Intervista al presidente siriano Assad di Yahoo News

Intervista al presidente siriano Assad di Yahoo News 2

Damasco, SANA – il presidente Bashar al-Assad ha dato un’intervista a Yahoo News, in cui ha sottolineato che gli Stati Uniti devono essere genuino per quanto riguarda la lotta contro il terrorismo se vuole sconfiggere davvero il terrorismo in Siria, aggiungendo che questo obiettivo richiede una posizione politica chiara la parte degli Stati Uniti verso la sovranità e l’unità della Siria e di cooperazione con il suo governo e la gente.

https://www.youtube.com/watch?v=sUy9BHPid_Y

Quanto segue è il testo integrale dell’intervista:

Domanda 1: Signor Presidente, grazie per averci dato l’opportunità. Questa è la tua prima intervista con i media americani da quando il Presidente Trump ha preso ufficio. Avete avuto comunicazioni con il presidente Trump, direttamente o indirettamente, o chiunque nella sua amministrazione?

Il presidente Assad: No, non ancora.

Domanda 2: Questo è per voi l’occasione per trasmettere un messaggio al presidente Trump, se ne avete uno. Cosa vorresti dire a lui?

Il presidente Assad: non vorrei trasmettere il messaggio attraverso i media, mi avrebbe mandato attraverso un canale diverso, forse per via diplomatica. Ma qualche messaggio per noi è quella pubblica, non abbiamo due messaggi; abbiamo una posizione, una posizione nei confronti di ciò che sta accadendo in Siria, e si tratta di lotta al terrorismo.

Domanda 3: Lei ha detto ieri, io credo, che ciò che avete sentito da la nuova amministrazione è promettente. Spiega cosa volevi dire.

Il presidente Assad: La carica di Presidente Trump da quando ha iniziato la sua campagna per la presidenza fino a questo momento è che la priorità è quella di combattere il terrorismo, e siamo d’accordo su questa priorità, che è la nostra posizione in Siria, la priorità è quella di combattere il terrorismo, e questo è ciò che intendevo promettendo.

Domanda 4: Hai dichiarato che si pensava ci fosse un modo per la cooperazione tra gli Stati Uniti e la Siria, ma non ha spiegato cosa sarebbe. Che tipo di collaborazione si può immaginare?

Il presidente Assad: contro i terroristi, e contro il terrorismo. Questo è evidente per noi. Questo è oltre ad avere una cooperazione tra due nazioni, ma nel frattempo, in queste circostanze, la priorità è quella di avere una cooperazione nella lotta al terrorismo tra le diverse nazioni, tra cui la Russia, l’Iran e la Siria, naturalmente.

Domanda 5: Il Presidente ha incaricato il suo segretario della Difesa, con lo sviluppo di piani per sconfiggere ISIS o Daesh. Tra le proposte che stanno prendendo in considerazione come riferito sta usando le forze speciali e di beni, anche militari come elicotteri Apache all’interno della Siria, e armare i combattenti curdi che si battono Daesh nel nord. Se tali movimenti sarebbero sconfiggere ISIS, vuoi dare loro il benvenuto?

unico modo americani per sconfiggere il terrorismo in Siria è attraverso la cooperazione con il governo e il popolo di Siria

Il presidente Assad: Potrebbe la prodezza americano sconfiggere i terroristi in Afghanistan o in altri luoghi? No, non è possibile … non è sufficiente per avere questo Apache o F-16 o F-35, tutto ciò che si vuole etichettare, per sconfiggere i terroristi. Ci deve essere un modo più completo di affrontare tale questione complicata. Quindi, se si vuole iniziare veramente, come Stati Uniti, per farlo, deve essere attraverso il governo siriano. Noi siamo qui, noi siamo i siriani, possediamo questo paese come siriani, nessuno, nessuno avrebbe capito come noi. Quindi, non si può sconfiggere il terrorismo senza cooperazione con il popolo e il governo di qualsiasi paese.

Domanda 6: Ma avete accolto truppe russe nel vostro paese. Vi farebbe piacere ricevere le truppe americane nel vostro paese?

Il presidente Assad: Abbiamo invitato i russi, ei russi erano genuini riguardo a questo problema. Se gli americani sono genuini, naturalmente sono i benvenuti, come qualsiasi altro paese che vuole sconfiggere e combattere con i terroristi. Naturalmente, senza alcuna esitazione, possiamo dire che.

Domanda 7: Quindi, si vuole truppe americane di entrare in Siria per aiutare a combattere ISIS?

