabilmente più controverso, negli ultimi anni dopo che il suo direttore della ricerca ha notoriamente chiesto attacchi falsi con bandiera per innescare una guerra degli Stati Uniti con l’Iran nel 2012, dichiarazioni ben allineate ai tentativi di lunga data della lobby israeliana di portare su una tale guerra.

Un degno partner nel crimine

Stephen Hadley, un altro cittadino privato che Jeffrey evidentemente considerava come un partner nei suoi rapporti segreti discussi nelle e-mail, ha anche il suo passato di coinvolgimento con intrighi e intromissioni specifiche di Israele.

Durante l’amministrazione GW Bush, Hadley ha messo insieme i neoconservatori nelle loro numerose creazioni di falsa intelligenza e gli sforzi per incriminare l’Iraq per possesso di armi chimiche e nucleari. Hadley è stato uno dei promotori all’interno del governo americano della falsa affermazione che il dirottatore dell’11 settembre Mohammed Atta ha incontrato funzionari iracheni a Praga.

Hadley ha anche lavorato con l’allora capo di stato maggiore del vicepresidente, Lewis Libby, un neoconservatore ed ex avvocato dell’agente del Mossad e il miliardario Marc Rich , per screditare un’indagine della CIA sulle accuse che l’Iraq acquistasse uranio a pasta gialla dal Niger. Tale affermazione apparve notoriamente nel discorso sullo stato dell’Unione di Bush nel 2002.

Ciò che questa particolare affermazione aveva in comune con la disinformazione di “Iraq incontra Atta a Praga” e altre famose menzogne ​​contro l’Iraq fabbricate e diffuse dalla fitta rete neocon, ne era la fonte: Israele e partigiani filo-israeliani.

La rete di distribuzione di queste affermazioni ormai da tempo ridimensionate non era altro che i neoconservatori che agiscono come una vera e propria quinta colonna israeliana che da tempo ha cercato di promuovere gli obiettivi della politica estera israeliana come nell’interesse degli Stati Uniti. In questo, Hadley ha fatto la sua parte contribuendo a garantire che gli Stati Uniti fossero stati trasformati in una guerra che era stata a lungo promossa dai neoconservatori israeliani e americani, in particolare Richard Perle – un consigliere del WINEP – che aveva promosso il cambio di regime in Iraq per Il vantaggio esplicito di Israele per decenni.

In breve, per gli intrighi segreti a servizio di Israele che probabilmente verrebbero accolti con protesta se lanciati al governo per essere attuati come politica, il curriculum di Hadley fu impressionante.

Interessi israeliani perseguiti attraverso canali segreti

Dato il suo impiego presso il WINEP durante questo periodo, l’intenzione di Jeffrey di consigliare al KRG di sostenere la produzione di petrolio di Kirkuk nonostante il sequestro della raffineria di petrolio Baiji da parte dell’ISIS è alquanto sospetta, soprattutto perché richiedeva che 100.000 barili al giorno attraversassero senza impedimenti il ​​territorio controllato dall’ISIS .

L’e-mail di Jeffrey del 14 giugno, quindi, ha dimostrato di essere stato a conoscenza del fatto che l’ISIS non avrebbe disturbato il KRG fintanto che i curdi avrebbero reindirizzato il petrolio che era stato originariamente destinato a Baiji al gasdotto di esportazione Kirkuk-Ceyhan, facilitando la sua esportazione e successiva vendita in Israele.

In particolare, fino alla sua liberazione a metà 2015 da parte del governo iracheno e l’allineamento dei paramilitari sciiti, l’ ISIS ha fatto funzionare la raffineria e, solo al suo ritiro, ha distrutto la struttura.

Nel luglio 2014, il KRG ha iniziato a rifornire con fiducia le aree curde con l’olio di Kirkuk secondo il piano elaborato da Jeffrey nella suddetta e-mail. Baghdad divenne presto consapevole dell’accordo e si scagliò contro Israele e la Turchia, le cui banche furono utilizzate dal KRG per ricevere le entrate petrolifere da Israele.

Normalmente ci si aspetterebbe che l’ISIS si opponga a tale collusione dato che il KRG, mentre beneficia del conflitto ISIS-Baghdad, non era un alleato dell’ISIS. Pertanto, una potenza straniera con legami strategici con l’ISIS ha usato i suoi stretti legami con il KRG e assicura che era a bordo per il commercio petrolifero, per fornire una credibile garanzia che l’ISIS avrebbe “cooperato” e che un boom nella produzione e nelle esportazioni fosse nelle carte.

