SIRIA – Intervista al presidente siriano Assad: molti che lo conoscono attraverso i media mainstream occidentali se ne stupiranno

Il presidente al-Assad sul canale televisivo della Russia 24 e ROSSIYA SEVODNYA: la presenza americana in Siria innescherà la resistenza armata popolare

Damasco-SANA /  15 novembre 2015

Il Presidente Bashar al-Assad ha affermato che nessuno crede che la Turchia voglia restituire tre milioni di rifugiati siriani nel nord-est del Paese. “Questa è solo una facciata umanitaria per creare un’illusione e causare conflitti tra le persone in quelle località”, ha detto.

In un’intervista rilasciata a Russia 24 e ROSSIYA SEVODNYA, il presidente al-Assad ha osservato che la maggior parte dei curdi sono patrioti che sostengono il loro paese e il popolo siriano come qualsiasi altro gruppo, affermando che alcuni di questi gruppi, siano essi curdi, arabi o forse altri, agiscono secondo le istruzioni degli americani, ma il dialogo con loro non si ferma.

Il presidente al-Assad ha sottolineato che la soluzione più pacifica per far emergere quali sono gli Stati Uniti ovvero come occupanti è l’unificazione dei siriani attorno a principi e concetti patriottici. La presenza americana in Siria in questo modo porterà a dar origine a una resistenza militare che avrà come conseguenza perdite tra gli americani, e alla fine porterà alla loro partenza.

Ecco il testo integrale dell’intervista del presidente siriano Bachar Al-Assad sulla Russia 24 e RIA Novosti il ​​12 novembre 2019

1) Innanzitutto, signor Presidente, la ringraziamo per il tempo che ha dedicato a rispondere alle nostre domande in un tempo così pieno di tensioni. Quindi, la prima domanda. Ora l’attenzione del mondo è focalizzata su ciò che sta accadendo nel nord-est della Repubblica araba siriana. Come vede personalmente l’accordo tra Russia e Turchia sulla Siria?

– Senza dubbio, lo consideriamo molto positivo. Ma la nostra posizione non si basa sulla fiducia nella Turchia, che generalmente non ha soddisfatto gli impegni precedentemente assunti con il formato Astana e altri, ma senza dubbio sull’influenza della partecipazione della Russia a questo problema, visto che abbiamo affrontato tre possibili scenari.
Il primo è l’agenda o il piano turco e le sue dimensioni stabilite sulla base dell’ideologia ottomana e quella della fratellanza dei Fratelli musulmani. Il secondo è un progetto americano legato all’invasione turca volto ad aggravare la situazione in Siria e ritardare la realizzazione di una soluzione che era vicina, come tutti abbiamo visto.

La terza è l’iniziativa della Germania di internazionalizzare la regione, fornendo così protezione internazionale. In generale, tutte queste opzioni sono sviluppate dagli Stati Uniti. È qui che entra in gioco il ruolo positivo della Russia, perché blocca la strada all’attuazione di tali scenari e aiuta anche a eliminare il pretesto o l’argomento del fattore curdo, al fine di creare le condizioni favorevole al ritiro delle truppe turche.

2) – Signor Presidente, perché la Russia aiuta la Siria?

– È difficile rispondere a questa domanda senza menzionare il ruolo della Russia. La Russia è una grande potenza con i suoi obblighi, compiti e responsabilità importanti sulla scena mondiale. Queste responsabilità sono nell’interesse di tutto il mondo, ma anche nell’interesse della Russia e del suo popolo.
La Russia non ha altra alternativa che quella di recitare il ruolo di un grande stato o di limitarsi al ruolo di un paese molto diverso, che non è nell’interesse del mondo. È in questo senso che la presenza militare della Russia in Siria fa parte del mantenimento dell’equilibrio nel mondo, perché il mondo di oggi non obbedisce alle norme legali, ma al principio della forza. Questo è il motivo per cui l’influenza militare russa è necessaria per garantire l’equilibrio nel mondo.
D’altra parte, c’è la necessità di combattere il terrorismo, una lotta che ha due dimensioni: ha un aspetto morale e un aspetto legale, vale a dire il diritto internazionale, poiché il terrorismo è sostenuto da stati ben noti. C’è anche la necessità di proteggere gli interessi della Russia. Il terrorismo non conosce confini, compresi quelli politici. Potrebbe essere oggi in Siria, così come nei luoghi più remoti dell’Asia, o in Europa, dove ci sono stati atti terroristici negli ultimi anni, e potrebbe anche essere in Russia. Tutti ricordiamo ciò che è successo più di un decennio fa quando i terroristi stavano prendendo in ostaggio persone innocenti nelle scuole e nei teatri uccidendo delle persone. Sapete cos’è il terrorismo, l’avete sperimentato e ancora  lo avete vissuto nella Repubblica cecena e altrove. Oggi è impossibile combattere il terrorismo solo sul posto. Deve essere combattuto in tutto il mondo. Inoltre, la Russia, attraverso il suo ruolo, una visione totalmente opposta a quella dei paesi occidentali che credono che il diritto internazionale vada contro i propri interessi. Mentre la Russia ritiene che il diritto internazionale sia al servizio dei propri interessi, nonché degli interessi che condivide con le nazioni del mondo. Per tutti questi motivi la Russia sta aiutando la Siria.