L’invio di truppe non è sufficiente per combattere il terrorismo, è necessaria una vera e propria posizione politica sul rispetto della sovranità e l’unità della Siria

Il presidente Assad: Truppe è parte della cooperazione. Ancora una volta, torniamo al completo, non si può parlare di inviare truppe se non sei vero e proprio, se non si dispone di una posizione politica chiara nei confronti non solo il terrorismo; verso la sovranità della Siria, verso l’unità della Siria. Tutti questi fattori porterebbe a fiducia, in cui è possibile inviare le tue truppe. Questo è quello che è accaduto con i russi; essi non solo inviano le loro truppe. Prima di tutto, c’è una posizione politica chiara per quanto riguarda questi fattori. Questo è dove i russi potevano venire e avere successo nella lotta contro i terroristi in Siria.

Domanda 8: Vedete la cooperazione tra gli Stati Uniti e la Russia ad attaccare ISIS in Siria?

Qualsiasi cooperazione in qualsiasi conflitto in tutto il mondo ha bisogno di riavvicinamento tra i russi e gli americani

Il presidente Assad: E ‘essenziale. Qualsiasi cooperazione in qualsiasi conflitto in tutto il mondo, ha bisogno della, diciamo, il riavvicinamento tra i russi e gli americani. E ‘molto essenziale, non solo per la Siria.

Domanda 9: Beh, si parla con i russi per tutto il tempo, non è vero?

Il presidente Assad: Certo.

Domanda 10: Sì? Quando è stata l’ultima volta che hai parlato con il presidente Putin.

Il presidente Assad: Alcune settimane fa.

Domanda 11: Che cosa hai parlato?

Il presidente Assad: Circa il problema in Siria, circa l’avanzamento del esercito siriano in Siria.

Domanda 12: A destra. Avete intenzione di cercare di mediare una sorta di accordo tra gli Stati Uniti e la Russia in questa lotta?

Il presidente Assad: Non c’è contatto diretto tra di loro, e il Presidente Putin ha avuto una conversazione telefonica con il presidente Trump una settimana o giù di lì, e hanno parlato di diverse questioni, tra cui la Siria, quindi non hanno bisogno il mio ruolo di farlo, e non fare avere alcun contatto con gli americani per aiutare i russi fanno contatto o migliorare la loro relazione. Non siamo in quella posizione.

Domanda 13: Il presidente Trump ha recentemente detto che assolutamente vuole creare “zone sicure” all’interno della Siria di proteggere i rifugiati, e forse permetterà a molti di loro di tornare. Se una tale mossa potrebbe aiutare a proteggere i cittadini a rischio di estinzione del vostro paese, vuoi sostenere che?

L’idea di zone di sicurezza non è realistico … .E ‘molto più praticabile, pratico e meno costoso per avere la stabilità di creare zone di sicurezza

Il presidente Assad: Ma in realtà, non lo farà. E non lo farà. Zone sicure per i siriani potrebbe accadere solo quando si ha la stabilità e la sicurezza, in cui non si dispone di terroristi, in cui non si ha il flusso e il sostegno di quei terroristi da parte dei paesi confinanti o dai paesi occidentali. Questo è dove si può avere una zona sicura naturale, che è il nostro paese. Non hanno bisogno di zone sicure a tutti. E ‘molto più praticabile, molto più pratico e meno costoso per avere la stabilità di creare zone di sicurezza. Non è un’idea realistica a tutti.

Domanda 14: verso l’alto di metà della popolazione del suo paese è stata spostata. Come si può dire che le zone di sicurezza per proteggerli da bombardamento non sarebbe utile?

Il presidente Assad: La prima cosa che si deve chiedere: perché sono stati spostati? Se non si risponde a questa domanda, non è possibile rispondere il resto. Sono stati spostati per due motivi: innanzitutto, atti terroristici e il sostegno dall’esterno. In secondo luogo, l’embargo sulla Siria. Molte persone non solo lasciare la Siria a causa dei problemi di sicurezza. Come si vede, Damasco è sicuro oggi, è la vita quasi normale, non del tutto. Ma non trovare un modo per la vita in Siria, in modo da avere a viaggiare all’estero, al fine di trovare la loro vita. Quindi, se si solleva l’embargo, e se ci si ferma il sostegno ai terroristi – non sto parlando degli Stati Uniti, sto parlando di tutti coloro che hanno sostenuto i terroristi, tra cui gli Stati Uniti durante l’amministrazione di Obama – se si smette di tutti questi atti, la maggior parte di queste persone torneranno al loro paese.

Domanda 15: Ci sono, che cosa, 4,8 milioni di profughi siriani dall’inizio di questa crisi. Proprio come titolo di confronto, che è più di 4 volte il numero totale di rifugiati palestinesi dagli eventi del 1947 e 48. Accettate che questo è un disastro umanitario?

La crisi dei rifugiati è stato creato grazie al sostegno occidentale, turco, Qatar e Arabia ai terroristi

Il presidente Assad: Si tratta di un disastro umanitario creato dal sostegno occidentale di quei terroristi, naturalmente, e il sostegno regionale da parte della Turchia e Qatar e l’Arabia Saudita. Non è successo proprio così.

Domanda 16: E si assume alcuna responsabilità a tutti per questo disastro?

