In Avvento cosa c’è di meglio di vedere un film a favore della distruzione della Siria?

E' quanto hanno deciso in una parrocchia di Lecco, all'insegna di che, non ci è dato sapere...

La parrocchia Madonna del Rosario di Lecco il 26 novembre trasmetterà in streaming per gli iscritti la proiezione del film For Sama .

Credo nella loro buona fede, perciò ho cercato di dissuaderli scrivendo il seguente messaggio:

[su_quote cite=”facebook” url=”https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10223803740104593&set=a.3988587636238&type=3&comment_id=10223811471977885&notif_id=1606293107625501&notif_t=feedback_reaction_generic&ref=notif”]Niente sulla storia narrata ma il contesto in cui è rappresentata è falso. Proporlo senza una presentazione obiettiva è del tutto fuorviante per lo spettatore, in quando il contesto non corrisponde alla realtà storica degli eventi che ne fanno da sfondo. In definitiva il docu-film non è nient’altro che una bella e riuscita operazione di marketing per supportare la causa delle milizie di al Qaeda ed affini (che non vengono peraltro nemmeno nominate). Se domandaste oggi a chiunque ad Aleppo cosa ne pensa vi risponderebbe che non rappresenta la loro sofferenza e gli abusi subiti. Se avete contatti in Siria chiedete , chiedete al vescovo Abu Hazen o a padre Ibraim di questo film, se non mi credete. Film di propaganda 10/10 per il pubblico occidentale pro-guerra sulle note di “The White Helmets” e “Last Men of Aleppo”. Lo stesso regista Waad al-Kateab dice testualmente : “Questo film è l’unica arma che ho contro il regime“. Quindi sappiatelo.  [/su_quote]

i registi di Sama Waad al-Kateab e Edward Watts intervistati da Jon Snow – https://www.youtube.com/watch?v=hK7d39p9P5M

E’ il caso di dare qualche ulteriore informazione che giustifica il mio sconcerto nel vedere in una parrocchia cristiana una simile iniziativa partigiana dalla parte degli aggressori che hanno innescato l’esodo dei cristiani di Aleppo, la città dove è ambientato il docu-film.

C’è chi si ostina a sostenere che il documentario non abbia alcun fine recondito di supportare una parte piuttosto che un altra. Ma gli stessi registi hanno ampiamente sconfessato questa tesi.
Inoltre, subito dopo la sua realizzazione i registi hanno messo su una Ong ActionforSama. Il regista Waad al Kateab in un tweet ha detto chiaramente “And I will always be, until I will see Assad down” (abbinando al tweet stesso una foto decontestualizzata di un migrante picchiato dalla polizia greca). Sviare, confondere, orientare, è evidente che la realizzazione dell’opera ha questo senso.

i registi e la protagonista a tutte le premiazioni conferite a for Sama si sono presentati sempre con questi cartelli

La visione stessa del film non spiega nulla sulle circostanze della sofferenza. Pensate se un documentario con gli stessi soggetti e la stessa vicenda umana fosse ambientato a Berlino durante i bombardamenti alleati sulla Germania nazista e non spiegasse che in quell’epoca ci fosse stato il nazismo…

…film che non ha pretese di orientare?

Per chiarire il contesto, vi propongo l’ articolo del giornalista d’inchiesta Rick Sterling.

patrizioricci by @vietatoparlare


Un documentario bello ma ingannevole: per Sama

Il film documentario For Sama ha vinto numerosi premi in Europa e Nord America. I suoi produttori e protagonisti, i siriani Waad Kateab e suo marito, il dottor Hamza Kateab, più il regista inglese Edward Watts, hanno ricevuto grandi elogi.

Sfortunatamente, dietro una storia di interesse umano, il film For Sama è propaganda: parziale, fuorviante e politicamente di parte.

