Intervista a Putin: “Sembra che semplicemente non ci sia permesso rilassarci. Bene, faccia loro sapere che non ci stiamo rilassando”

Riporto di seguita una intervista a Putin sulla questione migranti al confine con la Polonia, risponde brevemente anche sui colloqui di Minsk.

Per capire meglio ciò che sta succedendo in frontiera con la Polonia, basti sapere che ieri le forze bielorusse hanno fornito cibo ai rifugiati e carburante per il riscaldamento, ma le autorità polacche sostengono che questo è un altro segno che la Bielorussia vuole tenerli lì permanentemente.

“Abbiamo anche osservato i servizi bielorussi che forniscono carburante e cibo ai migranti. È anche evidente che i bielorussi si stanno preparando per un’influenza a lungo termine sulla Polonia e per la destabilizzazione del nostro confine”. (Qui la notizia sul giornale polacco cattolico PCh24.pl)

Capite che su questa percezione bisognerà costruire un dialogo, allora la strada sarà tutta in salita. Il commento ha il sapore di persone che si odiano, mentre al centro ci sono le persone da giorni all’addiaccio e vessate in molti modi, l’umanità scompare.

Comunque ecco le risposte alle domande di Pavel Zarubin, giornalista del canale televisivo Russia 1:

Pavel Zarubin: Signor Presidente, crescono le tensioni ai confini tra l’Unione europea e la Bielorussia. L’Unione Europea ha già schierato unità militari, inoltre un altro contingente è in fase di costituzione. Lei ha parlato due volte con la Merkel, ha parlato con Lukashenko. La domanda, ovviamente, è perché non si parlano direttamente tra loro; questa è probabilmente una domanda anche per lei, ma in generale, come valuta cosa sta succedendo adesso?

Vladimir Putin:  Primo, questa non è una domanda per me, “perché non si parlano”. Questo non ci riguarda. Ma a quanto ho capito dalle conversazioni con Alexander Grigorievich Lukashenko e il cancelliere Merkel, sono pronti a parlare tra loro. Spero che ciò avvenga in un prossimo futuro e che sia possibile stabilire una sorta di contatto diretto tra l’Unione europea, i principali paesi dell’Unione europea, almeno tra la Repubblica federale e la Bielorussia. Questo è molto importante perché i migranti tendono a trasferirsi principalmente in Germania.

A questo proposito vorrei ricordare quanto già detto dal nostro Ministero degli Affari Esteri. Non dobbiamo dimenticare dove hanno avuto origine queste crisi migratorie. La Bielorussia è la pioniera di questi problemi o cosa? No, sono ragioni che sono state create dagli stessi paesi occidentali, dai paesi europei. Sono di natura politica, militare ed economica. Militari, perché tutti hanno preso parte, diciamo, alle operazioni in Iraq, e ora ci sono molti curdi dall’Iraq; e hanno combattuto in Afghanistan per vent’anni, e ora ci sono sempre più afgani. La Bielorussia non c’entra niente. I migranti sono passati attraverso altri canali. E il fatto che ora siano passati attraverso la Bielorussia non è sorprendente, perché la Bielorussia, come mi ha spiegato Alexander Grigorievich Lukashenko, ha [stipulato accordi] per ingressi senza visto nel paese, dai paesi di origine [Siria].

Quindi, le prime ragioni [di questo esodo] sono ragioni politico-militari, poi ci sono quelle economiche: [questi sono gli] altissimi benefici sociali che l’Europa prevede i migranti, altissimi. Ad esempio, una persona che lavora bene, nei paesi del Medio Oriente con un’elevata disoccupazione, compresi quelli in cui viene estratto il petrolio, anche lavorando nell’industria petrolifera, riceve un salario di grandezza inferiore rispetto a un migrante non lavoratore che riceve benefici sociali, ad esempio in la Repubblica Federale. Certo, le persone sono attratte lì. Perché lavorare in condizioni turbolente senza l’osservanza di alcune regole basilari di sicurezza, perché vivere e lavorare lì, se altrove puoi lavorare e ottenere due o tre volte di più con la tua famiglia? Perché [in Europa] pagano sia per gli adulti che per i bambini, e l’istruzione è gratuita e, di norma, le cure mediche sono gratuite. Ripeto, questa è la politica dei principali paesi europei.