Il presidente Assad: Come presidente?

Giornalista: Sì.

Il presidente Assad: Per quanto riguarda le politiche DI IMPEGNARSI sin dall’inizio della crisi, sono stati sostenendo il dialogo tra i siriani, combattendo i terroristi, e sostenere la riconciliazione, e ci sono riusciti. Quindi, no, per quanto riguarda queste politiche, penso che siamo stati corretti, e stiamo continuando su questi pilastri per il futuro della Siria riguardo a questa crisi.

Domanda 17: Come sapete, il Presidente Trump ha firmato un ordine esecutivo molto controverso blocco rifugiati, immigrati, provenienti da paesi a maggioranza musulmana, ma in particolare tutti i rifugiati siriani, affermando che il loro ingresso nel paese sarebbe dannosa per gli interessi degli Stati Uniti. La premessa è che alcuni di loro sono terroristi.

Il presidente Assad: Sì.

Giornalista: Sei d’accordo con il presidente Trump su questo?

divieto degli Stati Uniti di entrata rifugiato è un issue..my responsabilità americano come presidente della Siria TI per ripristinare la stabilità per aiutare i rifugiati siriani tornano a casa

Il presidente Assad: Questa domanda ha due aspetti: il primo è americano, questo è un problema americano ed è legato alla sovranità della nazione americana. Ogni paese ha il diritto di mettere tutte le normative di entrare nel loro paese. Siamo in grado di disaccordo o d’accordo, ma se mi chiedete come presidente, come ufficiale dello Stato siriano, la mia responsabilità è di non andare a chiedere qualsiasi presidente per permettere ai siriani di andare lì e di avere rifugio in quel paese. La mia responsabilità è quello di ripristinare la stabilità, al fine di riportarli in Siria e trovare rifugio nel loro paese. Quindi, non ho intenzione di discutere che questo sia giusto o sbagliato; questo è un problema americano.

Domanda 18: Ma la domanda è stata: sono alcuni di questi profughi, a suo avviso, in linea con i terroristi?

Il presidente Assad: Oh, sicuramente.

Giornalista: Sicuramente?

Il presidente Assad: Sicuramente. Lo si può trovare in rete; la stessa immagine che li hai visti – in alcuni casi, naturalmente – in alcuni casi, quei terroristi in Siria, tenendo la mitragliatrice o uccidere le persone, che sono rifugiati pacifiche in Europa o in Occidente in generale. Sì è vero.

Domanda 19: Quindi, quanti terroristi credi sono tra i 4,8 milioni di rifugiati siriani?

Il presidente Assad: Nessuno ha un numero qualsiasi, nessuno lo sa, perché nessuno sa tutti i terroristi per dare una percentuale, proprio nessuno.
Domanda 20: Credi che sia un numero significativo?

Il presidente Assad: Non si tratta di significativo, perché non hai bisogno di un numero significativo di commettere atrocità. 11 settembre, è successo da solo 15 terroristi di forse milioni di immigrati negli Stati Uniti, quindi non è circa il numero; si tratta di qualità, si tratta di intenzioni.

Domanda 21: Quindi, se quello che stai dicendo è corretto, allora presidente Trump sarebbe giustificato in tenerli fuori degli Stati Uniti?

Il presidente Assad: io non sono americano a giustificarla; solo popolo americano dire che questo è contro gli interessi degli Stati Uniti o con gli interessi. Dall’esterno, possiamo discutere come valore; questo è con i valori della situazione umanitaria nel mondo o no, è così che possiamo discuterne. Ma ancora una volta, posso solo parlare come presidente; Per me la priorità è quello di portare i cittadini al loro paese, non per aiutarli a emigrare. Questo è il dovere naturale in base alla Costituzione e alla legge.

Domanda 22: Vi farebbe piacere ricevere tutti i profughi siriani di nuovo nel vostro paese?

Il presidente Assad: Sicuramente, sicuramente.

Giornalista: Sicuramente? Anche i terroristi?

Il presidente Assad: non ho ad accoglierli come presidente; Non possiedo il paese, non è la mia casa, non è la mia società, non è la mia azienda. Questo è il paese a tutti i siriani.

Domanda 23: Ma se si crede che alcuni di loro sono terroristi, cosa vorresti fare con loro quando tornano in Siria?

Il presidente Assad: Non importa quello che credo, ciò che conta è ciò che la legge sarebbe dire su ogni persona che ha commesso un atto contro il suo paese, tenendo conto che abbiamo dato l’amnistia in Siria a migliaia di persone che hanno commesso azioni o atti contro il loro paese come parte della riconciliazione.

Domanda 24: Come vi aspettate loro di tornare? Qual è la sua visione o di un piano per portare i profughi della Siria di nuovo in Siria?

