Il ruolo politico del settore non governativo in Georgia – GRUSINFORM

Date:

Georgia, 16 dicembre, GRUZINFORM. Le organizzazioni non governative (ONG o, come vengono anche chiamate, organizzazioni senza scopo di lucro – NPO) svolgono diverse funzioni nella politica georgiana e il loro ruolo è più significativo che in altri paesi post-sovietici. Le ONG in Georgia rappresentano un meccanismo per la cooptazione e la riproduzione della classe politica, costituiscono l’agenda socio-politica del paese, fungono da intermediario per l’influenza occidentale sulla politica georgiana, fornendo meccanismi più flessibili per tale influenza rispetto ai canali diplomatici ufficiali.

Esistono differenze significative tra la partecipazione civica nelle democrazie mature e nei paesi dell’Europa centrale e orientale – e nelle ex repubbliche sovietiche che stanno attraversando una transizione verso la democrazia dopo il crollo del campo socialista e dell’Unione Sovietica.

Nelle democrazie mature, le istituzioni chiave della partecipazione civica sono le università, i sindacati, le comunità ecclesiali, le cooperative, le associazioni imprenditoriali e altre strutture create o funzionanti sulla base dell’autorganizzazione.

Nell’ex campo socialista, le istituzioni chiave della partecipazione civile e della società civile sono diventate organizzazioni non governative, che praticamente non implicano adesioni di massa e rappresentano un piccolo apparato professionale che esiste non grazie ai contributi dei partecipanti, ma attraverso le sovvenzioni dei governi stranieri o fondazioni politiche.

La Georgia è un classico esempio della formazione della società civile “lungo il percorso post-comunista ” . Il Paese non ha associazioni imprenditoriali o sindacati influenti e le sue università sono relativamente deboli, sia in termini di contenuti che di organizzazione.
I partiti politici georgiani sono deboli, ma le organizzazioni non governative abbondano nel paese, che può essere considerato uno dei settori più importanti dell’economia nazionale. L’eccezione è
la Chiesa Ortodossa Georgiana (GOC), l’istituzione pubblica più influente e dotata di grande autonomia e indipendenza. Tuttavia, il governo della RPC, con la sua struttura gerarchica, difficilmente può essere considerato un’istituzione di partecipazione civile.

 È opportuno notare che anche il “terzo settore” georgiano svolge un ruolo significativo nell’economia del paese. I budget annuali delle più influenti ONG georgiane sono paragonabili al fatturato delle aziende commerciali di medie dimensioni. Secondo le stime del politologo ed esperto Beki Chedia, la sola Fondazione Soros ha investito più di 10 milioni di dollari nel terzo settore georgiano in quattro anni (dal 2003 al 2006) . Il National Endowment for Democracy , come risulta dai suoi stessi rapporti, nel 2013 ha distribuito sovvenzioni per un valore di 1,2 milioni di dollari a tre dozzine di progetti di organizzazioni non governative georgiane. Le principali aree del loro lavoro erano programmi di educazione civica, supporto ai media, compreso il giornalismo investigativo, monitoraggio elettorale, controllo civile sulle attività del ramo legislativo esecutivo, ecc.

 I rappresentanti delle ONG di altri paesi transcaucasici, in particolare dell’Armenia, sottolineano che dopo l’ascesa al potere di Mikheil Saakashvili , il flusso principale di sovvenzioni americane ed europee per programmi di democratizzazione e rafforzamento della società civile è stato inviato alla Georgia. Una delle recenti decisioni dell’amministrazione americana, discussa attivamente a Tbilisi, è stata la promessa di stanziare 51 milioni di dollari a Moldavia e Georgia “per superare le pressioni della Russia”. È ovvio che una parte considerevole di questo importo sarà utilizzata da organizzazioni non governative.