3) – Signor Presidente, se torniamo alla questione della Turchia, cosa pensa delle intenzioni di Ankara di portare i rifugiati siriani nei territori controllati dall’esercito turco e dai combattenti filo-turchi nel nord? Ad est del paese? Se consideriamo che il numero di questi rifugiati sono circa 3 milioni di persone.

– Nessuno crede che la Turchia voglia riportare questi tre milioni di rifugiati siriani nella regione. È solo una facciata umanitaria per creare un’illusione.
Anche se[la Turchia] volesse farlo, non è possibile, perché creerebbe un conflitto tra la popolazione locale, i proprietari della terra, quelli che vivono nelle loro città, i loro villaggi, le loro case, le loro fattorie, i loro campi, ecc. e nuovi arrivati, perché i titolari dei diritti non rinunceranno ai loro diritti in questi settori. Significa creare un conflitto etnico. Ma lo scopo principale della Turchia è di portare i terroristi con le loro famiglie, gli stessi terroristi che hanno combattuto in Siria e che sono stati sconfitti, per formare una nuova società radicalizzata secondo la visione del regime turco di Erdogan. Questo è il suo vero scopo. In ogni caso, entrambe le opzioni sono pericolose e mirano a destabilizzare la Siria, motivo per cui le respingiamo categoricamente.

4) – L’accordo di Sochi ha normalizzato la situazione nella Siria nord-orientale e ha creato condizioni favorevoli per il ritorno del territorio a est dell’Eufrate, nonché di alcune regioni del Nord Ad est del paese sotto la giurisdizione del governo siriano. Tuttavia, gli abitanti di questa regione sono stati a lungo esclusi dal potere centrale dello stato a causa delle attività di Daesh. Quali passi intende adottare per instaurare un dialogo con le autorità locali curde? La lotta contro Daesh è stata condotta continuamente sia dalle forze governative in questa regione come pure dalle forze di autodifesa curde.

«Voglio entrare nei dettagli, perché Daech è venuto favorito dagli Stati Uniti e ha operato sotto copertura americana. Siamo persino convinti e abbiamo prove che in molti casi gli Stati Uniti hanno manipolato direttamente Daesh come uno strumento militare per colpire l’esercito siriano e disperdere le forze che combattono il terrorismo, in particolare le forze siriane.
Per quando riguarda le forze curde, è necessario correggere alcune nozioni. Questo termine è usato in modo improprio. Viene usato dagli occidentali per dare l’impressione che le forze sul terreno siano forze curde e che questa zona sia un’area curda. Innanzi tutto, vorrei sottolineare che questa regione, situata a nord e nord-est della Siria, è una regione prevalentemente araba. Più del 70% della popolazione è araba e non il contrario. E anche i gruppi che combattono lì sono composti da curdi e altre nazionalità. Ma gli americani hanno sostenuto le unità curde e hanno dato loro il comando in modo di  dare l’impressione che queste aree siano curde e di creare un conflitto tra i curdi e altri gruppi in Siria. Tuttavia, abbiamo mantenuto i contatti. Essi non sono stati interrotti durante la guerra, anche se sappiamo che alcuni di questi gruppi interagiscono e sono gestiti dagli americani. Sono armati e finanziati dagli americani, anche le loro dichiarazioni sono scritte dagli americani. Ma ciò non significa che i curdi non siano patriottici. Dico che la maggior parte dei curdi sono patrioti che sostengono il loro paese e il popolo siriano come qualsiasi altro gruppo.
Ma alcuni di questi gruppi, siano essi curdi, arabi o forse altri, agiscono secondo le istruzioni degli americani, ma il dialogo con loro non si ferma. Ora, e dopo il ritorno dell’esercito siriano, stiamo instaurando un dialogo per convincerli che verrà stabilita la stabilità quando tutti rispetteremo la Costituzione siriana, perché questa Costituzione esprime la volontà del popolo. Ci sarà stabilità quando l’esercito siriano riprenderà il controllo, e quando anche le istituzioni dello stato siriano torneranno, quelle istituzioni che agiscono nel quadro della Costituzione ed esprime la volontà del popolo.
Ci sono stati progressi recenti in questa direzione dopo l’invasione turca. La Russia ha un ruolo importante, un ruolo basato sugli stessi principi che ho appena menzionato.

A volte facciamo progressi, a volte facciamo un passo indietro per vari motivi, tra cui la pressione degli Stati Uniti sui gruppi armati in Siria, per assumere un atteggiamento negativo nei confronti del governo siriano. Ci aspettavamo altro. Ma ora siamo più ottimisti, perché secondo me, dopo 9 anni di guerra, penso che la maggior parte delle persone abbia capito l’importanza di unirsi al governo, nonostante le differenze politiche. Ciò non vuol dire necessariamente che sei d’accordo con il governo o il partito al governo, questa è un’altra cosa. Ma in tutto il mondo, è lo stato che si prende cura di tutti e penso che stiamo andando in quella direzione.