Il presidente Assad: già molti di loro, non un numero enorme, ma molti di loro è tornato in Siria, molti di loro, nonostante i problemi di sicurezza e l’embargo. Così, la maggior parte dei siriani vorrebbe tornare al loro paese. Questo è naturale per ogni cittadino. Torneranno quando non c’è sicurezza e quando non c’è embargo.

Domanda 25: Il tuo militare, solo il mese scorso, ha guidato i ribelli da Aleppo orientale. Vedete questo come un punto di svolta nella guerra civile in Siria, e credete ora che hai vinto questa guerra?

Aleppo è un passo importante nella lotta contro il terrorismo, ma il punto di svolta stava prendendo la decisione di combattere il terrorismo, nonostante la propaganda

Il presidente Assad: No, non è un punto di svolta. Il punto di svolta è stato quando abbiamo preso la decisione di combattere il terrorismo, nonostante tutta la propaganda contro di noi all’estero, soprattutto in Occidente, e contro ogni pressione. Questo è stato il punto di svolta. Aleppo è un passo importante contro i terroristi, nella lotta contro il terrorismo, ma non posso dire che è un punto di svolta, perché stiamo ancora andando nello stesso modo, nella stessa direzione, non abbiamo cambiato la nostra direzione. Forse per i terroristi si tratta di un punto di svolta? Essi rispondono meglio. Forse per i loro padroni in Occidente e nella regione, potrebbe essere, ma devono rispondere, non posso rispondere per loro conto.

Domanda 26: Ti stavo chiedendo prima circa il potenziale di cooperazione tra gli Stati Uniti e la Siria, ma il problema che molti avrebbero con quella è la continua accuse di violazioni dei diritti umani dal vostro governo. Ora, proprio oggi, abbiamo un nuovo rapporto di Amnesty International sul carcere di Sednaya, “macello umano” lo chiamano, da 5.000 a 13.000 detenuti impiccati in impiccagioni di massa lì, le condizioni orribili, prove di prigionieri bendati, uno a tre minuti di lunghezza, nessun avvocati, segreti, tutti in segreto. Ciò, sulla sua faccia, in contrasto con tutti gli aspetti del diritto internazionale. Che ne sai di quello che sta succedendo in quella prigione?

Il presidente Assad: Diamo prima di tutto parlare la prima parte della sua domanda, che è il problema di come – per gli Stati Uniti – per aprire relazioni con la Siria, per quanto riguarda i diritti umani. Io vi chiederò: come si potrebbe avere questo stretto, molto stretto rapporto, relazione intima, con l’Arabia Saudita? Ritiene decapitazione come criteri dei diritti umani?

Giornalista: Ma non sto intervistando il re dell’Arabia Saudita a destra, ti sto intervistando.

Il presidente Assad: Sì, lo so. Si, certo.

Giornalista: Ti sto chiedendo notizie di violazioni dei diritti umani nel carcere, nel vostro paese.

Gli Stati Uniti sono nella posizione di dire “Io faccio le relazioni non aprire con la Siria [] a causa dei diritti umani, come ha ucciso milioni di civili dai tempi del Vietnam guerra fino a questo momento

Il presidente Assad: il proprietario della questione, ho proprio le risposte, in modo che la mia risposta. Così, quando si risponde su Arabia Saudita e la vostra relazione, è possibile mettersi in quella posizione. In secondo luogo, gli Stati Uniti non è in grado di parlare di diritti umani; dai tempi del Vietnam guerra fino a questo momento, hanno ucciso milioni di civili, se non si vuole parlare di 1,5 milioni in Iraq, senza alcuna assegnazione da parte del Consiglio di Sicurezza. Così, gli Stati Uniti sono nella posizione di dire “non lo faccio relazioni aperte a causa dei diritti umani”, e devono utilizzare uno standard. Questo è il primo.

La seconda parte ora. Ora posso passare al dall’altra, tale relazione, come molti altri rapporti pubblicati da Amnesty International, mettere in discussione la credibilità di Amnesty International, e non abbiamo mai guardare come imparziale. E ‘sempre di parte e politicizzato, ed è un peccato per una tale organizzazione di pubblicare un report, senza uno straccio di prova. Hanno detto si basa su interviste, su interviste.

Giornalista: Sì.

Il presidente Assad: E i documenti? Che dire della prova concreta? Non un singolo concreto …

Giornalista: interviste con quattro ex funzionari della prigione e le guardie, tre ex giudici siriani, tre medici …

Il presidente Assad: Non significa niente.

Giornalista: Non significa niente?

Il presidente Assad: E ‘intervista … no, no, quando si ha bisogno di fare un report, è necessario prove concrete. È possibile effettuare qualsiasi rapporto, si può pagare il denaro a chiunque come il Qatar ha fatto l’anno scorso. Hanno pagato i soldi per tale relazione, e hanno portato i loro propri testimoni, e hanno fatto un rapporto.

