La Cina stipula con l’Iran un accordo del valore di 400 miliardi di dollari

La campagna americana di "massima pressione" ha chiaramente avuto un impatto notevole sull'Iran, ma un massiccio afflusso di investimenti cinesi farà molto per annullarla.

La campagna americana di “massima pressione” ha chiaramente avuto un impatto notevole sull’Iran, ma un massiccio afflusso di investimenti cinesi farà molto per annullarla.

Con l’ Iran e la Cina che lavorano su un accordo economico e di sicurezza di 400 miliardi di dollari in 25 anni , Israele ha molte ragioni per preoccuparsi e persino allarmarsi.

L’accordo proposto, trapelato al New York Times , che lo ha riportato sabato, porterebbe a relazioni militari più strette tra Teheran e Pechino, tra cui esercitazioni militari congiunte, ricerca e sviluppo di armi e condivisione dell’intelligence. Aumenterebbe inoltre gli investimenti cinesi nel settore bancario, delle telecomunicazioni e dei trasporti iraniani, come aeroporti e ferrovie. Secondo quanto riferito, la Cina otterrebbe in cambio un’offerta scontata di petrolio iraniano.

Il documento descrive i paesi come “due antichi paesi asiatici … con una prospettiva simile” che “si considereranno reciprocamente partner strategici”.

Nessuna delle parti ha confermato pubblicamente che il documento è autentico, che lo hanno firmato o che esiste un accordo del genere. Alla domanda su un accordo con l’Iran la scorsa settimana, il portavoce del ministero degli Esteri cinese Zhao Lijian ha dichiarato: “La Cina e l’Iran godono di un’amicizia tradizionale e le due parti sono state in comunicazione sullo sviluppo delle relazioni bilaterali. Siamo pronti a lavorare con l’Iran per far progredire costantemente la cooperazione pratica “.

Nel frattempo, c’è un dibattito pubblico in Iran sul fatto che l’accordo possa essere una trappola del debito, con l’ex presidente Mahmoud Ahmadinejad che si pronuncia contro. L’accordo è in atto da molto tempo – il leader cinese Xi Jinping lo ha proposto per la prima volta in visita a Teheran nel 2016 – e i tempi per i recenti progressi probabilmente hanno a che fare con l’Iran che è particolarmente debole economicamente in questi giorni.

Secondo Carice Witte, direttore esecutivo di SIGNAL, un think tank incentrato sulle relazioni Cina-Israele: “Questo è indicativo dell’approccio cinese: identifica dove c’è una vulnerabilità e quindi cercare pazientemente modi per capitalizzare su di essa”.
La Cina oltre a uno sconto sul gas (che avviene però quando i prezzi dell’energia stanno comunque precipitando),  ha molto di guadagnare dall’accordo . L’accordo si inserisce nella Belt and Road Initiative della Cina per costruire infrastrutture in tutto il mondo, portando l’Iran nella sua orbita di influenza. Rafforzerebbe in questo modo anche l’e-RMB della nuova valuta digitale della Cina come un modo per aggirare i sistemi americani e ridurre il potere del dollaro – un altro modo in cui l’accordo potrebbe danneggiare Israele se dovesse realizzarsi.

Inoltre, la Cina otterrebbe potere e influenza in Iran, una carta diplomatica che può giocare rispetto agli Stati Uniti e ottenere una maggiore influenza nel Golfo.

Per Israele, il potenziale danno derivante da tale accordo è chiaro.

AS WITTE ha dichiarato: “Qualsiasi denaro che entra nel sistema iraniano è probabilmente uno che può essere speso contro Israele”.

Ciò è particolarmente evidente quando si tratta di rafforzare le forze armate iraniane attraverso la cooperazione con la Cina. Qualunque delle nuove risorse dirette all’esercito della Repubblica islamica può potenzialmente – e probabilmente lo sarà – essere rivolta a Israele.

Un’altra parte dell’accordo potrebbe essere una massiccia vendita di armi all’Iran. Un recente rapporto del Pentagono afferma che la Cina cerca di vendere elicotteri d’attacco all’Iran, aerei da combattimento, carri armati e altro ancora una volta scaduto l’embargo sulle armi delle Nazioni Unite a ottobre.