È vero, d’altra parte, abbiamo sempre sentito che le questioni umanitarie dovrebbero essere ancora messe in prima linea, ma quando al confine tra Bielorussia e Polonia, le guardie di frontiera polacche e i rappresentanti delle forze armate picchiano i potenziali migranti, i militari sparano loro sulla testa con le armi, le sirene si accendono di notte e si accendono nei loro luoghi dove i bambini e le donne sono negli ultimi mesi di gravidanza – beh, in qualche modo questo non si adatta molto alle idee dell’umanesimo, che presumibilmente sono alla base dell’intera politica dei nostri vicini occidentali .

Tuttavia, continuo a sostenere il fatto che una soluzione dovrebbe essere trovata sia nell’interesse della Bielorussia che nell’interesse dei paesi europei, tra cui la Polonia, la Repubblica federale e altri paesi, perché i loro sistemi sociali sono ancora sovraccaricati. È tuttavia necessario creare le condizioni affinché queste persone trovino in qualche modo un lavoro e risolvano i problemi tra loro, perché i problemi di riammissione non sono stati completamente risolti, come mi ha detto Alexander Grigorievich Lukashenko, lavorare su questioni relative al collocamento dei rifugiati è stato escluso, stessa cosa per la costruzione di campi per loro, e così via.

Spero che il contatto diretto tra la leadership della Bielorussia e i leader dei principali paesi dell’Unione europea aiuti a risolvere questi problemi.

Questa è la prima cosa. La seconda. Voglio dirti un’altra cosa. Voglio che tutti lo sappiano. Non abbiamo assolutamente niente a che fare con questo. Tutti cercano di imporci qualsiasi responsabilità per qualsiasi motivo e senza alcuna motivazione. Le nostre compagnie aeree non trasportano queste persone. Nessuna delle nostre aziende le trasporta. A proposito, neanche la Belavia, come mi ha detto Alexander Grigorievich, le porta. Prenotano charter, effettuano un ingresso senza visto: le persone comprano i biglietti e volano.

Sì, ci sono dei gruppi definiti che si occupano per il trasferimento di queste persone nei paesi europei, ma operano da tempo.

Il collegamento chiave è nei paesi dell’Unione Europea. Questi intermediari sono lì in Europa. I migranti vengono trascinati lì. Organizzano tutte queste catene. Lascia che le forze dell’ordine e i servizi speciali lavorino su di loro se violano qualcosa. Ma ho l’impressione che sia abbastanza difficile farlo, perché se guardi alla legislazione interna dei paesi europei, non violano nulla: cosa violano? Una persona vive in un paese, vuole trasferirsi in un altro per qualche motivo: per la propria sicurezza, ma anche per motivi economici.

Se c’è una violazione della legge, allora lascia che le forze dell’ordine e i servizi speciali di questi paesi lavorino su questi gruppi [gli intermediari]. Lavorano insieme, ovviamente, con i paesi attraverso i quali i migranti cercano di raggiungere l’Europa. Compreso con la Bielorussia. Voglio sottolineare ancora una volta: la Russia non c’entra assolutamente nulla. Non partecipiamo affatto ad alcun processo.

Pavel Zarubin:  La situazione si sta evolvendo, vogliono che sia vietato l’acquisto di biglietti aerei in modo che non possano volare dai loro paesi verso altri. Perché il destino di queste persone in qualche modo è passato in secondo piano, a nessuno importa davvero?

Vladimir Putin: Questo è quello che ho detto. Questioni umanitarie, i bambini sono piccoli. Onestamente, quando guardo, mi dispiace prima per i bambini. Beh, guardi, ci sono anche temperature gelide di notte, e sono seduti lì senza mezzi di sussistenza, stanno finendo. Ci sono benestanti, ma i soldi non vengono dal nulla, vengono spesi solo dalle persone che stanno sedute al confine. Sì, mi dispiace per queste persone, ovviamente. Non sto parlando delle ragioni ora, non di ciò che sta accadendo lì. Mi dispiace per queste persone, ovviamente.