Domanda 27: Voglio appena letto qualcosa dal rapporto … “il processo di sospensione è autorizzata dai funzionari ai più alti livelli del governo. Le condanne a morte sono approvati dal Gran Muftì della Siria, e sia dal ministro della Difesa e il Capo di Stato Maggiore dell’Esercito, che ha sostituito ad agire per conto del presidente Bashar al-Assad “.

Il presidente Assad: Prima di tutto, qual è la prova? Questo è il primo. Secondo…

Giornalista: E ‘vero o no?

Il presidente Assad: No, no, non non è vero, sicuramente vero.

Giornalista: Come lo sai? Sai cosa succede in quella prigione? Sei stato lì?

Il presidente Assad: No, non sono stato, sono stato nel palazzo presidenziale, non in carcere.

Giornalista: Quindi, qui si ha un rapporto molto inquietante qualcosa da fare in una delle vostre prigioni, hai intenzione di indagare?

Il presidente Assad: Quindi, Amnesty International sa di più su di me la Siria, secondo voi. No, non è vero. No, non sono stati in Siria, si basano solo i loro rapporti asserzioni, che possono portare chiunque, non importa quello che è il suo titolo, è possibile creare qualsiasi cosa in questi giorni, e stiamo vivendo in un’epoca notizia falsa, come si sa, lo sanno tutti questo. Quindi, non dobbiamo dipendere da questo. In secondo luogo, si deve parlare della realtà, hanno detto nel loro rapporto che abbiamo fatto esecuzioni seriali, è corretto?

Giornalista: Sì. Impiccagioni di massa.

Assad: Prima di tutto, l’esecuzione è parte della legge siriana. Se il governo siriano o istituzione vuole farlo, possono farlo legalmente, perché è stato lì da decenni.

Giornalista: Segreto prove, non avvocati?

Il presidente Assad: Perché ne hanno bisogno, se possono fare legalmente? Non hanno bisogno di nulla segreto.

Giornalista: E ‘quello legale, nel tuo paese?

Il presidente Assad: Sì, sì, naturalmente, è legale, per decenni, dal momento che l’indipendenza. L’esecuzione, secondo la legge, dopo il processo, è un’azione legale, come qualsiasi altro tribunale in molti paesi in questa regione.

Domanda 28: Permetterete osservatori internazionali da visitare che prigione e ispezionare e indagare questi rapporti?

Il presidente Assad: Dipende dalla credibilità di tale organizzazione, non è nessuno, perché hanno intenzione di usare questa visita solo per demonizzare il governo siriano sempre di più e di più, come quello che sta succedendo.

Domanda 29: Questa non è la prima volta che accuse molto gravi dei diritti umani sono stati fatti. Proprio la scorsa settimana, una donna in Spagna, Siria, ha intentato una causa accusando nove dei tuoi alti di governo intelligence e di sicurezza funzionari di violazioni dei diritti umani. Suo fratello era scomparso in una delle sue prigioni. Lei ha chiesto sui documenti, gli avvocati che hanno presentato questo, accusando il suo governo di violazioni dei diritti umani, hanno raccolto 3.000 pagine di prove e oltre 50.000 fotografie scattate da uno dei fotografi tuo ex del governo che mostra emaciati, corpi torturati nelle prigioni.

Il presidente Assad: Chi ha verificato le foto? Chi ha verificato che non stanno modificati e photoshopped e così via?

Giornalista: Avete visto le foto?

Il presidente Assad: No, non l’ho fatto.

Giornalista: Avete visto le foto?

Il presidente Assad: No, no, ho visto alcune foto in precedenti relazioni. Ma non si tratta di foto. Come è possibile verificare la foto?

Giornalista: Lei ha detto che la …

Il presidente Assad: Hai una foto?

Giornalista: Io ho le foto.

Il presidente Assad: si può mostrare a me?

Giornalista: Si, sarò felice di. Qui.

Il presidente Assad: Questa foto … hai verificato che sono quelli?

Giornalista: Io … posso dire …

Il presidente Assad: Perché lo avete, e perché lo dici davanti al tuo pubblico …

Giornalista: C’è un certo numero di foto …

Il presidente Assad: Devi convincere il vostro pubblico, non si può parlare di un quadro del genere, senza verificare che sono quelli e dove e tutto ciò che riguarda, solo per metterlo di fronte al pubblico, dire loro “che sono stati uccisi dai soldati siriani. ”

Giornalista: La donna che ha presentato la querela, la donna siriana che ha presentato l’azione legale ha detto che ha visto il suo fratello in quelle fotografie.

Il presidente Assad: Alla fine, queste sono le accuse. Dobbiamo parlare di prove concrete, alla fine. Ecco come è possibile basare il vostro giudizio. Chiunque può dire quello che vuole.

Domanda 30: Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha dato queste foto l’American FBI crimine laboratorio, laboratorio digitale. Hanno esaminato queste foto, e ha detto che i corpi e le scene rappresentate – questi sono 242 di queste immagini – i corpi e le scene rappresentate mostra artefatti o incongruenze che indicano di aver manipolato. Come risultato delle osservazioni di cui sopra, tutti questi 242 immagini sembrano rappresentare persone e fatti reali.

