La Corea del Sud accenna a colloqui di pace ad alto livello con la Corea del Nord

All’inizio del nuovo anno, alcune notizie promettenti sono uscite dalla Corea del Sud oggi.

L’agenzia Yonhap riporta:

Secondo una dichiarazione rilasciata dal ministro della Corea del Sud Cho Myoung-gyon(immagine sopra), la leadership di Seoul ha proposto colloqui ad alto livello con la Corea del Nord presso il villaggio di confine di Panmunjom il giorno 9 gennaio pv.

Cho ha detto che i funzionari intendono riunire le delegazioni di Seul e Pyongyang per concentrarsi sui negoziati bilaterali e per portare eventualmente una delegazione nordcoreana ai Giochi olimpici invernali di PyeongChang questo febbraio.

Nel suo discorso di Capodanno, il leader nordcoreano Kim Jong-un ha detto che il Nord è aperto al dialogo con la Corea del Sud, suggerendo la sua disponibilità a partecipare ai Giochi invernali.

DPRK Grand Marshall Kim Jung Un

La posizione ufficiale di Washington è che un trattato di pace tra il Nord e Corea del Sud, è possibile solo se Pyongyang abbandona e si de-nuclearizza , o come l’ex segretario di Stato Usa Hillary Clinton ha detto che nel 201  , gli Stati Uniti vogliono che la Corea del Nord a “faccia passi concreti e irreversibili verso la denuclearizzazione”. Naturalmente, questa è una richiesta impossibile all’interno dell’attuale contesto geopolitico in cui gli Stati Uniti desiderano mantenere una “strategia della tensione” nel Pacifico, ma forse è per questo che gli Stati Uniti continuano a insistere su questo – perché garantisce uno stallo e un eterno accumulo di armi.

Si noti che questa è la stessa tattica (non) di “negoziazione” che Israele ha impiegato per decenni al fine di preservare il suo status quo illegale nei suoi territori occupati. In altre parole, prendere una posizione impossibile che non garantisce alcuna risoluzione.

Non sorprende quindi che ogni volta che il Nord e il Sud inizino a perseguire seriamente la pace, gli Stati Uniti interferiranno, o creeranno un “evento di tensione” che interromperà temporaneamente i colloqui di pace – colloqui da lungo tempo che alla fine porteranno alla riunificazione colloqui, che è qualcosa a cui gli Stati Uniti (e forse anche la Cina) non sono entusiasti per la semplice ragione che ciò toglierebbe l’unico vero pretesto di Washington per occupare militarmente la Corea del Sud e parte del Giappone, oltre a mantenere un non ufficiale aggressivo atteggiamento verso la Cina mantenendo una serie di basi statunitensi nella regione.

 

continua su Century Wire