La gravità dell’azione della NATO che non vuol concedere la neutralità all’Ucraina

La NATO ha appena dichiarato guerra alla Russia?

Di Mike Whitney

“Non importa chi cerca di ostacolarci… deve sapere che la Russia risponderà immediatamente e le conseguenze saranno come non hai mai visto in tutta la tua storia…. Spero che le mie parole vengano ascoltate”. Vladimir Putin lancia un avvertimento a qualsiasi paese che tenti di fermare le “Operazioni Speciali” russe in Ucraina

 Con una mossa che può essere considerata solo una grande escalation, venerdì i funzionari della NATO hanno annunciato che avrebbero schierato truppe della sua Forza di risposta pronta al combattimento per sostenere il regime ucraino [dalla Polonia e dal Baltico Stati] nella sua guerra con la Russia. L’Alleanza invierà anche armi aggiuntive che saranno utilizzate per smussare l’offensiva russa che ha già preso gran parte del paese e cancellato la maggior parte delle capacità difensive dell’Ucraina.  È impossibile sopravvalutare la gravità dell’azione della NATO, che attribuisce tale importanza alla conservazione del suo “regime della giunta” a Kiev da schierare volontariamente la NATO contro una Russia dotata di armi nucleari in quella che potrebbe diventare una guerra regionale molto più ampia. Chiaramente, gli obiettivi strategici di questo oscuro conflitto vanno ben oltre il mero controllo di uno stato fallito etnicamente diviso situato tra Europa e Asia. L’Ucraina non è più solo un trofeo geopolitico per le élite occidentali, ma un ultimo sforzo per Washington per dimostrare che controlla ancora le leve del potere globale. Ecco la storia di Reuters:

“Venerdì il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha dichiarato che l’alleanza stava dispiegando parti della sua forza di risposta pronta al combattimento e che avrebbe continuato a inviare armi in Ucraina, comprese le difese aeree, mentre affermava che la Russia stava cercando di rovesciare il governo ucraino.

“Vediamo la retorica, i messaggi, che indicano con forza che l’obiettivo è rimuovere il governo democraticamente eletto a Kiev”, ha detto in una conferenza stampa a seguito di un incontro virtuale dei leader della NATO.
“Alleati della NATO per fornire più armi all’Ucraina, dice Stoltenberg” , Reuters)

La decisione di Stoltenberg non dà al presidente russo Vladimir Putin altra scelta che localizzare e distruggere qualsiasi arma o truppa che entri nel paese che potrebbe essere usata per uccidere o ferire i militari russi. Naturalmente, l’uccisione del personale della NATO potrebbe essere utilizzata per intensificare ulteriormente il conflitto facendo precipitare la regione in una conflagrazione molto più ampia e violenta . Ecco di più dalla conferenza stampa di Stoltenberg di venerdì:

“Ieri gli alleati della NATO hanno attivato i nostri piani di difesa… a terra, in mare e in aria… Gli Stati Uniti, il Canada e gli alleati europei hanno dispiegato altre migliaia di truppe nella parte orientale dell’Alleanza… Ora abbiamo oltre 100 jet in stato di massima allerta operanti in oltre 30 località diverse… e oltre 120 navi dall’alto nord al Mediterraneo… tra cui tre gruppi di attacco….

Abbiamo molti aerei che operano nella parte orientale dell’Alleanza (e) diversi alleati hanno già in parte assegnato truppe e forze alla Forza di risposta della NATO”. Il supporto delle armi include anche “sistemi di difesa aerea…”  (che potrebbero essere utilizzati per rafforzare una no-fly zone).

