ISS Weekly Status Report – 25.2018

[ad_1]

Pubblichiamo il nuovo report delle attività svolte dagli astronauti a bordo della Stazione Spaziale Internazionale

14 settembre

H-II Transfer Vehicle (HTV)-7 Launch
Il tentativo di lancio è stato annullato a causa di un problema tecnico.

Binary Colloidal Alloy Test – Cohesive Sediment (BCAT-CS)
L’equipaggio ha controllato l’allineamento e la messa a fuoco della telecamera visualizzando sul portatile le immagini BCAT più recenti. BCAT-CS si concentra sullo studio delle forze tra le particelle che si raggruppano utilizzando sedimenti di quarzo ed argilla. Condurre la ricerca sfruttando la microgravità presente sulla ISS rende possibile separare le forze che agiscono sulle particelle su un corto raggio (forze adesive) rispetto a quelle che agiscono su un lungo raggio (forze coesive). Il sistema al quarzo/argilla si trova comunemente in un’ampia varietà di ambienti come fiumi, laghi ed oceani, e svolge un ruolo importante negli sforzi tecnologici relativi alla perforazione per la ricerca di idrocarburi in acque profonde ed alla rimozione dell’anidride carbonica.

Meteor
L’equipaggio ha concluso la sostituzione del disco rigido ed ha configurato la nuova shell installata sul laptop all’inizio di questa settimana. Il payload Meteor è uno strumento per l’analisi dello spettro visibile con lo scopo primario di osservare meteore nell’orbita terrestre. L’indagine Meteor consiste nell’acquisizione di video ed immagini ad alta risoluzione dell’atmosfera terrestre, successivamente rielaborati da un particolare software, per la ricerca dei punti luminosi e l’osservazione di meteoriti in orbita terrestre.

Team Task Switching (TTS)
Un membro dell’equipaggio ha risposto oggi alle domande di un questionario dello studio Team Task Switching. Tutti gli astronauti a bordo della ISS sono spesso obbligati ad interrompere una attività per dirottare la propria attenzione ad altro. Queste interruzioni possono avere riflessi sulle prestazioni di entrambe le attività, sia quella interrotta che la nuova a cui è stata rivolta l’attenzione. Sono inoltre possibili ulteriori impatti, come ad esempio sulla motivazione del singolo. L’obiettivo dell’indagine Team Task Switching è quello di acquisire conoscenze sul fatto che i membri dell’equipaggio abbiano o meno difficoltà nel cambiare mansione e determinare l’impatto di queste interruzioni al fine di ridurre le eventuali conseguenze negative e migliorare la motivazione e l’efficacia individuale e di squadra.

Cold Atom Lab (CAL)
L’equipaggio ha risolto i problemi del cavo in fibra ottica necessario per ottenere la piena funzionalità di tutti i laser. Il CAL produce nubi di atomi che si raffreddano a circa un decimo di miliardesimo di grado al di sopra dello zero assoluto, temperatura molto più fredda della temperatura media che caratterizza lo spazio profondo. A queste basse temperature, gli atomi sono praticamente immobili, consentendo agli scienziati di studiare i comportamenti fondamentali e le caratteristiche quantistiche che sono difficili o impossibili da osservare a temperature più elevate. In microgravità, i ricercatori potrebbero essere in grado di raggiungere temperature ancora più fredde di quanto possibile sulla Terra ed osservare queste nubi fredde di atomi per periodi di tempo più lunghi. CAL è stato attivato da Terra. Il team degli specialisti CAL ha avviato una verifica del payload che li terrà impegnati le prossime 6 settimane.

Plant Habitat
L’equipaggio ha installato il Science Carrier #2 all’interno della struttura Plant Habitat. Plant Habitat era stato disinstallato ieri per permettere la sostituzione di una valvola che era stata identificata come la causa di una perdita scoperta nel Moderate Temperature Loopleak. L’Advanced Plant Habitat Facility (Plant Habitat) è una struttura completamente automatizzata che viene utilizzata per condurre ricerche sulle piante. Plant Habitat occupa la metà inferiore del rack EXpedite the PRocessing of Experiments to Space Station (EXPRESS) e due cassetti dell’International Subrack Interface Standard (ISIS), mettendo a disposizione un grande volume chiuso ad ambiente controllato.

Japanese Experiment Module Remote Manipulator System (JEMRMS) Operations
Nella notte, lo Space Station Integration and Promotion Center (JAXA) ha utilizzato il JEMRMS per trasferire l’Exposed Facility Unit (EFU) Adapter, su cui era stata installata la nuova High Definition Television Camera System for JEM Exposed Facility 2 (HDTV-EF2), dal JEM Airlock all’EFU 5. Sfortunatamente, SSIPC non è stato in grado di ricevere la telemetria dalla nuova HDTV-EF2. Gli specialisti a Terra stanno studiando il problema. L’HDTV-EF2, un dimostratore di tecnologia di tipologia Commercial Off-the-Shelf (COTS), sarà utilizzato per scattare immagini della superficie terrestre, dei veicoli spaziali e dei fenomeni meteorologici per scopi didattici.

