La Cina è infastidita dal prolungamento della guerra russo-ucraina

L‘Europa sembra aver scelto da che parte stare nella nuova guerra fredda. Nelle ultime settimane, abbiamo visto esempi dopo esempi di approfondimento di importanti legami industriali e commerciali tra la Russia e la Cina.

Renault sta collaborando con Geely, presumibilmente con la benedizione del presidente Emmanuel Macron. Gli investitori cinesi stanno acquistando il porto di Amburgo, un’infrastruttura fondamentale. Le aziende cinesi hanno annunciato la creazione di tre nuovi importanti stabilimenti di batterie in Europa, che rappresenteranno una tecnologia industriale chiave per il prossimo decennio. Scholtz è volato in Cina con 70 imprenditori delle più importanti aziende tedesche.

Ascolteremo molta retorica dalle principali potenze europee su come l’Occidente abbia bisogno di un fronte unito, su come dovrebbe affrontare la crescente influenza politica della Cina e unirsi attorno a valori comuni con gli Stati Uniti. Il problema è che, nello stesso tempo, l’Europa sta rapidamente approfondendo i suoi legami economici con la Cina.

Al contrario, le tensioni commerciali dell’UE con gli Stati Uniti sono più tese che mai.

https://www.telegraph.co.uk/business/2022/11/12/europe-has-picked-side-new-cold-war-china/

Mentre si moltiplicano i segnali: “300 elettrici cinesi la produzione di automobili viene presentata al vertice del G20 in Indonesia come veicoli ufficiali”.

La posizione verso la Russia e specialmente verso la guerra russo-ucraina, sta cambiando

Dopo il ritiro della Russia da Kherson, per la prima volta una popolare rete cinese ha pubblicato un materiale molto inquietante in relazione alla Russia e commenti all’unisono con essa. E sebbene l’autore non sia una persona che parla a nome de partito e gli editori stabiliscano che questo è il loro punto di vista personale, il fatto stesso della pubblicazione è indicativo.
L’articolo è dal titolo eloquente: “La situazione sul campo di battaglia sta subendo grandi cambiamenti. Cosa c’è che non va nell’esercito russo?”.
E la conclusione è semplicemente sbalorditiva, soprattutto per la stampa cinese, che è stata per lo più filo-russa per tutto questo periodo del conflitto militare: “Tra qualche anno, guardando indietro, sono convinto che molte persone si chiederanno: perché diavolo è stato fatto tutto questo? Migliaia di persone sono morte, ne è valsa la pena?”. Anche l’immagine allegata al testo fa pensare: https://mp.weixin.qq.com/s/FJsfo1E3-zteLt4A6Lqirw

Non è che la Cina non comprenda le responsabilità occidentali (i funzionari cinesi hanno molte volte descritto la situazione secondo la propria progressione storica), ma mi sembra chiaro che la guerra tra Ucraina e Russia sta spingendo l’Europa a favore degli Stati Uniti, mentre la Cina ha bisogno dell’Europa nella lotta per l’indipendenza dalle sanzioni e dallo strangolamento economico degli Stati Uniti.

Più chiaramente: agli occhi della Repubblica Popolare Cinese (RPC), Putin sta diventando un assistente degli Stati Uniti nello strangolamento economico della RPC. Nessuno ha annullato la logica del nemico del mio amico, è il mio nemico. Se poi aggiungiamo che il nemico del mio amico, cioè l’Europa, ha inviato truppe in Kazakistan, ha impedito ai piani di Nazarbayev di essere amico della RPC, allora il quadro risulta essere molto interessante. Inoltre, l’assistenza alla Federazione Russa aggrava il pericolo di sanzioni statunitensi all’economia cinese, quindi è ovvio che Pechino sotto pressione, guardi l’evolversi della situazione con occhio critico, pur rimanendo amica della Russia.

Sembra che una tale visione di Pechino sia conseguente al rifiuto della Federazione Russa di usare tutto il suo potenziale bellico ed a tutta una serie di gravi errori strategici, il che ha reso il conflitto sempre più incerto. Certe decisioni se comprensibili dal lato della preservazione delle vite umane, è letto da Pechino come ad un rifiuto a vincere. Nello stesso tempo, come già detto, questo comporta un danno rilevante ai partner cinesi e ad una progressiva pressione e chiusura alla Cina stessa, anche sulla questione Taiwan.

La domanda, ovviamente, non è se le paure cinesi siano false, il problema è che Pechino è indifferente agli analisti russi sulle prospettive della guerra, ma non indifferente a ciò che sta producendo il conflitto. Se prendiamo in considerazione l’Europa come fonte di tecnologia e mercato per la vendita di tecnologia cinese, in linea di principio l’Europa è molto importante per la Cina. Inoltre, in caso di crisi globale, questa colpirà tutti e si attuassero sanzioni anche verso la Cina, la situazione sarebbe imbarazzante.

La Cina ha bisogno della partnership europea. La scelta della Federazione Russa a favore dello sviluppo di un’economia basata sulle risorse, ha da tempo collocato la Federazione Russa per la RPC nella categoria dei paesi di scarso interesse per una cooperazione scientifica e tecnica multiforme. È brutto dirlo, ma è a causa del bisogno di materie prime della Cina che questo è tollerato. Tuttavia, il concetto di ‘nemico del mio amico’ pone le relazioni tra Cina e Federazione Russa su un piano fondamentalmente nuovo. Questo fatto è molto spiacevole, ma è reale e bisogna rendersene conto, altrimenti è impossibile capire qualcosa nella moderna politica estera della RPC , dei posizionamenti e delle iniziative che probabilmente vedremo.

VPNews

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.