La Cina accusa gli USA di utilizzare valori ideologici, tradendo la democrazia

La diplomazia cinese affronta nuovamente gli Usa

Observateur Continental

La Cina ha criticato gli Stati Uniti per aver formato clan secondo valori ideologici, pur tradendo il principio stesso della democrazia, che Washington sostiene di difendere. Pechino si è affrettata a ricordare ai funzionari statunitensi la necessità di abbandonare la mentalità della Guerra Fredda.

Il fatto che gli Stati Uniti costringano altri paesi ad accettare i suoi standard democratici e formino clan distinguendo i paesi in base a valori ideologici – è un puro tradimento della democrazia, ha affermato mercoledì un portavoce del ministero degli Affari esteri cinese. Zhao Lijian, citato dall’agenzia di stampa Xinhua .

Va notato che Washington continua la sua retorica aggressiva contro la Cina. Nel corso di una conferenza stampa in videoconferenza, il Sottosegretario di Stato per gli Affari dell’Asia Orientale e del Pacifico degli Stati Uniti ha indicato che durante la quarta riunione a livello ministeriale dei ministri degli Esteri del Quadrilateral Security Dialogue (QUAD) che si terrà in Australia e che vedrà il partecipazione del capo della diplomazia statunitense Antony Blinken – parte del dibattito verterà “sulle sfide che la Cina pone ai valori democratici e all’ordine internazionale”.

Ci si può ovviamente chiedere a quale “ordine internazionale” si riferisca il funzionario statunitense nell’attuale realtà multipolare, ma questa ennesima dichiarazione ostile alla Cina non ha mancato di far reagire l’alto funzionario diplomatico cinese. “La democrazia è un valore comune dell’umanità, non un monopolio di un certo numero di paesi. Spetta al popolo di un paese decidere se quel paese è democratico o meno”, ha affermato Zhao Lijian.

Ha anche aggiunto che, nonostante la sua reputazione democratica rovinata, gli Stati Uniti continuano a costringere altre nazioni ad accettare i suoi standard formando clan distinguendo paesi basati su valori ideologici, il che è un puro tradimento della democrazia. E che gli Stati Uniti, così come alcuni altri paesi, devono cogliere l’andamento dei tempi, adottare uno spirito adeguato e abbandonare la mentalità derivante dalla Guerra Fredda.

Se questa nuova chiamata all’ordine dalla Cina contro Washington è ancora una volta perfettamente giustificata, sarebbe certamente corretto ricordare anche che al di là del fatto che i regimi occidentali non hanno alcun diritto morale di poter affermare di parlare in nome di qualsiasi democrazia – non essere in grado di possederlo effettivamente, e anche al di là del fatto che molti stati nel mondo considerati democratici non aderiscono alla visione semplicistica occidentale della questione, soprattutto i raccapriccianti risultati raggiunti per molti popoli attraverso i tentativi occidentali di esportare la loro visione della cosiddetta democrazia.

E questo attraverso innumerevoli attacchi ai quattro angoli del pianeta, portando enormi sofferenze e distruzione ai popoli che le hanno dovute subire. In questo senso, la caratteristica migliore che torna negli USA è sicuramente quella che già gli era stata data: quella di essere dei falsi apostoli della democrazia.

Infine, i tentativi dei nostalgici dell’unipolarità, guidati da Washington, di cercare di creare nuovi blocchi per contrastare i sostenitori dell’attuale ordine multipolare internazionale – non porteranno certamente da nessuna parte. E questo non solo per la determinazione dei principali difensori del multipolarismo, tra cui ovviamente Cina e Russia e i rispettivi alleati nella maggior parte delle regioni del mondo, ma anche e semplicemente perché si assiste oggi ad un processo di osservazione attiva dei processi in atto da parte di paesi che erano tradizionalmente visti come sostenitori del blocco occidentale.

Il fatto che questi paesi si allontanino gradualmente dai presidi, pur avvicinandosi in modo sempre più strategico all’asse della multipolarità, conferma questa nozione perfettamente pragmatica che il mondo post-occidentale sia effettivamente una realtà. Ancora una volta, questo schema non deve in alcun modo essere visto come un desiderio di mettere da parte i paesi occidentali e i popoli della comunità internazionale, perché sebbene siano una minoranza planetaria, questo non è un obiettivo in sé. Ma per quanto riguarda l’istituzione interessata e i suoi delegati, probabilmente non c’è altra via d’uscita.

Mikhail Gamandiy-Egorov

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.