HTV Preparations
I membri dell’equipaggio incaricati della cattura di HTV-7 hanno completato la loro seconda ed ultima sessione di addestramento con il Robotics Onboard Trainer (ROBoT). ROBoT è una versione dedicata alle operazioni in orbita del Dynamics Skills Trainer (DST) basato a Terra. Questo strumento è in grado di simulare le operazioni robotiche con feedback grafico.
[NDT : ROBoT è costituito da due distinti software principali. Il primo è responsabile della visualizzazione delle scene grafiche, mentre i restanti sono responsabili della simulazione del Mobile Servicing System (MSS), del Japanese Experiment Module Remote Manipulator System (JEMRMS) e dell’H-II Transfer Vehicle (HTV) Free Flyer Robotics Operations. Il software di MSS include: simulatore del Robotic Workstation (RWS), simulatore dello Space Station Remote Manipulator System (SSRMS), simulatore dell’ISS Command and Control System (CCS) ed di un aspetto del software installato sui Portable Computer System (PCS), necessario per gestire le operazioni con MSS.]

Life Sciences Glovebox (LSG) – Avionic Package Bracket Removal
L’equipaggio ha rimosso parte di una staffa che serviva per mantenere in posizione i connettori elettrici dell’Avionics Package, in preparazione dell’integrazione ed installazione di LSG all’interno di ZSR nella posizione JPM1F5. Questo componente della staffa avrebbe creato un’interferenza fisica tra l’Avionics Package e ZSR con LSG installato.

17 settembre

Microbial Tracking-2
Un membro dell’equipaggio ha raccolto campioni di saliva per l’indagine Microbial Tracking-2. Microbial Tracking-2 intende tracciare, nel corso di una ricerca della durata di un anno, i diversi tipi di microbi presenti sulla ISS attraverso una serie di campionamenti di superfici, atmosfera della ISS e saliva degli astronauti. I campioni raccolti vengono inviati a Terra per le analisi molecolari (DNA ed RNA) per identificare i tipi di microbi e per studiare come la flora microbica si modifica nel tempo.

Biomolecule Extraction and Sequencing Technology (BEST)
L’equipaggio ha avviato il seguenziamento dei campioni prelevati oggi. L’indagine BEST studia l’uso dell’analisi del DNA per l’identificazione degli organismi microbici sconosciuti che vivono sulla ISS e di come gli esseri umani, le piante ed i microbi si adattano a vivere sulla ISS.

pubblicità

Atomization
L’equipaggio ha sostituito le siringhe dei campioni. Atomization osserva con una telecamera ad alta velocità il processo di nebulizzazione di un getto d’acqua a bassa velocità in varie condizioni di emissione. Le conoscenze acquisite potranno essere applicate per migliorare il rendimento dei motori che utilizzano sistemi di combustione ad iniezione.

On-Orbit Fit Verification (OFV)
In preparazione dell’ormai imminente attività extraveicolare, l’equipaggio ha effettuato l’On-Orbit Fitcheck Verification (OFV), ossia l’adattamento delle EMU alla taglia degli astronauti che le dovranno indossare.

ExtraVehicular Activity (EVA) Preparations
In preparazione delle prossime attività extraveicolari, l’equipaggio ha completato una lunga serie di attività denominate Road-To-EVA. Oltre ad avviare un ciclo di rigenerazione del Metal Oxide (MetOx) Canister, hanno preparato e verificato l’Equipment Lock for EVA ed i Simplified Aids for EVA Rescue (SAFER).

Zero-G Stowage Rack (ZSR) Reconfiguration
L’H-II Transfer Vehicle (HTV)-7 recapiterà sulla ISS il nuovo Life Sciences Glovebox (LSG). Per allocare lo spazio necessario per sistemare questo nuovo strumento, l’equipaggio ha configurato uno Zero-G Stowage Rack (ZSR) all’interno del Japanese Experimental Module (JEM) rimuovendo l’inserto su cui sono fissate le porte e la struttura interna del rack.

Public Affairs Office (PAO) Educational Event
Ricky Arnold ha partecipato oggi ad un evento in collegamento con il Liberty County School District (LCSD) in Hinesville, Georgia. LCSD si trova in un’area povera e l’evento di oggi ha offerto agli studenti l’opportunità di vedere oltre il loro orizzonte e guardare al potenziale che il futuro potrebbe riservare loro.