Questa è la più grave crisi di sicurezza che abbiamo affrontato in Europa per decenni….. .. Si tratta di come la Russia stia effettivamente sfidando i valori fondamentali per la sicurezza e chiedendo che la NATO ritiri tutte le forze e le infrastrutture da quasi la metà dei nostri membri. E hanno affermato che se non soddisfiamo le loro richieste, ci saranno “conseguenze tecnico-militari”. Quindi,  dobbiamo prenderlo sul serio. Ed è proprio per questo che ora stiamo schierando la Forza di risposta della NATO, per la prima volta in un contesto di difesa collettiva”. Vertice virtuale della NATO,  25 febbraio 2022)

Stoltenberg ha ragione, la Russia sta sfidando i valori fondamentali della NATO sulla sicurezza e chiedendo che l’Alleanza ritiri le sue forze e le sue infrastrutture dalle porte della Russia. Quello che Stoltenberg non menziona è che l’espansione della NATO – posizionando siti missilistici, basi militari e truppe da combattimento al suo confine – rappresenta una minaccia esistenziale per la Russia . Non menziona inoltre che l’espansione della NATO viola gli accordi (di cui tutti i membri della NATO sono firmatari) in base ai quali tutte le parti dell’accordo si asterranno da qualsiasi azione che possa ledere gli interessi di sicurezza degli altri membri. A Istanbul (1999) e ad Astana (2010), gli Stati Uniti e gli altri 56 paesi dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE) hanno firmato documenti “che contenevano principi interconnessi per garantire l’indivisibilità della sicurezza”.

Ciò che significa, in termini pratici, è che le nazioni non possono collocare basi militari e siti missilistici in luoghi che rappresentano una minaccia per gli altri membri.  Significa che le parti devono astenersi dall’utilizzare i rispettivi territori per compiere o assistere l’aggressione armata contro altri membri. Significa che alle parti è vietato agire in modo contrario ai principi stabiliti nel trattato.  Significa che l’Ucraina non può diventare un membro della NATO se la sua adesione rappresenta una minaccia per la sicurezza russa .

Quindi sì, la Russia sta sfidando l’approccio della NATO alla sicurezza, principalmente perché l’approccio della NATO è costruito sulle macerie dei trattati che gli Stati membri hanno già firmato e approvato ma che ora si rifiutano di onorare perché non fa avanzare i loro obiettivi geopolitici.

Stoltenberg vorrebbe che tutti noi credessimo che l’adesione alla NATO dovrebbe essere semplicemente una questione di scelta personale (“Ogni nazione ha il diritto di scegliere le proprie disposizioni di sicurezza”) come scegliere quale gusto di gelato si vuole mangiare. Ma non è così che i leader proteggono i loro paesi da potenziali minacce. Tali  minacce possono essere mitigate solo quando altre nazioni concordano sul fatto che “NON rafforzeranno la propria sicurezza a spese della sicurezza degli altri”. Questa è la linea di fondo e non cambierà mai. La sicurezza nazionale è la massima priorità di ogni leader e lo sarà sempre. Stoltenberg rifiuta questo principio fondamentale della sicurezza globale e il suo rifiuto ha aperto la strada alla guerra. Se vuoi sapere chi è il responsabile della guerra in Ucraina: incolpare la NATO.  Ecco come ha riassunto Putin:

“Negli ultimi 30 anni abbiamo pazientemente cercato di raggiungere un accordo con i principali paesi della NATO sui principi di una sicurezza uguale e indivisibile in Europa. In risposta alle nostre proposte, abbiamo invariabilmente affrontato o cinici inganni e bugie o tentativi di pressioni e ricatti, mentre  l’alleanza del Nord Atlantico ha continuato ad espandersi nonostante le nostre proteste e preoccupazioni. La sua macchina militare si sta muovendo e, come ho detto, si sta avvicinando al nostro stesso confine.

Perché sta succedendo? Da dove veniva questo modo insolente di parlare dall’alto del loro eccezionalismo, infallibilità e permissivismo? Qual è la spiegazione di questo atteggiamento sprezzante e sdegnoso nei confronti dei nostri interessi e delle nostre richieste assolutamente legittime?”