Questo potere straniero – che funge da garante per l’ISIS-KRG intesa di fronte all’economia del petrolio illegale, rappresentata da Jeffrey e chiaramente non in buoni rapporti con il governo iracheno – era chiaramente Israele.

Israele ha istituito un considerevole sostegno finanziario e la fornitura di armamenti ad altri gruppi terroristici estremisti attivi vicino al confine tra le alture del Golan occupate da Israele e la Siria meridionale quando è scoppiata la prima guerra in Siria nel 2011. Almeno quattro di questi gruppi estremisti erano guidati da individui con legami diretti con l’intelligence israeliana . Questi stessi gruppi, a volte promossi come “moderati” da alcuni media, stavano combattendo attivamente il governo siriano – un nemico di Israele e alleato dell’Iran – prima che esistesse l’ISIS e collaborasse avidamente con l’ISIS quando espandeva la sua campagna in Siria.

Inoltre, i funzionari israeliani hanno ammesso pubblicamente di mantenere regolari comunicazioni con le cellule dell’ISIS nella Siria meridionale e hanno espresso pubblicamente il loro desiderio che l’ISIS non venga sconfitto nel paese. In Libia, agenti israeliani del Mossad sono stati trovati incorporati all’interno dell’ISIS , suggerendo che Israele ha legami nascosti ma definiti anche con il gruppo al di fuori della Siria.

Israele ha anche promosso a lungo l’indipendenza del Kurdistan iracheno, con Israele che ha fornito ai curdi iracheni armi, addestramento e squadre di consiglieri del Mossad già negli anni ’60 . Più di recente, Israele è stato l’unico stato a sostenere il referendum sull’indipendenza del KRG nel settembre 2017, nonostante la sua futilità, suggerendo il rispetto che Israele nutre per il KRG. Il governo iracheno ha successivamente sconfitto militarmente la spinta del KRG per lo stato e ha recuperato i campi petroliferi di Kirkuk con l’assistenza dei paramilitari sciiti che erano responsabili della sconfitta dell’ISIS nell’area.

Iraq Mappa di controllo ISIS

Una mappa del 2014 mostra le aree sotto controllo dell’ISIS e curde all’epoca. Fonte | Telegraph

Questo accordo orchestrato da Jeffrey, ha servito la vecchia agenda neoconservatortrice-israeliana che prevedeva la responsabilizzazione dei curdi, la vendita di petrolio iracheno a Israele e l’indebolimento del governo iracheno.

La stretta associazione di WINEP con l’AIPAC, che ha spiato gli Stati Uniti per conto di Israele diverse volte in passato senza conseguenze, combinata con la conoscenza di Jeffrey da lunga data con le figure chiave degli Stati Uniti in Iraq, come McGurk, ha fornito un’apertura ideale per Israele in Iraq. In seguito all’attuazione del piano di Jeffrey, le importazioni israeliane di petrolio dal KRG costituivano il 77% delle importazioni totali di petrolio da parte di Israele durante l’occupazione del KRG a Kirkuk.

La connessione WINEP all’accordo petrolifero KRG-Israele dimostra il ruolo chiave svolto dalla lobby pro-Israele degli Stati Uniti, non solo in termini di sostegno agli aiuti finanziari statunitensi a Israele e aumento delle tensioni con gli avversari di Israele, ma anche nel facilitare gli aspetti più segreti della Cooperazione USA-Israele e l’attuazione di politiche a favore di Israele.

Tuttavia, il ruolo svolto dalla lobby israeliana degli Stati Uniti in questa veste, in particolare in termini di orchestrazione degli accordi di vendita di petrolio a beneficio di Israele, è stata messa in atto quasi esclusivamente con l’Iraq, anche se può essere essere accuratamente descritta come un modello ripetuto di comportamento.

Foto di presentazione | Grafica di Claudio Cabrera

Agha Hussain è una ricercatrice indipendente con sede a Rawalpindi, in Pakistan. Si è specializzato in storia e storia del Medio Oriente ed è collaboratore editoriale di Eurasia Future, Rapporti regionali e altri punti vendita. Leggi di più del suo lavoro sul suo blog personale .

Whitney Webb è una giornalista di MintPress News con sede in Cile. Ha contribuito a diversi media indipendenti tra cui Global Research, EcoWatch, Ron Paul Institute e 21st Century Wire, tra gli altri. Ha fatto diverse apparizioni radiofoniche e televisive ed è la vincitrice nel 2019 del Serena Shim Award per l’integrità senza compromessi nel giornalismo.

[su_divider]

source link: Mintpress

neretto: vietato parlare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.