La crisi della mascolinità nella Chiesa

La crisi della mascolinità nella Chiesa 1

C’è una crisi clericale e tutti lo sanno. Alcuni dicono che il problema è nella dottrina del Cattolicesimo di un sacerdozio esclusivo, che inculca uno spirito di “elitismo” irredimibile. Questo “peccato di clericalismo” non è altro che un mezzo per rendere il cattolicesimo più protestante ed egualitario nei confronti del sacerdozio. Altri dicono che il problema è la castità del clero, altri ancora che ci sono troppi omosessuali nascosti o addirittura aperti e attivi nei ranghi clericali e nei seminari .

I vari problemi riguardanti l’evidente crisi all’interno dei ranghi clericali spesso non riescono a vedere una crisi più fondamentale – una crisi sintomatica appartenente più ampiamente alla cultura occidentale, che ha strappato il cuore alla Chiesa e al suo senso della missione. La vera crisi del clero è legata all’omosessualità, ma l’omosessualità è, di per sé, una conseguenza contingente della crisi della mascolinità nei ranghi clericali. E la mascolinità, ci viene detto, è tossica, mortale e qualcosa da superare. Al contrario, la nostra civiltà decadente ha bisogno di un ritorno alla vera mascolinità (che è paternità), che ripristinerà anche un’autentica femminilità (che è la maternità).

Data l’attuale impotenza della Chiesa, può essere facile vedere e criticare una sorta di iper-femminilità in essa. La vera femminilità è stata anche corrotta, proprio perché la femminilità e la mascolinità sono dialetticamente unite. La femminilità autentica non riguarda la compassione senza sacrificio, l’amore senza rimprovero o l’apertura senza la volontà di imparare o ascoltare, come la femminilità ci viene presentata oggi. Nostra madre è l’esempio luminoso di genuina femminilità perché è ricettiva all’iniziativa maschile; era aperta alla divina paternità durante l’Incarnazione che poteva essere vista nel suo sacrificio in nome del suo amore a Cristo, che la portò ai piedi della Croce, dove altri si nascondevano nella paura e nella vergogna.

L’attuale femminilizzazione della Chiesa, che inculca una femminilità corrotta perché nega la ricettività alla vera mascolinità, aiuta e favorisce la cultura della morte che investe l’Occidente e la Chiesa. Dalla paternità inizia la vita. La maternità, e la Chiesa è madre, riceve e dà vita. La paternità genera e protegge la vita. La maternità alimenta la vita per diventare forte e accetta la crescita in età adulta piuttosto che cercare invano di conservare l’infantilismo perpetuo. Mascolinità e femminilità, paternità e maternità, lavorano insieme. Uno ha bisogno dell’altro e viceversa.

Dio è Padre e, come giustamente afferma il Catechismo , “la paternità divina è la fonte della paternità umana”. È questo senso di paternità che è svanito nella Chiesa – e con esso la chiamata all’avventura, alla protezione e al sacrificio. Il senso del combattimento è stato sostituito dallo spirito del “compromesso”, che è un segno rivelatore del declino e dell’avversione alla lotta e al sacrificio.

L’apostolo Paolo ci dice di indossare l’armatura di Dio e di combattere. Il linguaggio militaristico corre attraverso tutta la Bibbia ed è una radice dell’identità e della tradizione cattolica per gli uomini. In effetti, molte delle storie agiografiche dei santi sono piene della chiamata all’avventura, del confronto con il male e della guerra contro gli spiriti oscuri.

È scioccante e triste considerare il declino e la caduta del clero in questa luce.

Dal balzare in mari tempestosi e nuotare fino a riva alla vista di Cristo per essere imprigionato, naufragato e martirizzato; dal viaggio verso nuove terre e abbattendo alberi pagani con asce per chiamare crociate e soldati benedicenti mentre combattevano per fermare l’invasione musulmana, il clero passò dal trasudare i più alti attributi della mascolinità a diventare i cantanti kumbaya ipersensibili, deboli, ipersensibili di oggi. Da uomini e soldati a psicologi effeminati è stata la traiettoria di sviluppo del clero nel secolo scorso.