Il presidente Assad: Chi ha detto che?

Giornalista: L’FBI. Hai visto il loro rapporto?

Il presidente Assad: No. Quando è stato?

Giornalista: E ‘stato il 2015.

Il presidente Assad: La domanda è quando le vostre istituzioni erano onesti su ciò che sta accadendo in Siria? Questa è la domanda. Mai. Per noi, mai, in modo da non dover fare affidamento su ciò che dicono, se l’FBI dire qualcosa, non è prova per chiunque, soprattutto per noi. La cosa più importante: se si prendono queste foto a qualsiasi tribunale nel vostro paese, potevano condannare qualsiasi criminale per quanto riguarda questo? Potrebbero ti dicono ciò che questo crimine è, che ha commesso esso? Se non si dispone di questo quadro completo, non è possibile effettuare il giudizio, è solo propaganda, è notizia solo falso, vogliono demonizzare il governo siriano. In ogni guerra, si può avere qualsiasi crimine individuale, è successo qui, in tutto il mondo, ovunque, ma non è una politica.

Domanda 31: Ma lasciatemi solo … Se sento quello che stai dicendo, l’FBI è solo inoltro … propaganda di moltiplicazione, Amnesty International si propaga la propaganda, ognuno sta cospirando contro il governo siriano. Perché?

Il presidente Assad: Chiedete loro, non siamo …

Giornalista: Sei quello che fa la denuncia.

Il presidente Assad: No, no, non sto facendo una denuncia, hanno sostenuto i terroristi, e si torna a quello che hanno detto … John Kerry, a pochi mesi fa, ha detto e con la sua voce che “stavamo guardando ISIS avanza, e ci aspettavamo il presidente siriano a fare concessioni. “che cosa significa? Obama ha detto in uno dei suoi discorsi, che la guerra in Iraq ha creato ISIS. Allora, chi ha sostenuto ISIS? Non abbiamo creato, è stato creato, gli Stati Uniti ha creato tutto questo pasticcio. Che hanno sostenuto i ribelli e li ha definiti “ribelli moderati”, mentre sono diventati ISIS e al-Nusra in Siria? Noi non l’abbiamo fatto. Quindi, non è un complotto, questi sono fatti, questa è la realtà. Non abbiamo dato i soldi, noi non sosteniamo questi terroristi. Il suo paese li ha sostenuti, Regno Unito, Francia, pubblicamente, e hanno detto di aver inviato armi, non ci siamo. Quindi, non è la mia affermazione, è la vostra accusa ufficiale, tra cui Joe Biden, il vice presidente di Obama. Ha detto, su Arabia Saudita e altri paesi che sostengono gli estremisti …

Giornalista: Che è l’Arabia Saudita, ma gli Stati Uniti …

Il presidente Assad: Quindi, questa affermazione è la loro accusa, è affermazione americana prima è stato allegazione siriano.

Domanda 32: Gli Stati Uniti ei suoi partner della coalizione hanno bombardato ISIS in Iraq e Siria, è sostenere l’esercito iracheno nei suoi sforzi per liberare Mosul da ISIS. Come si può dire che gli Stati Uniti sostiene ISIS?

Il presidente Assad: Ci può spiegare a me come avrebbero potuto sconfiggere ISIS in Iraq, e Iside era in espansione in quanto la coalizione americana ha iniziato ad attaccare in Siria?

Giornalista: E ‘in espansione ora?

Il presidente Assad: E ‘stato in espansione, no, è …

Giornalista: E ‘in espansione ora?

ISIS iniziato restringimento dopo l’intervento russo non l’intervento americano

Il presidente Assad: E ‘iniziato restringimento dopo l’intervento russo, non quello americano. Come hanno potuto utilizzare i nostri giacimenti di petrolio e di esportazione con migliaia di camion a botte a Turchia senza essere visto dai vostri droni e dai vostri satelliti, mentre i russi potrebbero essere in grado di farlo e attaccarli e distruggerli. distruggere tutte le loro strutture? Come? Questa è la campagna cosmetica contro ISIS.

Domanda 33: Giusto per essere chiari; Io vi ho mostrato il rapporto dell’FBI, ho mostrato le fotografie, che vi ho mostrato il rapporto di Amnesty International. Vuoi collaborare nelle indagini per determinare se questi rapporti molto gravi sono infatti vero?
Il presidente Assad: Si mi ha mostrato molte cose, ma non mi ha mostrato una singola prova.

Giornalista: vi ho mostrato un rapporto dell’FBI.

