La deputata USA Tulsi Gabbard accusa Trump di rubare il petrolio siriano

La candidata presidenziale democratica  Tulsi Gabbard ha criticato le politiche del presidente americano Donald Trump di sequestro dei giacimenti petroliferi alla Siria, che giustamente “appartengono al popolo siriano e  così devono essere”.

“Partiamo dal dato più importante: perché le nostre truppe rimangono in Siria …?  Il compito dei nostri soldati è quello di garantire la sicurezza nazionale e proteggere gli americani”, ha detto Tulsi Gabbard su Fox News .

Ha poi ha aggiunto che, sfortunatamente, Trump  ha “cambiato rotta”, nonostante avesse pianificato di far rientrare in patria le truppe USA di stanza in Siria, ma in realtà le ha lasciate in Siria non per combattere Al Qaeda  o l’ISIS, ma per proteggere i campi petroliferi , “che non appartengono agli Stati Uniti”.

Tulsi Gabbard  ha anche sottolineato: “Queste sono risorse energetiche che appartengono al popolo siriano. E questa è una vergogna per i nostri militari ”, rilevando che un tale sequestro priva i siriani della risorsa principale di cui hanno bisogno per sopravvivere  e ricostruire il paese.

@vietatoparlare

JOIN THE DISCUSSION