La coalizione a guida USA a Mosul usa fosforo bianco

Le forze della coalizione guidata dagli Stati Uniti utilizzano munizioni al fosforo bianco a Mosul. L’utilizzo di questo tipo di munizionamento è una violazione della Convenzione di Ginevra, ma né gli USA , né Israele hanno mai firmato trattati in cui rinunciano al loro uso.

Il fosforo bianco è stato precedentemente usato dall’esercito degli Stati Uniti in Iraq durante l’assalto a Baghdad e per sopprimere la ribellione di Falluja.

Il fosforo bianco non è formalmente legato alle armi chimiche, ma è molto simile ad esse nel meccanismo di azione. Per questo motivo, molti paesi sono a favore della proibizione di questo tipo di arma.

Il fosforo bianco combinandosi con l’ossigeno si accende e può raggiungere temperature fino a 1300 ° C; se entra al contatto con la pelle non c’è possibilità di spegnerlo neanche immergendosi in acqua.

Nel video secondo gli esperti la coalizione  USA sta usando proiettili da 155-mm di artiglieria del tipo M825A1

Gli americani hanno riconosciuto un anno fa, di aver usato fosforo bianco contro i terroristi, ma hanno assicurato di non usarlo laddove ci sono i civili.

Per evacuare la popolazione civile di Mosul, al momento non esiste e non è stato approntato alcun corridoio umanitario del tipo usato ad Aleppo. Per questo la situazione per i civili è particolarmente pericolosa.

Ricordo che Mosul è stato a lungo sotto il giogo dei terroristi di ISIS e qualsiasi tentativo di sloggiare i militanti dalle loro posizioni sono stati inutili. E’ da un anno che gli USA e le forze armate irachene tentano di prendere interamente la città ma questi tentativi hanno causato gravi perdite. Ora a quanto pare, la coalizione e ha deciso di bruciare a Mosul i terroristi insieme con i civili.

Se confrontiamo le tattiche usate dalle forze russo-siriane nella liberazione di Aleppo, l’operazione a Mosul è più simile a un massacro in cui, paradossalmente, i terroristi dell’ISIS hanno le perdite più basse.

L’agenzia di stampa turca Anadolu ha riferito che l’aviazione russa nell’agosto del 2016 ha effettuato attacchi aerei contro i terroristi nella provincia siriana di Idlib (periferia nord est) utilizzando  bombe incendiarie RBK-500 ZAB-2,5 al fosforo bianco . Le forze armate russe però hanno negato il loro utilizzo.

varie fonti