La ‘guerra umanitaria’ contro la Serbia

Belgrado - bombardamento Nato Ministero

Belgrado - bombardamento Nato Ministero

Il processo politico per l’accettazione dello stato del Kosovo alla piena adesione dell’UNESCO alle Nazioni Unite, ha aperto ancora una volta la questione dell’intervento militare della NATO contro la Repubblica Federale di Jugoslavia (FRY) nel marzo-giugno 1999 come base per la secessione del Kosovo. dalla Serbia e dalla sua proclamazione unilaterale di una quasi indipendenza nel febbraio 2008. Il Kosovo è diventato il primo e unico stato europeo fino ad oggi governato dai signori della guerra terroristi come possesso di un partito: l’Esercito di liberazione del Kosovo (l’UCK) (albanese). Lo scopo di questo articolo è indagare sulla natura della guerra della NATO contro la Jugoslavia nel 1999.

Terrorismo e indipendenza del Kosovo

I terroristi dell’UCK con il sostegno delle amministrazioni degli Stati Uniti e dell’UE hanno lanciato una campagna di violenza su vasta scala nel dicembre 1998 al solo scopo di provocare l’intervento militare della NATO contro la Repubblica Federale Yugoslava (RFI) come presupposto per desiderata secessione del Kosovo dalla Serbia, seguita da un’indipendenza riconosciuta a livello internazionale. Al fine di risolvere finalmente la “questione del Kosovo” a favore degli albanesi, l’amministrazione Clinton portò nel febbraio 1999 le due parti in conflitto  a negoziare formalmente nel castello francese di Rambouillet in Francia , ma di fatto impose un ultimatum alla Serbia allo scopo che accettasse de facto la secessione del Kosovo. Indipendentemente dal fatto che l’ultimatum di Rambouillet ha riconosciuto  de iure l’integrità territoriale della Serbia e il disarmo dell’UCK terrorista ma non ha menzionato l’indipendenza del Kosovo dalla Serbia, poiché le condizioni dell’accordo finale erano essenzialmente molto favorevoli all’UCK e al suo progetto secessionista verso il Kosovo indipendente, la Serbia le ha semplicemente respinte. La risposta degli Stati Uniti è stata un’azione militare guidata dalla NATO come un “intervento umanitario” per sostenere direttamente il separatismo albanese del Kosovo. Pertanto, il 24 marzo 1999, la NATO ha iniziato la sua operazione militare contro la Repubblica Federale Yugoslava (RFI) che durò fino al 10 giugno 1999.

Il motivo per cui al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite non fu chiesta l’approvazione dell’operazione porta la  seguente spiegazione:

” Sapendo che la Russia avrebbe posto il veto a qualsiasi sforzo per ottenere il sostegno delle Nazioni Unite per l’azione militare, la NATO ha lanciato attacchi aerei contro le forze serbe nel 1999, sostenendo efficacemente i ribelli albanesi kosovari “. [1]

La caratteristica cruciale di questa operazione è stata un bombardamento barbaro, coercitivo, disumano, illegale e soprattutto spietato contro Serbia che si protrasse per quasi tre mesi. Tuttavia, che l’intervento militare della NATO contro la FRY – Operazione Allied Force, sia stato propagato dai suoi fautori come un’operazione puramente umanitaria, è riconosciuto da molti studiosi occidentali e da altri studiosi che gli Stati Uniti e i loro stati sponsor della NATO che riconoscono che  principalmente ciò che condusse la NATO a questa azione militare, furono ‘utilitarmente’ politiche e obiettivi  geostrategici.

La legittimità dell’intervento del brutale bombardamento coercitivo su obiettivi sia militari che civili nella provincia del Kosovo e nel resto della Serbia diventò immediatamente controversa poiché il Consiglio di sicurezza dell’ONU non  autorizzò l’azione. Sicuramente, l’azione era illegale secondo il diritto internazionale ma era formalmente giustificata dall’amministrazione degli Stati Uniti e dal portavoce della NATO come legittima perché era inevitabile giacchè tutte le opzioni diplomatiche messe in campo  per fermare la guerra erano ormai esaurite. Tuttavia, una continuazione del conflitto militare in Kosovo tra l’UCK e le forze di sicurezza dello Stato serbe avrebbe minacciato di produrre una catastrofe umanitaria e generare instabilità politica nella regione dei Balcani. Pertanto, “nel contesto dei timori sulla ‘pulizia etnica’ della popolazione albanese, una campagna di attacchi aerei,[2] fu lanciata con il risultato finale del ritiro delle forze e dell’amministrazione serba dalla provincia: questo era esattamente il requisito principale dell’ultimatum di Rambouillet.