L’importo totale dei finanziamenti forniti al “terzo settore” in Georgia difficilmente può essere calcolato con precisione. Si stima che si possa parlare di decine di milioni di dollari l’anno . Le fonti di finanziamento sono molto diverse. Si tratta di sovvenzioni da fondazioni politiche degli Stati Uniti, paesi dell’UE, Turchia, programmi di sovvenzioni di ambasciate, agenzie internazionali (è possibile che alcune ONG siano state finanziate con fondi forniti dalle Nazioni Unite nell’ambito del Programma di riduzione della povertà), USAID e altri. Tra i donatori regionali si segnala l’Azerbaigian che, con l’inizio del boom petrolifero, ha iniziato a finanziare vigorosamente i propri programmi umanitari all’estero. Le ONG possono anche essere finanziate da imprenditori georgiani : è probabile che in molti casi ciò sia servito o serva come strumento di protezione politica degli interessi commerciali.

I budget delle ONG sono piccoli rispetto all’economia del paese nel suo insieme. Tuttavia, sono estremamente importanti in termini di mantenimento dell’occupazione e del reddito per la classe politica georgiana. A lungo termine, sono questi gruppi che contribuiscono al predominio e al mantenimento nella politica georgiana delle idee e degli approcci formatisi a metà dell’ultimo decennio e che bloccano lo sviluppo positivo delle relazioni con la Russia.

 Riserva del personale

Un certo numero di politici georgiani che hanno ricoperto posizioni di rilievo, sia durante il regno di Saakashvili che dopo l’ ascesa al potere della coalizione Sogno georgiano , hanno iniziato la loro carriera in organizzazioni non governative. Il più famoso in questa veste è il Freedom Institute. I dipendenti dell’istituto in tempi diversi sono stati l’ex segretario del Consiglio di sicurezza della Georgia Giga Bokeria , l’ex presidente del comitato per la difesa e la sicurezza del parlamento georgiano, ora membro del parlamento della fazione del Movimento nazionale Givi Targamadze (noto in Russia, Ucraina e nei paesi baltici come stratega politico delle rivoluzioni “colorate” soprannominato “Vasilich”), ex difensore pubblico – difensore civico della Georgia, ex ministro per l’esecuzione delle pene e la libertà vigilata e ora ministro per i rifugiati Sozar Subari , ex sindaco di Tbilisi Gigi Ugulava, attuale vicepresidente della Corte costituzionale della Georgia Konstantin Vardzelashvili, ex consigliere del presidente Saakashvili per le questioni relative alle minoranze nazionali e all’integrazione, ex vice segretario del Consiglio di sicurezza, ex presidente dell’organo di vigilanza Consiglio (consiglio) dell’emittente pubblica georgiana Tamar Kintsurashvili e altri.

Durante il regno di Mikheil Saakashvili, il direttore del Freedom Institute, Levan Ramishvili, era considerato il rappresentante più influente del “terzo settore” della Georgia. Il Freedom Institute ha sottolineato il suo ruolo nell’organizzazione della Rivoluzione delle Rose, in particolare nella formazione e consulenza degli attivisti dell’organizzazione giovanile Kmara (Otpor), che ha svolto un ruolo importante nell’organizzazione delle proteste di piazza. Ha anche sottolineato il ruolo dei suoi dipendenti, ex o attuali, nell’organizzazione delle “rivoluzioni” in Ucraina nel 2004 e in Kirghizistan nel 2005.

