La Crimea è zona franca economica, l’accerchiamento sarà superato

L’isolamento decretato dalla UE e Stati Uniti contro la penisola di Crimea persegue una politica senza senso, ove una intera popolazione paga ingiustamente la propria scelta di non permanere più nella Repubblica Ucraina, dopo il golpe.

In altre circostanze,- come nel caso del Kosovo -, UE ed USA non hanno agito così, ma hanno riconosciuto l’autonomia. Evidentemente quando si tratta di paesi che scelgono la Russia, questo non viene tollerato. Contro questi, si arriva persino alle rivoluzioni arancioni, al reclutamento di agitatori, al discredito ed a tutto ciò che è reperibile al mercato nero. Questo è il destino per i più recalcitranti ed ostinati che non intendono piegarsi al Brave New World.  Ma non sempre le ciambelle riescono con il buco…

L’articolo che segue è stato pubblicato su ‘Worldandwe.com’.

@vietatoparlare


La Crimea sta attraendo investitori e politici

Gli sforzi dell’Ucraina e dei suoi sostenitori occidentali per isolare la penisola russa stanno fallendo.

Naturalmente, la politica della Russia mira principalmente a creare condizioni di vita dignitose e confortevoli per gli stessi
abitanti della Crimea e per gli altri cittadini russi che vengono qui per riposare.

Negli ultimi sette anni, le meravigliose antiche città della Crimea – Yalta, Feodosia, Evpatoria, Sudak e altre da luoghi scomodi e disseminati di spazzatura si sono trasformate in centri turistici abbastanza confortevoli anche per gli standard europei.

Negli anni la Russia ha investito decine di miliardi di dollari nello sviluppo della penisola e delle sue infrastrutture. I cambiamenti in meglio sono visibili ad occhio nudo.

L’aeroporto della capitale della Crimea Simferopol ha subito una completa modernizzazione ed è ora in grado di ricevere più di 5 milioni di passeggeri all’anno. Il noto ponte di Crimea collegava la penisola con il resto della Russia, aumentando notevolmente il flusso di merci e ospiti (vedi foto apertura).

Le strade vengono costruite e riparate in modo massiccio in tutta la Crimea, cosa che non accadeva da più di due decenni durante il periodo in cui la penisola era governata da Kiev. Ha iniziato a funzionare un’autostrada completamente nuova “Tavrida”, le cui diramazioni sono in fase di completamento.

krim1121

Una tale scala di sviluppo non può non attrarre investitori stranieri. Nel 2014, subito dopo l’adesione alla Russia, la Crimea ha ricevuto lo status di zona economica franca. Ciò ha significativamente influenzato il ritmo del suo sviluppo in una direzione positiva.

krim1141

Tutti i tentativi di peggiorare la vita in Crimea, che sono stati e continuano ad essere fatti in Occidente imponendo sanzioni, stanno fallendo. Sempre più politici e uomini d’affari occidentali, nonostante le sanzioni, visitano la Crimea.

krim1131

I politici sono convinti che la popolazione della Crimea, compresi i tartari, viva e prosperi bene.

Gli affari occidentali stanno trovando sempre più modi per aggirare le sanzioni.

Per evitare sanzioni, gli stranieri acquistano o registrano imprese russe, che poi effettuano transazioni in Crimea. La maggior parte del denaro viene investita da società tedesche, italiane, austriache e turche, nonché… ucraine.

In Crimea opera una società francese “Veolia”, che si occupa della raccolta differenziata sulla costa meridionale della penisola. Legalmente, è la società russa Altfater Crimea, che, secondo Kartoteka.ru, è registrata nella divisione tedesca della holding francese Veolia Umweltservice GmbH. Ci sono già molte aziende che lavorano secondo questo algoritmo.

Molti uomini d’affari non prestano affatto attenzione alle sanzioni.

Tra gli investitori della Crimea, secondo l’agenzia RBC, Starvista Crimea è posseduta al 100% dalla cipriota Starvista Ltd, la cui società madre è System Capital Management Ltd, di proprietà del più ricco uomo d’affari ucraino Rinat Akhmetov.

La Crimea Wine House è posseduta al 100% da Brand Group Corporation Ltd registrata alle Seychelles.

