La crescente minaccia jihadista in Germania

Un giornale americano del Missisippi, ‘OneNewsNow‘ – facente capo alla organizzazione protestante American Family Association (Wikipedia la considera fondamentalista perché ostacola i diritti LCBT) –  commenta come segue, un report della polizia tedesca ( e confermato dal giornale tedesco Tagesspiegel) sull’aumento dei musulmani di stampo salafita in Germania.

@vietato parlare

[su_divider]

Un erudito studioso dell’ideologia dell’Islam ed ex ufficiale della Sicurezza nazionale vede una pericolosa tendenza in atto in Germania mentre il numero di musulmani salafiti è in aumento.

Con una cifra che supera per la prima volta 12.000, l’Ufficio federale tedesco per la protezione della Costituzione (BfV) ha segnalato un numero record di musulmani salafiti nel paese. I salafiti aderiscono a una rigorosa interpretazione dell’Islam e costituiscono il più grande gruppo islamico all’interno del paese.

OneNewsNow ha parlato con Phil Haney, membro fondatore del Dipartimento della sicurezza nazionale degli Stati Uniti. Egli sostiene che il punto più importante è notare la tendenza al rialzo.

Phil Haney ha osservato che “[Gli islamisti] stanno penetrando proprio nel cuore della Germania, [il che] significa che sono già diffusi in tutto il paese”.

Le valutazioni dell’intelligence rivelano che il numero di salafiti in Germania è tre volte più alto rispetto al 2011 e “la crescita è particolarmente elevata a Berlino”. Secondo Tagesspiegel, metà dei salafiti della capitale tedesca sono considerati islamisti violenti.

Per coincidenza, il più recente rapporto dell’intelligence arriva sulla scia di una cellula terroristica che stav pianificando un attacco contro una sinagoga di Berlino. Dopo una serie di incursioni della polizia, diversi sospetti islamisti “radicali” sono stati arrestati in tutto il paese.

Salafi è comunemente interpretato come “radicale”, ma Haney fa notare che è sbagliato. Salafi in realtà significa “originale” – e Haney lo descrive come “tornare al modo in cui gli islamici erano  ai tempi di Maometto”.

I musulmani salafiti cercano di emulare Maometto in ogni modo possibile, spiega Haney: “[L’ideologia] è così riduttivamente legalistica da ritornare allo stile di vita della penisola arabica del VII secolo”. E questo, avverte, è uno stile di vita pro-Sharia implementato dalla jihad.

L’uso del termine radicale – continua – , “è un termine improprio che non ci aiuta a comprendere [l’ideologia]” e, in effetti, è un “malinteso” e una “falsa rappresentazione” dei musulmani salafiti.

“[I salafiti] sono in realtà vicini ai veri islamisti del tempo di Maometto come tutti gli altri [salafiti] altro al mondo”, dice a OneNewsNow.

Haney non è sorpreso dal fatto che il rapporto BfV rifletta che i funzionari della sicurezza sono effettivamente preoccupati per il crescente numero di salafiti nel paese, soprattutto perché il governo non è sicuro che il loro numero abbia raggiunto il picco.

Mentre questi numeri continuano ad aumentare, un precedente rapporto ha rivelato che “i salafiti vogliono stabilire una” teocrazia “secondo la loro interpretazione delle regole della sharia, quella in cui l’ordine democratico liberale non si applica più” e sia i “salafiti politici che i jihadisti condividono la stessa ideologia di base “. Di conseguenza, aggiunge Haney, si può presumere che i salafiti desiderino stabilire un califfato islamico nello stato tedesco.

Il rapporto del 2017 rivela anche “che l’ambito salafita rappresenta il campo di reclutamento essenziale per la Jihad, [e] quasi senza eccezione, tutte le persone che si sono unite alla jihad  sono state con una connessione tedesca ed erano stati precedentemente in contatto con l’ambito salafita”. Lo sforzo mirato al proselitismo e il reclutamento dei rifugiati è stato provato nel rapporto.

Oltre al proselitismo e al reclutamento, i salafiti creano influenza sulle moschee, indica Haney.

“Se le moschee non sono abbastanza salafiti o abbastanza osservanti, allora cooptano la leadership “, spiega – aggiungendo che le persone sono influenzate dall’intimidazione e dalla coercizione e, di conseguenza, diventano sempre più conformi alla Sharia.

“Ed è questo il punto”, sottolinea Haney: “Seguire la Sharia e da lì sovvertire una nazione [il passo è breve].”

La sfida, secondo Haney, è come la leadership del paese risponderà al costante aumento dei musulmani salafiti nel paese. “[Ancora], è una buona cosa che la Germania conosca i numeri, [poiché] è meglio che non conoscerli”.

Haney sostiene che il mondo occidentale sta osservando come la Germania risponde agli indicatori di questa minaccia emergente.

“Finché [i funzionari politici e dell’intelligence tedeschi] continuano a sedere e osservano la tendenza aumentare, ma senza elaborare una politica per affrontarla, allora ci può aspettare solo una inevitabile conclusione: caos, anarchia e disordine, “.

[su_divider]

Haney è autrice del libro “See Something, Say Nothing: A Officer Security Officer espone la sottomissione del governo alla Jihad”.

 

Exit mobile version