5) – Se ho capito bene, questa situazione si è generalmente formata nel Nord-est a causa di interferenze esterne? Voglio dire,  secondo alcune opinioni, alcuni problemi con i curdi sono insolubili?

– Ci sono solo problemi con alcuni curdi, sottolineo ancora una volta che la maggior parte dei curdi vive in Siria da decenni senza problemi. Ci sono gruppi radicali in senso politico, sono quelli che avanzano idee secessioniste. Alcune idee sono legate alla federalizzazione e all’autonomia curda. Come ho appena detto, questa regione è araba. E se qualcuno ha il diritto di parlare di federalizzazione eh! Bene, allora è araba, perché gli arabi sono la maggioranza. Sarebbe ovvio in questo caso.
La situazione in Siria è diversa da quella del nord Iraq e della Turchia sud-orientale. Non esiste una maggioranza curda in questa regione. Per quanto riguarda i diritti culturali e altri, cito sempre l’esempio degli armeni, perché è l’ultimo gruppo arrivato in Siria più di 100 anni fa. Hanno le loro scuole, le loro chiese e tutti i diritti culturali inalienabili, quindi perché dare diritti culturali a una comunità ma non all’altra? Per una semplice ragione, perché questo gruppo richiede separatismo. Né il potere né le persone accettano le proposte separatiste e non lo accetteranno in nessun momento. Questo è il problema: questi stessi gruppi sostenuti dagli Stati Uniti affermano che la situazione è cambiata dopo la guerra.
Naturalmente la situazione è cambiata, è abbastanza normale. Ogni guerra cambia molto la società. Ma la guerra non è una ragione per dividere il paese, e non giustifica il separatismo, né arriva al punto di minare la Costituzione e indebolire lo stato. La guerra deve rendere la nostra patria più forte, non più debole. Indipendentemente dalle circostanze, rifiuteremo categoricamente tutto ciò che va nella direzione della separazione.

6) – Signor Presidente, come valuta il ruolo delle unità popolari curde che proteggono il popolo curdo nella lotta diretta contro lo Stato islamico, perché secondo le loro statistiche, migliaia di combattenti sono morti proteggendo i loro piccoli villaggi e località in Siria.

– Molti siriani hanno combattuto per difendere i loro villaggi, non solo in questa regione, ma  ovunque [in tutto il territorio siriano]. Non è giusto parlare di un solo gruppo in Siria: hanno tutti difeso la loro patria. Tutti i siriani hanno difeso le loro città e villaggi. Quando corriamo un pericolo esistenziale, ci inevitabilmente difendiamo, è ovvio. Non colloco questa difesa in un contesto politico. Altrimenti, ciò equivale a dare agli Stati Uniti un certificato di buona condotta e dire che le forze sostenute da Washington stavano combattendo contro Daesh, il che equivale a dire che gli Stati Uniti stavano effettivamente combattendo il terrorismo. Sappiamo tutti e dichiariamo tutti in Siria, in Russia e altri paesi che gli Stati Uniti hanno sostenuto l’ISIS.

Dobbiamo distinguere tra i cittadini che hanno protetto i loro villaggi e ottenuto risultati concreti in quest’area uccidendo molti di questi terroristi e sradicandoli, e l’agenda politica, che è in realtà è legata  agli Stati Uniti. Quindi dobbiamo essere specifici al riguardo.

7) – Il termine per la ritirata delle forze YPG a 30 chilometri dal confine turco è scaduto ad ottobre. Ankara afferma che le forze YPG non si sono ritirate. Dove sono adesso i distaccamenti curdi? Dove stanno? E c’è un’altra domanda non meno importante: come saranno integrati le forze curde nell’esercito siriano, perché sono state fatte dichiarazioni a riguardo…

– Il memorandum russo-turco deve essere attuato per quanto riguarda il ritiro di questi gruppi armati. Come ho detto, questi gruppi sono un misto di arabi e curdi, ma i loro leader sono curdi. Devono assolutamente ritirarsi, perché hanno dato il pretesto ai turchi di iniziare ad attuare il loro piano, che hanno sempre sognato dall’inizio della guerra. Queste forze devono quindi ritirarsi a 30 chilometri.
Per quanto riguarda l’attuazione di questo ritiro, hanno annunciato che lo avrebbero fatto; il ritiro è già avvenuto in alcune aree, ma non del tutto. Questo è previsto. Questo genere di cose non accade all’improvviso o rapidamente. Il controllo centrale su tutti i gruppi di combattenti in una determinata area non è necessario. Sai che i gruppi a volte combattono in modo caotico e prendono decisioni nello stesso modo caotico, quindi una direttiva può applicarsi in un posto ma non in un altro.
Ora stiamo collaborando con la Russia per attuare l’accordo nella sua interezza. Una volta completata l’implementazione del piano, diremo ai turchi: dai, iniziate il ritiro.
Per quanto riguarda l’incorporazione di questi gruppi in seno all’esercito del governo siriano: dal 2013, anno in cui abbiamo iniziato il processo di riconciliazione nazionale, abbiamo pianificato che tutti coloro che avrebbero deposto le armi avrebbero beneficiato del l’amnistia generale e tornato cittadini, come tutti gli altri, e avrebbero potuto arruolarsi nell’esercito siriano. Questo è successo in molte aree, alcune di quelle che hanno combattuto i terroristi. In quelle zone molti  si sono incorporati nell’esercito siriano e hanno combattuto nei ranghi dell’esercito. Alcuni di loro sono caduti martiri mentre combattevano nei ranghi dell’esercito arabo siriano.

