La guerra ucraina e il disastro della rottura degli accordi di Yalta

Gli effetti di sconvolgere queste regole e rinnegare gli accordi si vedranno e già si vedono. Questa è la questione centrale e la base della geopolitica

Le regole mantenute fin qui che hanno assicurato in Europa e nei paesi occidentali la pace, sono state decise essenzialmente a Yalta.

Sono stati i vincitori della Grande Guerra che – pur nelle differenze che i loro sistemi esprimevano – hanno deciso quelle regole basate sul multilateralismo, che fotografavano le sfere di influenza.

Un grosso errore che viene ripetuto costantemente – ma non per questo diventerà mai verità – è che dal dopoguerra la pace sia stata mantenuta in Europa dalla NATO.

Non è vero storicamente poiché è l’accordo di Yalta che ha determinato le sfere di influenza, e non è vero perché è la NATO -che da strumento di difesa è diventata soggetto politico egemonico- in più occasioni non ha rispettato quelle regole che avevano assicurato stabilità e crescita alle popolazioni europee.

Quindi, solo il ritorno al concetto di ‘sfere di influenza’ interrotto dagli Stati Uniti, può restituire al mondo la prosecuzione di un periodo di pace e prosperità, ora perso.

Interessante al riguardo il contributo di David Pine “”Per opporsi a Russia e Cina, gli USA devono passare alla divisione delle “sfere di influenza” “, una disamina scritta e pubblicata 12 ottobre 2021 su The National Interest (USA) su questo specifico argomento di fondamentale importanza.

Non è escluso che gli eventi in corso non siano stati decisi dagli Stati Uniti solo per dividere la Russia dalla Cina -tramite il depotenziamento della Russia per poi poter meglio affrontare la Cina- ma altro non sarebbe che la visione di un mondo unipolare ancor più marcato dell’attuale, esposto ad infinite contraddizioni e potenziali conflitti.

Riporto qui di seguito la traduzione dell’articolo di Davide Pine:

Gli Stati Uniti sono ora seriamente intrappolati dalla minaccia di condurre una guerra su due fronti contemporaneamente (Russia e Cina) a causa della loro crescente superiorità nelle armi nucleari, elettromagnetiche (EMP) e cibernetiche. Nonostante la crescente inadeguatezza strategica e militare degli Stati Uniti, molti, se non la maggior parte dei politici statunitensi, continuano a credere che il loro paese sia la forza militare più potente della terra.

Questa profonda illusione li ha portati a trascurare la ricostruzione dell’arsenale nucleare americano, la creazione di un sistema nazionale di difesa missilistica completo ed il rafforzamento sistemico della rete elettrica nazionale al fine di prevenire le conseguenze catastrofiche di un attacco al loro paese da parte di Russia o Cina. I leaders americani dovrebbero abbandonare le loro nozioni idealistiche di un mondo unipolare sicuro e protetto in cui gli Stati Uniti siano universalmente riconosciuti come la più grande superpotenza. In realtà, tutto è completamente diverso.

Oggi, l’America deve affrontare scelte sempre più difficili, limitate e scomode e ha un disperato bisogno di una nuova e lungimirante grande strategia che contrasti, divida e distrugga la crescente alleanza tra  le due superpotenze nucleari, Cina e Russia.

Per risolvere il dilemma senza precedenti della sicurezza nazionale e garantire la sopravvivenza dell’America, i leaders statunitensi devono sostituire la propria ricerca di egemonia – una “grande” strategia, obsoleta e fallita – con il concetto di “restrizione strategica” e mantenimento dell’equilibrio di potere mondiale. Una strategia di “restrizione” conserverebbe le preziose vite degli americani ed il tesoro nazionale, insieme alle proprie limitate risorse militari, e le reindirizzerebbe alla difesa degli interessi vitali degli Stati Uniti. Ridurrebbe i rischi di una guerra non necessaria con gli avversari dell’America come superpotenza nucleare, il che creerebbe una situazione più sicura per sè e, si spera, più pacifica sul pianeta.

La “restrizione strategica” implica che nessuna grande potenza mondiale cerchi di dominare l’Europa o il nord-est asiatico. Allo stesso tempo, costringerà gli alleati degli Stati Uniti a sopportare il peso di mantenere la sicurezza nelle loro regioni e farà affidamento sulle forze locali per bilanciare egemonie regionali come Russia e Cina. Le forze armate statunitensi rimarranno di stanza “oltre l’orizzonte”, nelle acque circostanti gli Stati Uniti o all’interno del territorio americano, evitando posizioni di dispiegamento avanzato in cui la presenza militare statunitense diventa essenzialmente un “ponte” che ci tenta a impegnarci in conflitti stranieri in caso di aggressione, ma del tutto insufficiente per proteggere gli alleati degli Stati Uniti o addirittura prevenire tale aggressione.