È di cruciale importanza sottolineare almeno cinque fatti al fine di comprendere adeguatamente la natura e gli obiettivi dell’intervento militare della NATO contro Serbia e Montenegro nel 1999:

  1. Fu bombardata solo la parte serba coinvolta nel conflitto in Kosovo, mentre all’UCK fu permesso e sostenuto affinché continuasse le sue attività terroristiche contro le forze di sicurezza serbe o contro i civili serbi.
  2. La pulizia etnica degli albanesi da parte delle forze di sicurezza serbe fu solo un’azione potenziale (infatti, solo nel caso dell’azione militare diretta della NATO contro la FRY) ma non un fatto reale come motivo per cui la NATO iniziò il bombardamento coercitivo della RFY .
  3. L’affermazione della NATO secondo cui le forze di sicurezza serbe uccisero fino a 100.000 civili albanesi durante la guerra del Kosovo del 1998-1999 è pura menzogna di propaganda poiché dopo la guerra sono stati trovati in in Kosovo, un totale di 3.000 corpi di tutte le nazionalità.
  4. Il bombardamento della RFI è stato promosso come “intervento umanitario”, che significa azione legittima e difendibile, che per studioso dovrebbe significare “… intervento militare che viene effettuato per perseguire obiettivi umanitari piuttosto che strategici ”. [3] Tuttavia, oggi è abbastanza chiaro che l’intervento aveva obiettivi finali politici e geostrategici ma non quello umanitario.
  5. L’intervento militare della NATO nel 1999 è stato una diretta violazione dei principi di condotta internazionale delle Nazioni Unite, infatti nella Carta delle Nazioni Unite si afferma che:

” Tutti i Membri si asterranno nelle loro relazioni internazionali dalla minaccia o dall’uso della forza contro l’integrità territoriale o l’indipendenza politica di qualsiasi Stato, o in qualsiasi altro modo incompatibile con gli scopi delle Nazioni Unite “. [4]

Quello che è successo in Kosovo quando la NATO iniziò la sua campagna militare era abbastanza atteso e soprattutto auspicato dall’amministrazione statunitense e dai leader dell’UCK: la Serbia sferrò un attacco militare molto più forte all’UCK e agli albanesi di etnia albanese che la appoggiarono. Di conseguenza, ci fu un numero significativamente maggiore di rifugiati – fino a 800.000 secondo le fonti della CIA e delle Nazioni Unite. Tuttavia, l’amministrazione degli Stati Uniti presentò tutti questi rifugiati come vittime della politica di pulizia etnica sistematica e ben organizzata (presunta operazione “Horse Shoe”) guidata dai serbi,   indipendentemente dal fatto che:

  1. La stragrande maggioranza di loro non erano veri rifugiati, ma piuttosto “rifugiati televisivi” per i mass media occidentali.
  2. Una minoranza di loro stava semplicemente scappando dalle conseguenze degli spietati bombardamenti della NATO.
  3. Solo una parte dei rifugiati era vittima della politica serba di “vendetta sanguinosa” mentre la maggior parte erano rifugiati per la distruzione della Serbia da parte della NATO.