Dopo l’accordo tra Russia e Turchia, ufficialmente, attraverso il Ministero della Difesa, eravamo pronti a portare questi combattenti nell’esercito siriano nell’ambito di altri programmi che  tenevano conto delle particolarità della regione. Ma la risposta – come tutti hanno  inteso ufficialmente –  fu che in questo momento non erano pronti a arruolarsi nell’esercito arabo siriano e che [ per il momento ]  erano determinati a mantenere le loro armi in quelle aree.
Inoltre, stiamo lavorando nel quadro della cooperazione russo-siriana per convincere queste persone a unirsi all’esercito arabo siriano e a combattere contro gli invasori turchi nelle fila dell’esercito arabo siriano, perché è quello giusto. è il modo per recuperare i territori di cui essi stessi hanno causato la perdita nel nord della Siria. A questo punto [dobbiamo continuare a cercare di vedere come evolveranno le cose nelle prossime settimane].

8) – Signor Presidente, la guerra in gran parte della Siria è quasi finita, la gente sta tornando a casa e nei loro villaggi. Cosa stanno facendo i leader siriani per garantire le normali condizioni di vita, quante case – forse ci sono numeri – quante case, scuole, ospedali sono stati riparati; quali sono i problemi essenziali che sorgono durante la preparazione al ritorno alla vita normale della cittadinanza?

– Penso che per noi in Siria, le questioni principali che ogni giorno colpiscono ogni cittadino sono la situazione economica, i bisogni di base, l’educazione dei bambini e la salute.
In ogni regione che recuperiamo, intraprendiamo immediatamente il ripristino della scuola, iniziamo a rispondere ai bisogni scolastici, al bisogno di  insegnanti e così via. D’altra parte, gestiamo già gli ospedali in questa regione.
Naturalmente, il tenore di vita in Siria deve essere considerato nel contesto nazionale, ma dipende in un modo o nell’altro da diversi fattori esterni, incluso il blocco occidentale contro la Siria, che è collegato alla consegna delle merci,  al petrolio, al carburante e, di conseguenza, all’elettricità. È un blocco che proibisce gli investimenti stranieri in Siria e che assume anche altre forme. Riusciamo a fornire bisogni di base, anche minimi. In alcuni casi, non possiamo fornire abbastanza, a causa del blocco. Stiamo cercando altri modi, i nostri amici ci stanno aiutando: la Russia, l’Iran, a volte la Cina, ci stanno fornendo assistenza umanitaria. La nostra priorità ora è garantire un livello minimo necessario per la vita dei cittadini.

9) – La domanda più importante: per ripristinare una vita normale nel paese e per il rimpatrio dei rifugiati, è assolutamente necessario ottenere un lavoro. Le imprese industriali si stanno riprendendo in Siria? Quanti sono aziende sono state ripristinate? È difficile farlo con le  attuali severe sanzioni ?

– Sì, è difficile ma non impossibile. Quello che dico non è un’illusione o fantasia. E’ un discorso irrealistico. In alcuni settori industriali, ad esempio nell’industria farmaceutica, il numero di fabbriche farmaceutiche è aumentato considerevolmente rispetto all’inizio della guerra. Continuamente nuove fabbriche vengono costruite in vari settori. Certamente, il ritmo non è quello che dovrebbe essere, o come si vorrebbe, e in modo tale da coprire le esigenze dei rifugiati che stanno tornando dall’estero e cercano lavoro.
Tuttavia possiamo già avviare nuove attività, alcune delle quali, sebbene in misura minore, sono nell’industria pesante, nonostante la situazione economica. Un paese in stato di guerra come il nostro non può che creare solo piccole e forse medie imprese. Ma ora dobbiamo trovare i mezzi per incoraggiare meglio gli investimenti, perché nelle condizioni di embargo [in cui siamo], dobbiamo incoraggiare gli investimenti.

Ecco perché abbiamo una vecchia legge sugli investimenti che è stata modificata tre volte. Stiamo ora esaminando ulteriori emendamenti adattati alla nostra situazione attuale, per incoraggiare ulteriormente gli investimenti di capitale, almeno quelli già in Siria, e non soggetti al blocco. Tuttavia, nonostante il blocco occidentale e americano, gli investimenti provengono dall’estero, ma sono limitati.

10) – Per tornare all’accordo pacifico, i militanti continuano a deporre le armi e riconciliarsi. E sappiamo che il governo siriano e voi state facendo molto per garantire il loro reinserimento sociale. In che modo pensa  di aiutare i combattenti pacificati e le loro famiglie?

