La guarigione da Covid previene l’infezione da Delta meglio del vaccino Pfizer

La guarigione da Covid previene l'infezione da Delta meglio del vaccino Pfizer 1

Le persone guarite da Covid-19 durante una delle prime ondate della pandemia sembrano avere un rischio inferiore di contrarre la variante delta rispetto a quelle che hanno ricevuto due dosi del vaccino da Pfizer/BioNTech.

La più grande analisi eseguita sul mondo reale, che confronta l’immunità naturale, ottenuta mediante un precedente contagio, con la protezione fornita da uno dei vaccini più potenti attualmente in uso, ha dimostrato come le reinfezioni siano molto meno comuni nel primo gruppo. Il documento di ricercatori in Israele contrasta con studi precedenti, che hanno dimostrato che le vaccinazioni offrivano una protezione migliore rispetto a un’infezione precedente, sebbene quegli studi non riguardassero la variante delta.

I risultati sono una buona notizia per i pazienti che hanno già superato il Covid-19, ma mostrano che fare affidamento esclusivamente sulle vaccinazioni per superare la pandemia è problematico. Le persone a cui sono state somministrate entrambe le dosi del vaccino Pfizer-BioNTech avevano quasi sei volte più probabilità di contrarre un’infezione delta e sette volte più probabilità di avere una malattia sintomatica rispetto a coloro che sono guariti.

“Questa analisi ha dimostrato che l’immunità naturale offre una protezione più duratura e più forte contro le infezioni, le malattie sintomatiche e il ricovero in ospedale a causa della variante delta”, hanno affermato i ricercatori. L’analisi ha dimostrato anche che la protezione da un’infezione precedente diminuisce con il tempo. Il rischio di contrarre la variante delta dopo una vaccinzione era 13 volte superiore al rischio di sviluppare una seconda infezione quando la malattia originale si è verificata a gennaio o febbraio 2021.

sintesi di un articolo di Bloomberg

Exit mobile version