Il segretario di stato USA Blinken vuole un conflitto tra Russia e Ucraina, ecco perché

Il segretario di stato USA Blinken vuole un conflitto tra Russia e Ucraina, ecco perché 1

Segretario Antony Blinken

Blinken ha deciso di non dare la risposta scritta formale alla Russia come Mosca aveva richiesto. Tutta la propria attività politica e diplomatica estera degli Stati Uniti si basa sulla violenza, sul ricatto, sulla prepotenza e l’arroganza, ovvero sulla conservazione “dell’eccezionalità americana”. Evidentemente, parlare chiaro potrebbe portare nocumento al proseguio delle proprie attività illecite sul piano morale e del diritto internazionale e rischierebbe di sfaldare quanto costruito confidando sull’omertà dei governi vassalli. Come dice nell’articolo di Paul Craig Robert che rilancio, “Sembra che Blinken voglia un conflitto tra Russia e Ucraina. Come mai? Diverse ragioni diventano evidenti una volta posta la domanda. Rende reale la minaccia russa e consolida la presa di Washington sull’Europa. Richiede più budget e potere per il complesso militare/di sicurezza degli Stati Uniti e migliora le possibilità del vacillante Biden alle prossime elezioni.”.

Vp News

*********

Se Blinken non vuole che avvenga una invasione russa, perché ne sta provocando una?

Paul Craig Roberts

Qualche tempo fa ho scritto della falsificazione da parte degli storici della Prima Guerra Mondiale. Ora stiamo osservando la falsificazione della Storia in Ucraina. Quella che essenzialmente è un’invasione americana dell’Ucraina è chiamata invasione russa e il conflitto che Washington sta provocando viene attribuito alla Russia.

La mia generazione associava distopie, come 1984 di George Orwell, con l’Unione Sovietica, un paese in cui le spiegazioni erano controllate e le critiche a Stalin avrebbero portato una persona nei Gulag.

Pensavamo agli Stati Uniti e alla nostra vita in America in modo molto diverso. Ma con il passare del tempo la differenza tra la vita nell’Unione Sovietica nel ventesimo secolo e la vita nel mondo occidentale di oggi sta scomparendo.

Oggi, il giornalista Julian Assange sta subendo lo stesso tipo di terrore e tortura di Stato di qualsiasi dissidente sovietico, se non peggio. È stato un errore per la mia generazione associare solo all’Unione Sovietica il Buco della Memoria di Orwell e la storia falsificata. La storia falsificata era tutt’intorno a noi. Non ne sapevamo abbastanza per rendercene conto.

I media occidentali sono controllati come lo erano i media sovietici, con la stampa, la TV e la radio pubblica che fungono da ministero della propaganda per il governo e i gruppi di interesse che controllano il governo. I social media, come Facebook, YouTube e Twitter, negano sistematicamente le loro piattaforme a coloro che esprimono opinioni non favorevoli all’ordine di governo e ai suoi programmi.

Si è rivelato facile sbarazzarsi della garanzia della libertà di parola del Primo Emendamento poiché i media non hanno né la capacità né l’intenzione di esercitarla.

Ciò che la vita e l’apprendimento mi hanno insegnato è che la Storia tende a essere sempre falsificata e gli storici che insistono sulla verità ne soffrono. È stato stabilito che molti storici antichi sono inaffidabili, perché erano “storici di corte” che cercavano benefici materiali scrivendo per compiacere un sovrano.

Ai miei tempi molti storici hanno scritto per gli introiti dalla vendita di libri affascinando il pubblico con racconti di gloriose vittorie su nemici demonizzati che giustificavano tutti i figli, nipoti, fratelli, padri, zii, mariti, amici e cugini che furono sacrificati a vantaggio dei profitti degli armamenti capitalisti.

Nessun editore voleva un resoconto veritiero, che nessuno avrebbe comprato a causa della cruda rappresentazione dell’inutilità della morte dei propri cari. Tutti, o quasi, vogliono pensare che la loro perdita sia stata per una nobile causa e ne sia valsa la pena.

Con poche eccezioni, gli storici di lingua inglese hanno attribuito la colpa di entrambe le guerre mondiali alla Germania. Questa è falsa storia.

Il primo vero storico della Prima Guerra Mondiale, o di quella che all’epoca veniva chiamata la Grande Guerra o la Guerra Mondiale, fu Harry Elmer Barnes. Barnes è stato professore di sociologia storica allo Smith College e William Bayard Cutting Fellow in History alla Columbia University. Il suo libro, “The Genesis of the World War”, fu pubblicato nel 1926 da Alfred A. Knopf a New York.

Invece di nascondere, come previsto, i crimini alleati e il tradimento contro la Germania, Barnes ha detto la verità. Il Kaiser tedesco, parente delle famiglie reali britannica e russa, era conosciuto in tutto il mondo come un pacificatore, elogiato dal New York Times per quel ruolo.

È un fatto noto e indiscutibile che il governo tedesco abbia agito per la pace fino a quando la Germania, ultima potenza a mobilitarsi, dovette mobilitarsi o essere invasa da Russia e Francia, alleate con gli inglesi contro di lei.

Mai prima d’ora nella Storia l’ultimo potere a mobilitarsi fu accusato di aver iniziato una guerra. Ma i fatti non intralciano mai gli storici di corte.

La genesi della guerra fu il desiderio di Costantinopoli da parte di due ministri dello zar russo e il desiderio del presidente francese di riconquistare l’Alsazia-Lorena, territorio perso nella guerra franco-prussiana del 1870.