Piuttosto che indossare l’armatura di Dio e confrontarsi con forze nefaste nel mondo e nelle vite dei parrocchiani, i chierici invitano a praticare omosessuali ai loro pulpiti per dare testimonianze della loro fede che corrompono e distorcono gli altri parrocchiani ad accettare tali stili di vita “intrinsecamente disordinati”. Quando tale peccato contaminò i santuari di Dio ai tempi di Cristo, Egli non pontificò ai suoi discepoli sull’importanza della tolleranza. Invece, ha spezzato la frusta e ha cacciato gli inquinatori.

Anziché avventurarsi nel deserto oscuro come soldati di Cristo per svolgere compiti che gli uomini hanno sempre fatto nel corso della storia, i chierici parlano di “compromesso” e “pace” con forze perfide e nefaste, come se la pace con Satana fosse la massima espressione del cristiano vita. Quando fu tentato da Satana, Cristo resistette. Scacciò i demoni, come fecero gli apostoli, piuttosto che tollerare la presenza dei demoni e la schiavitù che provocavano negli altri.

La de-mascolinizzazione del cristianesimo e l’evirazione degli uomini nel cristianesimo è la crisi che ha cancellato il senso di paternità e di capo filiale, e con esso un senso di poppa, giusto e santo. Non è un segreto che gli uomini non frequentano la chiesa. Perché dovrebbero? Altari e banchi sono adornati con poster kiddy. L’ambiente è fuori da un’aula di scuola materna, con pochi programmi dedicati alla paternità e alla figliolanza – o addirittura alla maternità e alla figlia, del resto. La maggior parte dei programmi per bambini serve ad evirare giovani ragazzi, trascurando di prepararli all’età adulta e alla necessità degli archetipi maschili di iniziazione e protezione.

La Chiesa ha bisogno di uomini. Dio ha bisogno di uomini. Considera i grandi uomini della Bibbia e il personaggio che hanno esibito. Abramo. Giacobbe. Joseph. Mosé. Giosuè. Gideon. Sansone. Isaia. Geremia. Avventurieri, giudici e guerrieri – o, in altre parole, uomini.

Quando Cristo ritorna, lo farà nella gloria fiammeggiante. Manterrà la spada della retribuzione e come il re del mondo e solo il giudice dell’umanità. Dio ha sempre chiamato gli uomini per diventare uomini, per imbarcarsi nell’avventura e per combattere le tentazioni dei demoni. Se gli uomini non rispondono alla chiamata, quindi, come Debora, Santa Caterina da Siena e Santa Ildegarda di Bingen, le donne devono rimproverare gli uomini per essere uomini.

La de-mascolinizzazione del cristianesimo ha toccato il clero e ha gravemente corrotto e compromesso il sacramento sacerdotale da cui dipendono i laici. Piuttosto che gli uomini che si uniscono ai suoi ranghi, si presentano i ragazzi dalla voce pacata, sensibile e senza spina dorsale, solo per non ricevere alcuna crescita nella virilità. Lungi dal mettere l’armatura di Dio; vestirsi per la battaglia; e brandendo le asce, gli stendardi e le spade della lotta cristiana, questi miti “pastori” predicano l’ethos del compromesso come il ragazzo debole nel parco giochi.

Ora più che mai, la Chiesa ha bisogno che gli uomini si gonfino e si battano per Dio come i santi dell’antichità e quale sia lo stesso linguaggio della chiesa sulla Terra, la Chiesa militante. Con quella restaurazione, uomini e donne saranno di nuovo in grado di vivere vigorosamente e coraggiosamente attraverso il mondo verso quella Gerusalemme celeste.

Immagine: “Il ritorno del crociato”, Karl Friedrich Lessing (1808-1880).

Exit mobile version