– Questo è un punto importante e una grande sfida. Comprende diversi settori. Innanzitutto i bambini. Perché stiamo parlando di famiglie. Un uomo armato non può essere considerato un caso isolato, ha una famiglia e un entourage, anche se è piccolo, ma si tratta un entourage radicale. Ha figli che per lungo tempo, in un periodo cruciale della loro vita, hanno vissuto fuori dalla legge, lontano dai programmi scolastici nazionali, assorbendo false idee. Quindi prima dobbiamo integrarli nelle scuole e abbiamo annunciato alcune settimane fa che le scuole ammetteranno questi studenti in classi in base alla loro età, per integrarli nel sistema nazionale negli anni a venire e stanno assorbendo nuovamente i valori patriottici.

C’è un altro punto: l’estremismo religioso, che è stato promosso e radicato nella mente delle persone per molti anni, in cui l’ideologia di al-Qaida e dei salafiti regnava . Non importa se sotto Daesh, al -Nusra, l’esercito di liberazione della Siria o l’esercito dell’Islam. È la stessa cosa. Seguono tutti lo stesso ragionamento e abbracciano tutti la stessa dottrina. Qui in Siria, le istituzioni religiose svolgono un ruolo molto importante in questo senso. A queste persone, inizialmente, non puoi dire loro della patria o parlare di umanità. Devono prima capire che le idee religiose che hanno acquisito sono idee false e distorte che vanno contro la vera fede. Attualmente stiamo lavorando attivamente per rimuovere queste idee dalla testa.
Il terzo punto è che queste comunità vivevano come fuorilegge. Non sanno cosa significhi lo stato o la legge. Non capiscono cosa sia un tribunale, un ufficiale di polizia, un funzionario del traffico e non capiscono ogni altro  elemento e strumento che nella società viene utilizzato per organizzarsi meglio. Questo è l’aspetto più difficile. Qui, la sfida è come ripristinare lo stato nella sua forma migliore in queste città e villaggi per ripristinare le nozioni di disciplina e ordine. Lavoriamo costantemente su questi temi e stiamo attivamente coinvolgendo le diverse istituzioni dello stato, al fine di reintegrare queste comunità nella società siriana e con le concezioni e i valori della patria.

11) Signor Presidente, un’altra questione molto importante relativa alla situazione umanitaria. Riguarda ancora una volta la popolazione curda. Durante la guerra, molti bambini curdi hanno ricevuto un’istruzione in lingua curda, non hanno ottenuto un diploma statale e non avevano certificati scolastici. Questo è un grosso problema perché non possono continuare la loro istruzione, né avere un lavoro formale. C’è un piano per risolvere questo problema? È pronto o in preparazione?

– Questa domanda fa eco a quella precedente. Per risolvere questo problema, il Ministero della Pubblica Istruzione ha annunciato – subito dopo l’invasione turca, circa due o tre settimane fa o forse un po ‘ meno – ha annunciato la decisione di ammettere gli studenti che hanno seguito  i programmi scolastici curdi e integrarli nel sistema educativo nazionale siriano dopo la scuola primaria. È una soluzione pratica e abbastanza normale. In caso contrario, come possiamo chiedere a questi giovani allievi e adolescenti di integrarsi nella loro patria, quando non sono isolati o non sono ammessi al sistema educativo nazionale?

11) – Ma ci sono anche bambini e adolescenti che hanno già finito la scuola e non hanno un certificato scolastico. Come risolvere questo problema?

– Dobbiamo assolutamente riconoscere questi diplomi, non abbiamo scelta. Dopotutto, il processo di integrazione dello studente avviene non solo a scuola, ma anche negli istituti di istruzione superiore e in altri istituti di istruzione. Pertanto, se vogliamo che si muovano nella giusta direzione e servano la loro patria come contributo al futuro sviluppo dello stato, dobbiamo trovare soluzioni e adottare misure per integrarle nel sistema di sviluppo di educazione nazionale.
Due settimane fa è stata annunciata la prima soluzione di questo tipo che ho menzionato prima, è il modo più semplice e veloce. Penso che troveremo altre soluzioni nelle prossime settimane.

(12) Signor Presidente, secondo i media, Trump avrebbe annunciato un’espansione della presenza militare in Siria, in particolare nel nord e nel nord-est del paese, con il pretesto di proteggere i giacimenti petroliferi. La soluzione militare è possibile? e quando potrebbe aver luogo un’operazione del genere?

– Ho sempre detto che l’occupazione non potrebbe avvenire se ci fossero agenti leali nel paese. Sarebbe difficile per un occupante vivere in un ambiente totalmente ostile. Diciamo sempre che la soluzione prioritaria, la soluzione più vicina e più pacifica, è che noi siriani ci unissimo attorno a principi e concetti patriottici. A quel punto gli americani se ne andranno e non potranno restare qui, né per il petrolio né per altro.
Ma se con il tempo gli occupanti rimangono, l’esperienza degli iracheni gli americani la ricorderanno per sempre. Il risultato è stato inaspettato per loro, ma noi in Siria lo abbiamo anticipato. Ho detto in un’intervista a seguito dell’invasione dell’Iraq nel 2003 che l’occupazione avrebbe provocato la resistenza militare.
Pertanto, la presenza americana in Siria darà origine a una resistenza militare che comporterà perdite tra gli americani e alla fine porterà alla loro partenza.
Naturalmente non pensiamo a uno scontro tra Stati Uniti e Russia. Questo ovviamente non è né nel nostro interesse, né nell’interesse della Russia, né nell’interesse della stabilità del mondo, ed è pericoloso. Ma gli Stati Uniti non possono pensare che vivranno e si sentiranno a proprio agio, in qualsiasi area occupino. Ricordiamo loro l’Iraq e l’Afghanistan. La Siria non fa eccezione al riguardo.

