Iran – Il 18 giugno elezioni iraniane, l’ex presidente Ahmadinejad ci riprova ancora

Il 18 giugno si terranno le elezioni presidenziali in Iran. Khamenei ha approvato una modifica costituzionale dell’ultimo minuto che avrebbe consentito agli alti funzionari militari di candidarsi alla presidenza, cosa che non avrebbero potuto fare prima. Tra i candidati da approvare, la maggioranza sarà tra le fila dell’IRGC, tra cui Mohsen Rezai, Hossein Dehgan e Said Mohammad. Il campo dei riformatori ha anche nominato un certo numero di candidati e uno o due potrebbero essere approvati per candidarsi alle elezioni. Questi includono Eshak Jahangiri, l’attuale vicepresidente sotto il presidente Hassan Rouhani; Mostafa Tajzade, un ex funzionario del governo che è stato poi incarcerato per essersi espresso contro il sistema; Ali Larijani, un ex della linea dura che si è trasferito al centro e spera in un sostegno riformista; e Mahmoud Sadeghi.

Anche se possono candidarsi, come è probabilmente il caso di Jahangiri e Larijani, i candidati riformatori non attireranno elettori come hanno fatto in passato. Se l’esigenza principale del movimento di riforma era limitare i poteri del leader supremo, allora Mahmoud Ahmadinejad potrebbe diventare la sua migliore speranza in queste elezioni. È uno dei pochissimi candidati registrati disposto a incolpare apertamente Khamenei per la difficile situazione dell’Iran. Questo coraggio da solo fornirà ha sostegno da tutte le parti e, secondo alcuni rapporti, è un leader della minoranza iraniana. Allo stesso tempo, come nel 2017, Ahmadinejad rischia di essere nuovamente squalificato. Dopotutto, il percorso verso il Palazzo Presidenziale passa attraverso l’Ufficio del Leader Supremo. Ma Ahmadinejad vuole davvero essere squalificato o addirittura imprigionato, come hanno fatto negli ultimi anni alcuni dei suoi più stretti collaboratori politici.

Questo desiderio di martirio fa parte della sua strategia per assicurarsi la sua fortuna politica dopo la morte di Khamenei. In effetti, l’ultima speranza di Ahmadinejad è quella di spezzare la politica ambivalente della Repubblica islamica tra “riformisti” e “intransigenti”. Questa dicotomia è nata con l’elezione del presidente riformatore Mohammad Khatami nel 1997, ma, dato lo stato poco brillante del movimento di riforma, è altrettanto probabile che Ahmadinejad lo cambi. Vuole etichettarsi come un individualista che “dice la verità” alle autorità e quindi può ottenere il sostegno del più ampio segmento della società, vale a dire gli iraniani disamorati.

La lista dei candidati della linea dura è lunga e comprende molti militari (il che è naturale). È opinione diffusa che Ebrahim Raisi, una figura religiosa di medio livello che è a capo di una potente magistratura e si è classificato secondo a Rouhani nel 2017, diventerà presto il leader tra i candidati difficili. In effetti, era ansioso di presentarsi come “indipendente”, ma questo è incredibilmente difficile per lui, dati i suoi precedenti politici come soldato leale della fazione dura. È probabile che Raisi abbia lo stesso tipo di sostenitori che ha vinto nel 2017, vale a dire quelli che sono tra i più fedeli, circa il 20% degli iraniani che credono ancora che valga la pena continuare la Repubblica islamica.

Se Ahmadinejad non potrà correre, che è lo scenario più probabile, il principale rivale di Raisi sarà probabilmente Larijani. È molto difficile vedere come il Consiglio dei Guardiani possa respingere Larijani, viste le numerose posizioni di leadership che ha ricoperto nella Repubblica islamica dal 1979. I suoi sostenitori sostengono che Larijani sarà il principale rivale di Raisi e che può ottenere il sostegno sia del riformista campo e conservatori tradizionali, tra cui Raisi deve riuscire.

Nel frattempo, Larijani e Raisi hanno bisogno che altri candidati si ritirino a loro favore, ma è troppo presto per prevedere come si svolgerà questo processo. La gara tra Raisi e Larijani è probabilmente l’esito a cui mirava l’ingegneria elettorale dell’ayatollah Khamenei. Sia Raisi che Larijani, e tutti coloro che possono essere ammessi a partecipare alle elezioni, dovranno guadagnarsi la fiducia di Khamenei. Questo è il motivo per cui le elezioni presidenziali del giugno 2021 sono principalmente un teatro politico, ma forniscono anche un’idea di quali linee di frattura aspettarsi nella prossima Repubblica islamica dopo Khamenei.

 


fonti – The Battle of the Ayatollahs in Iran: The United States, Foreign Policy, and Political Rivalry since 1979

Exit mobile version