Tuttavia, il risultato finale della campagna aerea della NATO contro la FRY fu che il Consiglio di sicurezza dell’ONU autorizzò formalmente le truppe di terra della NATO (sotto il nome ufficiale di KFOR) [5] ad occupare il Kosovo e dare all’UCK mani libere per continuare e finire una pulizia etnica nelle provincie dove esistevano non albanesi. È questa l’inizio dell’indipendenza del Kosovo, finalmente proclamata dal Parlamento kosovaro (senza referendum nazionali) nel febbraio 2008 e subito riconosciuta dai principali paesi occidentali. [6] In tal modo, il Kosovo divenne il primo stato mafioso europeo legalizzato. [7]Tuttavia,le politiche dell’UE e degli Stati Uniti per ricostruire la pace sul territorio dell’ex Jugoslavia non sono riuscirono ad affrontare con successo probabilmente quella che fu la sfida principale e più seria al loro proclamato compito di ristabilire la stabilità e la sicurezza regionale: al -Qaeda si diffuso e collegò e introdusse il terrorismo [di matrice islamica], soprattutto in Bosnia-Erzegovina ma anche in Kosovo-Metochia. [8]

Membri dell’Esercito di Liberazione del Kosovo sponsorizzato dagli Stati Uniti nel 1999 durante l’aggressione della NATO alla Repubblica Federale di Jugoslavia

Dilemmi

Secondo le fonti della NATO, ci furono due obiettivi dell’intervento militare dell’alleanza contro la FRY nel marzo-giugno 1999:

  1. Costringere Slobodan Miloshevic,  presidente della Serbia, ad accettare un piano politico per lo status di autonomia del Kosovo (progettato dall’amministrazione statunitense).
  2. Prevenire la (presunta) pulizia etnica degli albanesi da parte delle autorità serbe e delle loro forze armate.

Tuttavia, mentre l’obiettivo politico fu in linea di principio raggiunto, quello umanitario ha avuto risultati del tutto opposti. Bombardando la RFI nelle tre fasi di attacchi aerei della NATO riuscì a forzare Miloshevic a firmare una capitolazione politico-militare a Kumanovo il 9 giugno ° 1999, e far gestire il Kosovo sotto l’amministrazione della NATO , consentendo praticamente di autorizzare il terrorismo islamico guidato dal Kosovo Liberation Army ( KLA)  contro il Serbi cristiani. [9] Il risultato diretto dell’operazione fu sicuramente negativo poiché le sortite della NATO causarono l’uccisione di circa 3000 militari e civili serbi e la morte di un numero imprecisato di albanesi di etnia albanese. Inoltre, un impatto indiretto dell’operazione è un certo numero di civili di etnia albanese uccisi, seguito da massicci flussi di profughi di albanesi del Kosovo [10] poiché la NATO provocò l’attacco della polizia serba e dell’esercito jugoslavo. Non possiamo dimenticare che i crimini di guerra contro i civili albanesi in Kosovo avvennero proprio durante i bombardamenti della NATO contro la RFY. Secondo alcune indagini di ricerca molto probabilmente tali crimini probabilmente furono commessi dai profughi serbi della Krayina (Croazia) che da dopo l’agosto 1995 erano in divisa delle forze di polizia regolari della Serbia come vendetta per le terribili atrocità albanesi commesse nella regione di Krayina in Croazia  contro i civili serbi [11] quando molti albanesi del Kosovo combatterono i serbi in divisa croata.

Il dilemma fondamentale è perché la NATO ha sostenuto direttamente l’UCK – un’organizzazione che in precedenza era chiaramente chiamata “terrorista” da molti governi occidentali, compreso quello degli Stati Uniti? Era noto che la strategia di guerra di parte dell’UCK [12] si basava solo sulla provocazione diretta delle forze di sicurezza serbe per farle rispondere attaccando le postazioni dell’UCK con un numero inevitabile di vittime civili. Tuttavia, queste vittime civili albanesi non sono state interpretate dalle autorità della NATO come “danni collaterali”, ma piuttosto come vittime di una deliberata pulizia etnica. Ma nel contempo, tutte le vittime civili dei bombardamenti della NATO nel 1999 sono state presentate dalle autorità della NATO esattamente come “danni collaterali” della “guerra giusta” [13] della NATO contro il regime oppressivo di Belgrado.