Di conseguenza, per ridurre il rischio che gli Stati Uniti siano coinvolti in guerre con grandi potenze che potrebbero esporre il territorio statunitense ad attacchi nucleari o elettromagnetici, gli Stati Uniti potrebbero ritirare le proprie forze militari dall’Europa, dall’Africa e dall’Asia, compreso il Medio Oriente. Si asterrebbero anche dall’invadere e occupare altri paesi come parte dei loro sforzi per cambiare potere e costruire nuovi stati. Gli Stati Uniti invieranno un corpo di spedizione solo se i paesi all’interno della sua sfera di influenza, o quelli di interesse vitale per esso, come l’Europa occidentale e il Giappone, sono minacciati da un attacco nemico imminente.

Un’eccezione può essere fatta per mantenere un numero limitato di truppe statunitensi. La riduzione della presenza militare statunitense all’estero ridurrà significativamente il sostegno al terrorismo antiamericano e, soprattutto, ridurrà significativamente il desiderio di Russia e Cina di unirsi l’una con l’altra in opposizione agli Stati Uniti. Come parte di questa strategia, l’America abbandonerà finalmente la fallita Guerra Globale al Terrorismo, che ha visto trilioni di dollari sprecati in guerre infruttuose con i militanti in Medio Oriente. Invece, dopo due decenni di distrazioni in cui Russia e Cina hanno superato gli Stati Uniti praticamente in ogni area chiave della tecnologia militare strategica, gli Stati Uniti continueranno finalmente a modernizzare e ricostruire il proprio arsenale nucleare strategico e le capacità difensive strategiche.

Questa teoria della “restrizione strategica” non è nuova. È stata sostenuta da alcuni eminenti scienziati politici americani come John Mearsheimer, Stephen Walt, Robert Pape e Christopher Lane. Inoltre, l’analisi storica mostra che la maggior parte delle grandi potenze, che per vari motivi si trovavano in uno stato di profondo declino, applicavano la strategia della “ragionevole moderazione” e avevano notevolmente più successo degli stati che perseguivano altre linee politiche.

L’adozione di una strategia di bilanciamento “offshore” potrebbe essere accompagnata da una continua “offensiva di pace” diplomatica statunitense e dalla negoziazione di un accordo globale sulle sfere di influenza che protegga gli interessi vitali degli Stati Uniti e prevenga la possibilità crescente di una guerra involontaria e catastrofica con la Russia o la Cina . L’ultimo accordo sulla divisione delle sfere di influenza fu firmato dal presidente Franklin Delano Roosevelt, dal primo ministro Winston Churchill e dal dittatore sovietico Joseph Stalin alla Conferenza di Yalta nel febbraio 1945. Ha avuto successo nel mantenere la pace tra le grandi potenze in Europa per più di mezzo secolo, in parte perché gli Stati Uniti hanno mantenuto una parità nucleare “approssimativa” con l’Unione Sovietica durante la Guerra Fredda.

La divisione globale delle sfere di influenza tra Stati Uniti, Russia e Cina potrebbe avere lo stesso successo per il mondo intero oggi. Il presidente russo Vladimir Putin ha ripetutamente affermato che uno dei suoi principali compiti di politica estera è la conclusione di “nuovi accordi di Yalta”. In un tale schema, il mondo sarebbe diviso in regioni, ciascuna con il proprio egemone regionale dominante, con l’obiettivo principale di promuovere la stabilità e la pace tra le grandi potenze.

In base a un tale accordo, gli Stati Uniti manterrebbero la più vasta sfera di influenza, compreso l’intero emisfero occidentale, l’Europa occidentale, il Giappone, l’Australia e la Nuova Zelanda, che rimarrebbero sotto la protezione dell'”ombrello nucleare” americano. La sfera di influenza della Russia includerà le ex repubbliche sovietiche, la Serbia, l’Iran, l’Iraq, la Siria e la Libia. La sfera di influenza della Cina può consistere in Corea del Nord, Taiwan, Mar Cinese Meridionale, Pakistan, Afghanistan, quattro paesi “marxisti” nel sud-est asiatico e circa una mezza dozzina di paesi africani attualmente guidati da dittatori pseudo-comunisti. Se i leader statunitensi accettassero un tale piano e si impegnassero a non inviare truppe statunitensi nell’Europa orientale – tranne in caso di aggressione russa – allora la Russia, avendo realizzato il suo obiettivo di fornire sicurezza militare lungo il confine occidentale, non sentirebbe la necessità vitale di nuovi conflitti.

