La Flotta del Mar Nero colpita dentro la propria base

Sono rimasto molto sconcertato nell’apprendere che tipo di droni hanno effettuato l’attacco alla baia di Sebastopoli, una base superprotetta con ogni tipo di ritrovato tecnologico di sorveglianza.

Detto questo, vediamo ora, quale è stata la reazione russa all’attacco e ciò che è successo:

Il Ministero della Difesa russo – sui droni navali che hanno attaccato Sebastopoli

– Dopo aver respinto un attacco terroristico alle navi della Flotta del Mar Nero e alle navi civili impegnate a garantire la sicurezza del “corridoio del grano”, sono stati scoperti i relitti del regime di Kiev sotto la guida dei veicoli senza pilota della marina britannica e portati al superficie. Specialisti del Ministero della Difesa russo, insieme a rappresentanti di altri dipartimenti governativi, hanno condotto un esame dei moduli di navigazione di fabbricazione canadese installati su veicoli marini senza pilota.

– Sulla base dei risultati del ripristino delle informazioni lette dalla memoria del ricevitore di navigazione, è stato stabilito che il varo di veicoli marini senza pilota è stato effettuato dalla costa nei pressi di Odessa. Successivamente, i droni marittimi si sono spostati lungo la zona di sicurezza del “corridoio del grano”, dopo di che hanno cambiato rotta in direzione della base navale russa a Sebastopoli.

– Le coordinate del movimento di uno dei droni marini indicano il punto di partenza nella zona di mare della zona di sicurezza del “corridoio del grano” nel Mar Nero. Secondo gli esperti, ciò potrebbe indicare un lancio preliminare di questo dispositivo a bordo di una delle navi civili noleggiate da Kiev o dai suoi patroni occidentali per l’esportazione di prodotti agricoli dai porti marittimi dell’Ucraina.

Questo è quanto è stato diffuso dalla Ministero della Difesa russa. Ancorché la UE ha protestato ed ha intimato alla Russia di non sospendere la esportazione di grano, la giustificazione è totalmente chiara. Ma ovviamente per l’occidente tutto ciò che viene dalla Russia non è vero.

Procediamo allora ad esaminare con calma ciò che è successo, partendo da informazioni OSINT di parte ucraina diffuse in rete

Nella notte (o meglio al mattino presto) del 29 ottobre 2022, diverse imbarcazioni di superficie hanno attaccato le navi della flotta del Mar Nero. A giudicare dai dati che si trovano su Internet, oltre che dal lavoro della difesa aerea che c’è sui frame video, l’attacco dei droni di superficie è stato coordinato con l’attacco degli UAV, che a quanto pare volavano carichi di esplosivo. L’attacco alle navi è stato effettuato sia all’interno della baia che all’esterno. Secondo i dati preliminari, c’era l’ammiraglia della flotta del Mar Nero, il dragamine “Ivan Golubets” e una nave da sbarco ‘BDK’, tutte queste navi sono state danneggiate. Non sappiamo a che livello perché ovviamente la Russia limita le informazioni.

Cosa ha attaccato la flotta del mar Nero?

Per attaccare la flotta russa del mar Nero sono stati usati droni kamikaze che volavano ad una altitudine estremamente bassa e droni marittimi.

drone marittimo
drone marittimo ucraino (o alleato) catturato dai russi

Il drone ucraino marittimo che ha attaccato le navi russe può coprire una distanza di circa 1000-1200 km e ha una parte d’urto del peso di 75 kg, ha affermato la Federazione Russa. Da dove provengono questi dati accurati? Perché 75 e non 50kg di esplosivo? La risposta a questa domanda è perché già a settembre questi droni sono caduti nelle mani dei russi . Sì, a settembre i russi hanno trovato un drone ucraino portato a riva dalla corrente e ne hanno persino pubblicato una foto (vedi sopra). Apparentemente si trattava di un drone che ha fallito durante le sue navigazioni di prova e che non aveva una testata esplosiva, per questo non si è autodistrutto.

drone marittimo 2
drone marittimo

A giudicare dalla foto, abbiamo un drone di superficie dotato di un motore a idrogetto, una testata di circa 75 kg, che è dotato di comunicazione e posizionamento stabili, oltre a una termocamera e una telecamera di controllo diurna.

Il drone è appena percettibile per le sue dimensioni ed è apparentemente poco visibile nel mare autunnale dietro le onde, il rifiuto di utilizzare un’elica al posto ad un motore a reazione, è giustificato dagli ecoscandagli navali pensati per i classici siluri con elica. Il drone ha chiaramente un’elevata manovrabilità, il che mi ha spinto a rivedere il video pubblicato su Internet. Lì, a un certo punto, il drone, manovrando e cercando la nave oltre la baia (a quanto pare  cercasse l’ammiraglia della flotta russa, la fregata missilistica Admiral Makarov), manovrò oltre la prima nave che incontrò. È chiaramente visibile lì che il pilota ha diretto il drone verso la prima nave e poi, davanti alla stessa, ha girato bruscamente a sinistra. Il pilota era fiducioso nella manovra, quindi ha eseguito una serie di diversivi in una situazione di combattimento e, a giudicare da ulteriori estratti di video, ha continuato a cacciare la fregata missilistica  Admiral Makarov.
Andiamo oltre. La flotta del Mar Nero, è molto ben protetta nella baia del Mar Nero. Ci sono stazioni di guerra elettronica, navi di pattuglia, ogni tipo di ostacolo e postazioni ordinarie con armi leggere sui moli, telecamere, termocamere – in generale i sistemi di sorveglianza notano chiunque cerchi di sgattaiolare attraverso questa barriera.

