La Cina può scatenare una crisi finanziaria globale

 Con un appello così urgente agli ambienti economici e politici tedeschi dalle pagine del quotidiano economico Handelsblatt, Marcel Fratzscher, capo della Institute for Economic Research (DIW) il 10 febbraio si è rivolto a Berlino:

“Ci sono molte indicazioni che la Cina sarà il primo domino in caduta nel sistema finanziario globale. Dovremmo prepararci a questo riducendo i rischi finanziari delle imprese e delle istituzioni finanziarie in Cina in breve tempo. Ma anche nella stessa Germania, dobbiamo ora adottare misure per rendere la nostra economia più resiliente nel lungo periodo e meglio assicurata contro i rischi finanziari”.

Il 10 febbraio Marcel Fratzscher, capo dell’Istituto tedesco per la ricerca economica (DIW) di Berlino, ha lanciato un appello così urgente agli ambienti economici e politici in Germania dalle pagine del quotidiano economico Handelsblatt .

La crescita economica della Cina rallenta bruscamente

Il giorno prima, il quotidiano berlinese Tagesspiegel ha pubblicato lo stesso articolo sul proprio sito web. Questo accade abbastanza raramente: le redazioni di solito insistono sul diritto esclusivo di pubblicare i commenti degli ospiti di autori famosi. Tuttavia, il capo di una delle istituzioni economiche tedesche più influenti e professore di macroeconomia all’Università Humboldt di Berlino voleva chiaramente trasmettere la sua preoccupazione al più ampio pubblico possibile, ed entrambe le pubblicazioni lo hanno aiutato in questo.

Marcel Fratzscher è tutt’altro che il primo esperto ad avvertire uomini d’affari e politici tedeschi della crescente minaccia di una grave crisi finanziaria ed economica in Cina. L’interesse dei tedeschi per questo Paese è più che comprensibile: la Cina è il secondo mercato di esportazione della Germania e il più grande fornitore di importazioni con un ampio margine, come dimostrano i recenti dati dell’Ufficio federale di statistica tedesco (Destatis). In questo senso, le economie di Germania e Russia sono abbastanza simili: negli ultimi anni la Cina è diventata il più importante partner di esportazione e importazione per la Federazione Russa.

Sullo stesso quotidiano Handelsblatt, ad esempio, all’inizio del 2022 è apparso un ampio articolo, basato sulle valutazioni di numerosi esperti di diversi paesi. Ha elencato cinque principali rischi per l’economia cinese: una crisi immobiliare, un conflitto con gli Stati Uniti, il blocco del coronavirus in corso, una crescente interferenza statale negli affari delle società high-tech e un  rallentamento della crescita economica che minaccia la stabilità del sistema .

Il pericolo di una crisi finanziaria globale sul principio del domino

Approssimativamente le stesse conclusioni sono state raggiunte dall’agenzia governativa tedesca per il commercio estero Germany Trade & Invest (GTAI). Nel novembre 2021 ha pubblicato una revisione analitica del mercato cinese dal titolo molto rivelatore “Gli anni grassi in Cina sono finiti per ora”.

Tuttavia, prima di Marcel Fratzscher, nessun altro in Germania, forse, ha messo in guardia così forte sulla crescente minaccia in Cina non solo di un raffreddamento della situazione economica, ma di una crisi su vasta scala, che, inoltre, potrebbe, secondo il principio del domino, prima provoca shock nei paesi con economie in via di sviluppo (la Russia è inclusa in questa categoria anche nei circoli di esperti occidentali), e poi si trasforma in una crisi finanziaria globale.

Il crollo dello sviluppatore Evergrande è solo la punta dell’iceberg

È vero, lo scorso autunno, i media internazionali, coprendo l’effettivo crollo del colosso cinese nel mercato immobiliare Evergrande , hanno costantemente tracciato parallelismi con il fallimento della banca americana Lehman Brothers: questo evento è considerato il punto di partenza della crisi finanziaria ed economica globale del 2008-2009. Tuttavia, tale confronto è stato utilizzato dai giornalisti allora piuttosto per illustrare la portata di ciò che stava accadendo e non è stato percepito come una previsione.

Ma l’articolo del direttore di DIW, in effetti, sembra esattamente una previsione. Il capo di un ampio team di scienziati indica i problemi finanziari e di debito che si stanno accumulando in molte economie emergenti (“i rischi sono molto più alti di quanto molti pensino”) e avverte che nei prossimi due anni ciò potrebbe portare a una crisi finanziaria globale , e il punto di partenza potrebbe benissimo essere la Cina.

Secondo Marcel Fratzscher, la storia del crollo di Evergrande impedito dal governo e dalla banca centrale cinese era solo la punta dell’iceberg. A causa del boom immobiliare decennale, altri grandi sviluppatori e numerose famiglie hanno accumulato enormi debiti. Ma in grandi debiti e numerose imprese statali.

I fallimenti delle grandi società statali cinesi sono inevitabili

Finora le autorità cinesi riescono ancora a tenere sotto controllo la situazione, anche grazie alle ingenti riserve di cassa, alle pressioni sul settore bancario e ai controlli sui capitali, che ne limitano le possibilità di fuga all’estero.

“Tuttavia, in Cina, potrebbe presto arrivare il momento in cui non sarà più possibile mettere a tacere i grandi problemi del suo sistema finanziario e dovranno essere risolti. Poi il fallimento delle grandi aziende del mercato immobiliare, alcune banche statali e la chiusura di numerose altre aziende statali diventeranno inevitabili”, prevede Marcel Fratzscher.

Ad aggravare significativamente i problemi finanziari ed economici della RPC possono essere i conflitti commerciali, in corso con gli Stati Uniti e in crescita con l’Europa. E se si conferma che “entrambi i vaccini cinesi non fanno nulla o proteggono solo in minima parte dall’Omicron e da altre varianti del virus, allora questo potrebbe portare presto – come nella primavera del 2020 – alla chiusura temporanea di fabbriche e rotte commerciali ,” scrive l’esperto. . L’inevitabile conseguenza saranno ulteriori massicce interruzioni delle catene di approvvigionamento globali.

Tutti questi problemi, ritiene il direttore del DIW Institute, sono ancora sottovalutati in Germania. Così ha deciso di dare l’allarme.

********************************

fonte: (https://time.news/china-is-facing-a-financial-crisis-german-businessmen-are-urged-to-prepare-economy-in-germany-and-worldwide-news-and-analysis-dw/)

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.