Come disse saggiamente l’antico stratega cinese Sun Tzu in The Art of War, “In guerra, la prima cosa da fare è attaccare la strategia del nemico. E l’altra cosa più importante è distruggere le alleanze nemiche attraverso la diplomazia”. Oggi, gli Stati Uniti potrebbero persino accettare di ritirarsi dalla NATO, che continuerà a funzionare come un’alleanza guidata dall’Europa piuttosto che dagli Stati Uniti, in cambio del ritiro della Russia dalla sua alleanza con la Cina e della fine di tutte le operazioni di cooperazione militari e tecnico-militari sino-russe.  Un accordo così completo riconoscerebbe e rispetterebbe gli interessi vitali di tutte e tre le superpotenze nucleari e risolverebbe tutte le principali controversie in sospeso. Ciò ridurrà al minimo i potenziali rischi di conflitto militare nell’interesse del mantenimento della pace tra le grandi potenze.

Come ha spiegato Graham Ellison nel suo articolo sugli affari esteri, il mantenimento di una tale pace è fondamentale per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti:

Anche una guerra convenzionale che può degenerare in una guerra nucleare può portare al disastro… A questo proposito, i politici statunitensi dovranno abbandonare i sogni irraggiungibili dei mondi che sognavano e accettare il fatto che le sfere di influenza rimarranno alla base della geopolitica. Questa accettazione sarà inevitabilmente un processo lungo, controverso e doloroso. Tuttavia, potrebbe anche portare una spinta alla creatività strategica, un’opportunità per ottenere nientemeno che un ripensamento fondamentale dell’arsenale concettuale di sicurezza nazionale degli Stati Uniti.

La Russia e la Cina hanno già le loro sfere di influenza, osserva Ellison, indipendentemente dal fatto che i loro leader statunitensi le riconoscano o meno. Le ripetute incursioni militari statunitensi in queste sfere di influenza dopo la fine della Guerra Fredda (principalmente come parte dell’espansione della NATO nell’Europa orientale in generale e nei paesi baltici in particolare) hanno anche provocato una più stretta integrazione militare di Russia e Cina.

Gli Stati Uniti hanno obblighi di sicurezza con più di un quinto dei paesi del mondo, lasciando le proprie forze militari seriamente sovraccaricate. Per risolvere questo problema, un’altra alternativa più praticabile e politicamente accettabile a un accordo globale con Russia e Cina per l’amministrazione Biden sarebbe un ritiro unilaterale delle forze militari statunitensi avanzate dall’Europa orientale, dall’Asia centrale, dal Medio Oriente e dal Mar Cinese Meridionale, Giappone e penisola coreana. . I leader statunitensi credono ancora che più alleati hanno gli Stati Uniti, più sicuro e fiducioso sarà il paese. Tuttavia, gli impegni ad entrare in guerre convenzionali, e possibilmente nucleari, con Russia e Cina per paesi che non rappresentano interessi vitali per gli Stati Uniti, creano molti più rischi, che benefici per la sicurezza nazionale americana. L’amministrazione Biden dovrebbe sottoporre tutte le alleanze statunitensi a un’analisi costi-benefici per determinare quali migliorano la sicurezza nazionale degli Stati Uniti e quali espongono il nostro paese a un rischio inutile di essere coinvolto in conflitti con le grandi potenze sugli interessi secondari.

L’America potrebbe rinunciare al proprio impegno per la sicurezza dei paesi che falliscono un simile test.

Innanzitutto, i vertici degli Stati Uniti devono immediatamente informare Mosca e Pechino che l’America non interverrà in azioni militari in eventuali conflitti su Taiwan o sulle ex repubbliche sovietiche (tutte comunque semplicemente impossibili da difendere), abbandonando sostanzialmente il futuro Interventi militari statunitensi nelle loro sfere di influenza. Tali azioni rafforzerebbero la sicurezza nazionale degli Stati Uniti e ridurrebbero notevolmente le possibilità di attacchi russi e cinesi sul suolo statunitense, riducendo la minaccia percepita da Mosca e Pechino per sé stessi. Allo stesso tempo, gli Stati Uniti potrebbero aumentare la probabilità di attriti e dissensi tra Cina e Russia, potenzialmente dividendo e distruggendo la loro alleanza nel tempo. Come mostra la storia, niente unisce Mosca e Pechino come come i tentativi miopi dell’America di proiettare la sua potenza nell’Europa orientale e nell’Asia orientale, insieme ai suoi sforzi per diventare l’unica superpotenza dominante del mondo. Se l’America non avesse alimentato l’ira di Cina e Russia, la sua relazione storicamente ostile con la coppia avrebbe potuto raddrizzarsi molto tempo fa.

__________________________________________________________________________________

David Pine è un ex ufficiale con incarichi di combattimento e di stato maggiore dell’esercito americano con un master in studi sulla sicurezza nazionale presso la Georgetown University. Attualmente è vicedirettore del gruppo consultivo del Congresso degli Stati Uniti sulle sfide e le minacce emergenti (Commissione EMP del Congresso).

fonte: The National Interest

Exit mobile version