Compressor-M Remove and Replace (R&R)
Recentemente sono stati riscontrati diversi problemi con il Compressor-M nel corso delle attività di svuotamento dell’Urine Processing Assembly (UPA) Recycle Tank e del riempimento del Wastewater Storage Tank Assembly (WSTA). Poiché questa unità ha funzionato ben oltre la durata prevista in fase di progetto, l’equipaggio ha sostituito oggi l’unità guasta con una di riserva.

18 settembre

Binary Colloidal Alloy Test – Cohesive Sediment (BCAT-CS)
L’equipaggio ha controllato l’allineamento e la messa a fuoco della telecamera visualizzando sul portatile le immagini BCAT più recenti. BCAT-CS si concentra sullo studio delle forze tra le particelle che si raggruppano utilizzando sedimenti di quarzo ed argilla. Condurre la ricerca sfruttando la microgravità presente sulla ISS rende possibile separare le forze che agiscono sulle particelle su un corto raggio (forze adesive) da quelle che agiscono su un lungo raggio (forze coesive). Il sistema al quarzo/argilla si trova comunemente in un’ampia varietà di ambienti come fiumi, laghi ed oceani, e svolge un ruolo importante negli sforzi tecnologici relativi alla perforazione per la ricerca di idrocarburi in acque profonde ed alla rimozione dell’anidride carbonica.

Biochemical Profile
Sono stati prelevati oggi campioni di sangue ed urina per l’esperimento Biochemical Profile. I campioni di sangue e di urina prelevati dagli astronauti prima, durante e dopo la conclusione della missione spaziale, sono utilizzati per valutare lo stato di salute di un astronauta, rilevando i biomarcatori chiave presenti in questi fluidi. Questa indagine, che ha inizio nel periodo di pre-volo dell’astronauta, prosegue durante la permanenza nello spazio per poi terminare con ulteriori esami nel periodo post-volo, ha come scopo il determinare se le alterazioni del sistema immunitario indotte dal volo spaziale possono aumentare la suscettibilità di infezione o rappresentare un rischio sanitario significativo per i membri dell’equipaggio a bordo della ISS.

Plant Habitat-1
L’equipaggio ha ricaricato i contenitori d’acqua del sistema di irrigazione di Plant Habitat. L’Advanced Plant Habitat Facility (Plant Habitat) è una struttura completamente automatizzata che viene utilizzata per condurre ricerche sulle piante. Plant Habitat occupa la metà inferiore del rack EXpedite the PRocessing of Experiments to Space Station (EXPRESS) e due cassetti dell’International Subrack Interface Standard (ISIS), mettendo a disposizione un grande volume chiuso ad ambiente controllato. L’indagine Plant Habitat-1 confronta le differenze (genetica, metabolismo, fotosintesi e rilevamento della gravità) tra le piante coltivate nello spazio rispetto a quelle che crescono e si sviluppano sulla Terra. Si prevede che questa indagine fornirà informazioni chiave sui principali cambiamenti che si verificano nelle piante esposte alla microgravità.

Biomolecule Extraction and Sequencing Technology (BEST)
L’equipaggio ha avviato la terza fase del sequenziamento dei campioni prelevati oggi. L’indagine BEST studia l’uso dell’analisi del DNA per l’identificazione degli organismi microbici sconosciuti che vivono sulla ISS e di come gli esseri umani, le piante ed i microbi si adattano a vivere sulla ISS.

External High Definition Camera (EHDC) Latch Block Adjustment
Durante i preparativi dell’US ExtraVehicular Activity (EVA) 49, l’equipaggio ha scoperto che l’EHDC S/N 1001 non si chiudeva correttamente sulla Color Television Camera (CTVC). L’analisi del problema ha permesso di scoprire che una regolazione differente dei Latch Block potrebbe compensare i problemi di interferenza causati da tolleranze più ampie. Questo EHDC sostituirà l’External Television Camera Group (ETVCG) guasto durante una attività extraveicolare che verrà effettuata a gennaio 2019.

LAB Forward, Port Inter-Module Ventilation (IMV) Fan Cleaning
Le misurazioni effettuate lo scorso mese di agosto avevano rilevato anomalie nel flusso IMV dal Lab al Node 2. Poiché la causa più probabile è la presenza di detriti o di oggetti estranei (FOD) sulle griglie di protezione poste di fronte alla ventola, oggi l’equipaggio ha ispezionato e pulito le ventole e le griglie di ingresso. Le portate IMV, per garantire i corretti valori del flusso, devono essere superiori a 100 piedi cubici al minuto – cubic feet per minute (cfm). L’efficacia della pulizia effettuata oggi verrà verificata durante la successiva serie di misurazioni del flusso IMV.

