La guerra in Karabakh è finita: cessate il fuoco completo

La guerra in Karabakh è finita: cessate il fuoco completo 1

NAGORNO KARABAKH: Cartina fisica della regione con modifiche del controllo territoriale in seguito all'avanzata azera. Gli armeni controllano ancora le aree montuose.

La guerra in Karabakh è finita. I Presidenti di Russia, Azerbaigian e Armenia Vladimir Putin, Ilham Aliyev e Nikol Pashinyan hanno firmato la dichiarazione corrispondente.

Dice quanto segue:

“1. E’ annunciato un cessate il fuoco completo e tutte le ostilità nella zona di conflitto del Nagorno-Karabakh dalle 00:00 del 10 novembre 2020. La Repubblica dell’Azerbaigian e la Repubblica d’Armenia, di seguito denominate le Parti, si fermano alle loro posizioni.

2. La regione di Aghdam ei territori detenuti dalla Parte armena nella regione del Gaza della Repubblica dell’Azerbaigian saranno restituiti alla Parte dell’Azerbaigian fino al 20 novembre 2020.

3. Lungo la linea di contatto nel Nagorno-Karabakh e lungo il corridoio Lachin, è dispiegato un contingente di peacekeeping della Federazione Russa composto da 1.960 militari con armi leggere, 90 veicoli corazzati, 380 unità di automobili e attrezzature speciali.

4. Il contingente di mantenimento della pace della Federazione Russa viene schierato parallelamente al ritiro delle forze armate armene. La durata della permanenza del contingente di mantenimento della pace della Federazione Russa è di 5 anni con proroga automatica per i successivi periodi di 5 anni, se nessuna delle Parti dichiara 6 mesi prima della scadenza del periodo di intenzione di terminare l’applicazione di questa disposizione.

5. Al fine di aumentare l’efficacia del controllo sull’attuazione degli accordi da parte delle Parti in conflitto, viene dispiegato un centro di mantenimento della pace per controllare il cessate il fuoco.

6. La Repubblica di Armenia restituirà la regione del Kelbajar alla Repubblica dell’Azerbaigian entro il 15 novembre 2020 e la regione di Lachin entro il 1 ° dicembre 2020, lasciandosi alle spalle il corridoio Lachin (largo 5 km), che garantirà il collegamento del Nagorno-Karabakh con l’Armenia e allo stesso tempo non influenzerà la città di Shusha.

Di comune accordo tra le Parti, nei prossimi tre anni, verrà definito un piano per la costruzione di una nuova via di traffico lungo il corridoio Lachin, che prevede la comunicazione tra Stepanakert e l’Armenia, con il successivo ridistribuzione del contingente di peacekeeping russo a protezione di tale rotta. La Repubblica dell’Azerbaigian garantisce la sicurezza del traffico lungo il corridoio Lachin di cittadini, veicoli e merci in entrambe le direzioni.

7. Gli sfollati interni e rifugiati stanno tornando nel territorio del Nagorno-Karabakh e nelle aree adiacenti sotto il controllo dell’Ufficio dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati.

8. E’ previsto uno scambio di prigionieri di guerra e altre persone detenute e corpi dei morti.

9. Tutti i collegamenti economici e di trasporto nella regione sono sbloccati. La Repubblica di Armenia fornisce collegamenti di trasporto tra le regioni occidentali della Repubblica dell’Azerbaigian e la Repubblica autonoma di Nakhichevan al fine di organizzare il movimento senza ostacoli di cittadini, veicoli e merci in entrambe le direzioni. Il controllo dei trasporti è esercitato dagli organi del Servizio di frontiera dell’FSB della Russia.

Con l’accordo delle parti, sarà assicurata la costruzione di nuove comunicazioni di trasporto che collegano la Repubblica Autonoma di Nakhichevan con le regioni occidentali dell’Azerbaigian “.

Exit mobile version