Mentre israeliani e sostenitori di Israele possono avere difficoltà a crederlo, il governo cinese non pensa davvero che l’Iran sia un pericolo per Israele, ha detto Witte.

“La percezione della Cina è che l’Iran non aspiri come si dice alla distruzione di Israele”. “La Cina non vede l’Iran come una minaccia esistenziale per Israele e che l’Iran sta solo dicendo [vuole distruggere Israele] per essere preso sul serio dai centri di potere del mondo”.

Israele e gli Stati Uniti hanno spinto i membri del Consiglio di sicurezza dell’ONU a estendere l’embargo sulle armi all’Iran, iniziato nell’ambito del Piano d’azione congiunto globale (JCPOA), l’accordo nucleare del 2015 tra l’Iran e le potenze mondiali. Israele e gli Stati Uniti hanno citato le violazioni di Teheran di quell’accordo e i continui tentativi di costruire il suo programma nucleare,  così come la sua sponsorizzazione del terrorismo e della guerra attraverso procure intorno al Medio Est.

Ma la scorsa settimana l’ambasciatore cinese presso l’ONU Zhang Jun ha affermato che il suo paese si oppone ai tentativi degli Stati Uniti di attivare il meccanismo delle “sanzioni di ritorno” del JCPOA.

Il ritorno delle sanzioni statunitensi nel 2018 ha portato a una grave crisi economica in Iran e alla conseguente instabilità politica. Ciò ha permesso ai sostenitori della linea dura di dire che l’Iran non avrebbe mai dovuto fare un accordo che in primo luogo coinvolgesse gli Stati Uniti .

Queste posizioni hanno vinto ma quest’anno questa situazione ha anche portato i manifestanti a scendere in piazza, i quali hanno protestato contro un governo che usa i suoi soldi per pagare guerre in altri paesi invece di aiutare la propria gente. Gli esperti affermano che l’establishment iraniano è impopolare come non lo è mai stato dalla Rivoluzione islamica.

La campagna di “massima pressione” degli Stati Uniti ha chiaramente avuto un forte impatto sull’Iran, ma un massiccio afflusso di investimenti cinesi farà molto per annullarlo, alleviando efficacemente la pressione.

Un’altra preoccupazione riguarda il coinvolgimento delle società cinesi in progetti infrastrutturali in Israele e Iran. Questo sta già avvenendo, ma l’accordo di 25 anni approfondirebbe questi legami.

Un’indagine del Jerusalem Post del mese scorso ha scoperto che tre dei sei gruppi internazionali che si erano aggiudicati la gara per costruire due linee della metropolitana leggera di Tel Aviv includono compagnie di proprietà cinese che hanno anche lavorato a progetti ferroviari in Iran. Queste società statali comprendono China Railway Engineering Corporation, China Harbor Engineering Company, China Communications Construction Company e China Railway Construction Corporation.

Un rapporto dell’istituto di ricerca RAND di quest’anno ha avvertito che a causa degli stretti legami della Cina con l’Iran, il governo cinese potrebbe queste  aziende che operano sia in Israele sia in Teheran per ottenere favore e influenza. Inoltre, la Cina potrebbe utilizzare le società che operano in Israele e in Iran per esercitare una leva politica su Israele, come nel 2013, quando ha condizionato una visita a Pechino del primo ministro Benjamin Netanyahu per impedire ai funzionari della difesa di testimoniare in una causa federale di New York contro Bank of China per il riciclaggio di denaro iraniano per Hamas e la Jihad islamica palestinese.

Gli Stati Uniti stanno aspettando di vedere quale accordo reale emergerà e continueranno ad agire contro qualsiasi società cinese che infrange le sanzioni, ha detto una fonte del Dipartimento di Stato. Ad esempio, gli Stati Uniti stanno perseguendo accuse penali nei confronti della società di telecomunicazioni cinese Huawei CFO Meng Wanzhou per aver tentato di evitare le sanzioni statunitensi nascondendo investimenti in Iran.

L’ufficio del Primo Ministro israeliano ha rifiutato di commentare la questione, ma probabilmente sta osservando con preoccupazione l’accordo Cina-Iran.

Eurasia geopolitical News

Exit mobile version