13) Per quanto riguarda i titoli statunitensi qui, intendo principalmente il petrolio siriano, non crede sia un brigantaggio statale? E quali perdite economiche subisce la Siria a causa delle azioni di Washington?

Esatto. Non solo perché rubano petrolio, ma anche perché gli Stati Uniti sono uno stato fondato, come regime politico, su gruppi criminali.

Il presidente americano non rappresenta uno stato; è il direttore esecutivo di una società, dietro la quale c’è un consiglio di amministrazione, che rappresenta le grandi compagnie americane, che sono i veri proprietari del paese. Queste sono le compagnie petrolifere, l’industria delle armi, le banche e altre lobby.

 

Per tornare alla questione del petrolio, è naturalmente il risultato del fatto che questo sistema americano è gestito da società che lavorano a proprio vantaggio. Ma vorrei ricordarle qualcosa di più importante piuttosto che [semplicemente] chiamarli banditi. Il petrolio è stato uno degli elementi più importanti che hanno spinto Hitler ad attaccare l’URSS durante la seconda guerra mondiale.

Oggi gli Stati Uniti fanno la stessa cosa: imitano i nazisti. Possiamo quindi; piuttosto semplicemente, confrontare l’attuale politica americana con quella dei nazisti: espansione, invasione, attacco agli interessi di altri popoli, violazione del diritto internazionale, degli standard internazionali, dei principi umanitari, ecc. – Interessa solo il petrolio.
Qual è la differenza tra questa politica e i metodi nazisti? Qualcuno del sistema americano può darci una risposta a questa domanda? Io non la penso così.

14) La Siria presenterà denuncia alle Nazioni Unite per furto del petrolio siriano da parte degli Stati Uniti? Damasco ha un piano per chiedere un risarcimento a Washington per il petrolio rubato?

– Certo, naturalmente, ma io, lei e molte altre persone nel mondo sappiamo che le Nazioni Unite non esistono, perché non esiste il diritto internazionale. Tutti i reclami presentati alle Nazioni Unite rimangono sugli scaffali perché è gli USA sono un semi-stato gestito da bande, basato sul principio della forza.
Come abbiamo detto prima, questa è una banda di ladri e il conflitto tra loro è una lotta per i guadagni e le perdite.

Non è una lotta di ideologie o di partiti, come sembra. Sto parlando dei conflitti che si stanno verificando negli Stati Uniti tra Trump e altri. Questi sono conflitti per raccogliere dividendi e utili. Ecco perché oggi viviamo in un mondo simile alla giungla, più simile al mondo prima della seconda guerra mondiale, non al mondo postbellico. Presenteremo un reclamo, ma rimarrà sugli scaffali.

15) Pochi giorni fa, uno dei fondatori dell’organizzazione White Helmets è morto a Istanbul. Questa organizzazione è stata ripetutamente coinvolto nel contribuire alla produzione di video sul cosiddetto uso di armi chimiche in Siria . Alcune ipotesi ora ritengono che questo fondatore dei caschi bianchi non sia morto di morte naturale, ma piuttosto sia stato ucciso. Secondo lei, cosa è successo a Istanbul?

Per evitare di parlarne come un caso isolato, analizziamo questo incidente nel contesto generale di eventi simili. Alcune settimane fa il miliardario americano Jeffrey Epstein è stato ucciso. E hanno detto che si è suicidato in prigione, ma è stato ucciso perché conosceva molti segreti molto importanti relativi a personalità importanti nei regimi; del regime britannico e americano, e probabilmente in altri paesi .

Uno dei membri principali dei caschi bianchi era in Germania e fu ucciso in prigione. Dissero che si suicidò. Ora, questa volta è il principale fondatore dei caschi bianchi che viene ucciso. È un ufficiale, ha lavorato per tutta la vita con la NATO in Afghanistan, Kosovo, Iraq e Libano; poi ha fondato i caschi bianchi in Siria.
In che modo la storia di quest’uomo è collegata alle attività umanitarie che dovrebbero svolgere i caschi bianchi?
Noi e voi sappiamo che fanno ovviamente parte di Al Qaeda. Credo che dopo la liquidazione di Bin Laden e al-Baghdadi, tutte queste persone saranno a loro volta liquidate, prima perché conoscono segreti importanti. Poi perché sono diventati un peso, il loro ruolo è finito. Una volta terminato il loro ruolo, ora è necessario liberarsene.
Quindi, se diamo un’occhiata panoramica a tutte queste storie, non crederemo che si siano suicidati, né che siano morti di morte naturale. Tutti questi nomi, e forse altri che non menzioniamo ora, sono stati uccisi una volta terminate le loro missioni, in modo che la verità potesse essere sepolta con loro. Perché sono stati uccisi Al-Baghdadi e Bin Laden? Probabilmente perché se fossero rimasti vivi, avrebbero detto la verità in determinate circostanze. Forse il fondatore dei White Helmets stava scrivendo le sue memorie. Ma questo non è permesso. Sono probabilità, ma le altre interpretazioni non sono convincenti per me in questo momento.