Qui presenteremo i principi di base (accademici) di una “guerra giusta”:

  1. Ultima risorsa – Tutte le opzioni diplomatiche sono esaurite prima che la forza venga usata.
  2. Giusta causa – Lo scopo ultimo dell’uso della forza è quello di auto-difendere il proprio territorio o le proprie persone dall’attacco militare di altri.
  3. Autorità legittima – Ciò  implica un governo legittimo costituito di uno stato sovrano, ma non un governo costituito da privati (individui) o gruppo (una o più orgnizzazioni).
  4. Retta intenzione – L’uso della forza, o la guerra, doveva essere perseguito per ragioni moralmente accettabili, ma non in base alla vendetta o all’intenzione di infliggere il danno.
  5. Ragionevole prospettiva di successo – L’uso della forza non dovrebbe essere attivato per qualche causa senza speranza, in cui le vite umane sono esposte senza alcun beneficio reale.
  6. Proporzionalità – L’intervento militare deve avere più vantaggi che perdite.
  7. Discriminazione – L’uso della forza deve essere diretto solo agli obiettivi puramente militari poiché i civili sono considerati innocenti.
  8. Proporzionalità – La forza usata non deve essere maggiore di quella necessaria per raggiungere obiettivi moralmente accettabili e non deve essere maggiore della causa provocante.
  9. Umanità – L’uso della forza non può mai essere diretto contro il personale nemico se viene catturato (i prigionieri di guerra) o ferito. [14]

Se analizziamo la campagna militare della NATO in relazione ai principi (accademici) di base appena sopra presentati della “guerra giusta”, le conclusioni fondamentali saranno le seguenti:

  1. L’amministrazione degli Stati Uniti nel 1999 non ha utilizzato alcun reale sforzo diplomatico per risolvere la crisi del Kosovo poiché Washington ha semplicemente dato l’ultimatum politico-militare a Rambouillet solo a una parte (Serbia) ovvero ha intimato di accettare per intero i ricatti richiesti: 1) Ritirare tutte le Forze armate e di polizia serbe del Kosovo; 2) Dare l’amministrazione del Kosovo alle truppe della NATO; e 3) Consentire alle truppe della NATO di utilizzare l’intero territorio della Serbia ai fini del transito. In altre parole, il punto fondamentale dell’ultimatum degli Stati Uniti a Belgrado era che la Serbia sarebbe diventata volontariamente una colonia statunitense ma senza la provincia del Kosovo. Anche il presidente degli Stati Uniti in quel momento – Bill Clinton, confermò che il rifiuto di Miloshevic dell’ultimatum di Rambouillet era comprensibile e logico.[15]
  2. Questo principio fu stato assolutamente abusato dall’amministrazione della NATO poiché nessun paese della NATO era stato attaccato o occupato dalla FRY. In Kosovo, a quel tempo, era in atto una classica guerra antiterroristica lanciata dalle autorità statali contro il movimento separatista illegale ma – in questo caso – pienamente sponsorizzata dall’Albania e dalla NATO. [16] In altre parole, questo secondo principio della “guerra giusta” può essere applicato solo alle operazioni antiterroristiche delle autorità statali della Serbia nella provincia del Kosovo contro l’UCK piuttosto che all’intervento militare della NATO contro la FRY.
  3. Il principio dell’autorità legittima nel caso del conflitto in Kosovo del 1998-1999 può essere applicato solo alla Serbia e alle sue legittime istituzioni e autorità statali riconosciute come legittime dalla comunità internazionale e soprattutto dalle Nazioni Unite.