A giudicare dal video sui canali di Telegram, i primi attacchi sono avvenuti di notte. Vale la pena notare che nel filmato del video della telecamera del drone marittimo la cui ripresa è stata messa in rete, viene inquadrata la sagoma delle navi ormeggiate agli ormeggi. Ciò dimostra che i droni non sono solo entrati nel porto, ma che si sono anche spostati intorno al porto a bassa velocità cercando di trovare obiettivi prioritari e identificarli.

Come potrebbe un tale drone penetrare in una struttura così protetta?  La sorveglianza era al massimo livello dato anche che l’esistenza di tali droni era nota. Inoltre, il varco era chiuso, ostacoli erano installati all’ingresso, una barca di sorveglianza era nelle vicinanze – non era possibile passare. Ma sono comunque passati.

Le esplosioni nella baia sono iniziate intorno alle 4 del mattino. Nello stesso tempo, a giudicare dal video pubblicato, alcuni dei bersagli in arrivo sono stati individuati di notte da una termocamera nella baia, e la battaglia davanti alla baia era cominciata già all’alba. Si può presumere che l’attacco dei droni sia durato circa 3 ore. È anche chiaro dalle telecamere dei droni che le armi standard non funzionano bene contro un bersaglio agile e poco appariscente. Un drone sarebbe stato distrutto con l’aiuto di un elicottero e di una nave, ma questo è avvenuto durante il giorno, e pare fosse già la fine dell’azione, dato che era l’alba, la maggior parte dei droni era già esplosa avendo trovato i bersagli già di notte.

Riassumiamo. Circa una dozzina di droni di superficie ucraini hanno navigato verso la baia del Mar Nero. Alcuni di loro penetrarono nella baia e si dispersero per cercare obiettivi. A giudicare da ciò che è stato pubblicato, gli obiettivi sono stati scelti per essere rilevanti.

Poiché l’attacco è avvenuto chiaramente di notte e, a giudicare dal video, i droni non hanno attaccato immediatamente, vuol dire che non c’è più modo per impedire loro di avvicinarsi alle navi e iniziare la carica.

Successivamente, l’ammiraglia, la fregata missilistica Admiral Makarov, si è avvicinata alla baia (apparentemente per respingere l’attacco dei droni. La Makarov è molto moderna e ha una vasta selezione di armi per tutti i compiti, ma le fonti ucraine dicono che è stata ugualmente colpita da una o più superfici e droni volanti. E’ stata centrata, sebbene non affondata, ma poiché tutto ciò è accaduto durante il giorno, alcuni droni di superficie che hanno partecipato all’attacco sono stati distrutti dalla Makarov e dagli elicotteri.

Risultato

L’Ucraina ha cambiato l’allineamento sul campo del moderno combattimento navale. Dai video postati in rete, è chiaro che si tratta di un progetto della SBU e dello Stato Maggiore ucraino, che si sono dichiarati direttamente alla fine di un video di rivendicazione. Tuttavia, come ha detto chiaramente lo Stato Maggiore russo, il forte coinvolgimento della Gran Bretagna è molto plausibile.

l’Ucraina in brevissimo tempo, con l’aiuto degli alleati, è stata in grado di sviluppare, testare e implementare un drone marittimo, che non ha analoghi al mondo. Anche il più recente segreto americano Mantas non sembra convincente quando si guarda le capacità che ha dimostrato il drone usato.

Manta americane T-12. 180 km di percorrenza, 60 km/h di velocità massima, 63 kg - testata
Manta americano T-12. 180 km di percorrenza, 60 km/h di velocità massima, 63 kg – armato con testata esplosiva

Questo drone che può trasportare 75 kg di testata a bordo può superare circa 1000 km di distanza, può muoversi tranquillamente in un’area marittima sorvegliata con boe di ecolocalizzazione, passare inosservato gli ingressi dei porti  sorvegliati, è resistente ai sistemi elettronici REB, sia navali che stazionari, essere abbastanza agile e maneggevole da cacciare navi che possono raggiungere velocità di circa 50 km / h sull’acqua, e al allo stesso tempo è capace di completare con successo compiti in cui obiettivi non banali come disabilitare l’ammiraglia della flotta del Mar Nero.

L’uso di questo drone in combinazione con munizioni vaganti che sorvolano il bordo dell’acqua, e anche di notte, complica notevolmente le possibilità della nave di respingere l’attacco. Ieri l’Ucraina ha dimostrato che è possibile combattere, anche con un’enorme flotta. E anche sul proprio territorio.

Se la Makarov è uscita danneggiata da questa battaglia, cosa dovrebbero fare le altre navi? Non hanno tali armi e capacità. Riuscirà una normale nave da guerra russa a sopravvivere a un attacco di tre di questi droni di superficie e tre munizioni vaganti che la attaccheranno insieme nell’oscurità?

Quindi è perfettamente comprensibile il motivo per cui la Russia abbia dichiarato che l’accordo sul grano è terminato e abbia bloccato nuovamente il Mar Nero. Ma persino il blocco del mar Nero è in forse: ora anche pattugliare il Mar Nero è un problema. Da qualunque parte può avvenire un attacco di una dozzina di droni subacquei e anche venti o trenta. Se non è riuscita a difendere neanche la baia di Sebastopoli, quali possibilità la flotta russa avrà in alto mare?

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.