Nascondere i fatti di base su Aleppo

  • For Sama è un documentario a figura intera con una commovente storia personale. Combina una storia di giovane amore e la nascita di un bambino – Sama – nel mezzo della guerra. Ciò lo rende avvincente e intimo. Ma il film distorce fondamentalmente la realtà di Aleppo orientale negli anni 2012 – 2016. Sebbene la narrativa personale possa essere vera, il contesto e l’ambiente sono distorti e nascosti. Lo spettatore non avrà idea della realtà:
  • La maggior parte dei residenti di Aleppo est non voleva che i militanti prendessero il controllo dei loro quartieri. Il breve video, Nine Days from my Window , mostra l’acquisizione in un quartiere. Molti civili sono fuggiti dal lato est di Aleppo dopo che i “ribelli” hanno preso il sopravvento. Quelli che rimasero erano per lo più militanti (e famiglie dei militanti) per la maggior parte erano coloro che non avevano nessun altro posto dove andare o pensavano di poter aspettare. .
  • I militanti che hanno preso il controllo di Aleppo est sono diventati sempre più impopolari. Come ha scritto il giornalista americano James Foley , “Aleppo, una città di circa 3 milioni di persone, era un tempo il cuore finanziario della Siria. Mentre continua a deteriorarsi, molti civili qui stanno perdendo la pazienza con l’opposizione sempre più violenta e irriconoscibile, attraversata da lotte intestine e mancante di una struttura, è profondamente infiltrata sia da combattenti stranieri che da gruppi terroristici “. 
  • Il gruppo di opposizione che arrivò a dominare la parte orientale di Aleppo era la versione siriana di Al Qaeda, Jabhat al Nusra. In Sama viene ignorato il loro dominio, l’estremismo e le politiche settarie. C’è solo un riferimento fugace e nessun video che mostra chi esattamente governava Aleppo est.
  • In effetti, i militanti (noti anche come “ribelli”) erano incredibilmente violenti e feroci. Tra i numerosi esempi citiamo quando hanno gettato i lavoratori delle poste dal tetto dell’edificio, quando hanno inviato un camionbomba suicida nell’ospedale di Al Kindi , quando hanno massacrato i soldati siriani che difendevano l’ospedale e quando si sono ripresi video mentre decapitavano un ragazzo.
  • L’85% dei civili ad Aleppo viveva nella zona ovest di Aleppo controllata dal governo. Migliaia di persone sono state uccise da cecchini “ribelli”, mortai e missili sparati dal micidiale “cannone infernale” sono stati lanciati da Aleppo est. Questo breve video descrive la situazione nella parte ovest di Aleppo, completamente ignorata da For Sama .

L’ospedale Al Quds NON è stato distrutto

“Al Quds Hospital” è descritto nel documentario For Sama . Qui è dove Hamza ha lavorato ed è nata Sama. Secondo il film, l’ospedale è stato distrutto nel febbraio 2016. All’epoca c’era un’enorme pubblicità sull’ospedale e piovevano le accuse che i russi avessero bombardato di proposito l’ospedale. Medici senza frontiere (Medecins sans Frontieres) hanno twittato “Siamo indignati per la distruzione dell’ospedale Al Quds di #Aleppo “ . Queste affermazioni sono ripetute nel documentario. All’epoca c’erano domande e sfide sull’autenticità dell’account. Si è scoperto che l ‘”ospedale Al Quds” non esisteva prima del conflitto e che corrispondeva ad era uno o due piani di un condominio. Si è scoperto che Medici Senza Frontiere non aveva personale in loco e ha semplicemente accettato il racconto che gli era stato detto. Dopo la liberazione di Aleppo orientale, un importante medico di Aleppo occidentale, il dottor Nabil Antaki , ha visitato il luogo per scoprire la verità. Era un medico di lunga data ma non aveva mai sentito parlare dell’ospedale Al Quds.

Egli ha riferito:

“Sono andato domenica 12 febbraio 2017 a visitare il quartiere Ansari-Sukari per vedere gli ospedali Zarzour e Al Quds. La mia guida era un giovane che viveva lì e conosceva molto bene la zona.

La mia prima tappa è stata l’ospedale Zarzour (menzionato nel rapporto di MSF) e ho scoperto che era bruciato. La mia guida mi ha detto che i ribelli l’hanno bruciata il giorno prima dell’evacuazione (informazione confermata da un’alta posizione responsabile nella Mezzaluna Rossa siriana). Sul marciapiede, ho trovato centinaia di sacche di sangue nuove bruciate (per la raccolta della donazione di sangue). Un uomo incontrato lì mi ha invitato a visitare il suo edificio proprio accanto all’ospedale. Anche il suo edificio è stato bruciato e sui pavimenti ho trovato centinaia di sacche di soluzione IV.

