Il sito storico della chiesa di S. Simeone Stilita sta per tornare alla disponibilità del culto, grazie all’avanzata dell’esercito siriano

Con l’avanzata dell’esercito siriano si profila la possibile ripresa del sito storico della chiesa di S. Simeone Stilita.
I ruderi della chiesa di S. Simeone Stilita sono situati a circa 30 km. da Aleppo. La chiesa fu costruita dopo la morte del santo avvenuta il 2 settembre 459. Il complesso fu edificato tra il 476 e il 491 attorno alla colonna sopra la quale l’asceta trascorse 37 anni della propria vita. Nel corso dei tempi andò gradualmente in rovina per effetto di incendi, terremoti e l’abbandono seguito alla conquista araba.

Il luogo santo veneratissimo,  è stato recentemente  molto danneggiato da Al Qaeda che ne ha fatto un centro di comando logistico e luogo di addestramento, oltre che rubarne pezzi di colonne e fregi di inestimabile valore da vendere al mercato nero. I terroristi di al Qaeda hanno perfino abbattuto la storica colonna su cui il Santo visse per 40 anni, venerato da tutto il popolo cristiano.

Filmato: com’era il sito nel 2010:

I media bisognerebbero che lo ricordassero nelle loro valutazioni sulle vicende siriane (a proposito hanno omesso del tutto la liberazione di Aleppo): la permanenza nella provincia di Idlib e di Aleppo  di quelli che ancora oggi i media mainstream chiamano ‘ribelli’ – ma che in realtà sono terroristi di al Qaeda – è coincisa con il saccheggio della memoria storica di questo paese e con i luoghi di culto religioso di tutte le fedi, prima rispettate.

Si ringrazia Ora Pro Siria per la segnalazione e le foto

@vietatoparlare