  4. Le ragioni moralmente accettabili utilizzate ufficialmente dalle autorità della NATO per giustificare la propria azione militare contro la RFJ nel 1999 erano poco chiare e soprattutto non dimostrate. Dette ragioni furono utilizzate impropriamente per gli scopi politici e geostrategici nel prossimo futuro. Oggi sappiamo che la campagna militare della NATO non era basata sulle affermazioni moralmente provate che si prefiggevano di fermare l’espulsione di massa dei civili di etnia albanese dalle loro case in Kosovo, poiché un numero massiccio di sfollati apparì durante l’intervento militare della NATO,  non prima.
  5. Le conseguenze del quinto principio sono state applicate selettivamente poiché solo gli albanesi del Kosovo hanno beneficiato delle prospettive a breve e lungo termine dall’impegno militare della NATO nei Balcani nel 1999.
  6. Il sesto principio venne praticamente applicato solo agli albanesi del Kosovo, ovvero per mettere in atto il compito ultimo dell’intervento degli Stati Uniti e della NATO. In altre parole, i vantaggi dell’azione erano in modo schiacciante unilaterali. Tuttavia, dagli aspetti geostrategici e politici a lungo termine, l’azione è stata molto redditizia con una perdita minima per l’alleanza militare occidentale durante la campagna.
  7. Le conseguenze pratiche del settimo principio furono maggiormente criticate poiché la NATO ovviamente non fece alcuna differenza tra gli obiettivi militari e civili. Inoltre, l’alleanza della NATO ha deliberatamente bombardato molti più oggetti civili e cittadini non combattenti rispetto a obiettivi e al personale militare. Tuttavia, tutte le vittime civili dei bombardamenti di tutte le nazionalità sono state semplicemente presentate dall’autorità della NATO come un inevitabile “danno collaterale”, ma in realtà è stata una chiara violazione del diritto internazionale e uno dei principi fondamentali del concetto della “guerra giusta”.
  8. L’ottavo principio della “guerra giusta” sicuramente non è stato rispettato dalla NATO in quando la forza usata era molto più alta rispetto a quanto fosse necessario per raggiungere i compiti proclamati e soprattutto era molto più forte di quella della parte opposta. Tuttavia, gli obiettivi moralmente accettabili dei politici occidentali erano basati su “fatti” sbagliati e deliberatamente utilizzati in modo improprio riguardo alle vittime di etnia albanese della guerra del Kosovo nel 1998-1999, come v fu detto del “brutale massacro di quarantacinque civili nel villaggio kosovaro di Račak nel gennaio 1999 ” [17], che divenne il pretesto formale per l’intervento della NATO. Tuttavia, è noto oggi che quei “civili brutalmente massacrati” albanesi erano in realtà i membri dell’UCK uccisi durante i combattimenti regolari ma non giustiziati dalle forze di sicurezza serbe. [18]
  9. Solo l’ultimo principio di una “guerra giusta” è stato rispettato dalla NATO proprio perché non c’erano soldati catturati dalla parte avversaria. Anche le autorità serbe hanno rispettato questo principio poiché tutti i due piloti della NATO catturati sono stati trattati come prigionieri di guerra secondo gli standard internazionali e sono stati addirittura liberati subito dopo la prigionia. [19]

