Intensificati i voli Nato di guerra elettronica sulla costa libanese e siriana

14 settembre 2020

Il sito militare Strategica.51 segnala che aerei USAF Boeing RC-135 Combat Sent e altri velivoli da guerra elettronica sono attivi vicino alle coste siriane e libanesi. Questa attività potrebbe essere preludio a nuovi attacchi in Siria?

Prima di ogni attacco su obiettivi all’interno della Siria, questa formidabile piattaforma di guerra elettronica strategica (ELINT) era attiva. Questo potrebbe essere il preludio a nuovi attacchi, soprattutto da quando anche gli israeliani sono stati riforniti di nuovi apparati di soppressione delle difese aeree nemiche (SEAD). Tutto questo sembrerebbe una scommessa sicura che un ennesimo attacco è imminente e mirerà a obiettivi ben precisi per inviare un messaggio preciso agli operatori dei sistemi di guerra elettronica russi con sede a Hmeimim.

Questa ipotesi prende maggior corpo dato che il comando russo in Siria ha segnalato come imminenti la preparazione di false flag chimiche.

Parallelamente a tutto questo, l’agenzia di stampa statale turca Anadolu, IL il 14 settembre, riferisce:

La Russia sta rafforzando la sua presenza militare nella parte nord-orientale della Siria, nell’area della città di Qamishli, considerata la capitale non ufficiale del Kurdistan siriano. 30 unità di trasporto militare russo, arrivate a Qamishli dalla regione di Tabka (provincia di Raqqa), sono state trasferite in questa regione della repubblica araba.

Veicoli blindati e camion con personale militare sono di stanza nell’area dell’aeroporto a sud-ovest della città siriana. Con il convoglio, è stato schierato a Qamishli un rinforzo che consta  fino a 75 soldati russi  .

A seguito dell’operazione turca “Peace Spring” nell’ottobre 2019, la Russia ha iniziato ad espandere il territorio della base militare dell’aeroporto di Qamishli. Prima del trasferimento di ieri, ha spostato nella provincia di Hasake almeno 200 soldati russi, dozzine di veicoli corazzati e carri armati e sei elicotteri militari . Secondo diverse fonti, la Russia prevede di aumentare presto la pressione sugli Stati Uniti, i cui militari controllano i giacimenti petroliferi nella regione di Rumeilan, a est di Kamyshli. Le truppe russe hanno già ripetutamente tentato di prendere il controllo della zona di campo di Rumeilan, ma ogni volta hanno incontrato la resistenza degli Stati Uniti, osserva Anadolu. (…)

Exit mobile version