L’ Ucraina circonda Lyman, ulteriori sanzioni europee

Le ultime notizie dal fronte e ulteriori sanzioni UE in preparazione, su aggiornamenti del prestigioso Institute for the Study of War (ISW):

L’ Ucraina circonda Lyman, gli Stati Uniti le danno altri 1,1 miliardi di dollari in aiuti militari

Le truppe ucraine hanno quasi circondato la città di Lyman nella regione di Donetsk. Lo ha riferito l’Institute for the Study of War (ISW) con sede a Washington sulla base di dati di osservazione e combattimento.

Lyman è considerato al momento l’obiettivo principale dell’esercito ucraino nel Donbas, settimane dopo la riconquista a sorpresa di vaste aree della regione di Kharkiv.

La città, conquistata dalla Russia in estate, secondo le mappe preparate dall’ISW, le forze ucraine hanno quasi circondato Lyman e l’unica possibilità di rifornire l’esercito russo è attraverso il centro abitato di Torske (Торское in russo), bombardato dai militari ucraini.

Il servizio russo della BBC rileva che le valutazioni dell’ISW sulla situazione al fronte sono generalmente prudenti e le informazioni potrebbero persino arrivare con un certo ritardo.

Ieri il ministero della Difesa russo ha annunciato, senza molti dettagli, che l’operazione ucraina intorno a Lyman era fallita e che 70 soldati erano stati uccisi. L’esercito ucraino non lo ha confermato e l’ISW, che ieri ha anche riferito che le forze ucraine avevano stretto il cappio attorno alla città, ha confermato i dati dell’accerchiamento dell’ultima valutazione della situazione.

Lyman era assente dall’ultimo annuncio dell’esercito ucraino. Il consigliere dell’amministrazione presidenziale ucraina, Oleksiy Arestovych, ha affermato poche ore fa che l’avanzata dell’Ucraina nella regione continua e che l’occupante è in un ” calderone “.

Perché Lyman è importante

Lyman è una città con una popolazione prebellica di sole 20.000 persone, ma secondo ISW la sua caduta potrebbe consentire all’Ucraina di minacciare le posizioni russe nella parte occidentale della regione di Luhansk e nell’area delle due città di Sievierdonetsk e Lysychansk (per il primo è stata una delle battaglie più difficili nella regione di Luhansk in tarda primavera).

L’accerchiamento di Lyman coincide con i preparativi per l’annessione delle “repubbliche popolari” delle regioni di Donetsk e Luhansk e delle parti controllate dai russi delle regioni di Kherson e Zaporizhzhia nell’Ucraina meridionale.  Ieri l’addetto stampa del Cremlino, Dmitry Peskov, ha annunciato che “l’operazione militare speciale” (come la Russia chiama la guerra) proseguirà almeno fino al pieno controllo della regione di Donetsk.

” I blogger militari russi hanno discusso dei successi ucraini intorno a Lyman con accresciuta preoccupazione il 28 settembre ” come segno che ” le forze russe nell’area potrebbero essere di fronte a una sconfitta imminente “, secondo ISW.

La leadership militare russa sembra non essere riuscita a informare di una potenziale debacle nell’area di Lyman e questo potrebbe incidere sul morale, ha spiegato una valutazione della situazione sul campo rilasciata ieri sera.

Si ricorda che la situazione era simile prima del successo della controffensiva nella regione di Kharkiv, e probabilmente la successiva insoddisfazione nello spazio informativo  russo ha spinto il Cremlino a ordinare la parziale mobilitazione militare.

Nel frattempo, gli Stati Uniti hanno annunciato che forniranno ulteriori 1,1 miliardi di dollari in aiuti militari all’Ucraina. L’annuncio non è una sorpresa dopo la pubblicazione Reuters di ieri, che citava funzionari statunitensi che desideravano rimanere anonimi.

Per questi fondi, verranno ordinati 18 lanciarazzi e munizioni HIMARS, sistemi anti-drone Titan e altri saranno ordinati dai produttori. Dopo questo pacchetto, gli aiuti militari americani all’Ucraina ammonteranno a quasi 17 miliardi di dollari.