Pavel Zarubin:  C’è una domanda che riguarda la Russia. Alla vigilia il presidente della Bielorussia Lukashenko ha minacciato di poter interrompere il transito del gas verso l’Europa, e questo è il gas russo. Inoltre, la Bielorussia si è rivolta alla Russia con la richiesta che l’aviazione strategica pattugliasse i cieli della Bielorussia. Come puoi commentare questo?

Vladimir Putin: Non che io abbia fatto questa domanda. L’aviazione strategica non può fare nulla per risolvere tali crisi. Conduciamo esercitazioni pianificate con i nostri colleghi bielorussi e lo facciamo su base continuativa. Qui i nostri partner occidentali conducono esercitazioni su base regolare e irregolare, fuori programma, di vario genere.

Facciamo anche questo, ma la nostra aviazione strategica vola regolarmente e sulle nostre rotte di pattugliamento e indica [in anticipo] la presenza della nostra aviazione strategica.

Pavel Zarubin: E per quanto riguarda il gas russo e il suo transito?

Vladimir Putin: Ad essere onesti, questa è la prima volta che ne sento parlare, perché ho parlato con Alexander Grigorievich due volte di recente, non me ne ha mai parlato, non me ne ha mai nemmeno accennato. Ma può, farlo probabilmente. Anche se non c’è niente di buono in questo, e io, ovviamente, parlerò con lui su questo argomento, ma non è nelle nostre intenzioni come ho appena detto.

Ma abbiamo già una pratica del genere, con l’Ucraina. Nel 2008, Dio ci benedica, abbiamo affrontato questa crisi, quando, a causa di infinite controversie sul prezzo del gas e sul prezzo del transito, i nostri amici ucraini ed io non siamo riusciti a metterci d’accordo sui parametri principali di questi contratti. Tutto è arrivato al punto che l’Ucraina ha bloccato il nostro gas, destinato ai consumatori in Europa. Semplicemente, come dicono gli esperti, relativamente parlando, la valvola è rimasta aperta, ma hanno semplicemente tagliato il gas russo verso l’Europa. Era lo stesso.

In teoria, ovviamente, Lukashenko, in qualità di presidente di un paese di transito, può probabilmente dare istruzioni per tagliare le nostre forniture all’Europa. Anche se questa sarebbe una violazione del nostro contratto di transito, e spero che non si arrivi a questo. Ma, d’altra parte, applicano e minacciano sempre di applicare nuove sanzioni contro di lui. Ma ciò causerebbe gravi danni al settore energetico dell’Europa, il settore energetico dell’Europa e non contribuirebbe allo sviluppo delle nostre relazioni con la Bielorussia come paese di transito.

Pavel Zarubin: Ha già parlato dell’esercizio americano, e l’ambiente generale e l’atmosfera sono molto tesi. Nelle ultime ore e giorni, vediamo così numerosi articoli dei media occidentali, in cui quasi annunciano una sorta di invasione militare della Russia da parte dell’Ucraina, e presumibilmente anche gli Stati Uniti stanno avvertendo i suoi partner nell’Unione europea che la Russia sta preparandosi per tale un’invasione. Allo stesso tempo, in parallelo, vediamo che proprio alle nostre frontiere, nell’area del Mar Nero, si stanno svolgendo le esercitazioni degli Stati Uniti e della NATO. Come valuta in generale tutta questa situazione?

Vladimir Putin : Non ho visto queste dichiarazioni di allarme, almeno non ancora. Ma parto dal fatto che sia così, come lei ha detto. In effetti, gli Stati Uniti e i loro alleati della NATO stanno ora conducendo esercitazioni non pianificate, voglio sottolineare, non pianificate nel Mar Nero. Inoltre, non solo è stato formato un gruppo navale abbastanza potente, ma nel corso di queste esercitazioni viene utilizzata anche l’aviazione, compresa l’aviazione strategica.

