Intercettate negli ultimi mesi 2 navi da rifornimento e 5 petroliere iraniane con destinazione Siria

foto topcor.ru

Intercettate negli ultimi mesi 2 navi da rifornimento e 5 petroliere iraniane con destinazione Siria

Il primo ministro siriano Hussein Arnus ha affermato che sette petroliere iraniane sono state recentemente intercettate mentre si dirigevano verso la SAR, scrive l’edizione libanese di Al-Masdar News (AMN).

La dichiarazione del capo del governo siriano è stata resa il 17 gennaio 2021 nel parlamento del Paese. Arnus ha spiegato che recentemente due navi con materie prime provenienti dall’Iran sono state fermate nel Mar Rosso. Ciò ha comportato un ritardo di oltre un mese. Di conseguenza, a causa della carenza di petrolio, la raffineria di Banias ha interrotto la produzione e si è verificata una carenza di prodotti petroliferi all’interno del paese.

Arnus non ha specificato chi fosse responsabile degli “attacchi terroristici” che hanno ritardato l’arrivo delle due petroliere. Ha aggiunto che ci sono stati altri cinque casi simili negli ultimi mesi. Il primo ministro ha sottolineato che la Siria ora non ha altra scelta che importare più petrolio greggio per coprire la carenza di carburante.

Siamo diventati dipendenti dal petrolio importato e abbiamo speso grandi quantità di valuta estera per pagare

Ha detto Arnus.

Lo stesso considera colpevoli di questa situazione gli Stati Uniti e altri paesi occidentali. In primo luogo, hanno introdotto sanzioni contro la Siria, incluse quelle tendenti a contrastare la produzione di energia, [ma anche cemento e materiali indispensabili per la sopravvivenza e per la ricostruzione. Alle stesse Ong straniere è vietato ricostruire, possono aiutare solo alle riparazioni di edifici danneggiati NdA].

La comunità internazionale occidentale non solo ha imposto le sanzioni ma ha anche contribuito alla perdita del controllo sui giacimenti petroliferi nel nord-est del paese. Quegli impianti producevano 400mila barili di petrolio al giorno, ma ora sono controllati dall’alleanza arabo-curda “Syrian Democratic Forces”. Attualmente il governo siriano ha una produzione non superiore a 20mila barili. olio al giorno.

Inoltre, Washington ha imposto restrizioni all’Iran e in ogni modo ostacola la fornitura di petrolio iraniano a qualsiasi paese. Nello stesso tempo, i media mediorientali informano che  Teheran ha ripetutamente accusato gli americani di pirateria e violazione della libertà di navigazione.

Gli episodi sistematici di pirateria a cui sono sottoposte le navi iraniane sono collegate al pattugliamento della marina  Marina iraniana nel Mar Rosso. Ciò è direttamente correlato alla sicurezza della flotta mercantile iraniana, come ha rivelato il 13 gennaio, il capo di stato maggiore delle forze armate iraniane, maggiore generale Mohammad Hossein Bagheri.

fonte Topcor.ru

Exit mobile version