“Per gli Stati Uniti e i suoi alleati, è una politica di contenimento della Russia, con evidenti dividendi geopolitici. Per il nostro Paese è una questione di vita o di morte, una questione del nostro futuro storico come nazione. Questa non è un’esagerazione; questo è un fatto. Non è solo una minaccia molto reale ai nostri interessi, ma anche all’esistenza stessa del nostro Stato e alla sua sovranità. È la linea rossa di cui abbiamo parlato in numerose occasioni. L’hanno attraversato”.  (” Discorso del Presidente della Federazione Russa “, Cremlino, RU)

Vale la pena notare che Stoltenberg è stato scelto per diventare il prossimo capo della Banca centrale norvegese, il che illustra la relazione intima tra i Big Money e le macchinazioni geopolitiche che immancabilmente finiscono in guerra. Possiamo solo chiederci se questa mossa rischiosa in Ucraina sia in realtà un tentativo di preservare un sistema finanziario occidentale che è così completamente marinato nella corruzione che i suoi mercati richiedono infusioni mensili di miliardi di dollari in contanti digitali per prevenire un tracollo a livello di sistema seguito da un precipitoso calo del valore del dollaro. Tenendo sotto controllo la Russia, i sostenitori di Stoltenberg potrebbero sperare di poter dare nuova vita al cadavere in decomposizione del sistema imperiale. Ma qualunque sia la ragione, il dispiegamento della NATO Combat-Ready Response Force aumenta notevolmente le possibilità di un errore di calcolo che potrebbe portare al disastro. Dai un’occhiata a questo breve blurb da un articolo di Ulrich Kühn che sottolinea i rischi della strategia attuale:

“Il presidente Biden e altri leader occidentali hanno ripetutamente chiarito che non avrebbero inviato forze in Ucraina. …Ciò non significa, tuttavia, che  azioni non intenzionali da parte della Russia… o dei singoli Stati membri della NATO non possano innescare un conflitto più ampio che nessuno ha pianificato.  Nelle prossime ore, giorni e settimane,  il rischio di quella che gli strateghi chiamano “escalation involontaria” aumenterà…

Un altro possibile scenario di escalation involontaria è legato alle richieste occidentali di armare le forze ucraine. Il giorno prima dell’assalto russo, il primo ministro britannico Boris Johnson ha annunciato, “il Regno Unito fornirà a breve un ulteriore pacchetto di supporto militare all’Ucraina. Ciò includerà aiuti letali sotto forma di armi difensive e aiuti non letali”. Poiché tali richieste moralmente giustificate potrebbero suonare nell’ambiente attuale, la domanda rimane: come verranno trasferite le armi all’Ucraina, ora che la Russia ha stabilito il dominio aereo sul paese? Quasi certamente non verrebbero trasportati in aereo, ma dovrebbero essere forniti utilizzando rotte terrestri o marittime. Sarebbe quindi nell’interesse dell’esercito russo ottenere un rapido controllo sui confini occidentali dell’Ucraina con gli alleati della NATO. Eventuali sforzi da parte dei singoli Stati membri della NATO per inviare ulteriore equipaggiamento militare attraverso i confini terrestri ucraini potrebbero incontrare una feroce resistenza russa e potrebbero portare a scaramucce tra il personale russo e quello della NATO”.  ( I percorsi dell’escalation involontaria: è possibile una guerra NATO-Russia (ora)? ” Bollettino degli scienziati atomici)

Allora, cosa ci dice questo estratto?

Ci dice che l’establishment della politica estera ha già “evitato” gli sviluppi che ora vediamo svolgersi. La NATO vorrebbe attirare Putin ad attaccare le loro linee di rifornimento, in modo che l’azione possa essere utilizzata per giustificare un maggiore coinvolgimento nel conflitto. In altre parole, quello che stiamo vedendo è uno sforzo calcolato per aumentare (in modo incrementale) la probabilità di una guerra tra Russia e NATO. Non c’è niente che farebbe più piacere allo zio Sam che vedere la Russia impantanata in un sanguinoso pantano che isola ulteriormente Mosca dall’Europa e impedisce il tipo di integrazione economica necessaria per riunire i continenti nella più grande zona di libero scambio del mondo. Washington vuole evitare questo scenario a tutti i costi. Dai un’occhiata a questa citazione dell’economista russo Sergie Glaziev:

“Per mantenere il loro dominio mondiale, gli (USA) stanno provocando un’altra guerra in Europa. Una guerra fa sempre bene all’America.  Chiamano persino la seconda guerra mondiale, che ha ucciso 50 milioni di persone in Europa e in Russia, una bella guerra. È stato un bene per l’America perché gli Stati Uniti sono emersi da questa guerra come la principale potenza mondiale. Anche la Guerra Fredda che si è conclusa con il crollo dell’Unione Sovietica è stata positiva per loro.  Ora gli Stati Uniti vogliono ancora una volta mantenere la loro leadership a spese dell’Europa. La leadership statunitense è minacciata da una Cina in rapida ascesa. Il mondo di oggi si sta spostando verso un altro ciclo, questa volta politico. Questo ciclo dura secoli ed è associato alle istituzioni globali dell’economia normativa.