Public Affairs Office (PAO) Education Event
Serena Auñón-Chancellor ha partecipato oggi ad un Public Affairs Office (PAO) in collegamento con gli studenti dell’università che anni prima l’aveva vista a sua volta studente, la George Washington University di Washington, DC.

19 settembre

Biochemical Profile
L’equipaggio ha raccolto oggi campioni di urina e sangue. I campioni di sangue e di urina prelevati dagli astronauti prima, durante e dopo la conclusione della missione spaziale, sono utilizzati per valutare lo stato di salute di un astronauta, rilevando i biomarcatori chiave presenti in questi fluidi. Questa indagine, che ha inizio nel periodo di pre-volo dell’astronauta, prosegue durante la permanenza nello spazio per poi terminare con ulteriori esami nel periodo post-volo, ha come scopo il determinare se le alterazioni del sistema immunitario indotte dal volo spaziale possono aumentare la suscettibilità di infezione o rappresentare un rischio sanitario significativo per i membri dell’equipaggio a bordo della ISS.

Advanced Combustion via Microgravity Experiments (ACME)
L’equipaggio, in preparazione della ripresa degli esperimenti ACME E-Field Flames, ha sostituito il modulo di compensazione contenuto all’interno del Combustion Integrated Rack (CIR) Hi Bit-depth Multi-Spectral (HiBMS) Imaging. L’indagine ACME è un insieme di cinque esperimenti indipendenti sulla combustione di fiamme gassose da condurre nel CIR. L’obiettivo primario di ACME è quello di migliorare l’efficienza del combustibile e ridurre la produzione di sostanze inquinanti. Il suo obiettivo secondario è quello di migliorare la prevenzione degli incendi sui veicoli spaziali attraverso una ricerca innovativa incentrata sull’infiammabilità dei materiali.

Atomization
L’equipaggio ha sostituito questa mattina le siringhe dei campioni. Atomization osserva con una telecamera ad alta velocità il processo di nebulizzazione di un getto d’acqua a bassa velocità in varie condizioni di emissione. Le conoscenze acquisite potranno essere applicate per migliorare il rendimento dei motori che utilizzano sistemi di combustione ad iniezione.

Electro-static Levitation Furnace (ELF)
L’equipaggio ha sostituito le cartucce dei campioni, in preparazione dell’imminente avvio delle nuove operazioni coordinate da Terra. L’ELF è un impianto sperimentale progettato per far levitare/fondere/solidificare i materiali con tecniche di lavorazione senza contenitore utilizzando il metodo elettrostatico di levitazione.

SpaceTex-2 and Metabolic Space
Un membro dell’equipaggio ha indossato l’attrezzatura Metabolic Space, il Thermolab, un cardiofrequenzimetro ed una maglietta SpaceTex per dare il via all’indagine SpaceTex-2 dell’ESA prima di effettuare una sessione di allenamento con il Cycle Ergometer with Vibration Isolation and Stabilization (CEVIS). I tessuti SpaceTex forniscono una maggiore velocità di evaporazione del sudore ed una corrispondente maggiore perdita di calore per evaporazione rispetto ai tessuti di cotone usati normalmente dagli astronauti sulla ISS. Metabolic Space, indossato dagli astronauti, è un sistema in grado di fornire la misurazione dei parametri cardio-polmonari durante le attività fisiche che gli astronauti vivono a bordo della ISS, pur consentendo una mobilità senza restrizioni.

ESA Education Payload Operations (EPO)
L’equipaggio ha realizzato una raccolta di fotografie a scopo educativo fotografando gli sviluppi del Crystallization of Charged Particles Experiment. Le attività correlate a questo progetto hanno lo scopo di incoraggiare e stimolare i giovani studenti ad indirizzare la loro carriera scolastica verso lo studio delle materie scientifiche – STEM (Science, Technology, Engineering and Mathematics).

Waste and Hygiene Compartment (WHC) Closeout Panel and Fastener Survey
L’equipaggio ha riferito che diversi dispositivi di fissaggio posti sui pannelli di chiusura del WHC sono diventati inutilizzabili, principalmente a causa di un guasto della maniglia del D-ring. Per valutare le condizioni di questi pannelli, l’equipaggio ha ispezionato e documentato con alcune foto tutti i pannelli di chiusura del WHC.

Instrumentation System (IWIS) Remote Sensing Unit (RSU) Antenna Replacement
L’equipaggio ha sostituito due antenne IWIS danneggiate, installate nel Russian Service Module (SM) e nel modulo Columbus. Dopo aver concluso le sostituzioni, l’equipaggio ha ispezionato le altre sette Remote Sensing Unit (RSU) della ISS rilevando danneggiamenti anche in quelle installate nel Node 1 e nel Node 3. Dopo aver sostituito anche queste due, l’equipaggio ha fotografato tutte le altre antenne per documentarne lo stato.

