Il sistema missilistico S300 in Siria: Israele dice che lo distruggerà ma non può farlo senza grandi perdite

Quello che segue è un articolo riportato sulla rivista russa di notizie militari ‘3mv’. Si parla dell’iniziativa russa con cui sono stati installati in Siria i sistemi missilistici S300 e il relativo corollario di minacce israeliane. Nell’articolo vengono forniti particolari interessanti sulla integrazione del sistema sistema S300 con altri tipi di difese e su come ottimizzarne l’efficacia.
Tuttavia lo svantaggio russo non è tanto di tipo militare quanto di natura politica. Il vero vantaggio o svantaggio per la Russia e per la Siria non sarà infatti proporzionale alla potenza delle proprie armi  quanto alle regole d’ingaggio che Mosca deciderà di mettere in atto.  E’ chiaro che  si lascerà al nemico la possibilità di colpire per primo il sistema non potrà mai essere efficace (e non a motivo della tecnologia ma della decisione di usarlo come la dottrina militare richiede).
I sistemi di difesa aerea sono quanto più efficaci quanto più agiscono con tempestività, con tutto ciò che ne consegue.  Ciò vuol dire che una decisione politica  varrà più dell’efficacia o meno dei mezzi militari, che pur ci sono. E’ evidente che se le regole di ingaggio continueranno a prevedere l’autorizzazione che Israele possa colpire selettivamente in territorio siriano  le forze iraniane, Hezbollah etc, sarà segno che  le cose non saranno cambiate poi tanto.

Patrizio Ricci – Vietato Parlare

Come rendere l’S-300 in Siria invulnerabile in Israele

fonte:  rivista russa di notizie militari ‘3mv’.

Sul web sono comparse le foto satellitari dell’area di dispiegamento dei sistemi missilistici antiaerei siriani S-300, dalla Russia alla Siria. Secondo le informazioni del canale Telegram ‘direzione 4’, gli S-300 sono schierati nell’area di Masyaf nella provincia siriana di Hama.



“Nella stessa zona c’è un centro di ricerca, che è stato sottoposto ad attacchi sia da parte dall’aviazione israeliana che dai paesi occidentali
 ” , si legge sul canale Telegram.

In altre parole, ciò che Israele aveva temuto per così tanto tempo è accaduto – i sistemi missilistici antiaerei S-300 si sono sono in allerta in Siria [e la proteggono da eventuali aggressioni]. Gli aerei israeliani non saranno più in grado di attaccare il territorio siriano con impunità. Tuttavia, questo è esattamente il motivo per cui gli stessi S-300 possono essere oggetto di attacchi – e non solo da parte di Israele.

Israele ha accennato all’intenzione di distruggere i complessi non appena essi fossero stati  “collocati”. Probabilmente per mezzo di attacchi aerei. Alcuni  media occidentali hanno anche citato le dichiarazioni dei militari israeliani che si dicono pronti a procedere alla loro “completa distruzione”, in particolare si riferivano all’ex capo dell’esercito israeliano Amos Yadlin. Mentre il ministro della Difesa Avigdor Lieberman, in tono più morbido, senza dissimulare però le minacce, ha detto di ‘disapprovare’ la consegna dell’S-300.

Ma allora, Israele può distruggere l’S-300 in Siria? La risposta è sì, indubbiamente. Qualsiasi sistema di difesa aerea può essere messo fuori uso e la cronaca delle guerre lo ha ripetutamente dimostrato. E in questo caso, il compito per i piloti israeliani  potrebbe non essere così  difficile. Israele ha anche un numero significativo di velivoli (presumibilmente circa 400), tra cui F-16, F-15, F-35 in versione ‘shock’. Le Forze Armate israeliane hanno anche condotto esercitazioni congiunte con la Grecia, in cui si sono esercitate tra le altre cose, a contrastare i sistemi S-300 che Atene aveva a disposizione.

Perché gli israeliani sono così preoccupati per l’S-300? I C-200VE russi, i C-125 “Pechera”, “Buk-M2E”, C-75 “Volga”, “Kvadrat” e “Oka-AK”, attualmente in servizio con la difesa aerea siriana, sono ancora di produzione sovietica – in realtà non sono troppo spaventati. I militari israeliani, conoscendo le potenzialità dello stesso C-200, sanno come affrontare un simile sistema e allontanarsi dai suoi missili. Tuttavia, con il complesso S-300 nella versione moderna, tutto è molto più complicato.

I complessi più “avanzati” S-300PMU-2 sono in grado di distruggere bersagli aerodinamici a una distanza da 3 a 200 chilometri e balistici  a una distanza da 5 a 40 chilometri. In questo caso, il rilevamento degli obiettivi avviene a una distanza di 300 chilometri. Per capirci, la distanza la distanza da Damasco a Gerusalemme  è di circa 260 km.

Secondo il tenente generale Alexander Gorkov, presidente della commissione tecnico-militare Almaz-Antey, ex capo delle forze missilistiche Zenith Zenith, il complesso S-300 è un sistema unico in grado di respingere un massiccio raid aereo da parte del nemico.

Il sistema missilistico antiaereo S-300 è infatti considerato uno dei migliori sistemi della sua classe al mondo. Tutte le successive modifiche, inclusa la Triumph S-400 e il promettente Prometeo S-500, ricevute dall’esercito russo, sono solo una continuazione migliorata della linea “S300”, che ha parametri più alti per rilevare e colpire bersagli aerei. Non è un caso che l’S-300 lo abbia acquistato 15 paesi.

pubblicità

Per quanto ne sappiamo, al momento, 3 battaglioni di sistemi missilistici anti-aerei Favorit S-300 (8 impianti mobili in ciascuno) sono stati consegnati in Siria. In altre parole, stiamo parlando di 24 lanciatori – e questa è una quantità molto buona.