 Conclusioni      

 Le conclusioni cruciali dell’articolo dopo l’indagine sulla natura dell’intervento militare “umanitario” della NATO in Kosovo nel 1999 sono:

  1. L’intervento militare della NATO contro la RFJ durante la guerra del Kosovo nel 1998-1999 è stato effettuato principalmente per scopi politici e geostrategici.
  2. Una natura dichiarativa “umanitaria” dell’operazione è servita solo da cornice morale formale per la realizzazione dei veri obiettivi della politica degli Stati Uniti del dopoguerra fredda nei Balcani, le cui fondamenta furono stabilite dagli accordi di Dayton nel novembre 1995.
  3. L’amministrazione statunitense di Bill Clinton ha utilizzato il gruppo terrorista KLA per pressare e ricattare il governo serbo affinché accettasse l’ultimatum di Washington di trasformare la Serbia come una colonia politica ed economica degli Stati Uniti e con l’adesione alla NATO una base di appoggio per l’esercito degli Stati Uniti.
  4. I governi occidentali originariamente etichettavano l’UCK come “organizzazione terroristica” – ovvero ritenevano che la strategia di combattimento per provocare direttamente le forze di sicurezza serbe era moralmente inaccettabili e dicevano che ciò non avrebbe portato né a sostegno diplomatico né militare.
  5. Durante la guerra del Kosovo nel 1998-1999, l’UCK in Kosovo ha servito fondamentalmente come forza di terra della NATO per la destabilizzazione diretta della sicurezza dello stato della Serbia, che è stato sconfitto militarmente all’inizio del 1999 dalle forze di polizia regolari della Serbia.
  6. Le sortite della NATO nel 1999 hanno avuto come obiettivo principale quello di costringere Belgrado a cedere la provincia del Kosovo all’amministrazione degli Stati Uniti e dell’UE per trasformarla nella più grande base militare degli Stati Uniti e della NATO in Europa.
  7. L’intervento “umanitario” della NATO nel 1999 contro la FRY ha violato quasi tutti i principi della “guerra giusta” e del diritto internazionale – un intervento che è diventato uno dei migliori esempi nella storia del dopo Guerra Fredda di uso ingiusto del potere coercitivo per la scopi politici e geostrategici e allo stesso tempo, è stato un classico caso di diplomazia coercitiva che ha impegnato a pieno i governi occidentali.
  8. I 50.000 soldati della NATO  in Kosovo dopo il 10 giugno ° 1999 non hanno soddisfatto i compiti fondamentali della loro missione: 1) la smilitarizzazione dell’UCK non è mai avvenuta, questa formazione paramilitare non è stata mai correttamente disarmata; 2) Non è stata assicurata la protezione di tutti gli abitanti del Kosovo in quando al gennaio 2001 ci sono stati almeno 700 cittadini kosovari uccisi su base etnica (la maggior parte di loro erano serbi); 3) La stabilità e sicurezza della provincia non è mai avvenuta, poiché la maggior parte dei serbi e degli altri non albanesi sono fuggiti dalla provincia in conseguenza della sistematica politica di pulizia etnica commessa dall’UCK al potere dopo il giugno 1999.
  9. La ricompensa degli Stati Uniti per la lealtà dell’UCK è stata quella di far entrare i membri della formazione nelle cariche governative chiave dell’odierna Repubblica “indipendente” del Kosovo, la quale divenne il primo stato europeo amministrato dai leader dell’ex organizzazione terroristica. La Repubblica del Kosovo – dopo la guerra a eseguire –  iniziò immediatamente  una politica di pulizia etnica di tutta la popolazione non albanese e mise in atto una islamizzazione della provincia.
  10. L’obiettivo finale politico-nazionale dell’UCK al potere in Kosovo è includere questa provincia nella Grande Albania progettata dalla Prima Lega albanese di Prizren nel 1878-1881 e per la prima volta realizzata durante la seconda guerra mondiale. [20]
  11. Probabilmente, la principale conseguenza dell’occupazione del Kosovo da parte della NATO – dopo il giugno 1999 ad oggi –  è una distruzione sistematica dell’eredità culturale cristiana (serba) e della caratteristica della provincia seguita dalla sua evidente e globale islamizzazione e quindi dalla trasformazione del Kosovo in un nuovo Stato islamico. .
  12. Per quanto riguarda il caso della crisi del Kosovo nel 1998-1999, il primo e autentico intervento “umanitario” è stato quello delle forze di sicurezza serbe contro il gruppo terrorista KLA al fine di preservare le vite umane dell’etnia serba e anti-KLA albanesi nella provincia .
  13. Il Patto di stabilità balcanico sia per la Bosnia-Erzegovina che per il Kosovo-Metochia ha tentato di sottovalutare il concetto tradizionale di sovranità dando piena possibilità pratica al controllo amministrativo delle Nazioni Unite (di fatto dell’Occidente) su questi due territori ex-jugoslavi. [21]
  14. L’intervento “umanitario” della NATO nel 1999 contro la RFJ ha chiaramente violato gli standard internazionali riconosciuti del non intervento, basati sul principio di “inviolabilità dei confini” andando oltre la linea della “guerra giusta” secondo cui l’autodifesa è la ragione cruciale, o almeno la giustificazione formale, per l’uso della forza.
  15. Mentre la NATO ha adempiuto in modo dichiarativo “la responsabilità internazionale di proteggere” (l’etnia albanese) bombardando pesantemente la Serbia e troppo poco il Montenegro, – aggirando il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite – è chiaro che questo sforzo terroristico di 78 giorni è stato controproducente in quando “ha creato più profughi umani sofferenti di quanti ne ha allievato ”. [22]
  16. La questione fondamentale riguardo agli interventi “umanitari” in Kosovo oggi è sul perché i governi occidentali non abbiano intrapreso un altro intervento militare coercitivo “umanitario” dopo il giugno 1999, al fine di prevenire un’ulteriore pulizia etnica e violazioni brutali dei diritti umani contro tutta la popolazione non albanese in Kosovo ma soprattutto contro i serbi.
  17. Infine, l’intervento militare della NATO è stato visto da molti costruttivisti sociali come un fenomeno di “democrazie bellicose”, come una dimostrazione di come le idee di democrazia liberale “minino la logica della teoria della pace democratica”. [23]