Poi, ci siamo trasferiti alla scuola di Ain Jalout. In effetti, ci sono 3 scuole contigue. Due sono completamente distrutte; una solo parzialmente. Dietro le scuole c’è una moschea chiamata moschea Abbas con il suo minareto. Rispondendo alla mia sorpresa nel vedere le scuole distrutte dagli attacchi aerei, la mia guida mi disse che la moschea era un quartier generale dei ribelli e una scuola era un deposito di munizioni e l’altra era un deposito di cibo. Ho notato la bandiera di Al Nosra dipinta sul muro esterno della scuola e decine di edifici nei dintorni parzialmente distrutti.

Poi, ci siamo trasferiti a vedere l’ospedale Al Quds. E’ l’edificio più conservato della strada. Non è stato colpito direttamente dalle bombe e probabilmente ha ricevuto alcuni frammenti dalle bombe cadute su altri edifici. Ho chiesto alla mia guida se fossero stati effettuati lavori di restauro o riparazione. Ha detto di no.

La mia sensazione è la seguente: la scuola di Ain Jalout era l’obiettivo dei bombardamenti, gli edifici distrutti circostanti hanno subito danni collaterali e l’ospedale di Al Quds non è stato colpito direttamente dagli attacchi aerei “.

Quindi abbiamo un resoconto di un testimone oculare, oltre a fotografie e video, che dimostrano che non è vero che l ‘”ospedale Al Quds” è stato distrutto. Ciò significa che anche le affermazioni nel film sulla morte di un medico all’ospedale Al Quds, presumibilmente catturate da una telecamera con sottotitoli, non sono vere.

L’opposizione armata ei suoi sostenitori occidentali hanno simulato fin dall’inizio gli eventi per demonizzare il governo siriano. Un esempio che è diventato pubblico è stato il Richard Engels Kidnapping Hoax in cui i militanti hanno inscenato  il “salvataggio” rapimento del famoso giornalista internazionale Richard Engel e della sua squadra.

Ain Jalout School (deposito di munizioni e rifornimenti di Nusra) che è stata bombardata (credito fotografico Dr.Nabil Antaki)

“Al Quds Hospital” (piano terra di un condominio all’angolo) (foto credit Dr. Nabil Antaki)
Pagato e promosso dall’Occidente

Waad aveva una costosa videocamera e infiniti dischi rigidi. Aveva persino un drone per riprendere video dall’alto. Come confermato da Hillary Clinton nel suo libro Hard Choices , gli Stati Uniti hanno fornito “computer, telefoni, telecamere e formazione satellitare collegati a più di mille attivisti, studenti e giornalisti indipendenti”. Waad afferma di essere una giornalista cittadina, ma è stata pagata e rifornita da governi che hanno cercato a lungo il rovesciamento del governo siriano. Anche nel 2005, la conduttrice della CNN Christiane Amanpour ha avvertito Bashar al Assad che “la retorica del cambio di regime è diretta verso di te dagli Stati Uniti. Stanno attivamente cercando un nuovo leader siriano … Stanno parlando di isolarti diplomaticamente e, forse, di un colpo di stato o del crollo del tuo regime “.

Dal 2011, l’Occidente, la Turchia, Israele e le monarchie del Golfo hanno speso molti miliardi di dollari cercando di rovesciare il governo siriano. Solo il budget della CIA per la Siria era vicino al miliardo all’anno. La componente “soft power” include apparecchiature video e addestramento a persone come Waad per sostenere l’insurrezione armata, demonizzare il governo siriano e persuadere il pubblico a continuare la guerra.

“Abbiamo tutti sofferto … La differenza è che alcuni volevano la guerra.”