Ecco una risposta parziale alla sua domanda precedente, dove e come volano i nostri vettori missilistici strategici. Vengono utilizzati i B-51, sono aerei piuttosto vecchi, ma il punto non è nelle portaerei, ma il punto è che hanno a bordo armi militari strategiche: questa è una seria sfida per noi. Devo dire che anche il nostro Ministero della Difesa aveva una proposta per tenere le proprie esercitazioni non pianificate in questa zona d’acqua, ma ritengo che ciò sia inappropriato e non sia necessario aggravare ulteriormente la situazione. Pertanto, il Ministero della Difesa russo si limita solo a scortare aerei e navi. Questa è la prima cosa.

In secondo luogo, per quanto riguarda l’Ucraina. Tutti cercano di spingerci all’attuazione degli accordi di Minsk, siamo spesso accusati di non rispettarli. Ma quando chiediamo ai nostri partner, anche nel formato Normandia, cosa esattamente la Russia non sta rispettando in base agli accordi di Minsk e cosa avrebbe dovuto fare la Russia in base agli accordi di Minsk, non c’è risposta. Loro solo [ci dicono]: non possiamo formulare una risposta. Non sto scherzando, questo è esattamente il tipo di dialogo. E cosa non soddisfano esattamente LPR e DPR in base agli accordi di Minsk? No, non possono formulare alcuna risposta. Tuttavia, siamo tenuti a essere tirati in ballo.

Ora la seconda domanda è relativa a chi è la parte in conflitto. Gli accordi di Minsk non dicono che la Russia è parte in conflitto, non siamo mai stati d’accordo e non saremo d’accordo, non lo siamo.

Cosa sta succedendo ora e cosa stanno facendo le autorità di Kiev? Lascia che le ricordi la storia recente. Kiev decise di utilizzare le forze armate per risolvere il conflitto nel sud-est, nel Donbass. Questo è stato il primo tentativo di risolvere il problema con l’aiuto della forza militare. Quindi, il signor Poroshenko, che era già salito al potere, nonostante i tentativi di convincerlo a non farlo, ha fatto un secondo tentativo di soluzione armata della questione, in modo armato, con l’aiuto delle forze armate. Sappiamo benissimo come è andata a finire, quali tragedie. Loro hanno iniziato.

Ora il presidente in carica riferisce allegramente che stanno usando i droni Bayraktar, cioè veicoli aerei senza equipaggio. Questa è l’aviazione, senza equipaggio, ma questa è l’aviazione che viene utilizzata nella zona di conflitto, che è severamente vietata dagli accordi di Minsk e dai successivi accordi. Ma nessuno reagisce nemmeno [di fronte] a questo, e gli Stati Uniti generalmente li sostengono nella pratica. L’Europa ha detto qualcosa di indistinto su questo, mentre gli Stati Uniti in genere hanno sostenuto [queste azioni]. E i funzionari in Ucraina dicono direttamente: li abbiamo usati e continueremo a farlo.

Parallelamente a ciò, sono state organizzate esercitazioni non programmate nel Mar Nero. Sembra che semplicemente non ci sia permesso rilassarci. Bene, gli faccia sapere che non ci stiamo rilassando.

Pavel Zarubin: In questo formato, in tali circostanze, ha senso l’incontro in formato Normandia, che insistono e partner europei, e l’Ucraina?

Vladimir Putin : Non ho sentito le ultime proposte insistenti su questo punto, anche se ne stiamo discutendo. Credo che non abbiamo altri meccanismi, e questi meccanismi, non importa quanto sia difficile oggi, non importa quanto sia difficile risolvere questo problema, ma questi meccanismi devono essere usati per avvicinarsi almeno alla soluzione del problema, dei problemi di cui stiamo parlando, di cui stiamo parlando ora.

 

da “Vladimir Putin: La crisi con i migranti l’ha fatta nascere l’Occidente stesso” – L’intervista, citata dai principali giornali italiani, è pubblicata sul sito istituzionale della presidenza della Federazione Russa.

Exit mobile version