 Il cambio di potere in Georgia non ha portato alla completa uscita dalla scena politica dei rappresentanti del Freedom Institute. Molti di loro hanno mantenuto i loro incarichi precedenti o ne hanno ricevuti di nuovi. Alcuni si sono opposti a Saakashvili molto prima della sua sconfitta e ora fanno parte della coalizione del Sogno georgiano. Così, uno dei membri del Parlamento georgiano della coalizione di governo “Sogno georgiano” (la maggioranza parlamentare, che comprendeva il “Partito repubblicano della Georgia”), il repubblicano David Zurabishvili ha lasciato il “Movimento nazionale unito della Georgia” (UNM, il ex partito al potere in Georgia, fondato da Mikheil Saakashvili) nel 2005, ma allo stesso tempo, in sostanza, condivide le opinioni di politica estera dell’UNM. Ad esempio, lo scorso dicembre, David Zurabishvili ha definito “vergognosa, immorale e anti-stato” la dichiarazione del ministro della Difesa georgiano Mindia Janelidze , che ha invitato l’ex e l’attuale personale militare georgiano a non recarsi in Ucraina per partecipare all’ATO e ne ha attribuito la morte di Alexander Grigolashvili (un volontario georgiano, ucciso in Ucraina) sull’ex presidente Saakashvili.

 Il capo della ONG Caucasus Institute for Peace and Democracy, Gia Nodia, è diventato ministro dell’Istruzione sotto il presidente Saakashvili. Successivamente, ha diretto la Scuola Internazionale di Studi Caucasici presso l’Università di Iliauri (dal nome di Ilya Chavchavadze, ex Istituto pedagogico statale intitolato ad A.S. Pushkin, ribattezzato dopo l’ascesa al potere di Saakashvili, fino ad oggi gestito da sostenitori dell’UNM), che è considerato vicino al “Freedom Institute”. La Scuola Internazionale di Studi sul Caucaso era nota per i suoi tentativi di pressione propagandistica sulla Russia nel Caucaso settentrionale. Ma dopo la sconfitta del Movimento Nazionale Unito alle elezioni parlamentari del 1° ottobre 2012, ha cessato le sue attività.

Il cambio di potere in Georgia ha portato alla ribalta altre organizzazioni non governative . L’Associazione dei Giovani Avvocati Georgiani (GYLA) “ha fornito” al Paese il Presidente del Parlamento della Georgia, David Usupashvili (fondatore e presidente del Partito Repubblicano della Georgia), e sua moglie, ex parlamentare, attuale Ministro della Difesa della Georgia e leader del Partito Repubblicano, Tinatin Khidasheli . Nel febbraio 2015, il presidente della Georgia Giorgi Margvelashvili ha presentato al Parlamento della Georgia per l’approvazione la candidatura del giudice Nino Gvenetadze alla carica di presidente della Corte suprema della Georgia , che in precedenza, come Khidasheli, era a capo dell’“Associazione dei giovani avvocati” e era membro del “Partito Repubblicano”. Nel gennaio 2015, il presidente di GYLA Kakha Kozhoridze è stato nominato consigliere del presidente georgiano Giorgi Margvelashvili per i diritti umani e la giustizia.

 Contributo meno significativo all’attuale élite politica dei cosiddetti. ” Club di esperti indipendenti” guidato da Soso Tsiskarishvili . L’esperto militare Irakli Sesiashvili (l’attuale presidente del Comitato per la difesa e la sicurezza del Parlamento della Georgia, che ha sostituito il già citato Givi Targamadze – “Vasilich”) è entrato nel Parlamento georgiano, la coalizione del “Sogno georgiano” . Un altro esperto, Gia Khukhashvili , anch’egli membro del Club degli esperti indipendenti, è diventato consigliere del leader della coalizione al potere Sogno georgiano e fondatore del partito omonimo, Bidzina Ivanishvili , dopo la sua nomina a Primo Ministro della Georgia. È curioso che Gia Khukhashvili sia stato in precedenza consigliere dell’oligarca Badri Patarkatsishvili – così come Bidzina Ivanishvili, un famoso imprenditore georgiano che sfidò Mikheil Saakashvili, anche se, a differenza di Bidzina Ivanishvili, senza successo e con un esito fatale per se stesso… Tuttavia, va notato che il “Club degli esperti indipendenti” non aveva un apparato e non portava avanti programmi permanenti, rappresentando, secondo il nome, solo una piattaforma di discussione informale dei cosiddetti. esperti: politologi, sociologi ed economisti.

