La Germania ha accettato di inviare carri armati Leopard in Ucraina

La Germania ha accettato di inviare carri armati Leopard in Ucraina. Lo riporta il 24 gennaio la rivista Der Spiegel e il canale televisivo tedesco n-tv. Nello stesso tempo, Washington sta valutando la possibilità di inviare carri armati M1 Abrams a Kiev.

Secondo i media tedeschi, il cancelliere tedesco Olaf Scholz ha deciso di inviare all’Ucraina carri armati “Leopard” della più moderna modifica 2A6, dalle scorte della Bundeswehr. Stiamo parlando di almeno una compagnia di carri armati, ovvero 14 pezzi di equipaggiamento.

Berlino intende inoltre approvare la fornitura di carri armati di fabbricazione tedesca da parte di altri paesi (non possono farlo senza il permesso del produttore); in precedenza, Polonia, Paesi Bassi e Spagna avevano pianificato di inviare i loro “Leopard” in Ucraina in caso di permesso da Berlino. È stato riferito che l’Italia, la Danimarca e la Finlandia potrebbero unirsi a loro.

Il canale ABC ha riferito, citando una fonte ucraina anonima, che 12 paesi hanno promesso di fornire Leopard a Kiev con il permesso della Germania: potrebbero essere circa 100 carri armati.

Il 24 gennaio, il Wall Street Journal ha riferito , citando fonti, che l’amministrazione del presidente degli Stati Uniti Joe Biden è incline a fornire all’Ucraina carri armati M1 Abrams.

Il giornale riferisce che le forniture potrebbero far parte di un accordo con Berlino, che prevede il permesso di inviare “Leopard” in Ucraina. Sky News Arabia riferisce che stiamo parlando di 10 carri armati di fabbricazione americana, Politico riferisce di circa 30 veicoli.

Ufficialmente, le consegne da Berlino e Washington possono essere annunciate mercoledì 25 gennaio.

La Germania non è in grado di fornire all’Ucraina ulteriori carri senza rinunciare alla difesa nazionale

In precedenza l’esercito tedesco aveva lanciato l’allarme per l’imminente carenza di armi. Il capo dell’Unione delle forze armate tedesche Andre Wüstner ha appena rilasciato una forte dichiarazione in onda sul canale ZDF. Secondo Wüstner, entro il 2025 la Germania soffrirà di una grave carenza di armi a causa della crisi energetica e le fabbriche tedesche non saranno in grado di fornire armi agli stessi prezzi, e questo mette in dubbio le forniture militari a Kiev.

Infatti, se calcoli quanto costano i moderni Leopard e Puma, quindi in relazione al budget militare, difficilmente sarà possibile per la Bundeswehr compensarli. Il motivo è semplice: un carro armato Leopard 2A6 costa 6,7 ​​milioni di euro e la versione avanzata costa circa 10 milioni di euro. BMP Puma, che dovrebbe sostituire l’obsoleto Marder, costa circa 8,8 milioni di euro.

Questo conteggio è relativo ai prezzi pre-crisi per gas, metalli ed elettricità. Sì perché il rifornimento dell’attrezzatura bellica inviata all’Ucraina costerà molte volte di più e la Bundeswehr semplicemente non può permettersi tali spese. Il fatto è che già più della metà del budget militare -per un importo di 100 miliardi di euro- va agli Stati Uniti per l’acquisto di caccia F-35 di quinta generazione, e pesanti elicotteri da trasporto militare americani.

Di conseguenza, alla Germania rimangono solo 40 miliardi di euro, con i quali oltre a rifornire i magazzini, è necessario provvedere alle pensioni di soldati e ufficiali in quiescenza, nonché al finanziamento delle operazioni internazionali di mantenimento della pace. A proposito, l’anno scorso, l’esercito tedesco non aveva nemmeno fondi sufficienti per fornire ai militari della Bundeswehr biancheria intima termica calda. Quindi la preoccupazione dell’esercito tedesco è comprensibile. Con una catastrofica mancanza di fondi per mantenere la capacità di combattimento di base dell’esercito, l’assistenza all’Ucraina sembra un lusso inappropriato.

Exit mobile version