20 settembre

Service Module (SM) ISS Reboost
Questo pomeriggio, alle ore 13:05 CDT, la ISS ha effettuato un reboost, ovvero un innalzamento dell’orbita ed una accelerazione della velocità orbitale, attivando i propulsori del Service Module per 17 secondi. Questo è stato l’ultimo dei tre reboost effettuati per sincronizzare l’orbita della ISS con la partenza della Sojuz 54S (4 ottobre) e l’arrivo della Sojuz 56S (11 ottobre) che utilizzerà il nuovo profilo di avvicinamento basato su 4 orbite. Il reboost ha prodotto un incremento della velocità orbitale della ISS di 0,27 metri al secondo (m/s) mentre l’altitudine è stata incrementata di 0,49 chilometri (km).

Express Rack 2
L’equipaggio ha rimosso il Payload Ethernet Hub Bridge (PEHB) per sostituirlo con l’Improved Payload Ethernet Hub Gateway (iPEHG). Il design dell’iPEHG corregge e migliora i limiti dei “vecchi” PEHB.

Atomization
L’equipaggio ha sostituito le siringhe dei campioni. Atomization osserva con una telecamera ad alta velocità il processo di nebulizzazione di un getto d’acqua a bassa velocità in varie condizioni di emissione. Le conoscenze acquisite potranno essere applicate per migliorare il rendimento dei motori che utilizzano sistemi di combustione ad iniezione.

Binary Colloidal Alloy Test – Cohesive Sediment (BCAT-CS)
L’equipaggio ha controllato l’allineamento e la messa a fuoco della telecamera visualizzando sul portatile le immagini BCAT più recenti. BCAT-CS si concentra sullo studio delle forze tra le particelle che si raggruppano utilizzando sedimenti di quarzo ed argilla. Condurre la ricerca sfruttando la microgravità presente sulla ISS rende possibile separare le forze che agiscono sulle particelle su un corto raggio (forze adesive) rispetto a quelle che agiscono su un lungo raggio (forze coesive). Il sistema al quarzo/argilla si trova comunemente in un’ampia varietà di ambienti come fiumi, laghi ed oceani, e svolge un ruolo importante negli sforzi tecnologici relativi alla perforazione per la ricerca di idrocarburi in acque profonde ed alla rimozione dell’anidride carbonica.

Team Task Switching (TTS)
Un membro dell’equipaggio ha risposto oggi alle domande di un questionario dello studio Team Task Switching. Tutti gli astronauti a bordo della ISS sono spesso obbligati ad interrompere una attività per dirottare la propria attenzione ad altro. Queste interruzioni possono avere riflessi sulle prestazioni di entrambe le attività, sia quella interrotta che la nuova a cui è stata rivolta l’attenzione. Sono inoltre possibili ulteriori impatti, come ad esempio sulla motivazione del singolo. L’obiettivo dell’indagine Team Task Switching è quello di acquisire conoscenze sul fatto che i membri dell’equipaggio abbiano o meno difficoltà nel cambiare mansione e determinare l’impatto di queste interruzioni al fine di ridurre le eventuali conseguenze negative e migliorare la motivazione e l’efficacia individuale e di squadra.

Spare External (EXT) Enhanced Processor and Integrated Communications (EPIC) Multiplexer/Demultiplexer (MDM) Card Swap
Basato sull’esperienza acquisita con il Test, Teardown and Evaluation (TT&E) eseguito con il MTM EXT-1 che si era guastato nel 2017, gli specialisti a Terra credono che l’on-orbit EPIC card potrebbe manifestare lo stesso problema se sottoposta a temperature inferiori a -20 gradi Celsius. L’equipaggio ha sostituito la vecchia card con una nuova che, giunta sulla ISS a bordo del cargo della missione OA-9, è stata sottoposta a test termici. Il sistema MDM On-Orbit Tester (MOOT) verrà utilizzato in futuro per effettuare gli IVA test di MDM.

Node 3 (N3) Smoke Detector Relocate
Il nuovo USOS Toilette System installato nel Node3 creerà un interferenza che impedirà un facile accesso ai rilevatori di fumo ed ai filtri HEPA installati nel Node 3. Sebbene siano state prese in considerazione diverse opzioni per alleviare questa interferenza, alla fine è stato deciso di spostare i rivelatori dal pannello NOD3D3-03 all’area del plenum sotto il NOD3D3-01. Questa mattina l’equipaggio ha parzialmente completato questa attività, interrompendo il trasferimento di un rilevatore di fumo a causa di un dispositivo di fissaggio difettoso. I controlli sui rilevatori di fumo già trasferiti hanno avuto successo ed ora gli specialisti a Terra stanno elaborando un piano per affrontare la reinstallazione del rilevatore rimanente.

