Israele ha pubblicato immagini satellitari degli obiettivi attaccati in Siria il 25 dicembre 2018

Brevemente sull’esito dell’attacco dell’Aeronautica israeliana il 25 dicembre 2018 su Celia. L’aeronautica israeliana ha diffuso molte foto dal satellite. I siti indicati dall’esercito israeliano comunque non corrispondono alle foto mostrate. Solo un sito risulta colpito, come tra l’altro confermato dalle autorità di Damasco e le forze armate russe: 14 missili israeliani (su un totale di 16) sono stati abbattuti dalla difesa aerea siriana.

La società israeliana ImageSat, che è l’operatore del satellite di osservazione Eros-B, ha pubblicato immagini che mostrano installazioni militari in Siria prima e dopo l’attacco il 25 dicembre 2018.

Il sito web  Nziv ha pubblicato dati su quali bersagli sono stati attaccati nelle vicinanze di Damasco la sera del 25 dicembre. La pubblicazione è stata illustrata con mappe che mostrano gli obiettivi per cui sono stati colpiti gli attacchi. Gli autori della pubblicazione citavano come obiettivo dell’attacco anche una fonte siriana di alto rango, un ex ufficiale dell’esercito di Assad.

Questa fonte ha nominato i seguenti obiettivi, attaccati dall’aeronautica israeliana la sera del 25 dicembre 2018:

1) Sabura (ovest di Damasco) – un deposito missilistico Fajjar-5 di produzione iraniana (portata fino a 75 km) è stato distrutto, situato vicino all’autostrada Beirut-Damasco, sorvegliato da soldati della 4a divisione sotto il comando del generale Maer Al-Assad; questi missili erano destinati a Hezbollah;

2) un magazzino di armi chimiche, situato vicino alla sede della 4a divisione;

3) Darayya (sud-ovest di Damasco) – il deposito di armi per Hezbollah è stato distrutto, situato vicino all’ospedale statale;

4) Khan al-Sheikh (sud-ovest di Damasco e Darayya) – sono state colpite le posizioni della 137a divisione di artiglieria (settima divisione), il colpo principale alle posizioni del 115 ° battaglione, i cui missili erano diretti contro Israele;

5) Il sito a sud-est delle posizioni della 137a divisione, che apparteneva al “Comando generale del Fronte popolare per la liberazione della Palestina” Ahmad Jibril, sul quale gli iraniani hanno costruito un’armeria;

6) Al-Dimas (nord-ovest di Damasco, vicino al confine con il Libano) – un centro di addestramento e base di forze iraniane e Hezbollah;

7) Katana (a sud di Al-Dimas, vicino al confine con il Libano) – il quartier generale della 10a Divisione siriana;

8) Jumraya (ovest di Damasco) – centro di ricerca militare, dove precedentemente si svilupparono armi biologiche e chimiche;

9) Aeroporto Internazionale di Damasco: distrutto un gruppo di armi, appena portato dall’Iran, e un deposito di armi;

10) Al-Tal (a nord di Damasco) – ha attaccato una fabbrica militare.

In precedenza è stato anche riferito di attacchi sul quartier generale della 68a brigata siriana.

Si noti che le immagini ImageSat confermano solo la distruzione del deposito di armi in Sabur (punto 1) e alcuni siti nel territorio della quarta divisione.

I media israeliani hanno riferito che l’attacco è stato eseguito diverse ore dopo che un aereo Boeing 747 della compagnia aerea civile iraniana Fars Air Qeshm è atterrato all’aeroporto internazionale di Damasco (19:45), che probabilmente ha consegnato armi o equipaggiamenti militari alla Siria . In precedenza è stato più volte segnalato che gli aerei civili di questa compagnia aerea iraniana trasportano carichi militari.

È stato anche riferito che l’obiettivo dell’attacco potrebbe essere una delegazione di Hezbollah arrivata a Damasco da Beirut verso le 16:00 per imbarcarsi su un aereo iraniano e andare a Teheran per il funerale di un alto funzionario iraniano, Hashemi Shahrudi, morto il 24 dicembre. L’opposizione siriana ha affermato che alcuni membri di questa delegazione sono rimasti feriti. Il canale televisivo libanese Al-Mayadin, associato a Hezbollah, ha negato queste notizie.

Con riferimento a una fonte dell’opposizione siriana, che in passato era un ufficiale di alto rango dell’esercito siriano, si è anche diffuso che a seguito di un attacco aereo israeliano al centro di ricerca Jumray, dove sono state precedentemente sviluppate armi biologiche e chimiche, sono stati uccisi 17 ufficiali e soldati, compresi tre alti ufficiali iraniani. In questo contesto, si diffuse la voce nei social network che il comandante dell’unità Al-Quds del Corpo delle Guardie rivoluzionarie islamiche, il generale maggiore Kasem Suleymani, morì. Questa voce si è intensificata dopo che molti hanno notato l’assenza di Suleymani ai funerali di Mahmoud Hashemi Shahrudi, considerato il successore dell’Ayatollah Khamenei. Ma fonti siriane sostengono che un generale di brigata iraniano e due colonnelli furono uccisi a Jumray.

Teheran non conferma le notizie sulla morte degli ufficiali iraniani in Siria.

fonte warsonline

 

 

Pubblicità