Stiamo ora passando dal ciclo americano di accumulazione del capitale a un ciclo asiatico. Questa è un’altra crisi che sta sfidando l’egemonia degli Stati Uniti.  Per mantenere la loro posizione di leader di fronte alla concorrenza con una Cina in ascesa e altri paesi asiatici, gli americani stanno iniziando una guerra in Europa. Vogliono indebolire l’Europa, spezzare la Russia e soggiogare l’intero continente eurasiatico. Cioè, invece di una zona di sviluppo da Lisbona a Vladivostok, proposta dal presidente Putin, la Gli Stati Uniti vogliono iniziare una guerra caotica su questo territorio, coinvolgere tutta l’Europa in una guerra, svalutare il capitale europeo, cancellare il proprio debito pubblico, sotto il peso del quale gli Stati Uniti stanno già cadendo a pezzi, cancellare ciò che devono all’Europa e alla Russia , soggiogare il nostro spazio economico e stabilire il controllo sulle risorse del gigantesco continente eurasiatico. Credono che questo sia l’unico modo in cui possono mantenere la loro egemonia e battere la Cina…

Russia e Ucraina sono le vittime di questa guerra fomentata dagli americani. Ma anche l’Europa è una vittima perché la guerra mira a prendere di mira il benessere europeo e a destabilizzare l’Europa. Gli americani si aspettano che le capitali europee e la fuga di cervelli verso l’America continueranno. Ecco perché stanno dando fuoco a tutta l’Europa. È molto strano che i leader europei siano d’accordo con loro”.  (Guarda questa straordinaria  intervista del 2014 con l’intellettuale russo Sergei Glaziev  che è stata pubblicata sul sito web di The Saker quasi 10 anni fa)

Il dispiegamento della Forza di risposta pronta al combattimento della NATO fornisce ulteriori prove del fatto che l’Alleanza è un’organizzazione aggressiva e guerrafondaia che mina la sicurezza europea e mette a rischio il mondo intero. Essendo la zampa di gatto dell’America nel continente, la NATO agisce invariabilmente nell’interesse di Washington. Con questa mente, dovremmo aspettarci di vedere una costante intensificazione delle ostilità dirette contro la Russia, tutte progettate per dividere ulteriormente i continenti mentre rafforzano la presa di Washington sul potere.

Il dispiegamento della Forza di risposta pronta al combattimento della NATO fornisce ulteriori prove del fatto che l’Alleanza è un’organizzazione aggressiva e guerrafondaia che mina la sicurezza europea e mette a rischio il mondo intero. Essendo la zampa di gatto dell’America nel continente, la NATO agisce invariabilmente nell’interesse di Washington. Con questa mente, dovremmo aspettarci di vedere una costante intensificazione delle ostilità dirette contro la Russia, tutte progettate per dividere ulteriormente i continenti mentre rafforzano la presa di Washington sul potere.

(Correzione: le truppe della NATO non opereranno all’interno dell’Ucraina ma esclusivamente negli Stati membri della NATO. Questo non era chiaro dal comunicato originale della NATO. La domanda rimane, tuttavia, la fornitura di armi pesanti è un atto di guerra? A mio parere, sarebbe abbastanza facile per la NATO porre fine ai combattimenti semplicemente accettando di rendere l’Ucraina permanentemente neutrale, attuando il protocollo di Minsk e abbandonando tutti i piani per schierare missili nucleari in Polonia e Romania. L’unica richiesta di Putin è che la NATO affronti seriamente le legittime preoccupazioni della Russia in materia di sicurezza.)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.