Il medico di Aleppo occidentale. Il dottor Antaki, non nega che ci fossero sofferenze ad Aleppo est. Ma sottolinea la discrepanza nella copertura mediatica in cui tutta l’attenzione va ai “ribelli”. Sottolinea inoltre che tutti hanno sofferto, ma non tutti sono stati responsabili. Alcuni, soprattutto i sostenitori della “rivoluzione”, hanno avviato e continuato il conflitto. Egli ha detto:

“C’erano molte storie come ‘For Sama’ ad Aleppo Ovest. Nessuno purtroppo ha avuto l’idea di documentarli perché eravamo impegnati a cercare di proteggerci dai razzi, di trovare acqua da bere, di trovare pane e prodotti di prima necessità che non erano disponibili a causa del blocco di Aleppo da parte dei gruppi armati. Hanno tagliato l’elettricità, il riscaldamento, ecc. Sì, le persone che erano nei quartieri dell’Est hanno sofferto per la guerra così come quelle che vivevano nei quartieri dell’Ovest. Tutti noi abbiamo sofferto. La differenza è che alcune persone hanno voluto la guerra, l’hanno iniziata o sostenuta e soffrono. Gli altri non lo hanno sostenuto e hanno sofferto “.

Aftermath

Waad Al Kateab e suo marito Hamza ora vivono nel Regno Unito. Lavora per una società di trasferimento di denaro ed è coinvolto nell’ospedale Al Quds di Idlib. Come indicato nel film, Waad non è mai stata orgogliosa di essere siriana e voleva emigrare in Occidente. Da lontano, afferma di essere orgogliosa della “rivoluzione” che ha portato a questa distruzione e tragedia umana.

Nel frattempo la gente sta tornando ad Aleppo e sta ricostruendo la città. Ci sono anche pochi turisti . Sebbene ci siano sacche di cecchini ad Aleppo, l’estremismo di Al Qaeda è per lo più limitato alla provincia di Idlib.

Salvare Idlib?

Il film documentario del 2019 Of Fathers and Sons è basato su un regista che viveva con i militanti a Idlib. Parte di ciò che è nascosto in For Sama viene rivelato in questo documentario. Mostra la vita nella provincia di Idlib dominata da Nusra. Le donne sono confinate in casa e devono essere velate. Ragazzi di appena dieci anni vengono mandati alla scuola della sharia e all’addestramento militare, preparandosi a unirsi a Nusra. Credono nei talebani, glorificano l’11 settembre ed espellono o puniscono chiunque non aderisca alla loro religione fondamentalista. I giovani sono indottrinati con l’ideologia estremista e la fede nella violenza. Questo è il regime che chi vuole “Salvare Idlib” sta proteggendo.

Per decenni l’Occidente ha sostenuto organizzazioni fanatiche estremiste per rovesciare o indebolire stati socialisti laici indipendenti. La maggior parte delle persone in Occidente non è a conoscenza di questo, sebbene sia ben documentato in “Devil’s Game: How the United States Helped Unleash Fundamentalist Islam” e il nuovo libro “The Management of Savagery: How America’s National Security State Fueled the Rise of Al Qaeda, ISIS e Donald Trump ” .

Il futuro

Sconosciuto in Occidente, la maggioranza dei siriani sostiene il proprio governo, ammira il proprio presidente e sente che l’esercito siriano li sta proteggendo. Anche chi è critico nei confronti del governo lo preferisce al caos o al fondamentalismo salafita. Waad e Hamza Al Kateab rappresentano una piccola minoranza di siriani. Le loro voci e il punto di vista di Edward Watts, il regista che non è mai stato in Siria, vengono ampiamente proiettate e diffuse attraverso For Sama, mentre altre vengono ignorate.

Quando Waad e Hamza lasciarono Aleppo con i militanti di Nusra, la stragrande maggioranza degli Aleppini festeggiò . In superficie, For Sama parla del romanticismo e del parto. Sotto è molto politico, come confermano le interviste ai produttori. Sospetto che sia ampiamente promosso proprio perché fornisce un’immagine distorta. Per continuare la sporca guerra alla Siria , è necessario un malinteso pubblico.

Attentato suicida con camion dell’ospedale Al Kindi, Aleppo
Lavoratori postali buttati dall’edificio

 

Militanti di Nusra uccidono soldati siriani che hanno cercato di difendere l’ospedale Al Kindi

Rick Sterling è un giornalista investigativo con sede nella SF Bay Area della California. Può essere contattato a rsterling1@gmail.com.

tratto da antiwar.com

 

Exit mobile version