Iraq – Rappresaglia USA su varie infrastrutture civili e militari

In segno di rappresaglia per il bombardamento della base americana, gli aerei USA e GB hanno bombardato strutture alleate americane in Siria e Iraq. Gli americani e gli inglesi hanno scelto strani obiettivi per la loro vendetta, non solo installazioni irachene e i depositi di munizioni dell’Iraq, ma anche strutture civili e dell’esercito iracheno. Nessun membro delle forze filo-iraniane ha sofferto per questi attacchi. nei quali sono stati feriti e morti civili. Gli americani dicono che stanno bombardando l’Iraq per autodifesa. Il ministro degli esteri iracheno ha convocato l’ambasciatore britannico e l’ambasciatore statunitense.

Precisamente, gli Stati Uniti hanno lanciato un attacco aereo contro l’aeroporto di Karbala nella provincia di Najaf, nonché una serie di posizioni dell’esercito iracheno, della polizia e delle forze di mobilitazione popolari in varie parti del paese.

Il sito web di As Somaria News ha riferito – citando una fonte del servizio di sicurezza iracheno – che gli aerei militari statunitensi hanno lanciato 3 attacchi missilistici sull’aeroporto in costruzione di Karbala , provocando la morte di un lavoratore e danni materiali significativi.

Il servizio stampa delle forze di sicurezza ha rilasciato una dichiarazione affermando che domenica alle 01: 15 un attacco aereo americano ha avuto luogo sulle posizioni della Forza di mobilitazione popolare e dei militari in quattro distretti: Jurf Al-Sahr, Al-Musayib, Al-Najaf e Iskenderia. Ha ucciso 5 soldati.

Il Pentagono ha confermato l’aggressione, affermando che gli Stati Uniti hanno attaccato presumibilmente cinque siti di depositi di armi.

Il comando congiunto delle forze armate irachene ha condannato gli attacchi aerei statunitensi, descrivendoli come una palese violazione della sovranità del paese, della sicurezza del suo territorio, dello spazio aereo e dei cittadini. È stato sottolineato che nessuno ha il diritto di sostituire il governo iracheno.

L’impresa edile alla guida della costruzione dell’aeroporto di Karbala, ha affermato che questa aggressione non è giustificata in alcun modo, esortando i media a visitare la struttura per verificarne il carattere puramente civile e registrare i danni causati.

Il parlamento iracheno il 5 gennaio ha votato la decisione che obbligava il governo a porre fine alla presenza straniera.

N.K. / M.K. SANA

 

JOIN THE DISCUSSION