IRAN – Presto un accordo sul nucleare, segnale positivo per l’economia mondiale e per gli iraniani

Iran libero. Cosa significa.

da Indianpunchline – MK BHADRAKUMAR

I negoziati di Vienna sul rilancio dell’accordo nucleare iraniano, noto come JCPOA, sono quasi certamente prossimi a un accordo. Il segno più sicuro è che i futures sul petrolio greggio sono stati nettamente inferiori a metà mattinata degli scambi asiatici del 17 febbraio, nonostante gli sviluppi ribassisti dovuti alle crescenti tensioni al confine tra Ucraina e Russia. Anche un accordo provvisorio potrebbe potenzialmente aumentare le esportazioni di petrolio di 700.000 barili al giorno, secondo S&P Global Platts Analytics, allentando la persistente tensione sui mercati petroliferi.

Il 16 febbraio il principale negoziatore iraniano Ali Bagheri Kani ha dichiarato su Twitter che Stati Uniti e Iran si stavano avvicinando a un accordo. “Dopo settimane di intense trattative, ci siamo avvicinati più che mai a un accordo, ma nulla è stato concordato fino a quando tutto non è stato concordato”, ha twittato Kani. All’inizio della giornata, il portavoce del Dipartimento di Stato americano Ned Price ha affermato che le parti erano nelle “fasi finali” dei negoziati.

L’agenzia di stampa iraniana IRNA ha riferito: “L’ottavo round di colloqui sulla revoca delle sanzioni a Vienna è iniziato il 26 gennaio e ora ha raggiunto un punto in cui il successo o il fallimento dei colloqui dipende esclusivamente dalle decisioni politiche dell’Occidente. Se le parti occidentali prendono le decisioni necessarie, le questioni rimanenti possono essere risolte e un accordo finale può essere raggiunto entro pochi giorni. Sulla base dei principi e delle istruzioni, la delegazione iraniana ha messo sul tavolo le sue proposte e richieste chiare sulle questioni rimanenti, e ora è l’Occidente che deve prendere le proprie decisioni”.

Che paradosso che gli Stati Uniti e i loro alleati europei stiano per facilitare l’integrazione dell’Iran nell’economia occidentale che lo renderà l’ultima frontiera per la ripresa post-pandemia del mondo industriale, un paese il cui accesso per acquistare medicinali durante la pandemia di Covid-19 è stato bloccato da Washington non molto tempo fa!

L’Iran è un paese favolosamente ricco dotato di risorse minerarie di ogni tipo. Le riserve accertate di gas naturale dell’Iran superano i 1.200 trilioni di piedi cubi, seconde solo alla Russia, ed è il terzo produttore mondiale di gas naturale dopo Stati Uniti e Russia. Rappresenta anche quasi il 10% delle riserve petrolifere totali del mondo. In poche parole, una superpotenza energetica apparirà nel mercato energetico mondiale nelle prossime settimane.

Non solo, l’Iran è anche ricco di diverse risorse minerarie. Secondo lo US Geological Survey, le riserve iraniane di zinco, rame e minerale di ferro sono tra le più grandi al mondo. Inoltre, ha grandi riserve di una gamma di minerali come cromo, piombo, manganese, zolfo, oro, uranio, titanio, ecc. – ed è anche sede di vaste riserve di litio. Le sanzioni avevano congelato i beni dell’Iran e colpito, tra le altre cose, gli investimenti in gas, petrolio e prodotti petrolchimici, insieme alle transazioni bancarie e assicurative e alle spedizioni. L’accordo di Vienna porterà alla riapertura dell’economia del paese agli investimenti, al trasferimento di tecnologia e al commercio globale.

Per il mondo in generale, “gli affari normali” con l’Iran sbloccheranno alcune delle più stupende ricchezze del pianeta. Il potere d’acquisto dell’Iran è incredibile in quanto genererà un reddito enorme con il prezzo del petrolio che si aggira intorno ai 90 dollari al barile. Statista classifica l’Iran come il quinto paese al mondo in base al valore delle risorse naturali ($ 27,3 trilioni) a partire dal 2021, al di sopra della Cina ($ 23 trilioni) e molto al di sopra dell’India ($ 0,11 trilioni).

Non sorprende che l’integrazione dell’Iran nell’economia mondiale faccia parte della geopolitica. In poche parole, sta emergendo un’autentica potenza regionale, che ha un grande potenziale per diventare una potenza globale, data la sua base agricola e tecnologica, la manodopera qualificata, il grande mercato interno (85 milioni di abitanti) e la posizione geografica.

Ad esempio, in altri 3-5 anni, l’Iran potrà diventare una delle principali fonti di energia alternativa per il continente europeo, rivaleggiando con la Russia; tuttavia, se l’Iran si unisce alla Russia per creare un cartello o per raggiungere un accordo sulla quota di mercato, loro due da soli rappresenteranno circa il 40-45% delle riserve mondiali di gas! Ovviamente, la partnership Russia-Iran sarà un modello estremamente strategico della politica globale.