15) Quindi crede che i servizi segreti occidentali siano alla base della morte dell’ex operativo dei servizi segreti britannici?

Sicuramente, questo è il lavoro dei servizi segreti. Ma quali servizi? Quando parliamo di servizi occidentali in generale, di servizi turchi o di altri servizi nella nostra regione – questi non sono i servizi di uno stato sovrano, ma rami del principale servizio di intelligence, ovvero la (CIA). Questa è la verità. Ricevono tutti gli ordini di uno stesso capo e si coordinano tra loro.
È possibile, se non molto probabile, che i servizi segreti turchi abbiano svolto questo lavoro sull’istruzione di servizi stranieri. Ancora una volta, queste sono probabilmente ipotesi, ma tale è la natura dei legami tra i servizi segreti occidentali o quelli che lavorano per loro.

16) Signor Presidente, il Comitato costituzionale ha iniziato i suoi lavori a Ginevra. Secondo lei, il suo lavoro sarà efficace? Esistono “linee rosse” per Damasco, dopo le quali le proposte del Comitato non saranno accettate?

– C’è un tentativo di farci credere che la risoluzione del conflitto passa attraverso il comitato costituzionale. Ma la guerra in Siria non è iniziata a causa di disaccordi sulla costituzione. La guerra in Siria è stata innescata da terroristi che hanno ucciso soldati, polizia e civili, nonché sabotato le infrastrutture. Ecco perché la guerra finirà solo se mettiamo fine al terrorismo.
C’era una componente politica parallela: gli Stati Uniti hanno cercato di porre l’idea di un governo di transizione. Certo, c’è stato un rifiuto da parte nostra, in Siria come da parte di altri paesi che aderiscono ai principi del diritto internazionale. E proprio sulla base del diritto internazionale, furono avviate le negoziazioni di Sochi e dove fu data l’idea del Comitato costituzionale.
Il Comitato costituzionale discute la costituzione. Riteniamo che sia necessario analizzare la costituzione di volta in volta, come qualsiasi altro documento, e apportare modifiche in conformità con le nuove realtà della Siria. Non è un testo sacro, non abbiamo alcun problema, ecco perché siamo andati in quella direzione.
Per non essere troppo ottimisti e non presentare proposte non realistiche, è necessario discutere la struttura del Comitato costituzionale. Si compone di tre parti. Uno rappresenta il punto di vista del governo siriano, l’altro rappresenta la società civile, che ha diversi punti di vista, e la terza parte prende il nome dalla Turchia. Immagini ora: lei, essendo russo, vuole cambiare la costituzione della Russia, ma le viene detto che parte del comitato, o l’intero comitato -non importa – è nominato da stati stranieri. Non solo lei rifiuterebbe ai, ma direbbe anche che è una proposta stupida e che le questa procedura va contro la logica e la realtà. Ma è quello che è successo in questo comitato costituzionale.
La Turchia è una facciata, è un dato di fatto. Ora, se vogliamo davvero aspettarci risultati da questo comitato, l’appartenenza di tutti i suoi membri siriana e rappresentativa del popolo siriano. Nessuno dei suoi membri deve appartenere a uno stato straniero ma lo sono apertamente. Gli sarà permesso di essere siriani in fondo e al 100%? Qualcuno che difende gli interessi di un altro paese può tornare e appartenere di nuovo al suo paese? Non voglio dare una risposta. Ma queste sono domande logiche e credo che chiunque sappia le logiche risposte  a queste domande.

17) – Signor Presidente, l’economia siriana ha sofferto molto durante la guerra e, a causa delle sanzioni, parliamo spesso di corruzione, quali riforme prevede di attuare presto? E ci sono meccanismi per rafforzare la valuta nazionale?

-Per rafforzare l’economia, abbiamo bisogno prima di leggi sugli investimenti, moderne e sviluppate. Ne ho già parlato e ho detto che attualmente stiamo lavorando allo sviluppo di queste leggi.
Nella sua domanda menziona anche la lotta alla corruzione. Ed è molto importante sia sostenere per l’economia, per far rispettare le leggi, sia per sostenere la lira siriana.
Queste domande sono correlate. Abbiamo iniziato a combattere la corruzione alcuni anni fa e stiamo continuando questa lotta più attivamente con la comparsa di nuovi casi di corruzione. Era prevedibile, perché la guerra genera anarchia e quest’ultima è un ambiente molto favorevole per il terrorismo da un lato e la corruzione dall’altro.
Applichiamo la legge in questo senso. Ma sono necessarie anche nuove leggi per combattere la corruzione e il terrorismo. Le lacune nell’economia debole e l’entità della corruzione sono dovute a leggi deboli. Una commissione di legislatori ha lavorato per circa un anno per redigere leggi per colmare queste lacune che contribuiscono alla corruzione. Ciò di per sé sosterrà la sterlina siriana, nonché gli investimenti, poiché lo sviluppo degli investimenti sostiene anche la lira siriana. La nostra politica non è speculativa, è una politica di creazione di un’economia forte, che a sua volta sosterrà la valuta nazionale.

