La coalizione internazionale ha lasciato fuggire da Raqqa un convoglio ISIS lungo 6-7 Km

l Dirty Secret di Raqqa – Il terribile secreto di Raqqa
Di Quentin Sommerville e Riam Dalati

Il convoglio ha trasportato anche alcuni dei membri più famosi di IS e, nonostante rassicurazioni, decine di combattenti stranieri. Alcuni di essi si sono diffusi in tutta la Siria, anche fino alla Turchia.

Il conducente di un 18 ruote (sono colossali camion NDR) Abu Fawzi inizialmente ha pensato che sarebbe stato ‘solo un altro lavoro’. Egli si guadagna da vivere effettuando  il servizio di trasporto su alcuni dei più pericolosi territori della Siria settentrionale. I ponti bombardati, la sabbia del deserto profondo, anche le forze governative e i cosiddetti combattenti dello stato islamico facevano parte dello scenario delle consegne.

Ma questa volta, il suo carico doveva essere carico umano. Le forze democratiche siriane (SDF), un’alleanza di combattenti curdi e arabi contrari alla IS, gli avevano detto che avrebbe dovuto condurre  un convoglio con centinaia di famiglie sfollate  dalla città di Tabqa sul fiume Eufrate ad un campo più a nord.

Il lavoro avrebbe richiesto sei ore, al massimo – o almeno questo è quello che gli è stato detto. Ma quando lui e gli altri suoi compagni di guida hanno messo su il  convoglio  il 12 ottobre, hanno capito che erano stati raggirati.

Invece, per arrivare a destinazione ci sarebbero voluti tre giorni di guida dura, portando un carico mortale – centinaia di combattenti IS, loro famiglie e tonnellate di armi e munizioni. Ad Abu Fawzi e a decine di altri autisti sono stati promessi migliaia di dollari per il compito, ma sarebbe dovuto rimanere segreto.

L’accordo per lasciare che i combattenti IS scappassero da Raqqa – capitale di fatto dell’ auto-dichiarato califfato – era stato organizzato da funzionari locali ed è  venuto dopo quattro mesi di lotta dopo che  la città era completamente distrutta e quasi priva di persone. La soluzione scelta avrebbe consentito di risparmiare vite e a portare la lotta alla fine. Le vite degli arabi, dei curdi e di altri combattenti che si oppongono a IS sarebbero state risparmiate.

Tuttavia l’accordo ha anche permesso a molte centinaia di combattenti IS di fuggire dalla città. All’epoca, né la coalizione americana e britannica né l’SDF, che sosteneva, volevano ammettere come erano andate le cose.

Il patto, che è stato il segreto sporco di Raqqa, ha scatenato una minaccia per il mondo esterno, ed ha permesso ai militanti di diffondersi in tutta la Siria e oltre?

Grandi misure erano state prese per nascondere la verità al mondo. Ma la BBC ha parlato a decine di persone che erano nel convoglio, o lo hanno osservato passare, e agli uomini che hanno negoziato l’accordo.

In un cortile  a Tabqa, sotto una palma, tre ragazzi sono impegnati a ricostruire un motore di camion. Sono tutti sporchi di olio motore. I loro capelli, neri e grassi. Vicino a loro c’è un gruppo di conducenti. Abu Fawzi è al centro, si nota molto nella sua giacca rossa. Corrisponde al colore della sua amata ’18-ruote’. È chiaramente il leader, pronto a offrire tè e sigarette. All’inizio dice che non vuole parlare ma presto cambierà idea.

Lui e il resto dei piloti sono arrabbiati. Sono passate settimane da quando hanno rischiato le loro vite per un viaggio che ha rovinato i motori e ha rotto gli assi e pergiunta  ancora non sono stati pagati. Era un viaggio all’inferno e al ritorno, dice.

“Eravamo spaventati dal momento in cui siamo entrati Raqqa”, dice. “Dovevamo entrare con l’SDF, ma siamo andati da soli. Appena ci siamo entrati, abbiamo visto i combattenti IS con le loro armi e le cinture esplosive per il suicidio. Hanno intrappolato i nostri camion, se qualcosa andava storto nell’accordo , avrebbero fatto saltare l’intero convoglio. Anche i loro figli e le donne avevano cinture di suicidio. ”

L’SDF guidato dai curdi  hanno allontanato Raqqa dai media. La fuga dello Stato islamico dalla sua base non sarebbe stata trasmessa. Pubblicamente, l’SDF ha dichiarato che solo poche decine di combattenti erano riusciti a lasciare la città, e che tutti erano locali.

Ma un conducente di quei camion ci dice che non è vero. Un altro autista dice che il convoglio era lungo sei-sette chilometri. Esso comprendeva quasi 50 camion, 13 autobus e più di 100 dei veicoli  del appartenenti al gruppo islamico. I combattenti IS, con i loro volti coperti, sedevano in modo sfacciato su alcuni dei veicoli.

I filmati girati segretamente mostrano i camion che trainano rimorchi impantanati con uomini armati. Nonostante l’ accordo di prendere solo armi personali, i combattenti IS hanno preso tutto quello che potevano portare. Dieci camion sono stati caricati con armi e munizioni.

I piloti indicano un camion bianco in lavorazione nell’angolo del cortile. “Il suo asse è stato rotto a causa del peso portato”, dice Abu Fawzi. Questa non era tanto un’evacuazione – era l’esodo del cosiddetto Stato islamico.

L’SDF non voleva che il ritiro da Raqqa sembrasse una fuga alla vittoria. Nessuna bandiera o effige sarebbe stato permessa nel convoglio  che lasciava la città dopo che l’accordo era stato stipulato.

Era stato detto che nessun straniero avrebbe potuto lasciare Raqqa vivo. Nel mese maggio, il Segretario alla Difesa americano James Mattis ha descritto la lotta contro l’IS come guerra di “annientamento”. “La nostra intenzione è che i combattenti stranieri non sopravvivano alla lotta per tornare a casa in Africa del Nord, in Europa, in America, in Asia , in Africa. Non permetteremo loro di farlo “, aveva detto Mattis dalla televisione statunitense.

Ma secondo i piloti, anche ai combattenti stranieri – a quelli non provenienti dalla Siria e dall’Iraq – era stato concesso di associarsi  al convoglio. Uno di loro spiega:

“C’era un gran numero di stranieri: provenienti dalla Francia, dalla Turchia, dall’Azerbaigian, dal Pakistan, dallo Yemen, dall’Saudita, dalla Cina, dalla Tunisia, dall’Egitto …”

 

continua in inglese su: http://www.bbc.co.uk/news/resources/idt-sh/raqqas_dirty_secret

 

Pubblicità