Public Affairs Office (PAO) Downlink Message
La NASA sta collaborando con il National Parks Service per celebrare il 60° anniversario della NASA in concomitanza con il 50° anniversario del National Trails System Act. Come parte di quella celebrazione, oggi l’equipaggio ha scattato fotografie e registrato video con una mascotte giocattolo di nome Seaman Jr.; questo “pupstronauta” rappresenta un cane di razza Terranova che ha viaggiato con Lewis e Clark per l’intera spedizione storica. La scritta incisa sul suo collare recitava “Il più grande viaggiatore della mia specie” e l’attività di oggi ispirerà la prossima generazione ad essere curiosa, coraggiosa ed entusiasta di impegnarsi nei campi della scienza, della tecnologia, dell’ingegneria e della matematica (STEM).

STEMonstrations Recordings
Uno degli obiettivi educativi della NASA è ispirare le prossime generazioni ad impegnarsi nelle discipline scientifiche (Science, Technology, Engineering and Math – STEM). “STEMonstrations”, lezioni video registrate dai membri dell’equipaggio a bordo dell’ISS, sono uno degli strumenti utilizzati dalla NASA per promuovere ed insegnare i vari argomenti STEM in modo stimolante. Come parte di questa iniziativa, l’equipaggio ha registrato oggi due nuovi STEMonstrations; uno sull’Energia Solare e l’altro sull’Integrated Truss.

21 settembre

H-II Transfer Vehicle (HTV)-7 Launch
Il lancio di HTV-7 è attualmente pianificato per sabato 22 settembre alle ore 12:52 CDT. Se HTV-7 verrà lanciato sabato, l’avvicinamento alla ISS avverrà dopo un volo di 5 giorni che comporterà effettuare la cattura e l’attracco nella mattinata del 27 settembre. Le previsioni meteo attuali sembrano favorevoli al lancio di domani.

Plant Habitat
L’equipaggio ha scattato alcune foto delle piante in crescita sul vassoio #2. L’Advanced Plant Habitat Facility (Plant Habitat) è una struttura completamente automatizzata che viene utilizzata per condurre ricerche sulle piante. Plant Habitat occupa la metà inferiore del rack EXpedite the PRocessing of Experiments to Space Station (EXPRESS) e due cassetti dell’International Subrack Interface Standard (ISIS), mettendo a disposizione un grande volume chiuso ad ambiente controllato.

Human Research (Cell-Free Epigenome (CFE) and Medical Proteomics)
L’equipaggio giunto al traguardo del Flight Day 120 (FD120) ha raccolto campioni di sangue a supporto degli esperimenti Cell-Free Epigenome e Medical Proteomics.

  • Cell Free Epigenome. Lo studio CFE analizza i geni cellulari presenti nel sangue degli astronauti. I risultati forniranno importanti informazioni sul comportamento del corpo umano durante il volo spaziale. L’indagine Medical Proteomics valuta i cambiamenti delle proteine ​​contenute nel siero del sangue, analizzerà le ossa ed i muscoli al termine del volo spaziale per l’identificazione delle proteine ​​correlate all’osteopenia. Combinando i risultati delle ricerche sui topi nello spazio, sugli astronauti e sui pazienti a Terra, si ritiene di riuscire ad identificare le proteine connesse alla osteopenia utilizzando la più recente tecnica di analisi del proteoma. I campioni raccolti sono stati stivati nel Minus Eighty Degree Laboratory Freezer for ISS (MELFI).
  • Medical Proteomics. L’indagine Medical Proteomics valuta i cambiamenti delle proteine ​​contenute nel siero del sangue, analizzerà le ossa ed i muscoli al termine del volo spaziale per l’identificazione delle proteine ​​correlate all’osteopenia. Combinando i risultati delle ricerche sui topi nello spazio, sugli astronauti e sui pazienti a Terra, si ritiene di riuscire ad identificare le proteine connesse alla osteopenia utilizzando la più recente tecnica di analisi del proteoma.

Human Research Program (Biochemical Profile and Repository)
Un membro dell’equipaggio, giunto al traguardo del Return-14 (R-14), ovvero mancano circa 14 giorno al ritorno a Terra, ha raccolto campioni di sangue ed urina per le indagini Biochemical Profile e Repository.

  • Biochem Profile. I campioni di sangue e di urina prelevati dagli astronauti prima, durante e dopo la conclusione della missione spaziale, sono utilizzati per valutare lo stato di salute di un astronauta, rilevando i biomarcatori chiave presenti in questi fluidi. Questa indagine, che ha inizio nel periodo di pre-volo dell’astronauta, prosegue durante la permanenza nello spazio per poi terminare con ulteriori esami nel periodo post-volo, ha come scopo il determinare se le alterazioni del sistema immunitario indotte dal volo spaziale possono aumentare la suscettibilità di infezione o rappresentare un rischio sanitario significativo per i membri dell’equipaggio a bordo della ISS.
  • Repository è un contenitore speciale capace di conservare per lunghi periodi di tempo campioni biologici in condizioni ben controllate. Questi campioni rimarranno conservati come risorsa per la futura ricerca connessa al volo spaziale.

