Incendi in Asutralia: per l’85% sono volontari

Mentre l’area totale bruciata è diminuita, negli ultimi anni, nella savana australiana, l’anno 2019 è un’eccezione. Siamo ancora lontani dal record di aree bruciate nel 1974  centrale [1], ma gli incendi del 2019 hanno un impatto maggiore perché riguardano aree più densamente popolate.

Per la stampa francese, esiste solo un possibile colpevole: il riscaldamento globale, e in particolare la posizione scettica sul clima del primo ministro australiano Scott Morrison, peraltro liberale, è stata duramente criticata.

Tuttavia, la situazione non è così semplice. In un articolo di Alan Jones pubblicato sul Daily Telegraph del 18/11/2019 [2] e che può essere trovato sul sito di un’associazione di vigili del fuoco volontari, (VFFA), si può leggere:

“La gravità di gli incendi non hanno nulla a che fare con il “cambiamento climatico”, ma con nuove regole “ambientali” che hanno reso impossibile la manutenzione della boscaglia in nome della biodiversità. “

Dice anche che, nei parchi nazionali dove sono iniziati alcuni incendi, 

“le strade che i vigili del fuoco potrebbero prendere sono ora ricoperti di vegetazione e sono diventati impenetrabili. Questi accessi sono stati bloccati da grandi pietre o barriere. Poiché non vi è più accesso alla terra, i vigili del fuoco devono ricorrere a metodi aerei costosi e inefficaci. I Verdi stanno adottando questa strategia, aggravata dal fatto che non vogliono utilizzare l’acqua di mare per l’irrigazione, ma l’acqua dolce per proteggere l’ambiente. Il problema è che i pompieri sono sprovvisti di acqua fresca. “

In effetti, le norme ambientali imposte negli anni 2000 hanno creato santuari.
A capo dell’articolo, il VFFA ha aggiunto: “È tempo che burocrati e politici smettano di incolpare il” cambiamento climatico “nella crisi degli incendi boschivi, di cui sono molto responsabili e che pone vive in pericolo. » A seguito di un incontrollabile incendio nel 2013 nella periferia di Canberra, un articolo del Daily Telegraph di Miranda Devine (13/1/2013) [3] ha già denunciato questa situazione e la pressione dei Verdi sui decisori.

Per completare, il dottor Paul Read, condirettore del National Center for Research di Bushfire e Arson, aggiunge nell’articolo che il numero di attacchi incendiari è, in media, di 62.000 all’anno. anno e quella cifra è in aumento. Tra questi, il 13% viene acceso volontariamente e il 37% sospettosamente, il che significa che 85 incendi al giorno sono volontari.

Mentre non vi è dubbio che la temperatura e la siccità che caratterizzano l’anno 2019 (la storia delle precipitazioni mostra una tendenza piuttosto positiva dal 1970, secondo i dati dell’Australian Bureau of Meteorology [4]) ha favorito la diffusione incendi, sotto la pressione di questi critici, il governo federale avvierà un’indagine per chiarire l’impatto delle normative ambientali sulla gravità degli incendi e sulla loro prevenzione [5].

Nel frattempo, per i media francesi, tutti i colpevoli sono stati trovati, e dubito molto che sentiremo parlare dei risultati di questa indagine.

[1]  https://www.news.com.au/techno logy / environment / how-the-2019- australian-bushfire-season- confronta-to-other-fire-disaste rs / news-story / 7924ce9c58b5d2f4 35d0ed73ffe34174
[ 2]  https: // volontari vigili del fuoco. org.au/it-is-high-time-bureauc ratti-e-politici-smesso-di -incolpare-cambiamento climatico-per-una -crisi-incendio-boschivo-che-è- molto-di-loro-propria-fabbricazione -e -sta-mettendo-vite-a-rischio
[3]  https://www.dailytelegraph.com .au / news / opinion / lets-tell-the -burning-truth / news-story / ae30 e22c69a0a9a7fe4141bc4e9442a8
[4]  http://www.bom.gov.au/climate/ updates / articles / a034.shtml
[5]  https: // volontari di vigili del fuoco. org.au/nsw-government-bushfire -inquiry-to-focus-on-fail- in-hazard-riduzione

Boulevard Voltaire

JOIN THE DISCUSSION