Non smetteremo di sostenere l’ Ucraina e continueremo a sostenere il popolo ucraino, se necessario, e a fornire loro l’assistenza militare di cui hanno bisogno per difendersi “, ha affermato la portavoce della Casa Bianca Karine Jean-Pierre.

Inoltre, l’Ucraina acquisirà circa 300 veicoli da combattimento, dozzine di camion e trattori per il trasporto di attrezzature pesanti, vari tipi di radar, apparecchiature di comunicazione e ricognizione e dispositivi di protezione individuale. Sono incluse anche le attrezzature per il rilevamento di esplosivi e le attrezzature di supporto e addestramento.

L’UE non riconosce e non riconoscerà mai i “referendum” illegali nelle parti occupate delle regioni di Donetsk, Luhansk, Kherson e Zaporizhzhia ei loro risultati falsi, né alcuna decisione presa sulla base di tali risultati.

Lo ha affermato in una dichiarazione l’alto rappresentante per gli affari esteri, Josep Borrell, a nome dell’UE.

L’Europa invita tutti gli Stati membri delle Nazioni Unite ad agire allo stesso modo.

Organizzando questi falsi “referendum”, la Russia cerca di cambiare con forza i confini dell’Ucraina riconosciuti a livello internazionale. Questa è una grave violazione della Carta delle Nazioni Unite. I risultati di questi sondaggi sono nulli e quindi non possono produrre alcun effetto legale, aggiunge il comunicato.

I “referendum” vengono organizzati mentre la Russia conduce la sua guerra di aggressione contro l’Ucraina e punta all’annessione dei territori occupati. Sono stati trattenuti sullo sfondo di violazioni massicce e sistematiche dei diritti umani, nonché di intimidazioni nei confronti di cittadini ucraini da parte della Russia e delle sue autorità illegali nominate nei territori occupati. Pertanto, questi “voti” illegali, tenuti in fretta e sotto pressione, non rappresentano il libero arbitrio delle persone che vivono in queste regioni.

Tutti coloro che sono coinvolti nell’organizzazione dei “referendum”, così come i colpevoli di aver violato i diritti umani, saranno ritenuti responsabili, assicura Josep Borrell.

Lui e la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen hanno annunciato la proposta di un ottavo pacchetto di sanzioni contro la Russia.

L’UE sanziona Alexandr Dugin e il cantante dei “Lyube” Rastorguyev

Il cantante di “Lyube” Nikolay Rastorguyev, il filosofo Alexandr Dugin e il maggiore azionista della compagnia di armi Kalashnikov Alan Lushnikov sono tra le proposte della CE per l’ottavo pacchetto di sanzioni dell’UE, ha riferito Politico.

Nella bozza della Commissione è incluso il divieto di importazione di prodotti siderurgici dalla Russia e l’esportazione di alcuni semiconduttori. Un elemento chiave mancante nell’elenco sono i diamanti russi: questo farà piacere al Belgio, che è una specie di hub dei diamanti dell’Europa. Invece, Bruxelles vuole vietare l’importazione di “alcuni elementi utilizzati nell’industria della gioielleria, come pietre e metalli preziosi” e sanzionare Alrosa, la più grande compagnia di estrazione di diamanti della Russia.

La CE esaminerà anche proposte per fermare l’importazione di beni ritenuti generare entrate significative in Russia, come “prodotti di bellezza o per il trucco”, “preparati per la rasatura compresi prodotti pre e dopobarba, deodoranti personali”, nonché sapone e carta igienica.

Per quanto riguarda le esportazioni, i componenti semiconduttori e i chip non potranno più essere offerti sul mercato russo. Anche le esportazioni di parti di aeromobili verso la Russia saranno vietate se il nuovo pacchetto di sanzioni verrà approvato.

Nel settore dei servizi è previsto il divieto di “fornitura di servizi di architettura e ingegneria, servizi di consulenza legale e servizi di consulenza informatica” a società e privati ​​in Russia.

La bozza, che la Commissione ha presentato mercoledì agli ambasciatori dell’UE, necessita ancora dell’approvazione dei 27 Stati membri.

In totale, Bruxelles intende aggiungere alla “lista nera” circa 30 privati ​​e otto aziende.

****

tramite Novinite.com – (https://www.novinite.com)

Exit mobile version