Banca Mondiale – sempre le stesse ricette globaliste di sfruttamento per i paesi più poveri

“In seguito alla devastazione causata dai blocchi legati al coronavirus, il presidente del Gruppo della Banca Mondiale David Malpass ha dichiarato che i paesi più poveri saranno ‘aiutati’ a rimettersi in piedi, a condizione che vengano attuate ulteriori riforme neoliberiste ed essere sempre più nel sistema globale.

Dice che i paesi che beneficeranno degli aiuti, dovranno attuare riforme strutturali per ridurre i tempi di ripresa e creare fiducia che la ripresa possa essere forte:

Per quei paesi che hanno normative eccessive, sussidi, un regime protettivo per licenze, protezioni commerciali o o conflittualità burocratiche come costituiscono ostacoli, lavoreremo con loro per favorire il libero mercato e scelte e prospettive di crescita più rapide durante la ripresa.

Per l’agricoltura, questo significa l’ulteriore apertura dei mercati a beneficio delle nazioni più ricche. Ciò che giornalisti come George Monbiot non riescono a riconoscere è che la tecnologia emergente in agricoltura (droni AI, colture modificate geneticamente, alimenti sintetici, ecc.) Sono prima di tutto uno strumento di potere aziendale. In effetti, l’agricoltura è stata per molto tempo centrale nella politica estera degli Stati Uniti , tesa ad aumentare la linea di fondo dei propri interessi agroalimentari e il loro controllo sulla catena alimentare globale.

Questa la sintesi delle parole del professore di economia Michael Hudson :

È attraverso l’agricoltura e il controllo dell’approvvigionamento alimentare che la diplomazia americana è stata in grado di controllare la maggior parte del Terzo Mondo. La strategia di prestito geopolitico della Banca Mondiale è stata quella di trasformare i paesi in aree a deficit alimentare convincendoli a coltivare colture da reddito – colture indirizzate all’esportazione del prodotto delle piantagioni – e non nutrirsi dei propri raccolti alimentari.

È ingenuo suggerire che nel ‘nuovo e coraggioso’ mondo delle fattorie senza contadini e del cibo basato sui laboratori, le cose potranno essere diverse diverse. Di fronte alla crisi economica e alla stagnazione interna, esacerbate dai blocchi e dalle restrizioni COVID, sia attraverso le nuove tecnologie che i vecchi metodi della Rivoluzione Verde, l’agricapitale occidentale cercherà di rafforzare ulteriormente la sua posizione in tutto il mondo.

tutto l’articolo è su Dissident Voice

Exit mobile version