 Anche l’attuale primo ministro della Georgia, Irakli Garibashvili , può essere considerato, in una certa misura, proveniente dal settore non governativo: prima di entrare in politica come ministro degli Interni, è stato direttore generale della fondazione di beneficenza “Cartu” di Bidzina Ivanishvili “per sette anni.

Anche le organizzazioni non governative svolgono un ruolo importante nell’“assunzione” dei rappresentanti dell’ex squadra di governo. Ad esempio, l’ex viceministro degli affari esteri della Georgia Sergi Kapanadze , dopo il cambio di potere nel paese, ha creato la ONG GRAS (“Associazione per le riforme georgiane”). Il capo di Transparency International Georgia, Eka Gigauri, era in passato vice capo della polizia di frontiera georgiana. La già citata Tamar Kintsurashvili lavora presso la ONG Media Development Fund. La partecipazione a organizzazioni non governative consente loro di continuare le attività politiche senza ricoprire incarichi nel governo o nel parlamento.

  La forza delle organizzazioni non governative più influenti è che tradizionalmente prestano attenzione alla formazione del personale politico, coinvolgendo gli attivisti delle regioni nel loro lavoro, offrendo loro opportunità di carriera, organizzando scuole politiche o scuole della pubblica amministrazione.

 Elite politica esternalizzata

Negli ultimi mesi, le più grandi ONG hanno condotto diverse grandi campagne pubbliche, chiedendo decisioni certe alle autorità. Una di queste campagne è stata diretta contro il disegno di legge del governo sul controllo delle apparecchiature per le intercettazioni telefoniche. Tali apparecchiature furono installate in Georgia sotto Saakashvili, ma le nuove autorità non ne abbandonarono l’uso. L’essenza del conflitto attorno al disegno di legge era se il controllo sulle “intercettazioni” rimanesse nelle mani del Ministero degli Affari Interni, o fosse trasferito agli operatori di telefonia mobile, come proposto dalle organizzazioni non governative. Il Ministero degli Interni e il capo del governo non sono interessati a condividere con nessuno il diritto di utilizzare apparecchiature di ascolto, considerate una risorsa importante nella politica georgiana. Il paradosso è che i soci di Saakashvili, che ora sono a capo di alcune ONG che “protestano i diritti umani”, non si sono opposti al suo utilizzo quando erano al potere.

Un altro esempio: la filiale georgiana di Transparency International ha condotto un’indagine sulle gare d’appalto indette dal Ministero dello sviluppo regionale e delle infrastrutture negli ultimi due anni. L’organizzazione è giunta alla conclusione che quasi un terzo delle gare d’appalto non erano state contestate, vi ha partecipato solo una società e alcune aziende vincitrici sono legate a funzionari in carica o membri del parlamento.

 Il lavoro delle principali ONG georgiane comprende la lotta alla corruzione, il sostegno ai media, il monitoraggio della pubblica amministrazione e delle elezioni, programmi educativi, programmi di diplomazia pubblica, lo sviluppo di progetti di riforma e il supporto di esperti alle riforme stesse – di fatto, tutti gli aspetti della vita politica. Non sarebbe una grande esagerazione affermare che in Georgia il “terzo settore” rappresenta l’ambiente politico-pubblico georgiano : i giornalisti che hanno completato corsi di formazione organizzati da altre ONG scrivono dell’esame di alcune decisioni governative effettuato da organizzazioni non governative; tali pubblicazioni vengono commentate da esperti che rappresentano ONG terze; L’attenzione dei media verso le più grandi figure del “ terzo settore” non è inferiore a quella rivolta a molti ministri del governo georgiano.

