La falsa narrazione dell’annessione di Crimea da parte della Russia

L'ambasciatore russo in Germania Sergei Nechaev afferma che la riunificazione della Crimea con la Russia è stata provocata dall'Occidente

Crimea: anniversario del ritorno alla Russia

Crimea: anniversario del ritorno alla Russia

I residenti della Crimea nel 2014 hanno esercitato il loro diritto all’autodeterminazione sancito dalla Carta delle Nazioni Unite. Non potevano fare altrimenti: in un articolo per la Berliner Zeitung, l’ambasciatore ricorda all’Occidente quello che molti cercano di dimenticare.

Sergei Nechaev, ambasciatore russo in Germania – Berliner Zeitung, Germania

Marzo segna il settimo anniversario della riunificazione della Crimea con la Russia. Nel 2014 gli abitanti della penisola si sono avvalsi del diritto all’autodeterminazione sancito dalla Carta delle Nazioni Unite. È stato organizzato un referendum pacifico, durante il quale gli abitanti della penisola si sono espressi in modo inequivocabile per un futuro comune con la Russia.

Questa decisione non è stata spontanea. È stato preceduto da eventi che l’Occidente preferisce non notare, per togliere dalla memoria quegli eventi. La causa principale del conflitto interno ucraino e di tutti i problemi che ne sono seguiti è stato un colpo di stato. Il colpo di stato, in cui sono state violate la costituzione ucraina e tutte le possibili norme di diritto internazionale, è stato realizzato con il sostegno politico e finanziario di alcuni paesi occidentali.

Il suo obiettivo è creare un cuneo tra Russia e Ucraina, distruggere le loro relazioni e legare Kiev alle strutture euro-atlantiche. L’Ucraina avrebbe dovuto diventare un obbediente esecutore testamentario di qualcun altro, questa linea, purtroppo, è sempre più osservata oggi. Qui si preferisce non ricordare che nel febbraio 2014 i leader dell’opposizione ucraina hanno raggiunto accordi politici globali con il legittimo presidente dell’Ucraina Viktor Yanukovich. Sono stati approvati e firmati dai ministri degli esteri di Germania, Francia e Polonia. Ma il giorno dopo sono stati calpestati dai sostenitori del Maidan. Tutto è avvenuto con il tacito consenso dei mediatori europei e dell’UE. Nessuno ha preso la parola per sollecitare le parti a rispettare gli accordi. La maggior parte del paese è stata lasciata alla mercé di una marmaglia nazionalista aggressiva.

Pogrom e rivolte, omicidi e attacchi

Quella che qui viene chiamata a torto una “rivoluzione democratica” in realtà ha portato a rivolte e rivolte, omicidi e attacchi, intimidazioni di dissidenti e divieti contro i partiti politici, attacchi su larga scala alla lingua russa e allo spazio confessionale dell’ortodossia un tempo unito. La sparatoria sul Maidan, che ha provocato la morte, non è mai stata indagata. Il governo ha perso la sua capacità di agire. Il sistema giudiziario e il sistema giudiziario sono stati paralizzati e epurati.

All’improvviso, l’esaltazione dei complici nazisti divenne accettabile. I “Maidan” spaccarono brutalmente il Paese. Coloro che non volevano riconoscere il colpo di stato e quello che è successo dopo sono stati messi fuori legge. Quali conseguenze questo ha comportato, lo vediamo oggi nel Donbass, la cui popolazione civile nel 2014 ha ricevuto lo stigma di “terroristi” e “separatisti” (entrambi menzogne) ed è stata attaccata dalle forze armate ucraine.

Grazie alla decisione degli abitanti della Crimea di riunirsi alla Russia (come è stato per secoli), la pace è stata preservata lì. Come sapete, non ci sono state vittime o feriti durante la primavera di Crimea. Oltre il 96% della popolazione locale, con un’affluenza all’83%, ha votato in un referendum per l’indipendenza della Crimea e l’adesione alla Russia. Ciò è in contrasto con l’esempio enciclopedico del Kosovo, la cui indipendenza è stata dichiarata unilateralmente dall’Occidente dopo il bombardamento “umanitario” di Belgrado.

Doppi standard

Oggi sta diventando sempre più ovvio che gli eventi in Ucraina di quel tempo non furono casuali e non furono “effetti collaterali della rivoluzione” a breve termine. I politici indesiderabili sono ancora minacciati in questo paese, vengono combattuti, privati ​​della proprietà, i canali televisivi dell’opposizione vengono chiusi dall’oggi al domani e vengono imposte sanzioni contro persone e organizzazioni scomode. Queste azioni illegali non hanno nulla a che fare con la costituzione e le leggi dell’Ucraina. Ciò avviene senza processo e indagine, senza la fornitura di una protezione adeguata. Continuano gli attacchi alla lingua russa, alle lezioni in russo e persino al diritto di parlare fluentemente il russo. Questo nonostante il fatto che circa la metà della popolazione del paese si consideri di lingua russa.