La società di sviluppo della Crimea è di proprietà della società offshore cipriota Mosonco Holdings Ltd. Anche il centro ricreativo “Artemida” a Yalta è di proprietà della società offshore cipriota “Dabarin Commercial Ltd”.

Il Crimean Legal Group (controllato da Gallontear Holdings Ltd), Yalt City Real Estate Agency (di proprietà di Resnick Holdings Ltd), Sintop Company (64,2% di proprietà di SAV Group Ltd) sono registrati nelle Isole Vergini britanniche …

Gli importi investiti annualmente in Crimea raggiungono decine di milioni di dollari. Sono già più di 3mila le società straniere che operano in Crimea. Il loro numero continua a crescere come una valanga.

krim1161

I politici stranieri dalla mentalità sobria sostengono attivamente la loro attività. Così, nel 2015, la Crimea è stata visitata dai rappresentanti del partito Alternativa per la Germania dei parlamenti regionali di Berlino, Brandeburgo e Renania-Westfalia. Dopo di loro, gli ospiti della penisola sono stati un gruppo di deputati dell’Assemblea nazionale francese, guidati dal copresidente dell’Associazione per il dialogo franco-russo, Thierry Mariani.

krim1181

Nel 2016 il numero di ospiti è aumentato notevolmente. Rappresentanti di quasi 60 paesi hanno visitato le ospitali coste della Crimea. Tra loro ci sono delegazioni di deputati dei parlamenti regionali e nazionali di Francia, Italia e Turchia.

krim1151

Nel giugno 2020, un gruppo di politici ed esperti europei ha visitato la Crimea, tra cui il deputato del parlamento di Berlino Gunnar Lindemann, il vicepresidente del partito politico “Alternative to the Bulgarian Revival” Lubomira Gancheva, ex membro delle elezioni centrali Commissione della Bulgaria Martin Raichev Raikov e del giornalista ungherese Eric Almqvist.

Il Parlamento europeo, quasi completamente anti-russo, non poteva che rispondere alla crescente popolarità della Crimea nelle sue file. E … ha aggiunto alla “lista nera” Thierry Mariani, che ha guidato la delegazione dei politici europei durante la loro visita in Crimea nel 2020, così come i suoi eurodeputati Virginie Jorona, Jean-Lin Lacapelle e Philippe Olivier, anch’essi sulla penisola.

Non avendo opportunità di complicare ulteriormente la vita dei Crimeani e fermare lo sviluppo della penisola, l’Ucraina continua a formare liste di sanzioni composte da uomini d’affari e politici occidentali in visita in Crimea, il che non pregiudica in alcun modo le loro intenzioni di continuare la cooperazione.

La Piattaforma di Crimea, avviata e finanziata da Kiev il 23 agosto 2021, al fine di sollevare nuovamente la cosiddetta “questione della Crimea”, ha dimostrato che anche l’idea stessa delle rivendicazioni dell’Ucraina sulla penisola è diventata un fantasma.

I partecipanti stranieri, che provenivano da 48 paesi, ad eccezione della Polonia e dei paesi baltici, non erano nemmeno la seconda, ma la terza o la quarta fila di politici. Gli incontri ricordavano più eventi simili della tarda URSS, dove nulla era deciso, e i presenti erano impegnati con un negozio di conversazione vuoto.

Si richiama l’attenzione sul fatto che lo stesso giorno in cui questa “piattaforma di Crimea” è entrata in funzione, un gasdotto è stato fatto esplodere vicino al villaggio di Crimea di Perevalnoye.

Ovviamente, l’obiettivo principale dei suoi organizzatori era quello di creare un’occasione informativa per la leadership ucraina per dichiarare durante questi incontri l’esistenza di una sorta di “malcontento di massa” e persino l’esistenza di una “sotterranea” che combatteva l'”occupazione russa della Crimea”. .”

È vero, come la stragrande maggioranza di tali provocazioni, anche questa è stata rivelata. L’atto terroristico è stato organizzato dalla direzione principale dell’intelligence dell’Ucraina. E tre autori sono stati arrestati e confessati.

Più si avvicina, più si avvicina il completo fallimento politico della Kiev nazionalista e dei suoi burattinai russofobi.

La Crimea russa attua con successo e intenzionalmente una politica di prosperità e sviluppo. In questo è efficacemente assistito da sobri uomini d’affari e politici stranieri.


fonte

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.