Questi intriganti usarono la risposta dell’Austria all’assassinio dell’arciduca austriaco in Serbia, che probabilmente orchestrarono, per dichiarare guerra poiché la Germania era la protettrice dell’Impero austro-ungarico.

Il presidente americano Woodrow Wilson si assicurò un armistizio per la guerra mondiale, che aveva distrutto insensatamente milioni di vite, promettendo alla Germania che se lo avesse accettato non ci sarebbero state perdite territoriali per la Germania e nessuna riparazione di guerra. Quando la Germania accettò l’armistizio, fu la Germania ad occupare i territori del campo opposto. Non c’erano truppe straniere sul territorio tedesco.

Non appena la Germania si disimpegnò, gli inglesi misero in atto un blocco alimentare che costrinse i tedeschi affamati a sottomettersi allo sfruttamento del Trattato di Versailles che violava ogni promessa fatta dal presidente Wilson.

Alcune persone intelligenti, tra cui il più famoso economista del ventesimo secolo, John Maynard Keynes, hanno affermato che il Trattato di Versailles, un esercizio di insabbiamento su chi ha causato la guerra, garantiva una guerra futura. E Keynes, non l’avido establishment corrotto, aveva ragione. Hitler ebbe origine dall’umiliazione gratuita della Germania e gli sforzi del suo partito politico per rimettere insieme una Germania disassemblata sfociarono nella Seconda Guerra Mondiale.

Per i suoi sforzi nel dire la verità, Harry Elmer Barnes è stato dichiarato dagli storici di corte un agente tedesco pagato per scrivere una storia falsa. Poiché la voce di Barnes era notevolmente superata dagli storici di corte che guadagnavano soldi e si godevano gli appuntamenti universitari raccontando bugie, la storia della Grande Guerra è rimasta, per la maggior parte, falsificata per tutto il ventesimo secolo.

Barnes è stato vendicato nel 2014 quando Christopher Clark dell’Università di Cambridge ha pubblicato “The Sleepwalkers: How Europe Went to War nel 1914”. Clark ha aggiunto alle prove di Barnes che la Grande Guerra fu il risultato di un complotto di due ministri del governo russo e del presidente della Francia per rubare l’ambito territorio alla Turchia e alla Germania. I fatti e la documentazione sono completi.

Ma a cento anni dalla guerra chi se ne frega?

Tutte le persone morte in guerra, così come le loro famiglie in lutto che hanno sofferto per il complotto di tre uomini malvagi, sono morte e scomparse. La coscienza del mondo è già stata distorta da un secolo di falsa storia, una falsa storia che ha dato nuovamente la colpa alla Germania, questa volta per la Seconda Guerra Mondiale.

Ora, nel nostro tempo presente, stiamo guardando dei bugiardi organizzare la Terza Guerra Mondiale grazie a false notizie sulla Russia. È probabile che la terza guerra mondiale sarà una guerra terminale per l’umanità. Per la scomparsa della razza umana e della vita sul pianeta, possiamo ringraziare i bugiardi.

Consideriamo l’irresponsabile segretario di Stato americano Antony Blinken. È di pubblico dominio che il personale dell’ambasciata statunitense a Kiev, in Ucraina, è stato avvertito che truppe e carri armati russi potrebbero riversarsi oltre il confine con l’Ucraina in qualsiasi momento. L’affermazione che la Russia invaderà l’Ucraina è da tempo un pilastro della propaganda statunitense.

Se Blinken ci crede davvero, perché gli Stati Uniti non hanno prevenuto la prevista invasione dando alla Russia la garanzia di sicurezza di cui ha bisogno accettando di non espandere ulteriormente la NATO? Perché, invece, Blinken ha mantenuto aperta la prospettiva dell’adesione dell’Ucraina alla NATO e ha inviato più armi e più personale militare statunitense per addestrare le truppe ucraine all’uso delle armi americane? Blinken comprende molto bene che nessuna quantità di armi in mano ucraina potrebbe fermare un’invasione russa.

Sembra che Blinken voglia un conflitto tra Russia e Ucraina. Come mai? Diverse ragioni diventano evidenti una volta posta la domanda. Rende reale la minaccia russa e consolida la presa di Washington sull’Europa. Richiede più budget e potere per il complesso militare/di sicurezza degli Stati Uniti e migliora le possibilità del vacillante Biden alle prossime elezioni.

Biden è merce danneggiata. Spesso sembra non essere davvero lì. Ha permesso l’ingresso in America di molti stranieri illegali e li ha mandati negli stati rossi [repubblicani]. Ha fatto arrabbiare molti con i suoi mandati sui vaccini, con i suoi procedimenti giudiziari contro diverse centinaia di sostenitori di Trump come “insurrezionisti” e ha normalizzato la perversione sessuale nominando [certe persone] ad alte cariche. Queste e altre mosse ideologiche hanno infastidito molti americani che sono pronti a mostrare la loro disapprovazione nella cabina elettorale.

Una guerra salva i Democratici. Ecco che arrivano i russi. Non si fermeranno all’Ucraina e così via. La gente si raduna intorno al presidente in tempo di guerra. Questa è una ragione plausibile per cui Washington ha chiuso un occhio ed è sorda alle preoccupazioni per la sicurezza della Russia e sta invece peggiorando le preoccupazioni della Russia riversando armi in Ucraina e pianificando esercitazioni militari congiunte con l’esercito ucraino.

Stiamo assistendo ancora una volta ad una guerra che viene organizzata per motivi egoistici.

*********************************

Articolo originale di Paul Craig Roberts:

If Blinken Doesn’t Want a Russian Invasion of Ukraine Why Is He Provoking One

Exit mobile version