Il presidente Assad: No, no, non è affatto la prova. In realtà è il contrario; ogni istituzione americana per noi durante la crisi siriana era contro la realtà, è stato il contrario della verità. Ecco come lo guardiamo. Quindi, non è un istituto siriano, non ci importa di quello che dicono. Per me, quello che mi interessa è quello che riporta che ho da popolo siriano, e abbiamo avuto le indagini, perché abbiamo molte richieste per quanto riguarda i reati non di massa, atti in realtà, più individuale e stiamo indagando molte, e molte persone stati puniti, ma quello che è successo in ogni guerra.

Domanda 34: Lei … stai disturbati abbastanza di tutto questo per cercare di determinare la verità da soli?

Il presidente Assad: Penso che si dovrebbe mostrare ai funzionari occidentali per chiedere loro questa domanda: sono turbati per vedere cosa sta succedendo da quando hanno iniziato a supporto dei terroristi in Siria? Questa uccisione e questa distruzione? Questa è la domanda. Certo che sono disturbato; Sono siriana.

Giornalista: si è disturbati di questo? A proposito di questi rapporti?

Il presidente Assad: A proposito di ciò che sta accadendo in Siria. No, no, non per il rapporto. Non mi interessa circa il rapporto.

Giornalista: Non su questo.

Il presidente Assad: No, no, io sono disturbato su quello che succede in Siria. E ‘il mio paese, è stata distrutta dai terroristi del proxy, naturalmente.

Domanda 35: Avete riconosciuto che le tue truppe in questa guerra hanno errori commessi nella sua accusa contro i ribelli, e che chiunque potrebbe essere punito. Così, quanti errori stiamo parlando?

Il presidente Assad: No, non ho detto questo. Non l’ho mai detto. Ho detto che ci sono sempre degli errori in ogni azione; che è un essere umano …

Giornalista: Quanti errori stiamo parlando? Quanti civili innocenti sono stati uccisi da errori del suo governo?

Il presidente Assad: Nessuno lo sa, perché migliaia e migliaia di coloro che mancano persone; nessuno sa nulla circa il loro destino, nessuno a tutti. Quindi, non si può dire fino alla fine di questa guerra.

Domanda 36: È stato un errore di bombardare ospedali in Aleppo?

Il presidente Assad: Non abbiamo mai bombardato ospedali di Aleppo. Perché bombardare un ospedale? Si può convincere il pubblico che abbiamo interesse a bombardare ospedali? In realtà, questo è contro il nostro interesse. Questo è contro il nostro interesse per bombardare un ospedale se è usato come ospedale, e la prova che si trattava di una menzogna, ogni volta che si parla di ospedali Bombardamento, ogni volta che dire che questo è l’ultimo ospedale nella parte orientale di Aleppo, e la seconda tempo si parla di un altro ospedale e dicono la stessa; “Hanno bombardato l’ultimo ospedale”. Quindi, è bugie e menzogne e bugie. Siamo in grado di passare l’intera intervista parlando di bugie, e possiamo parlare della verità e la realtà. Devo parlare della realtà.

Domanda 37: E ‘un errore usare le bombe a botte e gas di cloro?

Il presidente Assad: Devi scegliere quale parte della narrazione è corretta. Una volta mi hanno detto che stiamo usando bombe indiscriminati e hanno chiamato le bombe a botte. L’altro giorno, hanno detto abbiamo mirato ospedali e scuole e convogli. O si hanno precise armamenti o abbiamo armamenti indiscriminati. Quindi, che si fa a scegliere?

Domanda 38: Beh, non riconosce però che i civili innocenti … ci sono state vittime civili in questa guerra?

Il presidente Assad: Naturalmente, ogni guerra è una guerra cattiva, ogni guerra è una guerra cattiva. Non si può parlare di guerra buona. Siamo d’accordo su questo. Ogni guerra ha causalità; ogni guerra ha innocenti a pagare il prezzo. Questa è la cosa brutta di guerra. Ecco perché abbiamo bisogno di porre fine a questa guerra, ma avendo vittime non significa che non per difendere il nostro paese contro i terroristi e contro l’invasione dall’estero attraverso quelle deleghe da parte dei paesi stranieri come i paesi occidentali e quelli regionali. Questo è evidente.

Domanda 39: Il presidente Obama ha tenuto un discorso nel 2013 su di noi gli sforzi contro il terrorismo, tra cui attacchi dei droni, e dice difendendo quei colpi, tuttavia è un dato di fatto che gli attacchi degli Stati Uniti hanno provocato vittime tra i civili da parte mia e di quelli nella mia catena di comando, quelle morti saranno ci perseguiterà finché viviamo. Sei ossessionato dalla morte di civili innocenti causate da azioni militari del governo?