Iran e Russia stanno già gettando sabbia negli ingranaggi del regime sanzionatorio statunitense. Entrambi sono ora collegati attraverso l’SPFS russo (Sistema per il trasferimento di messaggi finanziari) e il SEPAM iraniano (il sistema di telecomunicazioni finanziarie dell’Iran) in modo da aggirare i sistemi controllati dagli Stati Uniti. Stanno usando un nuovo sistema come alternativa ai pagamenti tramite SWIFT per proteggersi dalle sanzioni di Washington.

Si tratta di abbandonare il dollaro USA e proteggere le banche e i bankroller dei due paesi da sanzioni secondarie! A proposito, Teheran è entrata a far parte della zona di libero scambio guidata dalla Russia, l’Unione economica eurasiatica. Allo stato attuale, il nuovo sistema di pagamento tra Iran e Russia e il commercio in valute locali sono qui per restare. I due vicini si sono abituati al loro nuovo sistema di pagamento e commercio in valute locali e la loro partnership continuerà anche dopo che gli Stati Uniti avranno revocato le sanzioni e torneranno all’accordo nucleare.

È importante sottolineare che la Russia e l’Iran hanno dimostrato che il commercio in valute locali funziona. Stanno ufficialmente eludendo le sanzioni unilaterali e secondarie imposte dagli Stati Uniti e hanno dimostrato che è molto più sicuro negoziare bilateralmente in valute locali invece di correre il rischio del dollaro. A dire il vero, questo non sarà un progetto di breve durata finché continueranno le pratiche unilaterali di politica estera di Washington.

Lo stesso si può dire per quanto riguarda le relazioni Cina-Iran. L’Iran è potenzialmente un importante hub per la Belt and Road Initiative cinese. I due paesi hanno elaborato una tabella di marcia di 25 anni per la cooperazione economica che prevede investimenti cinesi in Iran per un importo di 400 miliardi di dollari. Le specifiche dell’accordo sono in gran parte in linea con la Belt and Road Initiative (BRI) in corso della Cina, che spende miliardi in investimenti infrastrutturali con un occhio all’influenza a lungo termine e all’egemonia economica e della sicurezza.

I settori principali includono petrolio, gas, petrolchimico, energie rinnovabili, energia nucleare e infrastrutture energetiche. La bozza di accordo riguardava anche la cooperazione militare e high-tech, nonché la costruzione di porti per facilitare l’integrazione dell’Iran nelle rotte commerciali cinesi della BRI. Anche in questo caso, una nuova funzione di pagamento per tutte le transazioni sarà in valute locali.

Il più grande significato geopolitico dell’accordo a Vienna sarà che suona il campanello per l’armamento del dollaro da parte degli Stati Uniti. D’ora in poi, la legge dei rendimenti decrescenti entrerà in vigore. Ciò significa che per la prima volta lo status del dollaro USA come valuta mondiale è seriamente messo in discussione.

Cina e Russia stanno anche accelerando la loro spinta alla de-dollarizzazione per migliorare la sicurezza e la convenienza del loro commercio bilaterale contro potenziali sanzioni unilaterali statunitensi. Le merci sfuse diventeranno la principale area di business in cui le valute locali – yuan cinese e rublo russo – saranno utilizzate per accordi commerciali reciproci, grazie alla robusta crescita del commercio Cina-Russia, che ha raggiunto il record di 146,88 miliardi di dollari nel 2021, con un aumento di 35,8 % rispetto all’anno precedente e dovrebbe salire a $ 200 miliardi entro il 2024.

Chiaramente, tutti e tre – Cina, Russia e Iran – hanno sentito il bisogno di coprire i rischi del monopolio statunitense sull’infrastruttura dei pagamenti globali e sta diventando una tendenza irreversibile promuovere transazioni non in dollari. Le ripercussioni per l’economia americana piena di debiti saranno di vasta portata.

In termini politici, la revoca delle sanzioni contro l’Iran avrà un impatto deleterio sulla capacità degli Stati Uniti di influenzare gli eventi nell’Asia occidentale. Israele sta già dando segni di panico, poiché l’equilibrio regionale sta cambiando drasticamente. D’altra parte, l’Iran ha dozzine di conti da regolare con gli Stati Uniti, qualcosa di simile a quello che la Cina chiama il suo “secolo di umiliazioni”!

Se Iran, Russia e Cina adotteranno mosse coordinate, avrà ripercussioni in altre regioni come il Corno d’Africa e il Golfo Persico, il Caspio, l’Afghanistan e l’Asia centrale, ecc. Tutte le indicazioni sono che Teheran ha in programma di lanciare la sfida negli Stati Uniti proprio nel loro cortile dei Caraibi – in Venezuela, Nicaragua e Cuba, che hanno anche legami stretti e amichevoli con Russia e Cina. (Le riserve di petrolio accertate del Venezuela, tra l’altro, superano i 300 miliardi di barili, le più grandi del mondo.)

Nel complesso, quindi, con il sostegno geopolitico di Russia e Cina e le catene rimosse dall’ancora di salvezza per la sua economia, possiamo aspettarci di vedere un Iran rivitalizzato e molto più incoraggiato, con una ritrovata energia per ampliare la sua portata globale. Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha recentemente individuato l’Iran come “membro della squadra”, implicando una partnership con una visione simile e obiettivi geostrategici comuni.

via Indianpunchline (https://www.indianpunchline.com/iran-unbound-what-it-means/)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.