La Francia sta “addestrando terroristi” in Mali? Il primo ministro dice di sì

Il primo ministro Maiga afferma che le truppe francesi hanno creato un’enclave nel nord del Mali e l’hanno consegnata al “gruppo terroristico” Ansar al-Din.

Il  primo ministro del Mali durante un’intervista all’agenzia di stampa ‘Novosti’, ha affermato le truppe francesi supportano i ribelli che controllano un’intera enclave a Kidal e che alle autorità maliane è  ‘proibito’ l’ingresso nel proprio territorio.

Da RT – 8 ottobre 2021

I gruppi militanti nella regione di Kidal, nel nord del Mali, sono stati addestrati da ufficiali francesi, ha detto il primo ministro Choguel Kokalla Maiga in un’intervista a RIA Novosti , sostenendo che i due terzi del suo Paese sono “occupati. dai terroristi” .

Il Mali ha le prove che le forze francesi presenti sul suo territorio, con la missione di contrastare i gruppi terroristici, hanno invece “addestrato” militanti, ha detto venerdì all’agenzia di stampa russa Ria il primo ministro del governo di transizione . Secondo il funzionario maliano, la Francia ora controlla un’enclave a Kidal, il Mali non vi ha accesso.

1° ministro del Mali, Maiga – wikipedia foto

“Hanno gruppi militanti lì, che sono stati addestrati da ufficiali francesi. Ne abbiamo la prova. C’è una frase nella nostra lingua che dice che quando cerchi un ago nella tua stanza e che qualcuno dovrebbe aiutarti con lo sguardo, in piedi su questa mano, non lo troverai mai. Quindi questa è la situazione attuale in Mali e non vogliamo sopportarla ” , ha affermato Maiga.

Il politico ha spiegato che i terroristi che attualmente operano in Mali “provenivano dalla Libia” , la Francia e i suoi alleati hanno distrutto lo stato nordafricano durante uno sfortunato intervento militare guidato dalla NATO nel 2011. Inizialmente, Bamako desiderava collaborare con Parigi nella lotta contro i terroristi. e ha chiesto assistenza in materia di dati di intelligence e supporto aereo. “Nessuno ha chiesto una presenza sul campo”, ha detto il premier.

Mentre “otto anni fa i terroristi erano presenti solo nel nord del Mali, a Kidal, oggi i due terzi del Paese sono occupati da terroristi”, ha aggiunto.

Nel 2014 la Francia ha lanciato la sua Operazione Barkhane nella regione, dopo aver unito le forze con le autorità locali per contrastare e reprimere gruppi terroristici, compresi militanti legati ad Al-Qaeda, e stabilizzare la situazione nei paesi del G5 Sahel (Burkina Faso, Mali, Niger , Ciad e Mauritania – tutte ex colonie francesi). All’inizio di quest’anno, il presidente francese Emmanuel Macron ha annunciato che il suo paese avrebbe ristrutturato la sua presenza militare nella regione del Sahel e chiuso le sue basi nel nord del Mali, con l’operazione che dovrebbe essere completata all’inizio del 2022.

Rivolgendosi all’Assemblea generale delle Nazioni Unite a settembre, Maiga ha affermato che Parigi ha preso la decisione senza preavviso e ha abbandonato il suo paese.

Da allora, è stata condotta una massiccia campagna diplomatica e mediatica contro il Mali, ha affermato il ministro nell’ultima intervista all’agenzia di stampa russa. Ma il suo Stato “vuole solo partner affidabili, che agiscano nell’interesse del Paese”, ha detto, aggiungendo che il Mali, essendo una nazione sovrana, “ha diritto ad esso. ”

Nel contesto del conflitto diplomatico tra Bamako e Parigi, il presidente Macron, parlando ai media francesi, ha suggerito che l’attuale amministrazione provvisoria del Mali “non è nemmeno un governo”. ” Ha detto che senza il coinvolgimento della Francia, il paese avrebbe già da tempo stato invaso dai terroristi. Il ministero degli Esteri del Mali ha convocato l’inviato francese per esprimere “indignazione e disapprovazione” alle affermazioni di Macron, sollecitando le autorità francesi a stabilire un rapporto basato sul “rispetto reciproco” , con un’enfasi sulla lotta al terrorismo.

RT (https://www.rt.com/news/537008-mali-minister-france-training/)

Exit mobile version