Il presidente Assad: Questo è un esempio importante circa l’armamento, non si tratta di quello che bomba si usa, sia che si chiami barile o qualsiasi altro nome; non si tratta di questo. Si tratta del modo in cui si usa e le vostre intenzioni. Questo è il motivo per cui lo stato dei droni d’arte con i loro missili, quelli americani, ha ucciso molti più civili che terroristi. Quindi, non si tratta di drone, non si tratta di armamenti; si tratta di vostre intenzioni. Nel nostro caso in Siria, ovviamente dobbiamo evitare i civili, non solo perché sono il nostro popolo e questa è una questione morale; in realtà è perché sta andando a fare il gioco dei terroristi. Se uccidiamo i civili intenzionalmente, vuol dire che stiamo aiutando i terroristi. Quindi, perché dovremmo farlo, perché noi difendiamo i civili e uccidendo i civili? Non funziona; questo è contraddizione. Se stiamo uccidendo i civili, chi siamo noi difendiamo in Siria? Contro chi e per chi?

Domanda 40: È stato chiesto proprio ieri: sono tutti i mezzi giustificato in questa guerra, e tu hai detto, la risposta era sì, è un dovere. Quindi, è possibile utilizzare tutti i media al fine di difendere il popolo siriano.

Il presidente Assad: Esattamente.

Giornalista: ogni mezzo?

Il presidente Assad: ogni mezzo.

Giornalista: compresa la tortura?

Il presidente Assad: No, non è una difesa; tortura non è una difesa. Perché usare la tortura? Qual è il rapporto tra la tortura e difendere il suo paese?

Giornalista: Quindi, dove si disegna la linea?

Il presidente Assad: Avete le regole, si ha regole molto chiare, come ogni esercito; quando si vuole difendere il proprio paese, si utilizzano le armi contro i terroristi. Questa è l’unica regola che sto parlando. Si tratta di tutti i mezzi che possono essere utilizzati al fine di difendere il Paese militarmente, se sto parlando militare. Naturalmente, dovete difendere politicamente, economicamente, in tutti i sensi della parola. Ma se si parla militare, la tortura non fa parte di difendere il Paese.

Domanda 41: Ultima domanda: si può solo darci la sua visione di un insediamento di questo conflitto, e può … in ogni caso, sarà disposto a farsi da parte se si può porre fine a questo disastro di una guerra per il popolo siriano?

Il presidente Assad: Sicuramente, per me, ogni volta che il popolo siriano non vuole che io sia in quella posizione, lascerò subito, questa è una risposta molto semplice per me e io non devo pensarci, e mi non sto preoccupati per questo. Quello che vorrei preoccupare è se io sono in quella posizione e non ho il sostegno pubblico; questo sta per essere un grosso problema per me e non riesco a sopportarlo, e non riesco a produrre comunque. Per quanto riguarda la prima parte, come avrei visto la soluzione, due pilastri: il primo è la lotta al terrorismo; senza combattere il terrorismo e sconfiggere i terroristi, altra soluzione possa essere utile a tutti, a tutti, qualsiasi tipo di soluzione. In parallelo, il dialogo tra i siriani sul futuro della Siria, che includerà qualsiasi cosa, tutto, per quanto riguarda l’intero sistema politico, tutta la Siria in ogni senso della parola, poi, quando siamo in grado di ottenere le elezioni, e si può avere il governo di unità nazionale , allora si può avere elezioni parlamentari, se poi il popolo siriano pensano a elezioni presidenziali anticipate o qualsiasi tipo di elezioni presidenziali, che sarà valida.

Giornalista: Quindi, prima del completamento del vostro mandato, che credo, è nel 2021?

Il presidente Assad: Se non vi è consenso pubblico su questo.

Domanda 42: Come vi determinare se c’è un consenso pubblico o no?

Il presidente Assad: Possiamo discutere in quel momento; è ancora presto per parlarne. Non abbiamo finito una qualsiasi delle fasi che sto parlando. Quindi, non abbiamo mai pensato a come, perché non sappiamo quali circostanze stiamo andando ad affrontare quel momento. Ma alla fine, quando si vive in un paese, è possibile percepire; La Siria non è un continente, è un piccolo paese, siamo in grado di affrontare con l’altro, siamo in grado di conoscere l’altro come società. Si può percepire, si può sentire se c’è consenso pubblico, e quindi se si vuole fare qualcosa di documentato, si può avere un referendum, che è molto chiaro.

Domanda 43: Avete qualche motivo di ottimismo?

Il presidente Assad: Naturalmente, senza che l’ottimismo non avremmo lottare per sei anni. L’unica … l’ottimismo principale che abbiamo avuto è che stiamo andando a sconfiggere i terroristi ei loro padroni, e stiamo andando a ripristinare la stabilità in Siria, e più importante di mio ottimismo è la determinazione del popolo siriano; questo è molto importante fonte di ottimismo. Senza che la determinazione, non si vedrebbe la Siria in queste circostanze molto difficili ed eccezionali che ancora vivono la vita minima, diciamo, se non la vita normale, ma la durata minima, per sopravvivere, e per il governo di offrire servizi e sussidi diversi , e così via.

Giornalista: Grazie Signor Presidente.

Il presidente Assad: Grazie mille.

Exit mobile version