Per coprire in modo sicuro i punti chiave in Siria (basi militari, campi di aviazione, armamenti), è abbastanza.

Ma come si dovrebbero difendere i sistemi missilistici di difesa aerea consegnati per coprire sicuramente gli oggetti critici in Siria da qualsiasi aereo nemico? E come garantire la sicurezza degli S-300? O ancora più precisamente: come rendere al nemico il compito di distruggere i complessi S-300, il più possibile doloroso e costoso?

“Abbiamo bisogno di costruire il lavoro del sistema di difesa aerea in Siria basato sull’esperienza e sul modello del sistema di difesa aerea russo. Dovrebbe essere stratificato, automatizzato, funzionale. Il sistema di difesa aerea comprende non solo i sistemi missilistici antiaerei, ma anche la copertura con aerei da combattimento, contromisure elettroniche. Tutto questo dovrebbe essere coordinato da un unico organo direttivo, ” , ha detto l’esperto in in Scienze tecniche Aytech Bezhiv (e vice capo nel 2007 della Air Force russa) al giornale VIEW LETTER-General of the Reserve.

“Il sistema nel suo insieme è strutturato come segue: le squadre radiotecniche conducono ricognizioni, forniscono informazioni da un unico posto di comando, il capo vede la situazione generale su tutto il territorio. In caso di comparsa di un aereo in questo campo, il capo dà immediatamente il comando ai mezzi attivi dei sistemi missilistici antiaerei per distruggere l’obiettivo “, ha spiegato la fonte.

Naturalmente, allo stesso tempo, ogni complesso non sarà sul posto durante il bombardamento da parte degli aerei israeliani: le posizioni di riserva devono essere equipaggiate. Inoltre, è necessario avere posizioni false e basare opportunamente i sistemi missilistici di difesa aerea. “Per ogni divisione di missili anti-aerei, si suppone che crei almeno tre posizioni di riserva. E non solo le posizioni di riserva, ma anche quelle false, in cui i sensori sono posizionati, emettendo la stessa frequenza di quella della divisione, in modo da fuorviare il nemico e colpire bersagli falsi. Non dovrebbero essere visivamente diversi l’uno dall’altro “, spiega Bizhev.

Il coordinamento e l’interazione elettronica del sistema sono estremamente importanti.

“Questo dovrebbe essere un campo di informazioni unico, un unico posto di comando centrale, una singola distribuzione di obiettivi, in modo che tutti sappiano il loro compito. Oltre a un buon campo radar –  così che vede anche una mosca che vola  –  e le strutture di guerra elettronica o Electronic warfare (EW)  che devono essere sempre incluse  , tutto questo neutralizzerà i bombardamenti mirati, interromperà il sistema di guida missilistica e il sistema inerziale “, ha aggiunto Bizhev.

“Inoltre, è meglio legare il nostro sistema di difesa aerea e quello siriano in un unico nodo di informazioni. Devono condurre una formazione, simulare situazioni di crisi, stabilire un lavoro ben coordinato dei calcoli siriani e il nostro, in modo che abbiano un unico punto focale. Inoltre, gli stessi sistemi S-300 dovrebbero coprire i “Buk” e i “Pantsir”, “considera Bezhev.

È anche importante dove si trovano esattamente i lanciatori e le stazioni radar – da un punto di vista puramente geografico.

“Per far sì che il terreno copra, le posizioni dovrebbero essere scelte in modo tale che gli angoli di chiusura siano pari a zero. Niente dovrebbe interferire con il raggio radar, in modo che il nemico non si insinui sotto gli angoli. Per questo ci sono molti metodi, su come coprire, a quale distanza gli uni dagli altri sistemi devono essere posizionati per la corretta interazione radar, in modo che i loro sistemi si sovrappongano l’un l’altro e non ci siano buchi nel campo radar. Tutto è calcolato matematicamente “, osserva l’interlocutore.

Inoltre, a quanto pare, per fornire un sistema di difesa aerea in Siria, almeno nella prima fase, saranno necessari i militari e gli istruttori russi che hanno la più ricca esperienza nella gestione di queste armi.

Dei 24 lanciatori, è possibile costruire, se non una fortezza inespugnabile,  una barriera sicuramente molto affidabile, sì. Per superarla e distruggerla, sarà necessario stanziare un considerevole equipaggiamento di forze e mezzi – forse decine, o anche centinaia di aerei in attacco. Ma i dati del sistema missilistico di difesa aerea hanno un coefficiente di efficacia di razzi pari a 0,9 – è  questa la probabilità che ogni razzo distrugga il bersaglio assegnato ad esso.

In altre parole, sì, ovviamente, Israele può distruggere l’S-300 siriano con un attacco massiccio. Tuttavia, subirà inevitabilmente perdite sostanziali. Almeno due dozzine di combattenti israeliani (ciascuno del valore di diverse decine di milioni di dollari) verranno immediatamente distrutti quando si tenta di attaccare l’S-300. Sicuramente non tutti i piloti si saleveranno. E ciascuno dei 24 missili sparati contro di loro nello stesso momento non costerà più di qualche centinaia di migliaia di dollari. Israele, sia la componente militare militare che l’opinione pubblica, saranno d’accordo di accettare una simile eventualità anche se il prossimo attacco aereo riuscirà a distruggere alcuni complessi S-300?

L’aviazione israeliana non ha subito perdite di questo tipo per decenni. Questo è il motivo per cui, dopo l’abbattimento dell’IL-20 e l’annuncio della fornitura di S-300 all’aeronautica israeliana, non ha più violato i confini della Siria. Bene, possiamo dire che i complessi russi sono già pienamente operativi in ​​Siria.

traduzione Vietato Parlare