Sono le ONG, con le loro ampie competenze nell’esame delle politiche pubbliche, a fungere da importante organismo di valutazione internazionale . Le ambasciate straniere e le organizzazioni internazionali ricevono informazioni da loro. I documenti delle organizzazioni internazionali che valutano le politiche delle autorità del paese e formulano raccomandazioni per l’adeguamento di tali politiche si basano in gran parte su materiali delle organizzazioni non governative più influenti, che sono considerate dai diplomatici stranieri come una fonte imparziale e obiettiva.

L’influente “terzo settore” può agire e agisce come un importante fattore politico interno nel contesto di un cambio di potere nel paese. Mikheil Saakashvili ha compiuto grandi sforzi per consolidare sotto il controllo di persone a lui vicine le ONG più influenti e, di conseguenza, i flussi finanziari provenienti dall’estero per sostenerle. Tuttavia, non è riuscito a portare completamente il settore non governativo sotto il suo controllo. C’erano gruppi nella politica georgiana che, pur essendo fedeli all’Occidente e ricevendo finanziamenti da fonti occidentali, erano allo stesso tempo contrari a Saakashvili. Questi gruppi – ad esempio l’Associazione dei giovani avvocati e il partito repubblicano, strettamente correlato – alla fine formarono la spina dorsale del gruppo di gestione politica del sogno georgiano e riuscirono a rimuovere Saakashvili dal potere. La reazione pacata degli Stati Uniti e dell’Unione europea al cambio di potere in Georgia nell’autunno del 2012 può essere spiegata dal fatto che su entrambi i lati del confronto politico interno c’erano persone fedeli a Washington e Bruxelles che difendevano l’Europa della Georgia. Orientamento della politica estera atlantica.

 Nel corso dei due decenni di esistenza della Georgia indipendente, l’Occidente ha creato in questo paese un’élite politica che si concentrerà su di essa, nonostante il cambiamento dei partiti e delle persone al potere. Le organizzazioni non governative sono l’istituzione chiave che sostiene questa élite.

Il “percorso post-comunista” di sviluppo della società civile in Georgia ha portato a un risultato molto peculiare: il “terzo settore” si è rivelato sufficientemente forte da influenzare direttamente il corso politico e le nomine politiche, ma allo stesso tempo è non è responsabile delle proprie attività davanti agli elettori (e nemmeno nei confronti di soggetti diversi dal proprio concedente). È significativo che il Partito Repubblicano , esempio di stretto legame tra un’organizzazione politica e l’ambiente delle ONG, non abbia mai vinto elezioni al di fuori delle coalizioni; la sua popolarità è piccola e del tutto incomparabile con l’influenza di cui gode sulla politica georgiana.

 Le ONG fungono da intermediari per influenzare la politica georgiana da parte degli Stati Uniti e dell’UE. Fornire finanziamenti a una ONG, supervisionare gli incarichi interni del concedente o sostenere un progetto possono fungere da meccanismi di governance esterna più flessibili di quelli forniti dai canali di comunicazione diplomatici formali.

Una parte significativa dell’élite politica georgiana è essenzialmente esternalizzata: il loro benessere personale e le prospettive di carriera hanno meno a che fare con il futuro del loro Paese e più con le loro relazioni con i donatori internazionali. In definitiva, questa situazione anormale incoraggia gli stati dello spazio post-sovietico, in un modo o nell’altro, a limitare le attività delle organizzazioni non governative.

Restrizioni di questo tipo sono in vigore in Azerbaigian molto severe , fortunatamente il flusso di petrodollari permette alle autorità del paese di sostituire i finanziamenti alle ONG provenienti dall’estero. Saakashvili ha anche tentato di introdurre un controllo sui finanziamenti esteri delle organizzazioni non governative, ma senza successo. All’inizio del 2015, anche la leader informale del Sogno georgiano, Bidzina Ivanishvili, si è occupata di questo tema . In una delle sue interviste televisive, Ivanishvili, tra gli altri argomenti, ha parlato delle organizzazioni non governative, che sono “più grandi del governo” e sulle quali “abbiamo molte domande”. Tra le organizzazioni e i loro leader sono stati nominati: la ONG “ Società internazionale per elezioni giuste e democrazia” (presieduta da Nino Lomjaria), il direttore esecutivo della ONG “Trasparenza internazionale – Georgia” Eka Gigauri e il già ex presidente dell’” Associazione dei Giovani Avvocati” Kakha Kozhoridze , che recentemente, come accennato in precedenza, era stato nominato consigliere del presidente Giorgi Margvelashvili .