       

Prof. Dr. Vladislav B. Sotirovic

www.global-politics.eu/sotirovic

sotirovic@global-politics.eu

____________________

 

Riferimenti

[1] SL Spiegel, JM Taw, FL Wehling, KP Williams, World Politics in a New Era , Thomson Wadsworth, 2004, 319.

[2] A. Heywood, Global Politics , New York: Palgrave Macmillan, 2011, 320.

[3] Ibid ., 319.

[4] J. Haynes, P. Hough, Sh. Malik, L. Pettiford, World Politics , Harlow: Pearson Education Limited, 2011, 639.

[5] Il 1244 Risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite il 10 giugno th , le responsabilità di base 1999. La KFOR sono stati:

  1. Per proteggere le operazioni di aiuto.
  2. Per proteggere tutta la popolazione del Kosovo.
  3. Creare una sicurezza stabile nella provincia in modo che l’amministrazione internazionale possa funzionare normalmente.

[6]Questo riconoscimento dell’autoproclamata indipendenza del Kosovo da un paese democratico della Serbia con un regime filo-occidentale ha sostanzialmente dato la vittoria ai radicali albanesi del Kosovo della pulizia etnica dopo il giugno 1999. Gli albanesi del Kosovo hanno iniziato le loro atrocità contro i serbi immediatamente dopo la Accordo di Kumanovo nel giugno 1999, quando l’UCK tornò in Kosovo insieme alle truppe di terra di occupazione della NATO. Fino a febbraio 2008, c’erano circa 200.000 serbi espulsi dal Kosovo e 1.248 non albanesi che sono stati uccisi in alcuni casi anche in modo molto brutale. Il numero di non albanesi rapiti non è ancora noto, ma presumibilmente la maggior parte di loro è stata uccisa. C’erano 151 monumenti spirituali e culturali serbo-ortodossi in Kosovo distrutti dagli albanesi oltre a 213 moschee costruite con il sostegno finanziario dell’Arabia Saudita. Prima della proclamazione dell’indipendenza del Kosovo, l’80% dei cimiteri era stato completamente distrutto o parzialmente profanato dagli albanesi. Sul diritto del Kosovo all’indipendenza, vedi [M. Sterio,Il diritto all’autodeterminazione secondo il diritto internazionale: “Selfistans”, Secession, and the Rule of the Great Powers , New York-London: Routledge, Taylor & Francis Group, 2013, 116-129]. Sulla secessione dal punto di vista del diritto internazionale, vedi [MG Kohen, Secession: International Law Perspectives , New York: Cambridge University Press, 2006].

[7] T. Burghardt, “Kosovo: Europe’s Mafia State. Hub of the EU-NATO Drug Trail “, 22-12-2010, http://www.globalresearch.ca/kosovo-europe-s-mafia-state-hub-of-the-eu-nato-drug-trail/ 22486.

[8] J. Haynes, P. Hough, Sh. Malik, L. Pettiford, World Politics , Harlow: Pearson Education Limited, 2011, 588.

[9] Sulla “pace giusta”, vedi [P. Allan, A. Keller (eds.), Che cos’è una pace giusta? , Oxford-New York: Oxford University Press, 2006].

[10] Secondo le fonti ufficiali occidentali, anche fino al 90% della popolazione albanese del Kosovo divenne rifugiato durante l’intervento militare della NATO. Pertanto, dovrebbe essere il più grande sfollamento di civili in Europa dopo la seconda guerra mondiale. Tuttavia, tutti questi profughi albanesi sono indiscutibilmente considerati “espulsi” dalle loro case dalle forze di sicurezza serbe e dall’esercito jugoslavo.

[11] Ad esempio, nell’operazione “Medak Pocket” il 9 settembre ° 1993 ci sono stati uccisi circa 80 civili serbi dalle forze croate [В. Ђ. Мишина (уредник), Република Српска Крајина: Десет година послије , Београд: Добра воља Београд] ha servito anche in Kosovo, 2005.