18) –  Signor Presidente, oggi i paesi confinanti con la Siria sono teatro di manifestazioni antigovernative, in particolare Libano e Iraq. Lo scorso agosto la Giordania ha assistito a proteste nella capitale Amman. Le ricorda l’inizio degli eventi in Siria nel 2011? Chi ne beneficia, secondo lei? E qual è lo scopo principale?

-No, non sembra quello che è successo in Siria. In Siria, all’inizio c’erano i soldi che venivano pagati: è ben documentato che gruppi di persone per le strade venivano pagati . C’era anche una piccola parte di manifestanti che voleva davvero cambiare qualcosa. Tuttavia, in generale la situazione era diversa, poiché gli omicidi sono iniziati fin dai primi giorni, e anche i colpi [di arma da fuoco].
Ciò significa che le manifestazioni non sono state spontanee. C’erano soldi [per finanziare la manodopera], le armi erano preparate, quindi non posso confrontare questa situazione con altri casi. Se queste manifestazioni nei paesi vicini sono veramente spontanee, sincere ed esprimono la volontà delle persone di migliorare la situazione politica ed economica, devono rimanere all’interno del quadro nazionale. Perché altri paesi, che interferiscono in tutto il mondo – come gli Stati Uniti e l’Occidente, in particolare la Gran Bretagna, la Francia e altri paesi – trarranno sicuramente vantaggio dalla situazione per fare la loro parte e spingere gli eventi in modo da servire i propri interessi. La cosa più importante è che le cose rimangano nel quadro nazionale, nel qual caso rimarranno positive.
Tuttavia, quando viene aggiunto il fattore estero, ovviamente, la situazione andrà contro gli interessi del paese. Abbiamo vissuto questa esperienza in Siria. Spero quindi che questi eventi contribuiscano a un cambiamento positivo in tutte le aree e a tutti i livelli.

19) – Signor Presidente, la mia ultima domanda è probabilmente un po ‘personale. Sappiamo che le piace guidare la tua auto da solo. E ogni cittadino siriano sa che preferisce guidare in prima persona. Ora non ha più la guerra in gran parte della Siria. Le strade sono diventate più sicure. Le sue guardie hanno meno lavoro ora durante il suo viaggio? E hai notato questi cambiamenti positivi in ​​Siria mentre guidava?

– Dal primo giorno della mia prima guida fino a questo momento,  non ho cambiato le mie abitudini. Vorrei sottolineare un punto importante: non abbiamo modificato le misure di protezione dal periodo prebellico. Finora sono rimaste invariate, non abbiamo intrapreso ulteriori azioni in merito alla condotta per i miei spostamenti-  nulla è stato cambiato prima, durante o dopo la guerra.

Uno degli obiettivi dei terroristi e di coloro che li hanno sostenuti, nonché le pressioni psicologiche, è stato quello di diffondere il panico in Siria. Quando un funzionario ha paura, anche i cittadini iniziano necessariamente ad avere paura. Questo è il primo aspetto.
Il secondo aspetto non è legato alla guerra: guido la macchina perché non mi piacciono le manifestazioni del potere. È la mia natura. Mi affido a me stesso, ho sempre guidato, non ho cambiato le mie abitudini. Ho preferito mantenere le mie abitudini al mio posto e non acquisire le mie nuove attribuzioni. Era il mio principio prima della guerra.
Questo principio non è cambiato prima della guerra o durante le ostilità e non cambierò dopo la guerra. Né il terrorismo né altro cambieranno le mie abitudini e il mio rapporto con le persone.
Per quanto riguarda l’influenza che ha sulle persone, penso che a qualsiasi cittadino in qualsiasi paese del mondo piaccia che la persona responsabile sia una persona normale. Alla gente piace la spontaneità e non le apparenze. Penso che questo sia uno dei punti di forza di ogni manager che sia consapevole della relazione che ha con le persone e del fatto che deve essere il più vicino possibile a loro. Il leader non può esagerare dicendo che conduce una vita totalmente ordinaria, ma non deve essere isolato e disconnesso dalle persone, altrimenti perde la connessione. È solo uno dei tanti aspetti delle mie relazioni con i cittadini siriani.

– Molte grazie, signor Presidente, per le sincere risposte alle nostre domande. E le auguriamo buona fortuna. Grazie!
– Grazie, sono molto felice di averla conosciuta  e vorrei esprimere i miei migliori auguri al fraterno  popolo della Russia. Ora, siamo uniti non solo da famiglie miste, come è avvenuto negli ultimi decenni, ma dal nostro sangue sparso nella lotta al terrorismo. Grazie ancora.

Fonte: Sana