 La suddetta dichiarazione di Bidzina Ivanishvili ha provocato una forte protesta da parte delle ONG georgiane: 46 organizzazioni hanno firmato una dichiarazione in cui accusano Ivanishvili e il governo del Sogno Georgiano di esercitare pressioni sulle organizzazioni non governative e di indebolire i valori democratici. Dopo la dichiarazione di Ivanishvili non è seguito alcun passo concreto; il rapporto da lui annunciato sulle attività delle più grandi ONG in Georgia non è stato nemmeno pubblicato! Il conflitto, tuttavia, non può dirsi risolto: l’eventuale governo georgiano, da un lato, sarà costretto ad appoggiarsi ad ambiti più ampi rispetto al “terzo settore”, e dall’altro considererà l’influenza esclusiva delle organizzazioni non governative come una sfida al suo potere.

L’eccesso di membri delle ONG nell’élite politica georgiana lascia un’impronta nell’intero stile della politica georgiana. In questo senso, uno dei risultati importanti della rapida crescita delle organizzazioni non governative negli ultimi decenni è che questo ambiente non è riuscito a dimostrare la sua capacità di governare efficacemente il Paese. Le ONG georgiane più influenti di oggi possono monitorare l’integrità delle elezioni e la trasparenza degli appalti pubblici, ma non sono in grado di impostare e risolvere i problemi di sviluppo. Lo stile caratteristico della diplomazia georgiana, incentrato non tanto sui negoziati quanto sui risultati formali sotto forma, ad esempio, del numero di paesi che sostengono i progetti di risoluzione presentati dalla Georgia all’Assemblea generale delle Nazioni Unite, è una delle manifestazioni tipiche di un “ approccio “non governativo” in politica, quando l’efficacia del lavoro è valutata dalla sua risonanza pubblica. Se 10-15 anni fa c’era l’illusione che la nuova élite, formata nelle ONG finanziate dall’Occidente, sarebbe salita al potere e avrebbe portato avanti riforme e reso prospera la Georgia, oggi questa illusione si è dissipata quasi completamente. È diventato del tutto chiaro che il “terzo settore” “georgiano”, nonostante tutta la sua influenza politica, non è in grado di risolvere i problemi che affliggono il paese.

note a margine:

  • Gruzinform opera come società di media televisivi. La società era precedentemente nota come Bulletin of Transcaucasia. Gruzinform è stata fondata nel 1846 e ha sede in Georgia.
Patrizio Riccihttps://www.vietatoparlare.it
Con esperienza in testate come il Sussidiario, Cultura Cattolica, la Croce, LPLNews e con un passato da militare di carriera, mi dedico alla politica internazionale, concentrandomi sui conflitti globali. Ho contribuito significativamente all'associazione di blogger cristiani Samizdatonline e sono socio fondatore del "Coordinamento per la pace in Siria", un'entità che promuove la pace nella regione attraverso azioni di sensibilizzazione e giudizio ed anche iniziative politiche e aiuti diretti.

More like this
Related

Putin propone la pace con l’Ucraina secondo un progetto minimale: l’occidente rifiuta

Il presidente della Russia Vladimir Putin ha proposto all'occidente...

III guerra mondiale: doppia morale e carenza di uomini di buona volontà

Vittorio Rangeloni, noto reporter di guerra dal fronte del...

Gas russo e Unione Europea: irragionevolezza e conseguenze economiche

Mania di grandezza. Non ci sono altre parole per...
Exit mobile version