SpaceTex-2 and Metabolic Space
Un membro dell’equipaggio ha indossato l’attrezzatura Metabolic Space, il Thermolab, un cardiofrequenzimetro ed una maglietta SpaceTex per dare il via all’indagine SpaceTex-2 dell’ESA prima di effettuare una sessione di allenamento con il Cycle Ergometer with Vibration Isolation and Stabilization (CEVIS). I tessuti SpaceTex forniscono una maggiore velocità di evaporazione del sudore ed una corrispondente maggiore perdita di calore per evaporazione rispetto ai tessuti di cotone usati normalmente dagli astronauti sulla ISS. Metabolic Space, indossato dagli astronauti, è un sistema in grado di fornire la misurazione dei parametri cardio-polmonari durante le attività fisiche che gli astronauti vivono a bordo della ISS, pur consentendo una mobilità senza restrizioni.

LAB 16-Port Ethernet Switch Deploy
L’equipaggio ha installato un nuovo switch Ethernet a 16 porte nella posizione LAB1SD4 per ampliare il numero massimo delle connessioni alla Joint Station LAN (JSL) all’interno di LAB, poiché tutte le porte disponibili sul vecchio JSL LAB Router erano in uso.

Space Station Remote Manipulator System (SSRMS) Operations
L’Agenzia Spaziale Europea (ESA) ha richiesto una analisi dettagliata della superficie esterna del modulo Columbus ponendo particolare enfasi sulle aree anteriori del modulo. Questa analisi verificherà lo stato del sistema di protezione di Columbus – Columbus Meteoroid and Debris Protection System (MDPS). La prima parte dell’ispezione è già stata realizzata, mentre nei prossimi giorni verrà effettuata la seconda ed ultima sessione.

24 settembre

Biomolecule Extraction and Sequencing Technology (BEST)
L’equipaggio ha lavato le superfici del JEM designate alla raccolta dei campioni, dopodiché ha utilizzato la Miniature Polymerase Chain Reaction (miniPCR) per prelevare alcuni campioni ed estrarne il DNA. I campioni sono stati stivati in un MELFI in attesa del loro invio a Terra. L’indagine BEST studia l’uso dell’analisi del DNA per identificare gli organismi microbici sconosciuti che vivono sulla ISS e per capire come gli esseri umani, le piante ed i microbi si adattano a vivere sulla ISS.

Sally Ride Earth Knowledge Acquired by Middle Schools (EarthKAM)
L’equipaggio ha riattivato il payload EarthKAM nel Node 1 per dare il via ad una sessione di acquisizione immagini. Sally Ride EarthKam è un programma di educazione della NASA che permette a circa 20.000 studenti provenienti da 247 scuole di 28 paesi di fotografare ed esaminare la Terra dal punto di vista di un equipaggio in orbita. Tramite internet, gli studenti controllano una speciale macchina fotografica digitale montata a bordo della Stazione Spaziale Internazionale. Ciò consente loro di fotografare prospettive del pianeta Terra dallo spazio.

Atomization
L’equipaggio ha sostituito questa mattina le siringhe dei campioni. Atomization osserva con una telecamera ad alta velocità il processo di nebulizzazione di un getto d’acqua a bassa velocità in varie condizioni di emissione. Le conoscenze acquisite potranno essere applicate per migliorare il rendimento dei motori che utilizzano sistemi di combustione ad iniezione.

Mobile Procedure Viewer (MobiPV) settings update
L’equipaggio ha aggiornato la configurazione di MobiPV per consentire l’accesso al server IPV a tutte le telecamere della ISS. MobiPV mira a migliorare l’efficienza dell’esecuzione delle attività mettendo a disposizione dell’equipaggio un set di dispositivi portatili wireless indossabili che utilizzano la navigazione vocale, oltre a permettere un collegamento audio/video diretto con gli esperti a Terra.
[NDT : Lo scopo principale di MOBI-PV è quello di permettere agli astronauti di accedere ed eseguire esperimenti di scienza on-the-go, anziché essere seduti di fronte ad un computer portatile in una tradizionale postazione fissa. L’utilizzo di MobiPV permetterà di lavorare a mani libere e visualizzare su uno smartphone o su un tablet il segnale video dei Google Glass indossati dall’astronauta. MobiPV consentirà lo streaming video verso Terra del loro punto di vista nel corso dello svolgimento di attività. I terminali a Terra mostreranno esattamente ciò che l’astronauta stà osservando, in questo modo gli specialisti a Terra potranno seguire in tempo reale le attività in corso di svolgimento. Astronauti e Ground Controllers potranno scambiarsi annotazioni, audio, video o immagini. I segnali audio e video di MobiPV saranno trasmessi in tempo reale ai centri di controllo a Terra; da Colonia in Germania ad Huntsville negli Stati Uniti, per proseguire fino a White Sands e, attraverso la rete satellitare TDRSS, avere le risposte da Terra, tutto questo in soli 900 millesimi di secondo. Questa complessa rete permetterà agli astronauti ed ai centri di controllo a Terra la condivisione di procedure, foto, video, messaggi di testo, ovvero una diffusione che consentirà una soluzione di collaborazione mai sperimentata prima d’ora.]