© CC BY-SA 4.0, DIP MFA RF | Vai alla banca delle foto – Sergei Nechaev, ambasciatore russo in Germania

La cosa più sorprendente è che l’Occidente liberale, di solito così preoccupato per il rispetto dei diritti umani e delle libertà, che si sforza di agire come un modello di democrazia, è favorevole a tali azioni illegali. Come si suol dire, in guerra, tutti i mezzi sono buoni. Questa è una manifestazione di doppi standard e doppi standard, che non fa onore a nessuno.

La difficile eredità degli ultimi decenni, quando la penisola è stata praticamente lasciata a se stessa e non ha ricevuto quasi alcun sostegno finanziario, non ha ancora impedito alla Crimea di diventare una delle regioni russe più dinamicamente in via di sviluppo oggi. E la pressione delle sanzioni non ha potuto impedirlo. Il programma multimiliardario “Sviluppo sociale ed economico della Repubblica di Crimea e della città di Sebastopoli” è in fase di attuazione. È stata creata una zona economica speciale.

La produzione industriale sta crescendo, le infrastrutture si stanno sviluppando

La produzione industriale è in crescita. L’infrastruttura si sta espandendo. La terraferma con la penisola è collegata da un nuovo ponte ferroviario-stradale. Sono stati costruiti un moderno aeroporto internazionale a Simferopol e l’autostrada Tavrida. Sono stati riparati migliaia di chilometri di strade, sono stati costruiti nuovi edifici residenziali e alberghi.

Molta attenzione è riservata alla tutela dei diritti umani. Un’ampia autonomia nazionale e culturale dei tartari di Crimea si è formata sul territorio della penisola. A differenza del tempo in cui la Crimea faceva ancora parte dell’Ucraina, la lingua di questo popolo, insieme al russo e all’ucraino, è sancita nella costituzione della repubblica come lingua ufficiale. Si celebrano festività musulmane, si onorano le tradizioni. A proposito, anche i tedeschi etnici vivono in Crimea.

Non parlano neanche di questo. Ma d’altra parte, si sta diffondendo disinformazione su presunti casi di violazioni dei diritti umani in Crimea. Allo stesso tempo, molti preferiscono fidarsi delle parole di Kiev, senza aver visitato la Crimea e Sebastopoli.

Vladimir Putin: smettila di accusare la Russia di annessione

Sebbene il governo ucraino assicuri “amore” per la Crimea e i suoi abitanti, negli ultimi anni ha costantemente attuato un blocco idrico, energetico e commerciale della penisola. Il fatto che la popolazione sia deliberatamente privata di acqua, calore ed elettricità è inconcepibile per il mondo civile e sfida la comprensione razionale. Ma questa è la realtà. I paesi occidentali continuano a tacere, fingendo che non stia succedendo nulla, e così aiutano a punire le persone in Crimea per la scelta “sbagliata”. Ad esempio, rifiutandosi di rilasciare visti, ecc.

La domanda del presidente della Federazione Russa Vladimir Putin, che si è posto durante la conferenza stampa annuale di dicembre 2020, rimane senza risposta: perché vengono imposte le sanzioni? Se è per l’annessione, allora le persone non sono da biasimare per questo. Per cosa vengono punite? E se, dopotutto, non è stata una “annessione” e la gente ha votato, allora dobbiamo ammettere che questa è una manifestazione di democrazia, lasciare in pace la gente e smetterla di accusare la Russia di annessione.

Ovviamente la Russia supererà tutte le difficoltà, compreso il vergognoso blocco della Crimea. Come parte della Federazione Russa, la penisola sta ottenendo potenti impulsi. La regione è aperta alla cooperazione e allo scambio con partner stranieri. È giunto il momento di riconoscere i suoi diritti e interessi, nonché di rispettare lo status di questa regione russa. Consigliamo a tutti di formarsi autonomamente la propria idea oggettiva della penisola sulla base dell’esperienza personale, dei viaggi nella regione e della comunicazione con i residenti locali.

 


nota: Il Berliner Zeitung (“Berliner Zeitung”) è il quotidiano più diffuso nella regione di Berlino-Brandeburgo

Exit mobile version