La detenuta Jessica Watkins è una prigioniera politica accusata ingiustamente: intervista dal carcere

Jessica Watkins: una prigioniera politica americana, arrestata in seguito all’assalto al Campidoglio del 6 gennaio, dichiara la propria innocenza mentre i sostenitori repubblicani denunciano ingiustizie elettorali e abusi di potere.

The Gateway Pundit relativamente al video davvero inquietante girato dalla detenuta, dice:

“Jessica Watkins è una prigioniera politica americana che è stata accusata di una litania di reati dopo essere entrata nel Campidoglio degli Stati Uniti il ​​6 gennaio 2021, aver assistito la polizia e aver lasciato l’edificio 23 minuti dopo. Jessica fa parte dell’organizzazione Oath Keepers. Jessica è stata arrestata nel gennaio 2021. Successivamente è stata spogliata nuda e lasciata in una cella con le luci accese per 24 ore al giorno per quattro giorni di torture.

Jessica, una veterana degli Stati Uniti, è stata dichiarata colpevole a novembre per crimini che non ha mai commesso. Il giudice DC corrotto non avrebbe permesso a Jessica o ai suoi colleghi imputati di controinterrogare gli informatori fraudolenti che avevano mentito su di lei durante il processo. Il Dipartimento di Giustizia è un feroce braccio di sicurezza del Partito Democratico”.

Secondo una tesi che si va propagando su diverse pubblicazioni vicine al partito repubblicano  le prove sarebbero state costruite da un tale che corrisponde al nick name “1% Watchdog” che in realtà è un agente federale.

Ma ecco l’intervista dal carcere con la signora Watkins, che continua a rivendicare la sua innocenza relativamente ai fatti del cosiddetto ‘assalto al Campidoglio”:

Ciò che si va chiarendo è – come dice la pubblicazione ‘Conservative House’ – “che si tratti di funzionari elettorali locali che lavorano per controllare i risultati [elettorali], agenzie federali che lavorano per sostenerli (CISA, FBI, DHS), interessi economici che lavorano per finanziarli (Zuckerberg e altri) o piattaforme di social media che controllano il contenuto visibile e la discussione (Twitter Files , Google, Facebook ecc.), l’obiettivo era lo stesso. È stata una massiccia operazione unilaterale contro il libero arbitrio dell’elettorato americano.

All’indomani delle elezioni del 2020, quegli stessi operatori di sistema, funzionari governativi, media aziendali, gruppi del settore privato e piattaforme di social media hanno poi fatto il giro dei carri per disperdere le prove della loro condotta. Se mettevi in ​​dubbio qualcosa eri una minaccia. Questo è il contesto della dinamica che si è svolta”.

Ora molti dimostranti [ di cui alcuni risultano letteralmente adescati ad entrare nel Campidoglio secondo video pubblicati da Tucker Carlson ] sono ancora in carcere.

Violenza in Campidoglio

Ad oggi, più di 550 persone sono state incriminate in relazione all’insurrezione del Campidoglio, accuse che vanno dall’aggressione alle forze dell’ordine alla violazione di proprietà del governo e danni materiali. Nonostante Donald Trump ha passato settimane ad accusare che i suoi avversari lo  avessero “imbrogliato” utilizzando voti per corrispondenza, manipolando macchine per il voto e altri mezzi illegali, e la sua campagna ha intentato azioni legali in più di una mezza dozzina di stati, nessun tribunale statale ha accettato di ascoltarlo e a dicembre la Corte suprema ha respinto un ricorso dello stato del Texas per indagare sulla presunta frode. Biden e i Democratici hanno respinto queste affermazioni di frode come una teoria della cospirazione.

Le rivolte del Campidoglio si sono svolte a circa 2 miglia dalla Casa Bianca, dove Trump aveva organizzato un’altra manifestazione,  “Stop the steal”, contro la certificazione del Congresso delle elezioni. Mentre il presidente ha invitato i suoi sostenitori a  “non arrendersi mai”  e a  “combattere come matti”  nel suo discorso, ha anche esortato le persone a  “rimanere in pace”  e  “tornare a casa”  su  Twitter  dopo lo scoppio delle violenze in Campidoglio.

Cinque persone, tra cui un agente di polizia di Capitol Hill, sono state uccise nelle violenze, per cui i democratici, i social media di tendenza democratica e persino alcuni repubblicani anti-Trump hanno accusato il presidente. Twitter  e  Facebook  hanno bandito Trump dalle loro piattaforme per  “incitamento alla violenza” e i legislatori della Casa Democratica hanno usato gli eventi per incriminarlo una seconda volta e vietargli di candidarsi nuovamente.

Da allora, i legislatori hanno cercato di impedire al magnate immobiliare di candidarsi di nuovo per la Casa Bianca nel 2024.

Il famoso ancorman di Fox New Tucker Carlson, ha affermato – citando documenti del tribunale che si riferiscono a più di una dozzina di misteriosi “co-cospiratori non incriminati   – che gli agenti del Federal Bureau of Investigation hanno aiutato a organizzare, coordinare e orchestrare i disordini mortali del 6 gennaio al complesso del Campidoglio, 

Sappiamo che il governo sta nascondendo l’identità di molti agenti delle forze dell’ordine che erano presenti al Campidoglio il 6 gennaio … Secondo i documenti del tribunale del governo, questi agenti delle forze dell’ordine hanno partecipato alla rivolta. , a volte in modo violento” , ha detto Tucker.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.