Active Tissue Equivalent Dosimeter (ATED)
L’equipaggio è riuscito a rimuovere la scheda SD dell’Active Tissue Equivalent Dosimeter ma ha anche segnalato la rottura del lettore delle card, probabilmente dovuta alla sua posizione sporgente che viene spesso colpita dell’equipaggio che si sposta da un modulo all’altro della ISS. I membri dell’equipaggio e gli strumenti a bordo di veicoli spaziali sono costantemente sottoposti alla esposizione di radiazioni spaziali. ATED è stato progettato per sostituire i Crew Passive Dosimeters (CPD) che misuravano l’esposizione alle radiazioni dell’equipaggio. ATED utilizza un dosimetro attivo equivalente alla pelle umana per raccogliere in modalità autonoma dati e caratteristiche dell’esposizione alle radiazioni.

On Board Training (OBT) Sojuz Descent Drill
In preparazione del loro ritorno a Terra in programma il 4 ottobre, l’equipaggio della Sojuz 54S ha completato una sessione di addestramento simulando una discesa nominale. L’equipaggio ha svolto questa sessione di addestramento all’interno della propria Sojuz.

Portable Emergency Provisions (PEPS) Inspection
L’equipaggio ha effettuato la manutenzione periodica ispezionando i Portable Fire Extinguishers (PFE), i Portable Breathing Apparatus (PBA) e gli Extension Hose Tee Kit (EHTK). Oltre alle attività di manutenzione ordinaria, questa ispezione viene effettuata ogni 45 giorni.

Oxygen Generation System (OGS) Water Sample
Il Water Recovery System (WRS) recupera l’acqua sia dagli scarichi di urina dell’equipaggio che dalla condensa e dall’umidità presente nei moduli USOS della ISS. Questa acqua, una volta depurata, viene utilizzata per alimentare l’Oxygen Generation System (OGS). Per garantire prestazioni ottimali del sistema OGS, alcuni parametri di quest’acqua devono essere mantenuti entro determinati valori; i campioni di acqua prelevati oggi dall’OGS Recirculation Loop verranno inviati a Terra per le analisi sulla crescita microbica e per garantire che questi parametri siano dentro i limiti predefiniti.

Nitrogen/Oxygen Recharge System (NORS) Terminate and Repress
Questa mattina l’equipaggio ha ripristinato la configurazione nominale dell’O2 System. Dopo aver preparato l’O2 Recharge Tank al ritorno a Terra, l’equipaggio ha installato un nuovo N2 Recharge Tank e configurato il sistema NORS per la rimozione dell’azoto.

Bigelow Expandable Aerospace Module (BEAM) Anomalous Depressurization and Stabilization System (ADSS) Brace Preparation
L’ISS Program ha deciso di estendere la vita operativa di BEAM, dai 2 anni precedentemente stabiliti, fino a farla combaciare con quella residua della ISS. Per garantire che la struttura di BEAM possa mantenere la propria integrità anche in caso di uno scenario di depressurizzazione di emergenza, i montanti ADSS richiedono un irrigidimento aggiuntivo per soddisfare i margini di sicurezza richiesti. Recuperando i tubi dai vecchi Knee Brace, l’equipaggio è stato in grado di costruire un rinforzo che verrà installato domani.

ExtraVehicular Activity (EVA) Virtual Reality (VR) Trainer Troubleshooting
Durante l’utilizzo del nuovo strumento Virtual Reality (VR) Trainer, giunto sulla ISS all’inizio dell’anno, l’equipaggio ha riscontrato problemi di connessione con una cuffia Oculus VR e per questo motivo ha dovuto utilizzare l’unità di riserva. Oggi l’equipaggio ha risolto il problema ed ha raccolto alcuni dati da inviare agli specialisti a Terra per le analisi. Una volta identificato il componente guasto, i componenti sostitutivi verranno inviati sulla ISS entro fine anno a bordo di uno dei prossimi voli delle navette cargo.

Fonte: NASA


[ad_2]

Source link