La comunità internazionale continua ad affamare e sfruttare la Siria (e si straccia le vesti per l’Ucraina)

Per l’Ucraina tutto il mondo occidentale ha acceso i riflettori ed ha condannato la Russia per l’invasione/operazione speciale. È paradossale che mentre il mondo occidentale si indigna, la stessa cosa è stata fatta dagli stessi paesi occidentali in Siria, ma questa volta senza alcuna ragione. In questo caso è calata sulla Siria una coltre di silenzio e i siriani devono affrontare una vita grama solo perché all’occidente non garba Assad, o meglio non garba uno che ha protetto la sovranità del suo paese e non ha aderito alla campagna in Iraq.
Ora, mentre questa ingiustizia tremenda permane, le Nazioni Unite elargiscono briciole alla Siria e le sanzioni schiacciano pesantemente l’economia siriana.

Sono solo 109 milioni di euro i soldi che la Germania ha deciso di destinare al Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite. Questo contributo ‘umanitario’ dovrà aiutare a sfamare 4,8 milioni di siriani, incluso un programma di pappe per 600.000 scolari. Nello stesso tempo, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha delineato un pacchetto di assistenza dal Kuwait a sostegno del sistema sanitario in Siria. Se pensiamo all’aumento di spese militari a seguito del conflitto localizzato in Ucraina per una situazione deteriorata in cui ha che fare UE e USA, questo è scioccante.

Il divario di queste risorse , è enorme. Tra l’altro, i singoli episodi citati di Germania e Kuwait non cambiano il quadro generale: i principali donatori internazionali non hanno in programma di fornire massicce iniezioni nell’economia siriana nell’attuale situazione politica del paese. La recente vittoria del presidente Bashar al-Assad alle elezioni ha ulteriormente confermato la linea dei paesi occidentali, guidati da Usa e Unione Europea, nei confronti della Siria. A giudicare dalle recenti dichiarazioni della nuova amministrazione americana e della leadership dell’Unione Europea, non è necessario aspettarsi un allentamento della politica sanzionatoria e un afflusso di assistenza finanziaria alla Siria nel medio termine. Questo approccio è stato chiaramente articolato da Bruxelles e Washington durante la quinta conferenza di Bruxelles sul sostegno alla Siria nel marzo 2021. Lo hanno ribadito Joe Biden e Josep Borrell. Il primo ha chiarito che non è prevista alcuna inversione di marcia nei confronti della Siria e che la politica perseguita da D. Trump sarà proseguita,

Il percorso seguito dai donatori occidentali in relazione a Damasco in pratica significa quanto segue. L’Occidente non permetterà una catastrofe umanitaria in Siria e continuerà a razionare importanti progetti umanitari in tutti i territori, compresi quelli controllati dal governo. Anche se, viene data preferenza ai siriani nei territori al di fuori del controllo di Damasco. Allo stesso tempo, l’assistenza umanitaria non sarà ancora in grado di coprire tutti i bisogni e sarà limitata. Ciò è stato chiaramente dimostrato dalla 5a Conferenza di Bruxelles sulla Siria, che ha portato i donatori a erogare 4,4 miliardi di dollari nel 2021 e a impegnare altri 2 miliardi di dollari nel 2022, con la necessità totale di assistenza umanitaria siriana stimata dalle Nazioni Unite a superare i 10 miliardi di dollari.

In pratica, uno scenario del genere avvicina anche la minaccia del collasso economico e finanziario in Siria, per la quale oggi esistono anche condizioni esterne di accompagnamento. Vanno messi in evidenza quattro fattori principali: la volatilità dei mercati economici mondiali, le severe sanzioni economiche da parte degli Stati Uniti e dei suoi alleati, il perdurante effetto negativo della pandemia di coronavirus e, infine, la situazione politica e finanziaria instabile nel vicino Libano. Consideriamoli separatamente.

Nei prossimi mesi, data la continua volatilità dei mercati finanziari e l’aumento dell’inflazione globale, si prevede che la Siria vedrà un aumento dei prezzi dei beni di consumo, compreso il cibo.

Oggi, 12 milioni di persone, ovvero il 60% della popolazione siriana, sono a rischio per la sicurezza alimentare. Il potere d’acquisto della popolazione è diminuito rapidamente nel 2021. Secondo gli esperti, il prezzo di un chilogrammo di carne in Siria è paragonabile al 25% del salario medio del Paese. I beni di consumo più importanti – riso, zucchero e combustibili – sono distribuiti alla popolazione in porzioni sostanzialmente limitate, tenuto conto della loro scarsità.

Inoltre, il regime sanzionatorio introdotto da Washington durante l’amministrazione Trump ha un impatto fondamentale sullo stato attuale dell’economia siriana. I prezzi dei generi alimentari sono triplicati nel 2020 (sulla base di 28 prodotti alimentari chiave) e la sterlina siriana è scesa del 70% rispetto al dollaro USA, secondo il Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite. Secondo gli esperti americani, le sanzioni hanno avuto il maggiore impatto su settori dell’economia come l’edilizia, l’energia, la finanza e le banche. Nel loro insieme, questi effetti negativi minano qualsiasi sforzo di ricostruzione, anche nell’attuale scenario di ostilità a bassa intensità e il graduale affievolirsi del conflitto armato (il recente scoppio di violenze nella provincia di Deraa al confine con la Giordania è diventato solo un complotto locale,

È interessante notare che nel tempo la situazione nel vicino Libano ha un impatto sempre più grave sull’economia siriana. Il Libano è noto per essere stato un importante hub per i siriani per le transazioni finanziarie internazionali negli ultimi anni, una tendenza che è stata particolarmente accentuata dall’imposizione delle sanzioni statunitensi alla Siria nel 2019. Molte aziende e industrie siriane, così come individui, mantengono i loro risparmi e le loro finanze nelle banche libanesi. Secondo gli ultimi dati, potrebbero esserci almeno 20 miliardi di dollari di fondi siriani sui depositi in Libano. Con l’imminente collasso del sistema finanziario e bancario libanese e il congelamento di depositi e capitali, le aziende e gli individui siriani affrontano la minaccia di una grave carenza di liquidità. E questo, a sua volta, colpisce i produttori alimentari, soprattutto il grano e crea una carenza di scorte di cibo. Non è un caso che nel 2021 le consegne di grano alla Siria dalla Russia a titolo di aiuti umanitari siano state notevolmente aumentate.

Vp News

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.