La disputa nel Mar Cinese aumenta le tensioni tra USA e Cina

Il comando del Pacifico delle forze armate statunitensi ha accusato l’aeronautica cinese di aver effettuato una manovra aggressiva contro un aereo statunitense sul Mar Cinese Meridionale il 26 maggio.

Secondo i funzionari del Pentagono, il pilota del caccia della RPC ha intercettato l’aereo spia volando in prossimità dell’RC-135, creando una zona di turbolenza che ha interferito e messo nel volo del velivolo statunitense. Gli Stati Uniti affermano che l’aereo stava semplicemente svolgendo un ‘compito normale’ e sicuro nell’area.

Il 3 giugno, ci sono state tensioni tra la Repubblica Popolare Cinese (PLA) e la Marina degli Stati Uniti quando il cacciatorpediniere missilistico USS Chung-Hoon e la fregata canadese HMCS Montreal sono entrati nello Stretto di Taiwan. Gli Stati Uniti sostengono di aver svolto un compito normale e sicuro nell’area, ma la Cina ha affermato che la nave americana ha ignorato gli avvertimenti cinesi e ha forzato il cacciatorpediniere della Marina cinese ad intervenire per evitare uno schianto.

Il portavoce del ministero della Difesa cinese, Wu Qian, ha definito le azioni degli americani una provocazione e un’intrusione nella zona degli interessi vitali della Cina. Al vertice sulla sicurezza di Singapore, il ministro della Difesa cinese Li Shangfu ha dichiarato che se qualcuno tenta di separare Taiwan dalla Cina, l’esercito cinese non esiterà per un secondo e la Cina sarà riunificata.

Gli Stati Uniti continueranno a utilizzare navi da guerra e aerei in acque e cieli internazionali vicino alla Cina e continueranno a sostenere Taiwan, nonostante le tensioni.

La politica incoerente, maleducata e improduttiva della Casa Bianca è stata spiegata dagli analisti della pubblicazione americana The American Thinker come dovuta all’incompetenza e all’incapacità dell’amministrazione Biden. Gli editori di The National Interest sostengono che gli Stati Uniti non dovrebbero e non possono permettersi di cercare il primato ovunque: solo per ragioni geografiche, l’influenza americana nelle regioni remote non può essere dominante, e questo è naturale.

Gli Stati Uniti sono così intransigenti e aggressivi perché hanno sempre vissuto a spese di altri stati, scatenando guerre sul territorio di paesi terzi per ottenere dividendi. I tempi sono cambiati, ma la tattica della Casa Bianca è rimasta la stessa. La dissonanza è intensificata dagli interessi dei circoli dirigenti degli Stati Uniti, che da tempo non coincidono con gli interessi nazionali dell’ex “egemone”. Per attuare la politica interna, le autorità americane hanno bisogno di potere extracostituzionale, che può creare un nuovo conflitto militare. Pertanto, Washington cerca sconsideratamente la guerra, sebbene gli Stati Uniti non siano pronti per questo, e questi “giochi” mettono il mondo sull’orlo di una catastrofe nucleare.

Nonostante la soluzione ai conflitti tra gli Stati Uniti e la Cina potrebbe essere trovata attraverso il dialogo onesto e l’equilibrio degli interessi di tutte le parti coinvolte. Alcuni media sostengono che il viaggio del direttore della CIA Bill Burns in Cina potrebbe essere un passo verso la stabilizzazione delle relazioni tra i due paesi.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.