Kazakistan – Da protesta indipendente a (fallita) rivoluzione arancione

Nursultan Nazarbayev

Nursultan Nazarbayev

Anna Derkach, un osservatore politico per il canale televisivo MIR 24, riferisce che molte persone confrontano gli eventi in Kazakistan con quelli in Ucraina. Rivoluzione colorata, colpo di stato, militanti addestrati, cecchini sconosciuti. Tutto questo era già a Kiev. Parlando lunedì 10 gennaio, in un vertice straordinario della CSTO, il presidente russo Vladimir Putin ha affermato che le cosiddette tecnologie “Maidan” sono state utilizzate attivamente in Kazakistan.

Il 2 gennaio, era avvenuta una manifestazione pacifica ad Aktau contro l’aumento dei prezzi del gas [per autotrazione]. Ma il giorno dopo, una folla armata distrugge l’ex capitale del Kazakistan. Esplode ordigni, spara, ruba tutto ciò che incontra. La sceneggiatura è familiare.

L’inizio di una rivoluzione colorata avviene sempre senza un accenno di violenza. In Georgia nel 2003 coloro che erano d’accordo con i risultati delle elezioni parlamentari si mobilitarono organizzando proteste incendiarie. Nel 2004, le persone riempiranno il centro di Kiev esattamente allo stesso modo. Da protesta indipendente Maidan diventerà una rivoluzione arancione. Sul palco si alternavano artisti e candidati alla presidenza. Sui volti delle persone, la felicità era protesa dall’anticipazione di un futuro più luminoso.

“Le classiche rivoluzioni colorate, possono essere descritte come un colpo di stato, un cambio di potere incostituzionale utilizzando tecnologie soft power, cioè tecnologie non violente”, ha spiegato Alexander Naumov, capo del Centro per lo Studio del Soft Power e Rivoluzioni di colore all’Università statale di Mosca.

Secondo il politologo americano Gene Sharp, ci sono circa 200 di queste metodologie. Uno dei suoi manuali “198 metodi di azione non violenta” è chiamato un manuale sulle rivoluzioni colorate. Seguendo le istruzioni ‘passo passo’, puoi fare un colpo di stato in quasi tutti i paesi.

Quindi, per il morbido rovesciamento del regime, è necessaria una ragione. Molto spesso, diventa il malcontento popolare accumulato. In Georgia, la corruzione e la criminalità dilagavano. In Ucraina, l’innesco erano riforme sociali fallite e totale impoverimento della popolazione.

“Nessuna rivoluzione colorata avverrà senza il supporto esterno. Molto prima che avvenga la rivoluzione colorata, gli attori del soft power iniziano ad agire”, ha affermato Alexander Naumov.

L’indottrinamento ideologico è il momento più importante nella preparazione della rivoluzione. Ci vogliono anni per fare il lavaggio del cervello alla popolazione. Nel caso delle ex repubbliche sovietiche, decenni.

“Infatti, da 30 anni, dal crollo dell’Unione Sovietica, le organizzazioni senza scopo di lucro hanno iniziato a lavorare. In Kazakistan lavoravano circa 20mila organizzazioni senza scopo di lucro americane, britanniche, europee e altre. Oltre a queste strutture occidentali, funzionavano le strutture degli oligarchi in fuga. Il più famoso di loro è Mukhtar Ablyazov. Le strutture di questo kazako Khodorkovsky sono blogger, una community sui social network, pubblici in cui ha criticato l’attuale governo, ha combattuto la corruzione, anche se un tempo era lui stesso il principale funzionario corrotto. Tutto questo è il sottobosco che qualcuno avrebbe dovuto dare alle fiamme “, ha affermato Oleg Matveychev, deputato della Duma di Stato della Federazione Russa.

Per il rovesciamento del potere, un buon momento è molto importanteL’opzione ideale sono le elezioni. Agli elettori è già stato detto che nulla dipende da loro e i risultati delle votazioni saranno falsificati.

Nel 2003, un attacco informativo ha portato alle dimissioni del primo presidente della Georgia, Eduard Shevardnadze. Nel 2004, l’Ucraina non ha riconosciuto la vittoria di Yanukovich. La corte ha indetto nuove elezioni presidenziali, in cui ha vinto Yushchenko. Lo scopo dei pogrom in Kazakistan è rovesciare il presidente Tokayev. Il motivo è l’aumento dei prezzi del gas.