[12] La guerra “partigiana” o “guerriglia” è combattuta da truppe irregolari usando principalmente tattiche che si adattano alle caratteristiche geografiche del terreno. La caratteristica cruciale della tattica della guerra partigiana è che utilizza mobilità e sorpresa ma non battaglie frontali dirette con il nemico. Di solito, i civili pagano il prezzo più alto nel corso della guerra partigiana. In altre parole, è “guerra condotta da irregolari o guerriglieri , di solito contro forze regolari e in uniforme, impiegando mordi e fuggi, imboscate e altre tattiche che consentono a un numero minore di guerriglieri di vincere battaglie contro numericamente superiori, spesso pesantemente- forze armate regolari “[PR Viotti, MV Kauppi, Relazioni internazionali e politica mondiale: laicità, economia, identità, Harlow: Pearson Education Limited, 2009, 544]. Per quanto riguarda la guerra del Kosovo nel 1998-1999, la ricostruzione della strategia di guerriglia albanese è la seguente:

“… Una pattuglia della polizia sta passando un villaggio quando si apre un incendio improvviso e alcuni poliziotti vengono uccisi e feriti. La polizia risponde al fuoco e l’ulteriore sviluppo dipende dalla forza dell’unità ribelle impegnata. Se il villaggio appare ben protetto e rischioso di attaccare da parte delle unità ordinarie, queste smettono di combattere e chiede ulteriore supporto. Di solito arriva come unità paramilitare, che lancia un feroce assalto ”[PV Grujić, Kosovo Knot , Pittsburgh, Pennsylvania: RoseDog Books, 2014, 193].

[13] La “guerra giusta” è considerata una guerra che ha lo scopo di soddisfare determinati standard etici, e quindi è (presumibilmente) moralmente giustificata.

[14] A. Heywood, Global Politics , New York: Palgrave Macmillan, 2011, 257.

[15] М. Радојевић, Љ. Димић, Србија у Великом рату 1914−1915 , Београд: Српска књижевна задруга − Београдски форум за свопит 94, 2014.

[16] Ad esempio, l’Albania ha fornito armi ai separatisti albanesi del Kosovo nel 1997, quando circa 700.000 pistole furono “rubate” dalla folla albanese dalle riviste dell’esercito albanese, ma la maggior parte di queste armi trovò la sua strada esattamente nel vicino Kosovo. I membri dell’UCK sono stati addestrati in Albania con l’aiuto degli istruttori militari della NATO e poi inviati in Kosovo.

[17] RJ Art, KN Waltz (a cura di), The Use of Force: Military Power and International Politics , Lanham − Boulder − New York − Toronto − Oxford: Rowman & Littlefield Publishers, Inc., 2004, 257.

[18] В. Б. Сотировић, Огледи из југославологије , Виљнус: приватно издање, 2013, 19−29.

[19] Sull’intervento “umanitario” della NATO nella FRY nel 1999, vedere di più in [G. Szamuely, Bombs for Peace: NATO’s Humanitarian War on Jugoslavia , Amsterdam: Amsterdam University Press, 2013].

[20] Si prevede che un progetto della Grande Albania “sia un’area di circa 90.000 chilometri quadrati (36.000 miglia quadrate), inclusi Kosovo, Grecia, Macedonia, Serbia e Montenegro” [J. Haynes, P. Hough, Sh. Malik, L. Pettiford, World Politics , Harlow: Pearson Education Limited, 2011, 588].

[21] R. Johnson, “Reconstructing the Balkans: The effects of a global governance approach”, M. Lederer, P. Müller (eds.), Criticizing Global Governance , New York: Palgrave Macmillan, 2005, 177.

[22] AF Cooper, J. Heine, R. Thakur (a cura di), The Oxford Handbook of Modern Diplomacy , Oxford-New York: Oxford University Press, 2015, 766.

[23] J. Haynes, P. Hough, Sh. Malik, L. Pettiford, World Politics , Harlow: Pearson Education Limited, 2011, 225.

 

 

Exit mobile version