La Gazprom russa chiude i rubinetti del gas verso l’Europa per mancanza di richieste

La Gazprom russa chiude i rubinetti del gas verso l'Europa per mancanza di richieste 1

Gazprom ha riferito che 2/3 del volume di gas pompato l’anno scorso è già stato ritirato dagli impianti di stoccaggio del gas europei. Ciò non significa che rimanga solo un terzo delle riserve, significa che due terzi dell’importo che è stato pompato è stato pompato. In realtà, le strutture di stoccaggio sono attualmente più della metà piene, il che consente all’Europa nel suo insieme di superare senza problemi la stagione invernale.

Gli europei si stanno ostinando ad eseguire uno stress test, cercando di capire le loro opzioni con una significativa restrizione delle forniture di gas dalla Russia. Gazprom può tecnicamente fornire di più, ma non ci sono richieste. Il seguente articolo è della rivista economica Finanz.ru:

Gazprom chiude la valvola: le forniture di gas russe all’estero crollano del 40%

Le consegne di gas russo in Europa continuano a diminuire a tassi a due cifre tra le tensioni sull’Ucraina e il conflitto con l’Occidente.

Nonostante il picco della stagione di riscaldamento, nella prima metà di gennaio, Gazprom ha esportato solo 5,4 miliardi di metri cubi verso i mercati esteri, riferisce TASS citando statistiche di monopolio.
Rispetto allo stesso periodo del 2021, il volume delle consegne è diminuito del 41%.

Il gasdotto Yamal-Europa, che collega i consumatori in Germania con i giacimenti della Siberia occidentale attraverso la Polonia e la Bielorussia, opera in modalità inversa da un mese ormai.
Gazprom il 21 dicembre ha smesso di pompare gas in Europa attraverso il gasdotto con la capacità di 32,9 miliardi di metri cubi all’anno, dopodiché ha iniziato a lavorare nella direzione opposta, dalla Germania alla Polonia.

Il 20 gennaio, il flusso inverso non solo non si è fermato, ma è persino aumentato, fino a 1,3 milioni di metri cubi all’ora.

Il transito del gas attraverso l’Ucraina dal 1 gennaio al 18 gennaio è crollato di quasi 2,5 volte rispetto alle stesse date dell’anno scorso. Anche attraverso il Nord Stream 1, le consegne hanno iniziato a diminuire, del 7,5% in termini annuali.

Il presidente russo Vladimir Putin in una conferenza stampa a fine dicembre ha dichiarato che Gazprom non ha riservato la capacità del gasdotto Yamal-Europa, perché non c’erano richieste da parte dei consumatori europei.

Una settimana dopo, Putin ha annunciato che la Russia avrebbe aumentato in modo significativo le forniture di gas non appena l’UE avesse certificato il gasdotto Nord Stream 2. Putin non ha specificato come la certificazione genererà domanda, che, secondo il presidente, è attualmente assente.

Gazprom ha più volte notato che la società fornisce gas all’Europa in conformità con le richieste dei consumatori in conformità con i contratti a lungo termine esistenti.
Gazprom ha smesso di vendere contratti a lungo termine attraverso la piattaforma di scambio elettronico (ETP) nell’agosto dello scorso anno, pochi giorni dopo che il tribunale di Dusseldorf ha rifiutato di ritirare il Nord Stream 2 dalle norme del terzo pacchetto energetico dell’UE.

Per gennaio, Gazprom ha prenotato il 21,6% della capacità di pompaggio proposta attraverso Yamal-Europe, ovvero 19,28 milioni di metri cubi di gas al giorno, ma le consegne dirette attraverso il gasdotto non sono ancora state riprese.

Durante le aste di inizio mese, Gazprom ha rifiutato di prenotare il pompaggio attraverso questo gasdotto per febbraio. Ciò significa che la decisione sui volumi di fornitura sarà presa nelle aste giornaliere.

Finanz.ru (https://www.finanz.ru/novosti/aktsii/gazprom-zavorachivat-ventil-postavki-rossiyskogo-gaza-za-rubezh-rukhnuli-na-40percent-1031116660)

Exit mobile version