Non solo per portare la gente in piazza, ma per trasformarla in una vera e propria rivoluzione. Per fare questo, devi avere un distaccamento da combattimento, un’avanguardia da combattimento. Hanno cominciato a girare per i villaggi, dove ci sono molti kazaki disoccupati, ragazzi che hanno prestato servizio nell’esercito, hanno avuto una sorta di esperienza di combattimento e hanno offerto loro $ 700, due o tremila dollari. Abbiamo reclutato diverse migliaia di persone di questo tipo, comprese quelle dall’estero”, ha affermato Oleg Matveychev.

Secondo il presidente Tokayev, l’attacco al Kazakistan è stato organizzato da terroristi provenienti dal Medio Oriente e dall’Afghanistan. Ci furono vere battaglie ad Almaty e in altre città. Banditi hanno attaccato unità militari, posti di blocco, scuole militari per sequestrare armi.

“I terroristi hanno utilizzato le proprie comunicazioni, vestiti con l’uniforme del personale militare e delle forze dell’ordine. Si coprirono cinicamente di rivoltosi, che servivano da scudi umani per loro. Avendo un vantaggio numerico di almeno cinque volte, i banditi hanno attaccato la polizia e il personale militare, li hanno picchiati con particolare crudeltà e hanno tagliato la testa a due militari”, ha affermato il presidente del Kazakistan Kassym-Jomart Tokayev.

I militanti hanno stabilito il controllo su tutti gli oggetti strategicamente importanti. Hanno bloccato strade e ferrovie, sequestrato ospedali, akimat [la sede del sindaco locale] e l’aeroporto. Hanno sconfitto la filiale nazionale della compagnia televisiva e radiofonica “Mir” ad Almaty.

“Quando ho visto questo, ho pregato Dio che nessuno dei nostri ragazzi rimanesse lì, che nessuno venisse ucciso. Perché in Ucraina, durante il colpo di stato del 2014, con gli stessi bulgari, le stesse persone in maschera, con scudi, armi hanno fatto irruzione nell’ufficio del Partito delle Regioni e hanno ucciso un uomo. Era necessario distruggere qualcuno, è indicativo, come atto intimidatorio”, ha affermato il politologo Yury Kot.

Il sacro sacrificio è parte integrante delle rivoluzioni colorate nella loro fase in cui cessano di essere pacifiche. Nel 2014, durante la “rivoluzione della dignità” in Ucraina, il “soft power” si è trasformato nelle azioni di “cecchini sconosciuti”. Il risultato: migliaia di morti a Maidan, nel Donbass e nella Casa dei sindacati di Odessa.

“Con l’aiuto del soft power, il potere non è stato preso e quindi sono passati all’uso della forza. Soprattutto per creare un sacrificio sacro, per dimostrare che il regime sanguinario non ha diritto di esistere e deve essere spazzato via. È iniziata una guerra terroristica, perché il Settore Destro è un’organizzazione terroristica. Volevano ripeterlo in Kazakistan, solo in una versione molto più accelerata”, ha affermato Alexander Naumov.

Secondo gli analisti, l’obiettivo non era il Kazakistan in sé, ma il Kazakistan come partner più vicino di Cina e Russia. Indebolire la situazione nella regione è compito degli ideologi delle rivoluzioni colorate.

“Tutti gli stati in cui sono avvenute le rivoluzioni colorate, non solo hanno fatto un passo avanti, ma hanno fatto due passi indietro. Di conseguenza, la Georgia alla fine perse l’Abkhazia e l’Ossezia del Sud. Ucraina – è noto che ha perso e, probabilmente, perderà di più. Assistiamo a una crisi permanente, alla perdita dei nostri territori e, in generale, a una scivolata verso lo status di stato fallito”, ritiene Alexander Naumov.

Lo stesso destino è stato preparato per il Kazakistan. I vicini- partner della CSTO hanno contribuito a salvare il paese dalla distruzione . Nel caso della Georgia e dell’Ucraina, non c’era nessuno ad aiutare.

fonte: Mir 24 TV

Correlati:

Accanto a Biden c’è un uomo con i baffi, capo dei serizi di sicurezza (KNB) del Kazakistan Karim Masimov.
l’8 gennaio è stato rimosso dal suo incarico e arrestato con l’accusa di tradimento.
Due dei suoi vice sono stati epurati dai loro incarichi. La foto stessa è stata scattata nel 2015. Massimov era allora il primo ministro del Kazakistan

 

 

Exit mobile version